Teatro Giuditta Pasta: eventi estate 2020

FABIO TREVES - foto Renzo Chiesa
FABIO TREVES – foto Renzo Chiesa

Estate 2020: #insiemeRIPARTIAMO
Come sappiamo, purtroppo, il teatro si è dovuto fermare per un lungo periodo a causa dell’improvvisa e ormai tristemente nota pandemia. L’ultima volta che la sala teatrale si è riempita è stato il 23 febbraio scorso. Da allora il palcoscenico e la platea sono rimasti in silenzio in attesa di un segnale per poter ripartire. Vi assicuriamo, però, che dietro le quinte non abbiamo mai smesso di lavorare e di pensare al futuro.
Con l’ultimo Decreto Ministeriale si è prevista una possibile e concreta riapertura dei teatri anche se le condizioni e il rispetto delle regole per poterlo fare sono davvero difficili e molte volte incompatibili con una sostenibilità economica. Ma la voglia di ricominciare è tanta e non ce la siamo sentita di mancare quest’occasione.

È quindi in questo clima di speranza mista a legittima preoccupazione che tenta di ripartire anche il Teatro Giuditta Pasta e lo fa riproponendo nel mese di luglio, alcuni spettacoli che erano stati sospesi.

Anche la location proposta non sarebbe quella canonica. Non la sala teatrale bensì il Giardino di Casa Morandi ospiterà il pubblico in una cornice suggestiva, all’aperto, sotto le stelle e all’ombra del Santuario. Verrà ricreata una piccola platea che potrà ospitare fino a 200 persone nel rispetto di tutte le regole per la sicurezza e il distanziamento.

Ecco nel dettaglio il programma.

Anche la location proposta non sarebbe quella canonica. Non la sala teatrale bensì il Giardino di Casa Morandi ospiterà il pubblico in una cornice suggestiva, all’aperto, sotto le stelle e all’ombra del Santuario. Verrà ricreata una piccola platea che potrà ospitare fino a 200 persone nel rispetto di tutte le regole per la sicurezza e il distanziamento.

Ecco nel dettaglio il programma.

Ad aprire la rassegna estiva un grande amico del teatro Giuditta Pasta: Fabio Treves (venerdì 10 luglio 2020, ore 21.30). 70 IN BLUES è un concerto per celebrare come si conviene il suo leader che festeggia 70 anni di una vita dedicata al blues.

Venerdì 14 luglio si cambia registro con Laura Negretti in BARBABLÙ 2.0. Uno spettacolo coraggioso, con una forte tematica sociale di grande attualità come la violenza sulle donne, quella che si consuma tra le pareti di casa. Purtroppo durante il lockdown è stato stimato che sono triplicati i casi di violenza domestica.

Ancora la musica protagonista con PARIS BLUES. Mario Mariotti e la sua formazione ci propongono un progetto musicale che si ispira all’omonimo film del 1961 di Martin Ritt, rivisitando le celebri e stupende creazioni del geniale autore afroamericano Duke Ellington e del suo collaboratore Billy Strayhorn. Si respireranno le atmosfere dei fumosi jazz café parigini e i fermenti musicali dell’Europa degli anni Sessanta.

A concludere la rassegna estiva, un grande comico Antonio Ornano con NON C’È MAI PACE TRA GLI ULIVI, una stand up comedy sui piccoli e grandi meccanismi della nostra vita. Lo spettacolo è previsto in doppia replica, venerdì 31 luglio alle ore 18.30 e alle ore 21.30.

Ricordiamo che in caso di maltempo gli spettacoli si svolgeranno all’interno della sala teatrale.

La realizzazione di questo programma estivo non può prescindere da un doveroso ringraziamento all’Amministrazione Comunale che in questi mesi non ci ha mai fatto mancare il suo sostegno e agli artisti e alle produzioni che hanno lavorato insieme a noi per cercare le soluzioni ottimali e gli adattamenti necessari per riproporre gli spettacoli.

Grazie anche ai nostri sponsor che nonostante il periodo sicuramente difficile non ci hanno abbandonato ma hanno scelto una linea di continuità senza la quale oggi non potremmo essere qui.

Come anticipato questi sono solo alcuni degli spettacoli che sono stati sospesi a causa dell’emergenza Covid-19. La volontà è quella di recuperare tutti gli eventi che con molta probabilità andranno in scena a partire da gennaio 2021. Purtroppo, se le restrizioni per lo spettacolo dal vivo rimarranno le stesse, sarà difficile poter riaprire a settembre. Abbiamo anche una favolosa Stagione 2020/2021 già pronta ma aspettiamo dal Ministero l’emanazione di nuovi decreti che prevedano condizioni migliori per poter mettere in scena gli spettacoli.

Non sarà facile rimettere in moto tutto il “sistema” Giuditta Pasta. Il nostro teatro non offre solo una stagione di spettacoli ma si nutre di tante attività collaterali e indispensabili come laboratori, matinée con le scuole, tavoli di lavoro, workshop, seminari, incontri oltre il sipario, conferenze, mostre e tanti eventi che rendono la nostra struttura un polo culturale a 360°.
Non nascondiamo che in questo momento le difficoltà sono numerose. Con le sale vuote, gli incassi azzerati e le prospettive incerte sul futuro è difficile se non impossibile andare avanti. Proprio in questi giorni stiamo partecipando a numerosi bandi per recuperare importanti finanziamenti e capitali che ci permetteranno di ripartire con più slancio. Ma non basta, ci serviranno nell’immediato futuro degli aiuti concreti che speriamo possano arrivare da mecenati del settore privato e speriamo anche dal nostro amato pubblico.
Stiamo organizzando un importante evento raccolta fondi con il grande Claudio Bisio. Una serata esclusiva, ad inviti, aperta a coloro che possano aiutarci a concretizzare i nostri progetti di riapertura, di sviluppo e di accessibilità culturale.
Navighiamo a vista e per il momento siamo felicissimi di poter ripartire seppur in una forma diversa e in qualche modo “ridotta”. Ma sentivamo la necessità di lanciare un segnale: il teatro Giuditta Pasta c’è ed è più vivo che mai.
Tra i tanti spettacoli era rimasta in sospeso anche la presentazione dei nuovi membri del Consiglio di Amministrazione: Riccardo Ricchetti e Valeria Vanossi. Riconfermato il Presidente della Fondazione Culturale Giuditta Pasta: Oscar Masciadri. Purtroppo la chiusura forzata e il protrarsi del lockdown ci permettono solo ora di farveli conoscere di persona.

Riccardo Ricchetti, classe 1998, studente di giurisprudenza presso l’Università Cattolica di Milano, grande amante del teatro soprattutto del Giuditta Pasta dove ha lavorato come Direttore di Sala e Responsabile delle Relazioni Esterne.

Valeria Vanossi, legnanese, ha lavorato per molti anni nel settore della moda e nell’organizzazione di eventi. Molto attiva nel mondo del volontariato, è Presidente dell’Associazione Il Sole nel Cuore, una onlus che si occupa di migliorare le condizioni di vita delle categorie più fragili: anziani, disabili, bambini e famiglie in difficoltà.