Australian Open: Effetti della sudorazione sul nostro cervello

Australian-Open-2018.jpg
Australian-Open-2018.jpg

Caldo e disidratazione possono avere conseguenze negative per la salute degli atleti impegnati nel torneo tennistico australiano

Edemi da calore, crampi muscolari e colpi di sole sono i disturbi più frequenti. Ma a risentirne è anche il cervello, come dimostra un recente studio scientifico inglese condotto da Matthew Kempton e Ulrich Ettinger, dell’Istituto di psichiatria al King’s College di Londra.

I ricercatori hanno constatato che dopo 90 minuti di sudorazione costante, la riduzione media del cervello, in termini quantitativi, è pari a quella che si registra dopo circa 14 mesi di superstress costante.

E’ quanto riporta In a Bottle (www.inabottle.it) a proposito dell’allarme caldo per i tennisti dell’Australian Open in corso di svolgimento.

Secondo gli esperti dell’Osservatorio Sanpellegrino, con la sudorazione si perdono elettroliti e minerali quindi bisogna reidratarsi abbondantemente con un’acqua ricca di Sali dove il calcio rappresenta un’alta percentuale di questi elementi.

In condizioni straordinarie come quelle australiane l’idratazione deve essere continuativa e non a spot per evitare che il corpo perda liquidi e minerali e condizionare negativamente le performance agonistiche.