Com’è cambiata la vita con il boom di internet

Internet
Internet

Internet ha dato vita ad una vera e propria rivoluzione che ha cambiato completamente la nostra vita. Da quando il web ha fatto il suo esordio nelle nostre vite, sono tanti gli aspetti rivoluzionati dall’avvento del digitale: vi basti pensare ai nuovi modi che usiamo per comunicare, ma anche al trend degli acquisti online e allo smart working per i professionisti e i freelance. Insomma, in tutto quello che facciamo utilizziamo la rete: ordinare una pizza, acquistare uno smartphone, condividere un momento con un amico, inviare una foto tramite messaggistica istantanea.

Prima del web, se volevi tenere il passo con le notizie, dovevi andare in edicola e comprare un’edizione locale, che riportava cosa era successo il giorno precedente. Ma oggi bastano un paio di clic per leggere il giornale che si vuole, da qualsiasi parte del mondo. Visto che enormi quantità di informazioni vengono caricate e scaricate quotidianamente sui nostri dispositivi connessi, piccoli o grandi che siano, siamo diventati tutti commentatori, editori e creatori.

Gli smartphone recitano un ruolo fondamentale in questa rivoluzione. Li usiamo per svolgere una serie di compiti, dalle telefonate, allo streaming di musica, l’invio di e-mail, il mondo del lavoro ed i giochi. Grazie alla rete, infatti, siti legali e autorizzati come casino.netbet.it stanno avendo un successo enorme. La gran parte dei giochi online di maggiore successo consentono di giocare anche dallo smartphone. Questo permette all’appassionato di collegarsi in ogni momento della giornata e da qualsiasi posto lo desideri. La fame per questi dispositivi non ha mai mostrato segni di attenuazione, almeno in quanto a possesso. Se il mercato vive dei periodi di stallo è più per il ritmo rapido con cui i marchi tirano fuori nuovi modelli. Internet e alcune importanti innovazioni tecnologiche hanno aggiunto importanti elementi di divertimento alla gran parte dei giochi online. Oggi in Italia chiunque possiede un cellulare e la gran parte dei dispositivi sono smartphone di ultima generazione, con internet super veloce. Grazie a schede video sempre migliori e a connessioni rapide è possibile giocare a giochi più coinvolgenti e interessanti. Un altro vantaggio del gioco online sta nella possibilità di giocare da soli, ma non solo. Se lo si desidera è possibile in alcuni giochi, incontrare degli amici in rete, o fare nuove conoscenze. In qualsiasi momento del giorno e della notte si può trovare qualcuno con cui condividere la nostra passione.

Il gioco non è più per persone solitarie, ma anche per chi ama incontrare sempre nuova gente. Questi giochi di ultima generazione sono molto interattivi; non si tratta semplicemente di assistere passivi ad un evento, ma si può prendervi parte in ogni modo, anche magari partecipando con tutto il corpo, come avviene con i giochi online di alcune console.

Internet ed i contenuti video

L’uso di DVD, CD e altri supporti fisici è in declino a “causa” del boom dei servizi di streaming. Non è il contenuto che conta ma il mezzo: puoi guardare partite, film e serie tv da qualsiasi strumento, magari tra poco anche dallo smartwatch ed è il motivo per cui i lettori al fianco dei televisori sono oramai pezzi da museo. Con praticamente una quantità illimitata di contenuti che fuoriesce dagli nostri schermi, non c’è da meravigliarsi che molti di noi rimangano incollati ai dispositivi connessi per ore, troppe. Da testo e immagini, a film, musica e giochi, il web ha trasformato il modo in cui consumiamo media e intrattenimento. Nel 2005 è stato lanciato un sito di condivisione noto come YouTube, che da allora è diventato uno dei servizi più popolari al mondo. Circa 5 miliardi di video vengono caricati sulla piattaforma ogni minuto, il che rende praticamente impossibile restare a corto di cose nuove da vedere.

