“Da noi…A ruota libera”

foto_francesca_fialdini
foto_francesca_fialdini

Nel nuovo appuntamento con “Da Noi…A Ruota Libera” – in onda domenica 3 maggio alle 17.35 su Rai1 – Francesca Fialdini ospiterà Gigi D’Alessio, la scrittrice Barbara Alberti e l’attore Giorgio Tirabassi.
Nel corso della puntata, interverranno Enrico Bertolino da Milano e Francesco Paolantoni da Napoli per raccontare con ironia le principali differenze riscontrate nelle due città in questi mesi di chiusura. E ancora, uno dei volti più iconici del giornalismo italiano: Maria Concetta Mattei.

Infine, il dottor Pierdante Piccioni la cui storia ha ispirato la fiction di successo Rai “Doc -nelle tue mani”, l’imprenditrice Giannola Nonino, esempio di determinazione e tenacia che ha sempre ritenuto fondamentale il contributo delle donne nel mondo del lavoro e il racconto di una coppia di promessi sposi, Denise e Giuseppe, che ha deciso di vivere separatamente questo periodo di lockdown.

“Oltre la soglia”, la nuova fiction Mediaset

Pession
Pession

Da mercoledì 6 novembre, in prima serata su Canale 5, al via la nuova serie medical “Oltre la soglia” con Gabriella Pession.

“Oltre la soglia” è una fiction dai toni asciutti e ironici, che ha il coraggio di affrontare ed esplorare temi duri e scottanti, rompendo il muro di silenzio che circonda le malattie psichiatriche, soprattutto quando colpiscono i giovani. Una serie che ruota intorno a un tema fondamentale: che cosa fa di noi quello che siamo?

Qual è il limite oltre il quale il disagio, la patologia ci privano della cosa più preziosa, la nostra identità? O, viceversa, quando la diversità diventa, se non una ricchezza, un’occasione di guardare alla realtà con altri occhi? Un racconto senza retorica, che mette al centro diagnosi appassionanti, un mondo di ragazzi sorprendenti e un personaggio affascinante ma ostico, Tosca Navarro sempre pronto ad agire fuori dagli schemi pur di aiutare i suoi pazienti. Perché lei è stata come loro…

 

Gianni Morandi – “Che meraviglia sei”

gianni-morandi
gianni-morandi

Dopo il successo televisivo ottenuto con la fiction “L’isola di Pietro”, Gianni Morandi torna alla musica presentando “Che meraviglia sei”, una canzone scritta per lui da Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro.

Le immagini del video che accompagnano il brano, sono state tutte girate e montate dallo stesso Morandi, solamente con il suo cellulare e raccontano il mondo femminile attraverso i volti di una serie di donne sorprese in momenti molto “normali” della loro vita quotidiana.

“Nel video sono presenti 70 donne che ho incontrato negli ultimi mesi e possono rappresentare per me la meraviglia dell’universo femminile che ho sempre amato e cantato”, ha dichiarato Morandi.

Girato tra Bologna, Roma, Carloforte e Milano il video è stato un divertimento: “Mi sono soffermato sulle facce che mi hanno colpito, da quelle giovanissime a quelle che raccontano una storia grazie ai segni del tempo e ho avuto il desiderio di raccoglierle. Una sorta di omaggio che, con le mie semplici capacità tecnologiche, ho girato e montato da solo con una applicazione che ho imparato ad usare anche grazie al mio rapporto con i social”.

Le parti del video dove Morandi canta, sono state girate da Anna, sua moglie, sempre e solo con lo stesso cellulare.

CHE MERAVIGLIA SEI, tratta dall’ultimo album di inediti “d’amore d’autore” pubblicato da Sony Music, è una canzone con una linea melodica importante ed è caratterizzata da una scrittura moderna. “Quando ripenso a te mi sento vivere, e il mondo racconta tutte le favole”

Le donne sono il motore del mondo, e nella vita e nella carriera di Morandi sono state continua fonte di ispirazione.
“E’ solo un piccolo video dedicato alla gigantesca meraviglia femminile. Se il mondo fosse in mano alle donne, tutto andrebbe molto meglio”.

