L’Aisha duo in concerto

foto Andrea Dulbecco (a sx) e Luca Gusella
foto Andrea Dulbecco (a sx) e Luca Gusella

Il vibrafono di Andrea Dulbecco, la marimba di Luca Gusella: l’Aisha duo in concerto sabato 8 agosto
a Paderno Dugnano (Mi)
tra jazz, classica e musica contemporanea

Sabato 8 agosto è in programma l’ultimo appuntamento della rassegna musicale di Paderno Dugnano con il concerto della formazione
composta da Andrea Dulbecco e Luca Gusella

PADERNO DUGNANO (MI) – Il vibrafono di Andrea Dulbecco e la marimba di Luca Gusella: per l’ultimo concerto della rassegna musicale di Paderno Dugnano, promossa dal Comune e organizzata dalla cooperativa Controluce con la collaborazione di AH-UM e il contributo di Regione Lombardia, sabato 8 agosto si esibirà l’Aisha duo, formazione in equilibrio tra jazz, classica e musica contemporanea. Il concerto avrà luogo nell’anfiteatro del Parco Lago Nord (inizio live ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria on line al link www.controluce.com/Prenotazioni2020/prenotazioni).
Attivo dal 1997, l’Aisha duo rappresenta un punto di vista, un progetto, una riflessione sugli ormai confusi confini nella musica di oggi tra composizione e improvvisazione, tra il ruolo dell’interprete, quello del compositore e quello dell’improvvisatore; questa formazione, inoltre, vuole cercare di esprimere il senso più naturale di “musica contemporanea” spaziando tra stili e linguaggi differenti, come il jazz e la musica colta. In questo progetto sono confluite le esperienze che i due musicisti hanno accumulato fin dagli anni Ottanta, sia separatamente (sostanzialmente in ambito jazz per Andrea Dulbecco e in quello rock-fusion per Luca Gusella) sia in comune.
Il duo proporrà brani propri e musiche di differenti aree stilistiche: qualche (rara) incursione in Bach e Mozart, composizioni colte della seconda metà del Novecento (Stockhausen, Maderna), le Children’s Songs di Chick Corea, brani di estrazione jazz o latin (Towner, Zawinul, alcuni standard) e autori contemporanei con chiare influenze pop-rock-minimal (Einaudi, Zappa, Ugoletti).

Andrea Dulbecco è un vibrafonista di livello internazionale, nonché componente storico dell’ensemble Sentieri Selvaggi. Oltre alla carriera di musicista classico svolge un’intensa attività come vibrafonista jazz, suonando e incidendo con numerosi artisti di fama quali Paolo Fresu, Enrico Rava, Dado Moroni, Gianluigi Trovesi, Gianni Coscia, Franco Ambrosetti, Dave Liebman, Steve Swallow, Adam Nussbaum e molti altri.
Luca Gusella, poliedrico percussionista (marimba, vibrafono, timpani, batteria), vanta numerose collaborazioni con le principali istituzioni lirico-sinfoniche e da camera italiane. Nel corso della sua brillante carriera ha lavorato, inoltre, con musicisti e artisti del calibro di Giorgio Gaslini, Lee Konitz, Carlo Boccadoro, Ludovico Einaudi, Antonio Ballista, Ray Charles, Barry White, Franco Battiato e Milva.

SP46 Rho-Monza

rho+Monza
rho+Monza

Sono aperti al traffico dallo scorso 14 luglio i primi tratti di complanare all’attuale SP46 Rho-Monza, nei comuni di Paderno Dugnano e Bollate, la cui realizzazione era prevista all’interno dell’appalto di Riqualifica con caratteristiche autostradali della SP46.

L’apertura, anticipata rispetto al completamento dell’intero appalto e risultato di tavoli di lavoro condivisi da Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A. con Regione Lombardia e gli Enti Locali interessati dal progetto, è stata disposta con l’obiettivo di ridurre sensibilmente i disagi riscontrati nei suddetti Comuni e nei territori limitrofi di Novate e Cormano, la cui viabilità locale risulta congestionata dal traffico intenso, specie nelle ore di punta.

