Gioele Dix e la maturità 2020

Gioele Dix
Gioele Dix

Gioele Dix augura in bocca al lupo a tutti i ragazzi e a tutti professori per la maturità con un breve video su Facebook (e Instagram).

“Oggi comincia ufficialmente la #maturità2020. Ci sono passato anch’io tempo fa, ho fatto il classico e so parlare il greco, antico ovviamente!
Ma sì, una lingua morta, è vero, ma per noi era come se fosse viva. Utilissima, come vi racconto in questo breve estratto dal mio spettacolo “Vorrei essere figlio di un uomo felice”.
Per oggi, ci sta sempre bene un καλὸς καὶ ἀγαθός.
In bocca al lupo a tutte e tutti, prof. compresi!”

Gioele Dix: l’umorismo surreale di Achille Campanile

Gioele Dix Laila Pozzo
Gioele Dix Laila Pozzo

Da anni, Gioele Dix non fa mistero delle proprie passioni letterarie e nel periodo di quarantena ha colto l’occasione per condividerle con i propri fan leggendo e commentando, alla sua maniera, poesie e racconti dei suoi autori preferiti.

E così di autore in autore, al decimo appuntamento, Gioele Dix propone al suo pubblico due racconti di Achille Campanile, scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e giornalista italiano degli inizi del novecento (1899 – 1977), celebre per il suo umorismo surreale e i giochi di parole.

Gioele Dix introduce la lettura descrivendo lo stile dello scrittore, la sua tecnica sopraffina e la sua comicità a tratti assurda e poi personalizza la pillola, raccontando la propria particolare esperienza.
“Mio padre amava alla follia Achille Campanile e devo a lui il fatto di averlo conosciuto. Lessi a 12 anni “Che cos’è questo amore” e ricordo la sensazione che provai pensando che forse esistevano adulti non così seri come io, a quell’età, li immaginavo.” Gioele Dix

In questa pillola letteraria Gioele Dix legge due racconti: “Galileo” e “Lord Brummel” entrambi tratti dalla raccolta “Vite degli uomini illustri” del 1975 basati su aneddoti veritieri o inventati di vari personaggi che grazie allo stile limpido e a quell’ironia effervescente e inconfondibile di Achille Campanile non possono che farci ridere e metterci di buonumore.

Ricordiamo che il progetto de “Le Pillole Letterarie di Gioele Dix” è iniziato nel mese di marzo con la Peste del Manzoni per poi proseguire con le poesie di Wislawa Szymborska, la favola “Il paese a senza punta” di Gianni Rodari, la prosa fantastica e surreale di Dino Buzzati con “La ragazza che precipita” e “Quiz all’ergastolo”, tre racconti di Italo Calvino, la poesia di Raymond Carver e la comicità di Karl Valentin.

Pillole letterarie di Gioele Dix: Karl Valentin

DIX_Valentin
DIX_Valentin

Nuovo appuntamento con le pillole letterarie di Gioele Dix che questa volta dedica la sua lettura a Karl Valentin, autore di nicchia, ma molto conosciuto da coloro che si occupano di comicità. Karl Valentin (1882 – 1948) ebbe grande popolarità in Germania, soprattutto nella sua città natale, Monaco di Baviera, dove si esibiva nei famosi Tingeltangel, locali fumosi e affollati, ingombri di sedie e tavolini.

Il suo stile è innovativo, la sua comicità sofisticata e surreale ma al tempo stesso incentrata sulla quotidianità della gente comune. Bizzarro e geniale, era amatissimo anche dai grandi intellettuali come Bertold Brecht e Herman Hesse.

In questa pillola letteraria, dopo aver presentato l’arte di Karl Valentin, Gioele Dix legge due monologhi tratti dalla raccolta Tingeltangel: “In farmacia” e “Il teatro dei giardinieri”. Uno dei due racconti è introdotto da un aneddoto particolare nel quale Gioele Dix ricorda, sorridendo, un provino con il grande maestro Franco Parenti al quale si presentò interpretando appunto un monologo di Karl Valentin… che sicuramente gli portò fortuna.