Primo ciak per il film “Deep”

deep - il via al primo ciack
deep – il via al primo ciack

La presidente CMAS (la Federazione mondiale delle attività subacquee) Anna Arzhanova, arrivata in città per assistere al primo ciak di cui CMAS è partner assieme all’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e che è in corsa per partecipare al prossimo Festival del Cinema di Venezia, ha dichiarato:  “Il progetto dei Caschi Blu del Mare è partito 2 anni fa proprio qui a Salerno e tocca molti aspetti relativi all’integrazione e all’inclusione sociale dei migranti. Per CMAS l’obiettivo è fare in modo che tornino ad amare il mare e che questo si trasformi anche in un’opportunità di lavoro. Con i Blue Helmets ovviamente si parla anche di turismo archeologico, di protezione dell’ambiente marino, della sua storia e della sua cultura. Ma nostro compito è anche di educare e informare soprattutto i ragazzi sul grande pericolo che l’inquinamento del mare rappresenta per il futuro del pianeta. Salerno è una città che accoglie e quindi il posto ideale da cui partire”.

Il sindaco Vincenzo Napoli ha accolto la delegazione di CMAS e del film nel municipio di Salerno. Poi ha innanzitutto ringraziato il suo vice e Assessore all’Istruzione Eva Avossa “per avere, in collaborazione con i dirigenti scolastici, contribuito a creare questa opportunità”. E ha quindi aggiunto: “Salerno è orgogliosa del ruolo che svolge nell’accoglienza di chi fugge da tragici eventi. Nell’accoglienza in banchina il nostro scopo è trattenere il minimo tempo indispensabile e con la massima dignità le persone salvate in mare, per risparmiarli da ulteriori sofferenze. Questo film è un modo per far conoscere il Mediterraneo come luogo di cultura e non di morte. E insegnare anche a rispettarlo, promovendo azioni di lotta contro l’inquinamento per farne una risorsa. Che questa sia una pagina di cultura e speranza per Salerno, con l’obiettivo di andare oltre Venezia”.

I produttori Giuseppe Milazzo Andreani di Saturnia Pictures srl e Federica Simonetti di Lake Film hanno dichiarato che : “Il progetto cinematografico Deep, per la regia di Luca Alessandro e Allegra Bernardoni, prevede una parte di fiction e una parte di immagini reali, per questo si presenterà come un ‘mocumentary’. Abbiamo partecipato al bando del Mibact con questa idea e vinto il finanziamento. La forza del film è il mare, nel bene e nel male. Protagonisti sono tre rifugiati, qui a Salerno abbiamo 4 giorni di riprese in 5 location diverse: il mercato rionale Torrione, il campo di calcetto dell’Istituto Santa Caterina da Siena-Amendola, una casa famiglia, porto e spiaggia”.

Il consigliere del Mibact e responsabile del progetto MigrArti, Paolo Masini, ha spiegato: “Deep ha vinto il bando e quindi ad agosto parteciperà alla selezione per entrare nella shortlist per il Festival di Venezia nella sezione del Premio MigrArti. È il nostro modo di far conoscere e affrontare questo tema”.

“Furore – capitolo secondo”

da sx Massimiliano Morra Raffaella Di Caprio Francesco Ferdinandi
da sx Massimiliano Morra Raffaella Di Caprio Francesco Ferdinandi

Da domenica 18 febbraio 2018, in prima serata su Canale 5, prende il via “Furore -capitolo secondo”, la fiction in 8 puntate prodotta da Ares Film.

Anche questa seconda stagione parte da un paesino della Liguria, in un quartiere, il Budello, affollato da centinaia di emigranti. Qui prendono vita nuove storie, nascono passioni folli, gelosie e vendette implacabili.

Tornano al centro delle vicende i temi forti che hanno caratterizzato la prima e fortunata stagione della fiction: la discriminazione nei confronti dei meridionali che durante il secondo dopo guerra emigrarono nel Nord Italia, lo sfruttamento dei lavoratori del Sud da parte dei capitalisti settentrionali e la corruzione all’interno della politica e della magistratura.

Le disavventure della famiglia Licata, della impetuosa Sofia Fiore (Elena Russo) e delle sue sorelle, si intrecciano con la vita di nuovi personaggi.
Da Giovanna (Raffaella Di Caprio), giovane napoletana immigrata in Liguria in cerca delle sue vere origini, a Franco (Francesco Ferdinandi) affascinante e dissoluto tenente di polizia, a Osvaldo Calligaris (Remo Girone), uomo perfido e senza scrupoli.
Non mancheranno colpi di scena e amori appassionati, sempre messi a dura prova dalla corruzione e dalla cattiveria umana.