I Social

Ed i social network? MySpace, Facebook, Twitter, Snapchat, Instagram, LinkedIn, Flickr e chi più ne ha più ne metta. L’elenco dei social media è davvero molto vasto anche se poi finiamo sempre sugli stessi. Ad ogni modo, in pochi anni, queste piattaforme sono diventate il ​​mezzo di scelta di molte persone per condividere le loro riflessioni, foto, video e tanto altro. La portata è impressionante: al 31 dicembre 2018, Facebook aveva 2,38 miliardi di utenti attivi mensili con circa 25 mila dipendenti globali. Ma internet ci sta anche regalando tante soluzioni intelligenti, come l’Internet of Things. Grazie a internet possiamo controllare la temperatura e il termostato quando siamo via, dare un occhio alle telecamere, avviare o spegnere gli elettrodomestici.

Chiara Biasi al Micam con le sue calzarure

CHIARA BIASI
CHIARA BIASI

Graffiante, seducente, al passo con le tendenze, ma estremamente versatile.
È l’anima della prima collezione di scarpe firmata Chiara Biasi, influencer e icona del web. Le calzature sono pensate per donne forti e determinate, che amano sentirsi sensuali e uniche.

La linea fall/winter 2019-2020 è composta da sabot in velluto pitonato, in nero o rosso, cuissardes sensuali ma urbani, anfibi rock-mantic e stivaletti doposci rivisitati.
In anteprima è stato lanciato un assaggio di pre-collezione spring/summer 2020, con una capsule di sneakers in due colori, nero o nude, realizzate con un materiale stretch trasparente che dona una perfetta vestibilità e sensualità data dal vedo non vedo del tessuto.

Chiara si è avvalsa del prezioso appoggio dello showroom Spazio Specie e di produttori e tecnici italiani affermati, selezionando il velluto come materiale principe della collezione, per creare una scarpa dal comfort totale.

La collezione spring-summer 2020 è stata presentata al MIcam 2019, fiera della calzatura internazionale a Milano. Colori fluo si alternano a toni neutri per modelli sporty e decisi come Chiara, da indossare in ogni occasione. La fall/winter 2019/2020 e la pre-collezione sono ad ora disponibili su luisaviaroma.com, tra le più importanti vetrine dello shopping online.

Snow Patrol: live in Italia

snow-patrol-milano-2019-
snow-patrol-milano-2019-

Questa mattina gli Snow Patrol hanno annunciato 14 nuove date per il loro tour europeo, che fermerà a Berlino, Monaco, Parigi, Madrid e Lisbona, tra le altre città. In Italia la band farà tappa il prossimo 11 febbraio al Fabrique di Milano.

I biglietti andranno in vendita generale a partire dalle ore 10.00 di venerdì 8 giugno 2018 su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

La band aveva già annunciato 8 concerti in Gran Bretagna e Irlanda con show a Dublino, Londra e Belfast.

Il nuovo album degli Snow Patrol, intitolato Wildness, segna il ritorno della band sulla scena musicale dopo sette anni.

Il gruppo ha inoltre lanciato un sito web dove i fan di tutto il mondo possono creare le loro playlist tramite Spotify con le canzoni degli Snow Patrol e condividere queste playlist con i loro amici.

Nel momento di condivisione, i fan segnalano anche la loro posizione geografica a chi riceve la playlist e viceversa. Le varie località rimarranno poi tracciate su una mappa globale.

Crea la tua playlist con le hit degli Snow Patrol su: http://playlist.snowpatrol.com
Wildness Track Listing

01 Life On Earth
02 Don’t Give In
03 Heal Me
04 Empress
05 A Dark Switch
06 What If This Is All The Love You Ever Get?
07 A Youth Written In Fire
08 Soon
09 Wild Horses
10 Life And Death

Il tour europeo degli Snow Patrol:

