26, 28, 29 settembre al Teatro alla Scala – apertura della Stagione Sinfonica e inaugurazione del Ciclo Beethoven – direttore Riccardo Chailly

Riccardo Chailly e Orchestra Scala
Riccardo Chailly e Orchestra Scala

La Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala si inaugura giovedì 26, sabato 28 e domenica 29 con un programma dedicato alle Sinfonie n° 4 di Beethoven e Mahler (solista Christiane Karg, alla Scala già Sophie nel Rosenkavalier diretto da Zubin Mehta e Euridice nell’Orphée di Gluck diretto da Michele Mariotti). Se il progetto mahleriano di Riccardo Chailly prosegue negli anni, l’esecuzione della Quarta di Beethoven apre un nuovo ciclo sinfonico beethoveniano che accompagnerà gli ascoltatori milanesi fino a giugno 2020.

Nel 2020 infatti le istituzioni musicali di tutto il mondo celebrano il 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven (1770-1827) e il Direttore Musicale coinvolge Coro e Orchestra del Teatro alla Scala, Filarmonica della Scala e Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala in un’integrale in cui alle sinfonie saranno accostate altre opere dello stesso Beethoven, dall’Ouverture da Egmont al Concerto per violino con Leonidas Kavakos, e pagine di Mahler e Luciano Chailly (la Sonata tritematica n. 4 su testi di Lucrezio prima della Nona). Il rapporto di Chailly con Beethoven è la storia di una vita, ma solo nel 2011 il Maestro ha deciso di offrire al disco un’integrale sinfonica con il Gewandhaus di Lipsia, la più antica orchestra d’Europa di cui era Direttore Musicale e la cui tradizione beethoveniana si radicava nelle letture di Mendelssohn. La scelta di allora, maturata in anni di studio, esperienza e riflessione, era stata radicale: rispettare i metronomi d’autore, notevolmente più rapidi di quelli abituali, per scoprire un Beethoven autentico, anticonvenzionale e spavaldamente contemporaneo sebbene questa lettura non fosse priva di precursori: certamente Toscanini, ma anche Szell e Gardiner. Il risultato, tra entusiasmi e resistenze, era stato un nuovo, fortissimo impulso al dibattito musicologico ma anche estetico sull’opera del compositore di Bonn. Ora, a nove anni di distanza, Chailly torna alle nove Sinfonie con un’orchestra italiana e una prospettiva inevitabilmente trasformata, in una serie di concerti che si presenta come imperdibile occasione di interrogarsi ancora una volta su questi capolavori fondativi della coscienza europea.

La Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala

Inaugurazione della Stagione Sinfonica 2019/2020 e anche del ciclo beethoveniano è il concerto del 26, 28 e 29 settembre 2019 in cui la Sinfonia n. 4 del compositore di Bonn è accostata alla Sinfonia n. 4 di Gustav Mahler, solista Christiane Karg.
La Stagione Sinfonica prosegue il 7, 9 e 10 gennaio con la Filarmonica della Scala impegnata sotto la guida di Gianandrea Noseda, già presente nella Stagione 18/19, in un programma che prevede la Suite Pelléas et Mélisande di Gabriel Fauré, il ‘divertimento’ dal balletto Le baiser de la fée di Igor Stravinskij e la Sinfonia n. 3 di Camille Saint-Saëns.

