MIFF Awards 2018 all’Anteo Palazzo del Cinema

anteo-palazzo-del-cinema
anteo-palazzo-del-cinema

Bertolucci e Storaro – premiati ancora insieme dopo 30 anni – danno il via al programma dei “winner” del Cavallo di Leonardo ricco di storie vere e documentari pluripremiati d’oltre Oceano.

La recitazione e la regia agli europei Somewhere in Tonga e The Best of All Worlds, drammi basati sulle realtà di storie segnate dalla violenza e dalla droga. Miglior Documentario a Roll With Me mentre i premi tecnici a Skid Row Marathon, entrambi indie doc made in USA.

Gli “ultimi imperatori” del grande cinema, Bernardo Bertolucci e Vittorio Storaro, saranno celebrati sul palco del Teatro Nazionale il 21 maggio a Milano, in occasione dell’International GrandPrix Advertising Strategies.

La poesia e l’analisi visionaria del regista unita al chiaro-scuro dell’autore cinematografico, la sensibilità artistica ed espressiva di straordinarie carriere riconosciute in tutto il mondo riceveranno la statuetta de il Cavallo di Leonardo Da Vinci, un premio simbolo della comunicazione cinematografica.

La premiazione anticiperà l’avvio all’Anteo Palazzo del Cinema della XVIII edizione del MIFF Awards, premio-festival internazionale dove i film dei vincitori della statuetta leonardesca del cinema saranno presentati al pubblico ogni mercoledì dal 23 maggio al 13 giugno 2018.

I film vincitori verranno proiettati per il pubblico in anteprima, e i cineasti vincitori premiati con la statuetta, ogni mercoledì dal 23 maggio al 13 giugno, all’Anteo Palazzo del Cinema.

La Terra dell’abbastanza

la terra dell'abbastanza
la terra dell’abbastanza

Mercoledì 23 maggio alle ore 19.40
LA TERRA DELL’ABBASTANZA di Damiano e Fabio D’Innocenzo
opera prima presentata al 68esimo Festival di Berlino

I due registi saranno presenti in sala per incontrare il pubblico

Il film
Mirko e Manolo sono due giovani amici della periferia di Roma. Bravi ragazzi, fino al momento in cui, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare.

La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l’uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, il rispetto e il denaro che non hanno mai avuto.

Un biglietto d’entrata per l’inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso.

Anteo Palazzo del Cinema: “Mektoub,my love”

Mektoub-My-Love-Canto-Uno
Mektoub-My-Love-Canto-Uno

Martedì 22 maggio alle ore 20.30
MEKTOUB, MY LOVE: CANTO UNO di Abdellatif Kechiche
Presentato allo scorso Festival di Venezia
in versione originale con sottotitoli in italianofestival venezia,

Amin, un aspirante sceneggiatore che vive a Parigi, ritorna per l’estate nella sua città natale, una comunità di pescatori del sud della Francia.

Occasione per ritrovare la famiglia e gli amici d’infanzia. Accompagnato da suo cugino Tony e dalla sua migliore amica Ophelie, Amin passa il suo tempo tra il ristorante di specialità tunisine dei suoi genitori, e i bar del quartiere e la spiaggia frequentata dalle ragazze in vacanza.

Incantato dalle numerose figure femminili che lo circondano, Amin resta soggiogato da queste sirene estive, all’opposto del suo cugino dionisiaco che si getta nell’euforia dei corpi.

Munito della sua macchina fotografica e guidato dalla luce eclatante della costa Mediterranea, Amin porta avanti la sua ricerca filosofica lanciandosi nella scrittura delle sue sceneggiature.

Ma quando arriva il tempo dell’amore, solo il destino, solo il mektoub può decidere.

Sale spazioCinema: ” Io e Annie” di Woody Allen

io-e-annie
io-e-annie

Versione originale con sottotitoli in italiano

Per festeggiare i suoi 40 dal 14 al 16 maggio nelle sale spazioCinema torna IO E ANNIE in versione restaurata.

