“Love Is Dead” – nuovo album dei Chvrches

CHVRCHES-2018-lead-press-photo_m
CHVRCHES-2018-lead-press-photo_m

È disponibile da oggi nei negozi tradizionali e negli store digitali il nuovo album dei CHVRCHES “Love Is Dead”

Il risultato è un album più coerente, che meglio mette a fuoco i tratti distintivi dei CHVRCHES come band, sempre introspettivi ed energici, ma più consapevoli, più aperti al pop e a temi trasversali come amore e speranza.

Il primo singolo estratto da “LOVE IS DEAD” è “GET OUT”, che testimonia la costante evoluzione del suono della band: beat oscuri e suoni solari si mixano con una delle loro inconfondibili melodie, a cui si aggiunge uno dei testi più belli della sempre più talentuosa Lauren Mayberry.

“Love Is Dead” è un album sulla crescita e sul fatto che “nel mondo ci sono cose bellissime e cose orribili ma non puoi fare a meno di uno o dell’altra”, racconta Mayberry.

Questa la tracklist completa:
1. Graffiti
2. Get Out
3. Deliverance
4. My Enemy
5. Forever
6. Never Say Die
7. Miracle
8. Graves
9. Heaven/Hell
10. God’s Plan
11. Really Gone
12. ii
13. Wonderland

Punto di forza dei CHVRCHES è il live. Negli anni la band ha suonato in tutto il mondo e ha già annunciato le prossime date che li porteranno live nella nativa UK (la band è di Glasgow), Europa e Stati Uniti.

La band synth pop scozzese arriverà in Italia per un’unica data il 14 novembre al Fabrique di Milano. Per informazioni https://www.diyticket.it/events/Musica/1214/chvrches.

Dai piccoli locali di Glasgow ai più importanti stadi europei: per i CHVRCHES questo passo è breve.
A Lauren Mayberry, Iain Cook e Martin Doherty bastano infatti pochi mesi e due singoli, “Lies” e “The Mother We Share”, per essere inseriti nella Top 52 Songs of 2012 del The Huffington Post, nella 50 Best Tracks Of 2012 e nella lista del Sound of 2013 della BBC.

Con il disco di debutto “The Bones of What You Believe”, hanno conquistato anche i Depeche Mode che decidono di affidare a loro gli opening del loro tour. A due anni di distanza il successivo “Every Open Eye” arricchisce il loro universo synth pop di sfumature ’80s e ‘90s, non deludendo le attese di pubblico e critica.