Il 16, 17 e 19 gennaio Riccardo Chailly riprende il fil rouge beethoveniano con l’ouverture Egmont e le Sinfonie n. 8 e n. 5.
Dopo alcuni anni di assenza torna sul podio della Filarmonica il 10, 11 e 14 febbraio il maestro israeliano Eliahu Inbal, attento studioso della musica di Bruckner, di cui ha diretto diverse integrali sinfoniche includendo diverse versioni. Sui leggii la Sinfonia n. 5.
Coro e Orchestra della Scala, insieme al Coro di Voci Bianche, sono protagonisti del concerto del 7, 10 e 12 marzo guidati da Zubin Mehta nella Sinfonia n. 3 di Gustav Mahler, solista Daniela Sindram. Iván Fischer era uno dei pochi grandi direttori viventi a non aver mai diretto la Filarmonica. Il debutto è previsto il 3, 5 e 8 aprile con un programma che comprende l’Ouverture da Die Zauberflöte e la Sinfonia n. 39 K543 di Mozart e il Concerto per orchestra di Bartók.
L’8, 11 e 12 giugno Riccardo Chailly conclude il ciclo beethoveniano con la Sinfonia n. 9 con il Coro scaligero diretto da Bruno Casoni, solisti il soprano Hanna-Elisabeth Müller, il mezzosoprano Claudia Huckle, il tenore Michael König e il basso Vitalij Kowaljow. Prima della Sinfonia sarà presentata in prima esecuzione assoluta la Sonata Tritematica n. 4 di Luciano Chailly, un lavoro per coro e orchestra sinfonica su testo di Lucrezio dal De rerum natura.
Il 27 e 29 giugno e il primo luglio i complessi scaligeri sotto la direzione di Myung-Whun Chung eseguiranno lo Stabat Mater di Gioachino Rossini con i solisti Rosa Feola, Veronica Simeoni, René Barbera e Roberto Tagliavini. Chung torna così su una delle pagine ricorrenti nel repertorio del suo maestro, Carlo Maria Giulini.

26, 28, 29 settembre 2019

Filarmonica della Scala

Direttore
Riccardo Chailly

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 4 in si bem. magg. op 60

Gustav Mahler
Sinfonia n. 4 in sol magg.
“La vita celeste”

Christiane Karg, soprano

______

7, 9, 10 gennaio 2020

Filarmonica della Scala

Direttore
Gianandrea Noseda

Gabriel Fauré
Pelléas et Mélisande, suite op. 80

Igor’ Stravinskij
Le baiser de la fée
Divertimento dal balletto

Camille Saint-Saëns
Sinfonia n. 3 in do min. op. 78 “con organo”
16, 17, 19 gennaio 2020

Filarmonica della Scala

Direttore
Riccardo Chailly

Ludwig van Beethoven
Egmont, ouverture in fa min. op. 84
Sinfonia n. 8 in fa magg. op. 93
Sinfonia n. 5 in do min. op. 67

———

10, 11, 14 febbraio 2020

Filarmonica della Scala

Direttore
Eliahu Inbal

Anton Bruckner
Sinfonia n. 5 in si bem. magg.

______

7, 10, 12 marzo 2020

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Zubin Mehta

Gustav Mahler
Sinfonia n. 3 in re min.

Daniela Sindram, contralto

Maestro del Coro
Bruno Casoni

Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala
______

3, 5, 8 aprile 2020

Filarmonica della Scala

Direttore
Iván Fischer

Wolfgang Amadeus Mozart
Ouverture da Die Zauberflöte
Sinfonia n. 39 in mi bem. magg. K 543

Béla Bartόk
Concerto per orchestra
8, 11 e 12 giugno 2020

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Riccardo Chailly

Luciano Chailly
Sonata tritematica n. 4 op. 206
per coro e orchestra sinfonica
(Prima esecuzione assoluta)

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 9 in re min. op. 125

Hanna-Elisabeth Müller, soprano
Claudia Huckle, contralto
Michael König, tenore
Vitalij Kowaljow, basso

Maestro del Coro
Bruno Casoni

______

27, 29 giugno, 1 luglio 2020

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Myung-Whun Chung

Franz Joseph Haydn
Sinfonia n. 44 in mi min.
“Trauer-Symphonie” Hob. I/44

Gioachino Rossini
Stabat Mater

Rosa Feola, soprano
Veronica Simeoni, mezzosoprano
René Barbera, tenore
Roberto Tagliavini, basso

Maestro del Coro
Bruno Casoni

Il ciclo integrale delle Sinfonie di Ludwig van Beethoven nel 250° anniversario della nascita
Direttore Riccardo Chailly

