Giocattoli ed emergenza Covid-19

giocattoli
giocattoli

Assogiocattoli (l’associazione di categoria che rappresenta 200 aziende tra gioco, prima infanzia e addobbi per feste) si è rivolta direttamente al Presidente del Consiglio e alla Ministra delle Pari Opportunità e la Famiglia esortando il Governo ad autorizzare la vendita di giocattoli (e non solo) presso tutte quelle attività commerciali attualmente aperte e che li fornivano già in precedenza (ipermercati, supermercati, discount, minimercati etc.).

Soprattutto perchè, come sancisce l’art. 31 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia dell’ONU, il gioco è un diritto fondamentale di ogni bambino. Perchè privare i più piccoli di un loro sacrosanto diritto? Perchè vietare la vendita se non comporta alcun disguido a chi li forniva di già?

Oltre ai benefici che ne traggono i bambini, i giocattoli sono una vera manna dal cielo per tutti quei genitori che si stanno improvvisando anche insegnati o animatori, cercando in tutti i modi di gestire i loro pargoli costretti da settimane a stare chiusi in casa.

Per non parlare poi dei compleanni: oltre allo smacco di non poterlo festeggiare con gli amichetti, anche quello di non poter addobbare casa a festa o peggio di non ricevere alcun regalo. Poveri piccoli!