Edouard Brasey, Trattato di angelologia

È dalla notte dei tempi che l’uomo crede nella loro esistenza. Invisibili, luminosi, potenti, gli angeli sono sempre con noi. E fin dalla nascita proteggono il cammino di ciascun uomo. L’ha di recente ricordato anche Benedetto XVI alle migliaia di fedeli affollati in piazza San Pietro. Tuttavia credere negli angeli non è una prerogativa della tradizione cristiana. Le luminose creature celesti sono presenti nel mondo in molte culture e religioni, tra le quali l’islam e l’ebraismo, e rappresentano sempre il Bene contrapposto al Male. Ma che cosa sappiamo di questi messaggeri del cielo? Che differenza c’è tra serafini, cherubini, arcangeli e angeli custodi? Chi sono gli angeli fedeli e quelli ribelli? Come si spiega l’esistenza di Satana, il primo angelo caduto? Come in un grimorio del tempo antico, le creature angeliche ci svelano i loro segreti: l’aspetto, i culti dedicati, la lingua in cui si esprimono. In questo trattato vengono esplorati tutti gli aspetti dell’angelologia a partire dalle Sacre Scritture passando per la storia mistica, le leggende, le credenze popolari, le superstizioni. E viene offerto un prezioso calendario angelico: tabelle di facile consultazione per sapere, a seconda della data di nascita, chi è l’angelo custode che veglia e l’angelo ribelle che tenta di allontanare dalla retta via. Per chiudersi poi con estratti da Il Paradiso perduto di John Milton, La rivolta degli angeli di Anatole France, Del cielo e delle sue meraviglie di Emanuel Swedenborg.

 

L’AUTORE

 

Édouard Brasey (Marsiglia, 1954) è attore, sceneggiatore e scrittore. In Francia è considerato uno dei maggiori esperti di fiabe, leggende e mondo magico. Ha curato il Trattato di vampirologia e il Trattato sulle fate, elfi, gnomi e altre creature fantastiche (Cairo 2009 e 2010).