26, 28, 29 settembre 2019
Filarmonica della Scala

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 4 in si bem. magg. op. 60

Gustav Mahler
Sinfonia n. 4 in sol magg. “La vita celeste”
Christiane Karg, soprano

Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala

4 novembre 2019
Filarmonica della Scala

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n° 2 in re magg, op. 36
Sinfonia n° 3 in mi bem. magg. op. 55 “Eroica”

Stagione della Filarmonica della Scala

16, 17, 19 gennaio 2020
Filarmonica della Scala

Ludwig van Beethoven
Egmont, ouverture in fa min. op. 84
Sinfonia n. 8 in fa magg. op. 93
Sinfonia n. 5 in do min. op. 67

Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala

30 marzo 2020
Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 1 in do magg. op. 21
Sinfonia n. 7 in la magg. op. 92

Concerto straordinario a favore della Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano
11 maggio 2020
Filarmonica della Scala

Ludwig van Beethoven
Concerto per violino e orchestra in re magg. op.61
Leonidas Kavakos, violino
Sinfonia n. 6 in fa magg. op. 68 “Pastorale”

Stagione della Filarmonica della Scala
8, 11, e 12 giugno 2020
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Luciano Chailly
Sonata tritematica n. 4 op. 206 per coro e orchestra sinfonica
ovvero De morte Iphianassai
Testo di Lucrezio
(Prima esecuzione assoluta)

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 9 in re min. op. 125
Testo di Friedrich Schiller

Hanna-Elisabeth Müller, soprano
Claudia Huckle, contralto
Michael König, tenore
Vitalij Kowaljow, basso

Maestro del Coro Bruno Casoni

Teatro alla Scala – Stagione Sinfonica 2018/19

ischer Adam cr Lukas Beck
ischer Adam cr Lukas Beck

Torna la grande musica sacra per l’inaugurazione della Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala.

Mercoledì 10, venerdì 12 e lunedì 15 ottobre il Maestro Ádám Fischer, impegnato in queste settimane nella Stagione d’Opera con Ernani di Verdi, dirige Die Schöpfung, oratorio per soli, coro e orchestra di Franz Joseph Haydn con i solisti Genia Kühmeier, Peter Sonn, Günther Groissböck e Daria Cherniy, solista dell’Accademia di Perfezionamento per Cantanti Lirici del Teatro alla Scala; il Coro del Teatro alla Scala è diretto da Bruno Casoni. Lunedì 15 ottobre il concerto sarà trasmesso in diretta da RAI Radio Tre.

Il capolavoro sacro di Haydn manca dal Piermarini dal 2014, quando lo diresse Zubin Mehta; oggi apre una Stagione che include concerti diretti da Lorenzo Viotti (28, 30 e 31 ottobre), Riccardo Chailly (due programmi, il 17, 18 e 19 gennaio e il 28 febbraio e 1 e 2 marzo), Christoph von Dohnányi il 13, 14 e 17 febbraio), Gianandrea Noseda (16, 18 e 20 marzo), Zubin Mehta (3, 4 e 11 maggio) e Cornelius Meister (12, 13 e 20 giugno). Il Coro diretto da Bruno Casoni sarà presente anche nei concerti diretti dai Maestri von Dohnányi (Te Deum di Bruckner) e Meister (Sinfonia n°2 “Lobgesang” di Mendelssohn).

Fondatore nel 1989 del Festival Haydn Burgenland di Eisenstadt, Fischer è tra i maggiori esperti di questo repertorio: “Il motivo per cui io amo quest’opera – ha dichiarato – è la sua universalità: è per tutti. Per tutte le religioni, per i musulmani, per i cristiani, per gli ebrei, perché tutti credono nella stessa storia della Creazione. Allo stesso tempo è un oratorio diretto anche a chi non crede e non conosco nessun altro brano che parli all’umanità intera allo stesso modo”.

