Bollate: Il Comitato genitori promuove il servizio mensa scolastica del Comune

mensa_generica -provincia
Il servizio mensa del Comune di Bollate è di qualità. Lo dimostrano i dati dell’indagine semestrale di customer satisfaction eseguita in modo autonomo e autogestito dai genitori appartenenti alle Commissioni mensa di ogni singolo Istituto comprensivo.

I monitoraggi pubblicati in questi giorni sul sito del Comune sono frutto di visite e compilazione di appositi questionari realizzati a partire dal mense di settembre.

Stati complessivamente eseguiti n. 118 sopralluoghi totali, costanti rispetto all’anno precedetne (299 visite totali), effettuati anche con la “degustazione” dei cibi. 14 le domande sul servizio dal grado di temperatura dei cibi al gradimento delle varie portate, valutati con giudizi semplici (SI/NO) o graduati (gradevole, accettabile, scarso) e con la possibilità esprimere il motivo/i del disappunto (voce suggerimenti/segnalazioni) per permettere  all’ufficio Servizi Scolastici di individuare le cause dei problemi e improntare le conseguenti azioni correttive o preventive.

Il livello di gradimento del servizio in generale si è mantenuto  alto nella quasi totalità delle verifiche, con percentuale di massima qualità in molti aspetti relativi all’organizzazione del servizio: disponibilità del personale, pulizia degli spazi e delle stoviglie, tempi di attesa, rispetto delle diete speciali.

Qualche criticità viene rilevata sulle portate “calde” e sulla corrispondenza delle portate servite rispetto al menù previsto (la motivazione dipende dalla difficoltà di provvigione di alcuni prodotti biologici no sempre reperibili sul mercato).

Buoni anche  i giudizi emersi dal monitoraggio relativi alla qualità  delle “materie prime”- in particolare del pane e della frutta – alle proprietà organolettiche del pasto prodotto ma soprattutto al gradimento dei piatti da parte dei ragazzi, espressi da chi quotidianamente ha presenziato e verificato il pasto consumato nelle scuole.

Resta un 8,24% di utenti non soddisfatti, soprattutto sui secondi e i contorni. «Si tratta di critiche e suggerimenti costruttivi e apprezzati dal Comune – dicono dall’Amministrazione – e che rappresentano uno stimolo a migliorare sempre di più il servizio e al confronto immediato tra Comune e ditta fornitrice dei pasti».

Per maggiori dettagli sui dati elaborati è possibile visionare sul sito internet dell’Amministrazione Comunale i grafici sulle singole voci rilevate nelle schede compilate dai genitori