05 DIC 2018 NEWCASTLE, GRAN BRETAGNA / METRO RADIO ARENA
07 DIC 2018 BELFAST, GRAN BRETAGNA / SSE ARENA
11 DIC 2018 DUBLINO, IRLANDA / 3ARENA
14 GEN 2019 AMSTERDAM, OLANDA/ ZIGGO DOME
15 GEN 2019 AMBURGO, GERMANIA / BARCLAYCARD ARENA
16 GEN 2019 BERLINO, GERMANIA / VELODROM
18 GEN 2019 MONACO, GERMANIA / ZENITH
19 GEN 2019 ZURIGO, SVIZZERA / SAMSUNG HALL
20 GEN 2019 OBERHAUSEN, GERMANIA / KONIG PILSNER ARENA
22 GEN 2019 BRUXELLS, BELGIO / FOREST NATIONAL
23 GEN 2019 PARIGI, FRANCIA / ZENITH
25 GEN 2019 BIRMINGHAM, GRAN BRETAGNA / BIRMINGHAM ARENA
26 GEN 2019 LONDRA, GRAN BRETAGNA / THE O2 ARENA
29 GEN 2019 LEEDS, GRAN BRETAGNA / FIRST DIRECT ARENA
30 GEN 2019 MANCHESTER, GRAN BRETAGNA / MANCHESTER ARENA
31 GEN 2019 GLASGOW, GRAN BRETAGNA / THE SSE HYDRO
08 FEB 2019 FRANCOFORTE, GERMANIA / JAHUNDERHALLE
09 FEB 2019 VIENNA, AUSTRIA / GASOMETER
11 FEB 2019 MILANO, ITALIA / FABRIQUE
13 FEB 2019 BARCELLONA, SPAGNA / RAZZMATAZZ
14 FEB 2019 MADRID, SPAGNA / LA RIVIERA
16 FEB 2019 LISBONA, PORTOGALLO / CAMPO PEQUENO

Nuovo Spot Italo

Pannofino_Italo-
Pannofino_Italo-

In esclusiva sulla pagina Ufficiale Facebook e Twitter di Italo Treno e sul Canale Youtube in onda l’ultimo spot di Italo per informare della partenza della nuova tratta Torino-Milano-Venezia. Francesco Pannofino prosegue quindi il suo viaggio a bordo del treno più moderno d’Europa Italo EVO affiancato dal piccolo compagno di viaggio Federico Ielapi.

Italo considerando il target giovanile e web-orientend della propria community di viaggiatori, e la percentuale degli acquisti tramite web di oltre il 70%, ha deciso di sperimentare una forma di comunicazione attraverso canali diversi da quelli tradizionali. L’obiettivo principale è iniziare e mantenere viva una conversazione con i propri viaggiatori dando informazioni utili, rilevanti ed interessanti.

Italo presta moltissima attenzione ai suoi canali social per avvicinarsi sempre di più ai propri utenti e passeggeri e per incrementare l’awareness e l’engagement del brand. Tra le ultime novità del web quella dei video on line è diventata la più amata tra gli utenti, e per questo Italo ha deciso di sperimentare questo format pubblicando lo Spot solo sui suoi profili social.

Un modo già sperimentato con successo quando era stato deciso di mandare in onda il primo episodio della campagna in anteprima sulla pagina Ufficiale Facebook di Italo Treno e sul Canale Youtube e solo successivamente on air sulle principali reti televisive.

Questa volta, anche grazie all’aumento della fan base di tutti i canali social, e alle interazioni particolarmente apprezzate dai viaggiatori, Italo ha deciso di comunicare la nascita della nuova tratta Torino-Milano-Venezia attraverso i propri canali social.

Già in occasione del suo sesto compleanno, il 28 aprile 2018, Italo ha dato voce a chi ogni giorno lo sceglie, dando vita ad un divertente video che in pochi giorni ha raggiunto oltre 150.000 persone che hanno interagito e commentato tra di loro sulla pagina ufficiale Facebook di Italo.

Quest’ultimo episodio va comunque ad inserirsi all’interno della strategia comunicativa di Italo volta ad informare tutti i viaggiatori sulla vasta gamma di novità degli ultimi mesi come appunto l’apertura della nuova tratta Torino-Milano-Venezia che dal 1° maggio ha consentito alla compagnia di aumentare il proprio network collegando 22 stazioni di 17 città.

Un periodo di grande crescita e sviluppo culminato con il perfezionamento della vendita al fondo Gip il 26 aprile 2018 e l’investimento da parte di alcuni dei precedenti azionisti tra cui il Presidente Luca Cordero di Montezemolo e l’Amministratore Delegato Flavio Cattaneo riconfermati nei rispettivi ruoli dal nuovo consiglio di Amministrazione.

