Euro 2012, per l’Italia ora è dura

La rete di Pirlo

Poznan (Polonia), 14 giugno 2012 di Fiorenzo Di Costanzo. Gli azzurri di Cesare Prandelli pareggiano contro la Croazia ed ora le possibilità di qualificazione ai quarti di finale sono veramente poche: l’Italia deve vincere assolutamente contro l’Irlanda di Trapattoni, già fuori dai giochi, e attendere notizie positive dalla sfida Spagna – Croazia.
Per la partita decisiva del girone, Prandelli conferma l’11 iniziale della gara di debutto: Buffon; Bonucci, De Rossi, Chiellini; Maggio, Marchisio, Pirlo, Thiago Motta, Giaccherini; Balotelli, Cassano. Bilic, C.T. Della Croazia risponde con: Pletikosa; Srna, Corluka, Schildenfeld, Strinic; Rakitic, Vukojevic, Modric, Perisic; Jelavic, Mandzukic.
La partenza dell’Italia fa ben sperare: gli azzurri sono tonici, tengono bene il campo e appena possono verticalizzano per Balotelli che cerca prima la rete con un bel sinistro a giro dall’interno dell’area poi con una conclusione dalla media distanza ben neutralizzata da Pletikosa. Tra gli azzurri il più brillante è Marchisio che con un gran bel tiro fa gridare al gol i tifosi azzurri, ma la sua conclusione sorvola di poco la traversa. Gli azzurri continuano a creare occasioni da rete: Cassano tenta il diagonale ma è impreciso; poi è ancora Marchisio ad avere una doppia change per segnare ma Pletikosa è prima fortunato e poi reattivo sulle conclusioni dello juventino. Al 39′ del primo tempo finalmente l’Italia va in vantaggio con una splendida punizione di Pirlo.
Nella ripresa però la musica cambia: la Croazia è più aggressiva ed inizia a rendersi pericolosa con conclusioni dalla distanza di Modric. L’Italia si limita a difendersi, abbastanza bene, e a ripartire con Balotelli. Ma la difesa degli azzurri non regge per molto e al 27′ si fa sorprendere: Chiellini salta a vuoto su un lungo cross e da via libera a Mandzukic che fredda Buffon segnando la sua terza rete del torneo. Nell’ultimo quarto d’ora di match gli azzurri vanno allo sbando e rischiano in più di un’occasione, ma per fortuna la Croazia non punge e l’Italia così può ancora acciuffare una qualificazione ai quarti di finale.

Italia 1 – Croazia 1: 39’p.t. Pirlo, 27’s.t. Mandzukic

Nell’altra partita del girone C la Spagna ha la meglio sull’Irlanda per 4 reti a 0: Torres 4’p.t., Silva 5’s.t., Torres 25’s.t., Fabregas 38’s.t.
Classifica girone C: Spagna e Croazia 4 punti, Italia 2 pt, Irlanda 0 pt.

Girone A:
Grecia 1 – Rep.Ceca 2: Jiracek 3’p.t, Pilar 6’p.t., Gekas 8’s.t.
Polonia 1 – Russia 1: Dzagoev 37’p.t., Blaszczykowski 12’s.t.
Classifica girone : Russia 4 punti, Rep.Ceca 3 pt, Polonia 2 pt, Grecia 1 pt.

Girone B:
Danimarca 2 – Portogallo 3: Pepe 24’p.t., Postiga 36’p.t., Bendtner 41’p.t e 35’s.t., Varela 42’s.t.
Olanda 1 – Germania 2: Gomez 24’p.t e 38’p.t., van Persie 28’s.t.
Classifica girone: Germania 6 punti, Portogallo e Danimarca 3 pt, Olanda 0 pt.

Girone D:
Ucraina 0 – Francia 2: Menez 8’s.t., Cabaye 11’s.t.
Svezia 2 – Inghilterra 3: Carroll 23’p.t., Mellberg 4′ e 14’s.t., Walcott 19’s.t., Welbeck 33’s.t.
Classifica girone: Inghilterra e Francia 4 punti, Ucraina 3 pt, Svezia 0 pt.