Primo ciak per il film “Deep”

deep - il via al primo ciack
deep – il via al primo ciack

La presidente CMAS (la Federazione mondiale delle attività subacquee) Anna Arzhanova, arrivata in città per assistere al primo ciak di cui CMAS è partner assieme all’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e che è in corsa per partecipare al prossimo Festival del Cinema di Venezia, ha dichiarato:  “Il progetto dei Caschi Blu del Mare è partito 2 anni fa proprio qui a Salerno e tocca molti aspetti relativi all’integrazione e all’inclusione sociale dei migranti. Per CMAS l’obiettivo è fare in modo che tornino ad amare il mare e che questo si trasformi anche in un’opportunità di lavoro. Con i Blue Helmets ovviamente si parla anche di turismo archeologico, di protezione dell’ambiente marino, della sua storia e della sua cultura. Ma nostro compito è anche di educare e informare soprattutto i ragazzi sul grande pericolo che l’inquinamento del mare rappresenta per il futuro del pianeta. Salerno è una città che accoglie e quindi il posto ideale da cui partire”.

Il sindaco Vincenzo Napoli ha accolto la delegazione di CMAS e del film nel municipio di Salerno. Poi ha innanzitutto ringraziato il suo vice e Assessore all’Istruzione Eva Avossa “per avere, in collaborazione con i dirigenti scolastici, contribuito a creare questa opportunità”. E ha quindi aggiunto: “Salerno è orgogliosa del ruolo che svolge nell’accoglienza di chi fugge da tragici eventi. Nell’accoglienza in banchina il nostro scopo è trattenere il minimo tempo indispensabile e con la massima dignità le persone salvate in mare, per risparmiarli da ulteriori sofferenze. Questo film è un modo per far conoscere il Mediterraneo come luogo di cultura e non di morte. E insegnare anche a rispettarlo, promovendo azioni di lotta contro l’inquinamento per farne una risorsa. Che questa sia una pagina di cultura e speranza per Salerno, con l’obiettivo di andare oltre Venezia”.

I produttori Giuseppe Milazzo Andreani di Saturnia Pictures srl e Federica Simonetti di Lake Film hanno dichiarato che : “Il progetto cinematografico Deep, per la regia di Luca Alessandro e Allegra Bernardoni, prevede una parte di fiction e una parte di immagini reali, per questo si presenterà come un ‘mocumentary’. Abbiamo partecipato al bando del Mibact con questa idea e vinto il finanziamento. La forza del film è il mare, nel bene e nel male. Protagonisti sono tre rifugiati, qui a Salerno abbiamo 4 giorni di riprese in 5 location diverse: il mercato rionale Torrione, il campo di calcetto dell’Istituto Santa Caterina da Siena-Amendola, una casa famiglia, porto e spiaggia”.

Il consigliere del Mibact e responsabile del progetto MigrArti, Paolo Masini, ha spiegato: “Deep ha vinto il bando e quindi ad agosto parteciperà alla selezione per entrare nella shortlist per il Festival di Venezia nella sezione del Premio MigrArti. È il nostro modo di far conoscere e affrontare questo tema”.