Per consentire l’utilizzo e la fruibilità dei nuovi tratti di complanare, realizzati già in configurazione definitiva, sono stati inoltre completati innesti provvisori, non previsti in appalto, di collegamento con la viabilità locale nel Comune di Paderno Dugnano e con l’attuale SP46 in direzione Rho nel territorio comunale di Bollate.

Rimane costante l’attenzione di Milano Serravalle sull’avanzamento complessivo dell’opera, la cui realizzazione costituisce un fattore di grande rilevanza per la viabilità dell’area metropolitana di Milano.

Rassegna musicale di Paderno Dugnano: 3°appuntamento

Duo Farinone-Beccalossi
Duo Farinone-Beccalossi

Sabato 1 agosto, per il terzo appuntamento della rassegna musicale di Paderno Dugnano, saranno protagonisti Fausto Beccalossi, tra i più apprezzati fisarmonicisti della scena jazz italiana, e Claudio Farinone, chitarrista classico di formazione ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi ma affini, che presenteranno il progetto “Scrapbook”dando vita a un nuovo linguaggio sonoro.

Questo singolare duo nasce dall’alchimia che unisce un fisarmonicista di impronta principalmente jazzistica e un chitarrista classico di formazione, ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi che riescono confluire l’uno nell’altro e che, incontrandosi, danno vita a un nuovo spazio stilistico. La musica prende forma sulla base di annotazioni sonore: uno “scrapbook”, per l’appunto, cioè un album di ritagli in cui gli immaginari musicali dei due artisti si intersecano come in un gioco di specchi. Talvolta sono immagini nitide, fissate sul pentagramma in modo netto.

Altre volte si generano nel divenire, riflesse sotto una nuova luce e in attesa di nuove sorprese. Farinone e Beccalossi si muovono travalicando generi di appartenenza, confini e modalità esecutive. Ogni esperienza pregressa è il punto di partenza per nuove esplorazioni, che si animano di incontri e di culture, valicando frontiere e generando di continuo percorsi inediti.

La musica del duo non è né classica né jazz, non è totalmente scritta e nemmeno completamente improvvisata. La scelta dei brani e degli autori consente sempre margini di libertà, invenzione estemporanea, variazione e divagazione pura

Filly Lupo Tango Trio a Paderno Dugnano

La cantante Filly Lupo
La cantante Filly Lupo

Dopo il “Progetto scuole” di Christian Meyer e Silvia Bolbo, lezione-concerto rivolta in particolare ai bambini della scuola primaria (un laboratorio per avvicinare i più piccoli alla musica, scoprendo attraverso il gioco i vari generi, dal rap al jazz), il secondo appuntamento della rassegna estiva di Paderno Dugnano – promossa dal Comune e organizzata dalla cooperativa Controluce con la collaborazione di AH-UM e il contributo della Regione Lombardia – è in programma venerdì 24 luglio con il Filly Lupo Tango Trio, che si esibirà nell’anfiteatro del Parco Lago Nord (inizio live ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria on line al link www.controluce.com/Prenotazioni2020/prenotazioni).

La formazione composta da Filly Lupo (voce), Gino Zambelli (bandoneon) ed Hernan Fassa (pianoforte) presenterà un repertorio di grandi classici del tango, a cominciare da “Volver” e “Por una cabeza”, celebri pezzi interpretati da Carlos Gardel, che del tango è stato la voce per antonomasia. Ci sarà spazio anche per alcuni dei più noti capolavori di Astor Piazzolla (da “Libertango” ad “Oblivion” fino a “Balada para un loco”), il famosissimo compositore argentino che rivoluzionò questo genere dando vita al Tango Nuevo.

Infine, in scaletta non mancheranno neppure alcuni brani inediti della cantante milanese, che nel 2011 ha aperto un concerto del grande fisarmonicista francese Richard Galliano.