Un punto di svolta, una rivoluzione comica, una disintegrazione romantica. Woody Allen, come Chaplin, scopre il proprio talento nel padroneggiare il riso e il pathos.

La sincopata storia d’amore tra Alvy e Annie scompagina ogni ordito narrativo, sullo sfondo di ‘cartoline newyorkesi degli anni Settanta’ che oggi stringono e fanno bene al cuore: glamour femminile fatto di larghi pantaloni, fragilità eccentrica e dipendenza farmacologica, i palcoscenici off del Village, Marshall MacLuhan in fila al cinema.

Seems like old times: nel ricordo i due si baciano contro lo skyline visto dal Franklin Delano Roosevelt Drive, e comincia ufficialmente l’era Woody Allen, everyman senza uguali della commedia cinematografica moderna.

Anteo Palazzo del Cinema
14 e 15 maggio ore 11.00, 13.00, 17.20, 21.40
16 maggio ore 13.00, 15.10 20.10

Citylife Anteo
14 e 15 maggio ore 13.00, 17.20, 21.40

Ariosto spazioCinema
14 aprile ore 19.20
15 aprile ore 21.30

Capitol spazioCinema
14 maggio ore 21.15

spazioCinema Cremona Po
Lunedì 14 maggio ore 22.30
Martedì 15 maggio ore 17.40, 20.00

International Tour Film Festival

premio Aurelio de Paz dos Reis
premio Aurelio de Paz dos Reis

È stato assegnato all’International Tour Film Festival il prestigioso premio Aurelio de Paz dos Reis. La cerimonia di premiazione si svolgerà il 25 maggio, in occasione del MIFEC – International Film School Festival, a Porto, in Portogallo.

Giunto alla sua quindicesima edizione, il Festival si terrà dal 22 al 26 maggio presso la ESAP – Escola Superior Artística di Porto, una delle principali istituzioni portoghesi per la didattica delle arti audiovisive.

Il premio Aurelio de Paz dos Reis prende il nome dall’omonimo pioniere del cinema portoghese e regista di A Saída do Pessoal Operário da Fábrica Confiança (il primo film portoghese), ed è stato istituito nel 2007 come onorificenza dedicata a chi ha dedicato la propria carriera alla promozione della settima arte nelle sue varie forme e manifestazioni.

Tra i premiati illustri delle precedenti edizioni spiccano i nomi di numerosi registi, attori, docenti, festival e istituzioni: per la sezione nazionale si ricordano João Botelho, Pedro Costa, João Mário Grilo, Leonor Silveira, José Bogalheiro, Margarida Gil, Abi Feijó, Regina Pessoa, João Canijo, Sério Fernandes e l’ICA (Istituto di Cinema e Audiovisivo).

L’ITFF di Civitavecchia è la seconda manifestazione italiana ad essere insignita del riconoscimento (la prima è stata il Montecatini International Short Film Festival – MISFF) e si unirà ai premiati della sezione internazionale come Trafic Magazine (Francia), i registi e professori Rob Rombout e Alfonso Palazón, e il KINOPROBA – International Film Festival di Ekaterinburg (Russia).

Piero Pacchiarotti, fondatore dell’International Tour Film Festival, che consegnerà agli organizzatori del MIFEC una targa e una lettera da parte del Comune di Civitavecchia, ritirerà il premio di persona, accompagnato da Francesco Capuano, Direttore Tecnico del Festival. Nel corso della manifestazione entrambi cureranno un workshop incentrato sul cineturismo.

“Siamo molto felici e onorati di ricevere questo premio – spiega Pacchiarotti – ancora una volta l’International Tour Film Festival supera i confini nazionali, e non possiamo che constatare che l’impegno degli ultimi sette anni sta dando i suoi frutti. Crediamo fermamente che il cinema possa essere veicolo dell’evoluzione culturale e turistica di un territorio: durante il nostro workshop presenteremo Civitavecchia e gli altri comuni che hanno ospitato il Festival come un esempio concreto e virtuoso di ciò che è possibile realizzare grazie al connubio tra le istituzioni locali e il magico mondo del cinema”.