Mercoledì 10 ottobre 2018 ore 20 ~ turno A
Venerdì 12 ottobre 2018 ore 20 ~ turno B
Lunedì 15 ottobre 2018 ore 20 ~ turno C

CORO E ORCHESTRA DEL TEATRO ALLA SCALA

Direttore
ÁDÁM FISCHER

Franz Joseph Haydn
Die Schöpfung
Oratorio per soli, coro e orchestra

Genia Kühmeier, soprano
Peter Sonn, tenore
Günther Groissböck, basso
Daria Cherniy, mezzosoprano

Maestro del Coro
Bruno Casoni

Prezzi: da 85 a 6,50 euro più prevendita
Infotel 02 72 00 37 44
www.teatroallascala.org

Chicago Symphony Orchestra diretta da Riccardo Muti al Teatro alla Scala

Riccardo Muti
Riccardo Muti

Il Maestro Riccardo Muti dirigerà la Chicago Symphony Orchestra al Teatro alla Scala con due programmi il 20 e 21 gennaio 2017 nell’ambito del tour europeo dell’Orchestra. Si tratta del primo ritorno al Piermarini del Maestro, che del Teatro è stato Direttore Musicale dal 1986 al 2005, dopo il concerto del 2 maggio 2005 con i Wiener Philharmoniker.

Per la Chicago Symphony, di cui Riccardo Muti ha assunto la direzione nel 2010 e che è considerata tra le migliori orchestre internazionali, si tratta della terza presenza alla Scala dopo i concerti diretti da Sir Georg Solti per la Stagione Sinfonica nel 1971 e nel 1981.

Il Sovrintendente Alexander Pereira ha dichiarato: “Dalla prima conferenza stampa come Sovrintendente ho sottolineato insieme a Riccardo Chailly la necessità che alla Scala dirigano regolarmente i maggiori direttori del mondo, e in particolare quelli che alla storia del Teatro hanno dato un contributo artistico straordinario.

Dopo la mostra per i suoi 75 anni Riccardo Muti sarà al Piermarini nel 2017 per due concerti con la Chicago Symphony Orchestra: un momento atteso dalla città e da tutti gli amanti della musica”.

La tournée europea prevede concerti a Parigi, Amburgo, Aalborg, Milano, Vienna, Baden-Baden e Francoforte. Ulteriori informazioni sono disponibili sui siti del Maestro Muti e della Chicago Symphony Orchestra

Bernard Haitink dirige il “Deutsches Requiem”

bernrd haitink requiem scala- teatro
La Stagione Sinfonica del Teatro alla Scala, aperta lo scorso settembre da Alan Gilbert e proseguita in novembre con i concerti diretti da Daniele Gatti e Herbert Blomstedt, si avvicina all’appuntamento più atteso: il debutto, il 31 gennaio e il 2 e 4 febbraio, di Bernard Haitink, classe 1929, con i complessi scaligeri per Ein deutsches Requiem di Brahms.

Haitink è una delle poche leggende della direzione d’orchestra a non aver mai – finora – diretto alla Scala. Solisti vocali sono il soprano Camilla Tilling e il baritono Hanno Müller-Brachmann, mentre il Coro del Teatro alla Scala è diretto da Bruno Casoni.

Austero e introspettivo, Haitink non appare frequentemente sui media. È però seguito con venerazione dal pubblico di tutto il mondo e i suoi concerti costituiscono gli eventi più attesi dei principali festival internazionali.

Stagione Sinfonica 2015~2016

Domenica 31 gennaio 2016 ore 20 ~ turno A

Martedì 2 febbraio 2016 ore 20 ~ turno B

Giovedì 4 febbraio 2016 ore 20 ~ turno C

CORO E ORCHESTRA DEL TEATRO ALLA SCALA

Direttore BERNARD HAITINK

Johannes Brahms
Ein deutsches Requiem op. 45
per soli, coro e orchestra

Camilla Tilling, soprano
Hanno-Müller Brachmann, baritono

Maestro del Coro Bruno Casoni

Prezzi: da 6,50 a 85 euro

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org