Voce calda, intensa e avvolgente, diplomata in canto jazz alla Civica di Milano, Filly Lupo si è avvicinato al tango – “il pensiero triste che si balla” – nel 2008: un amore improvviso e totale, che l’ha spinta a partire per Buenos Aires, dove per un anno ha frequentato i corsi dell’Academia Nacional de Tango diretta dal poeta Horacio Ferrer.

Laboratorio musicale di Christian Meyer

foto 1 Christian Meyer
foto 1 Christian Meyer

Non solo cinema all’aperto, spettacoli di cabaret e attività per bambini: l’estate di Paderno Dugnano sarà caratterizzata anche da una rassegna musicale promossa dal Comune (con il contributo della Regione Lombardia) e organizzata dalla cooperativa Controluce, con la collaborazione di AH-UM, in due delle location più suggestive della città: la bellissima Villa Gargantini e l’anfiteatro del Parco Lago Nord, felice esempio di recupero ambientale di una cava dismessa.

Quattro i concerti in programma – fino all’8 agosto – nel segno della trasversalità tra i generi musicali.

Si parte sabato 18 luglio(ore 17.30, Villa Gargantini, via Valassina 1; ingresso libero con prenotazione obbligatoria on line all’indirizzo www.controluce.com/Prenotazioni2020/prenotazioni) con la lezione-concerto di Christian Meyer, lo storico batterista del gruppo Elio e le Storie Tese.

In questo progetto, studiato appositamente per gli alunni della scuola primaria (ma non solo), si imparerà ad ascoltare la musica e a distinguerne i generi e si familiarizzerà con i vari strumenti, addentrandosi in particolare nel mondo della batteria, del ritmo e della coordinazione.
E, ovviamente, si suonerà tutti insieme. Grazie alle brillanti doti divulgative di Christian, eclettico musicista che nel corso della sua carriera ha collaborato con artisti del calibro di Santana, Mina, Ornella Vanoni, Gianni Morandi, Lucio Dalla, Renzo Arbore, Paolo Fresu e molti altri, il divertimento è assicurato.

Il secondo appuntamento della rassegna musicale è in programma venerdì 24 luglio(ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria) nell’anfiteatro del Parco Lago Nord con le atmosfere romantiche e sensuali garantite dal Filly Lupo Tango Trio: la formazione composta da Filly Lupo (voce), Gino Zambelli (bandoneon) ed Hernan Fassa (pianoforte) presenterà un repertorio di grandi classici del tango, inclusi alcuni dei più noti capolavori di Astor Piazzolla (da “Libertango” ad “Oblivion” fino a “Balada para un loco”), il famosissimo compositore argentino che rivoluzionò questo genere dando vita al Tango Nuevo.

Sabato 1 agosto(ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria) nell’anfiteatro del Parco Lago Nord sarà la volta di Fausto Beccalossi, uno dei più apprezzati fisarmonicisti a livello internazionale, e del talentuoso chitarrista Claudio Farinone (chitarra otto corde, baritona e flamenco) con il progetto intitolato “Scrapbook”: questo singolare duo nasce dall’alchimia che unisce un fisarmonicista di impronta principalmente jazzistica e un chitarrista classico di formazione ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi che riescono a confluire felicemente l’uno nell’altro, dando vita a un nuovo spazio stilistico.

Infine, sabato 8 agosto (anfiteatro del Parco Lago Nord, ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria), per l’ultimo appuntamento musicale dell’estate padernese si esibirà l’Aisha duo, formazione in equilibrio tra jazz, classica e contemporanea composta da due tra i più importanti esponenti del panorama jazzistico italiano: Andrea Dulbecco, rinomato vibrafonista di livello internazionale nonché componente storico dell’ensemble Sentieri Selvaggi, e Luca Gusella, poliedrico percussionista che vanta numerose collaborazioni, tra le quali spiccano quelle con Giorgio Gaslini e Lee Konitz.