“Tingentangel uscì in Italia negli anni ’80. Ero agli inizi della mia carriera e rimasi folgorato e anche influenzato sul piano della creatività. Nei primi testi che scrivevo, cercavo di farmi ispirare da quel tipo di fantasia, di coraggio nei dialoghi.”
Gioele Dix

Maurizio Lastrico e Gioele Dix

Maurizio Lastrico e Gioele Dix
Maurizio Lastrico e Gioele Dix

Nell’isolamento forzato da covid-19, il formato dell’Instagram Live sta offrendo al pubblico la possibilità di partecipare alle live performance di tanti artisti teatrali e musicali che spesso collaborano fra loro incontrandosi virtualmente durante le dirette proposte. Un nuovo modo di intrattenere il pubblico in attesa che finalmente possano riaprire i teatri.

Gioele Dix e Maurizio Lastrico hanno così deciso di proporre ai propri follower un evento singolare: una vera e propria prova aperta che ingolosirà tutti gli amanti del mondo teatrale!

Accadrà di giovedì 14 maggio: mentre Maurizio Lastrico proverà in diretta uno dei suoi nuovi brani, Gioele Dix, in veste di regista virtuale, dirigerà, commenterà e suggerirà. Un evento social del tutto eccezionale che sicuramente si trasformerà in un live show irresistibile!

I canali dove sarà possibile seguire la diretta:
https://www.instagram.com/mauriziolastricoofficial/
https://www.instagram.com/gioeledixofficial/

La poesia di Raymond Carver

gioele-dix-phMarinaAlessi
gioele-dix-phMarinaAlessi

Proseguono da oltre un mese gli appuntamenti letterari con le letture di Gioele Dix che fra i primi ha voluto condividere con i propri fan, in questo periodo di quarantena, le proprie passioni letterarie. La pagina Facebook e gli altri canali ufficiali di Gioele Dix, in queste settimane, si sono riempiti di commenti entusiastici e di ringraziamenti degli utenti che apprezzano l’iniziativa e sollecitano sempre nuovi episodi.

In questa lettura Gioele Dix propone la poesia di Raymond Carver, scrittore americano nato nel 1938 e mancato nel 1988. Carver è un punto di riferimento indiscutibile della letteratura americana del Novecento. La sua scrittura è pura, fine a se stessa, ma finemente cesellata. Racconta la vita attraverso frammenti, quotidianità spicciola dietro la quale si nascondono i misteri, i dolori e le felicità della vita.

La sua poesia è fortemente concentrata sulla vita quotidiana, di cui, attraverso l’uso di un linguaggio ordinario, riesce a esprimere efficacemente le tensioni fondamentali: un certo spaesamento esistenziale, la paura della morte, il bisogno di essere amati, di essere salvati, di comunicare in modo sincero.

In questa pillola letteraria Gioele Dix leggerà quattro delle più belle poesie dell’autore americano: “La cabina telefonica”, “La poesia che non ho scritto”, “Sempre alla ricerca del meglio” e “Attesa”.
“Oggi mi dedico al grande Raymond Carver, scrittore che amo molto per il suo singolare talento nel cogliere l’essenziale. Maestro del racconto a frammenti, è capace come pochi di svelare misteri, dolori e felicità che si nascondono nelle pieghe della vita quotidiana. Spero che, come me, anche voi restiate affascinati dai mondi che queste letture evocano.” Gioele Dix

Ricordiamo che il progetto de “Le Pillole Letterarie di Gioele Dix” è iniziato il 17 marzo con la Peste del Manzoni per poi proseguire con le poesie di Wislawa Szymborska, la favola “Il paese a senza punta” di Gianni Rodari, la prosa fantastica e surreale di Dino Buzzati con “La ragazza che precipita” e “Quiz all’ergastolo” e tre racconti di Italo Calvino che raggiungono i vertici della poeticità.