I giovani preferiscono la famiglia, ai social

Andrea pandolfi
Andrea pandolfi

Il 43% degli under 20 (su un panel di 300 intervistati nel corso degli incontri formativi), ha dichiarato che passerebbe volentieri più tempo con i genitori, riducendo quello trascorso sul web e sui social network.

Un dato davvero significativo, soprattutto, perché emerge dalla compilazione di domande su base anonima, somministrati nel corso di incontri formativi nelle scuole e fuori. E non si tratta di giovani con famiglie particolarmente difficili o distratte. Oltre il 30% afferma, poi, che anche i genitori, a loro avviso, “trascorrono troppo tempo sul web o sui social”.

“Nel corso dei nostri incontri sulle tematiche familiari, abbiamo voluto capire, realmente, il cosa vogliono i giovanissimi, comprendere meglio le dinamiche, che possono portare a forme di scarsa comunicazione all’interno dei nuclei familiari.

Il dato emerso, non ce lo aspettavamo, anche perché, erano di norma, i genitori, che denunciavano la poca predisposizione alla comunicazione dei figli ma, anche, all’interno della coppia – ha dichiarato Andrea Pandolfi, Consulente Olista specializzato, anche, nelle dinamiche familiari – Sia chiaro: i “social” non hanno colpe e sono solo una rappresentazione simbolica di un problema più profondo.”.

Dalla ricerca e sperimentazione sul campo, i dati che emergono, dialogano con un problema centrale, determinato dall’elemento “appartenenza”.

La comunicazione elettronica, sempre più veloce, altera, in maniera esponenziale, la “mistica della partecipazione”, termine usato dall’antropologo Levy-Bruhl, per significare una connessione, a livello di psiche, di natura primitiva fra due persone, da cui deriva un forte legame inconscio.

Una proiezione identificativa, come direbbe C.G. Jung, di una parte della propria identità, su di un’altra persona, divenuta lo strumento su cui sperimentare ciò che è stato proiettato.

Un modo del tutto innaturale, che ha destabilizzato sia il rapporto di coppia, sia il rapporto tra genitori e figli, senza tralasciare l’importanza del ruolo, nella sua collocazione simbolica, della figura del marito/padre e della moglie/madre.

Nel primo caso, si è passati dal pater familias, al pater virtualis; ossia, da chi, inizialmente, imprime il suo potere mediante modelli di autorità, in chi, nella sua assenza, sparisce come punto di riferimento. E, lo stesso fenomeno, si riscontra, anche, nella figura della “madre” che, seppure meno indebolita, inizialmente, oggi, sembra destinata alla stessa “virtualità”.

“La Famiglia e i genitori, non sono solo una organizzazione sociale, ma un riferimento simbolico essenziale, inciso nel nostro inconscio collettivo, fin dal concepimento, riferimento per millenni di tradizione religiosa e, non solo. È, quindi, evidente, che il suo indebolimento non si limita a conseguenze pratiche immediate, pure gravi, come il senso di solitudine e la mancata guida dei figli. La venuta meno del “simbolo” famiglia, incrina il senso di se stessi, lasciando i ragazzi ma, anche, la coppia, in uno smarrimento esistenziale, di cui stiamo vedendo solo l’inizio. – ha continuato Andrea Pandolfi.

“Se il simbolo e il concetto di “Famiglia”, non sono più ereditati e, compresi, spontaneamente, come accaduto per secoli occorre, nuovamente, farli conoscere e, comprendere nella loro essenza e, subito dopo, diffonderli mediante un insegnamento scevro da qualunque forma di condizionamento e interesse di tipo speculativo. Nei numerosi incontri che svolgo, per il mio lavoro, appare evidente che, i legami familiari, per quanto indeboliti, sono ancora, potenzialmente, forti. Ecco perché, il “simbolo”, può essere ricostruito attraverso un percorso di consapevolezza. E, i più consapevoli del problema ma, anche, i più predisposti al suo superamento sono proprio loro: i giovanissimi, ossia, quelli che, paradossalmente, scontano, di più, questa mancanza.”