Le Deva: “Brillare da sola”

cover BRILLARE DA SOLA
cover BRILLARE DA SOLA

Da venerdì 23 ottobre sarà in radio e in digitale “BRILLARE DA SOLA” il nuovo singolo de LE DEVA, gruppo tutto al femminile formato da Greta Manuzi, Laura Bono, Roberta Pompa e Verdiana Zangaro.
«Il nostro bagaglio di vita ci caratterizza ed è da lì che dobbiamo cercare la nostra forza, senza paura di vivere in mezzo a tante stelle che brillano di luce propria – racconta il gruppo – Con questa canzone speriamo di trasmettere un po’ di questa forza e di infondere coraggio per ritrovare la luce che possediamo da sempre ma che spesso fatichiamo a vedere!»

Dal 2016 ad oggi con i loro brani LE DEVA hanno trattato temi significativi, per sostenere la parità dei diritti e l’uguaglianza tra le persone, di qualsiasi sesso, genere e etnia.
“Brillare da sola” è un invito a trovare in se stessi la forza per affrontare le proprie battaglie, senza ricercare conforto in altre persone che possono venir meno nella nostra vita, per riuscire ad amare se stessi al di là di ogni altra circostanza.

Il testo di “Brillare da Sola”, scritto da Tony Maiello con la collaborazione di Marco Rettani, nasce come un inno alle donne e per questo motivo non poteva esserci interprete migliore di un gruppo formato da 4 donne, con storie e personalità diverse che si uniscono in una voce comune. La produzione del singolo è affidata a uno storico collaboratore de Le Deva, da Enrico “Kikko” Palmosi.

«“Brillare da sola” nasce dall’esigenza di raccontare il coraggio delle donne. Sono sempre stato affascinato dalla loro sensibilità mista alla forza innata di reagire a qualunque avversità – racconta l’autore del brano Tony Maiello – Sono mamme, sorelle, amiche, punti di riferimento. Le donne sono piccole stelle che illuminano la nostra vita e, per questo, saranno sempre in grado di brillare, anche da sole e senza l’aiuto di nessuno. Perché le donne sono uniche e senza di loro la vita non sarebbe mai esistita.»

Sindrome Asperger: incontro gratuito a Milano

COVER_BULLIVANT_1000
COVER_BULLIVANT_1000

Uniche come me, Donne Asperger: le invisibili alla fine dello spettro
L’incontro presenta in anteprima il libro Autismo al femminile
di Fisher Bullivant F.

Con il patrocinio del Municipio 6 del Comune di Milano,
domenica 16 febbraio 2020,
in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger
a Milano, presso Superstudio Più, dalle 9.00 alle 18.00,
un incontro gratuito

Essere donne Asperger spesso induce a vivere in uno stato di perenne invisibilità, creato da una parte dalle abilità di mascheramento sociale e dall’altra dalla calibrazione dei test diagnostici sulla base di caratteristiche strettamente maschili. L’Asperger al femminile presenta specificità che spesso sfuggono alla lente clinica, portando in alcuni casi a diagnosi sbagliate, con un carico seguente di sofferenza difficilmente sopportabile. Come spiega Tony Attwood, uno dei massimi esperti in materia: “Abbiamo urgente bisogno di elaborare una versione femminile dei test per la sindrome di Asperger, che identifichi le ragazze in base a come si presentano. L’Asperger non diagnosticato può portare a una devastante perdita di autostima nelle ragazze”. Allo stesso tempo gli interventi psicologici ed educativi, quando intrapresi, presentano le medesime fragilità, favorendo il senso di non adeguatezza, di incapacità e di insicurezza spesso condiviso da ragazze e donne di tutte le età. Riconoscersi ed essere riconosciute per le proprie specificità, abilità e fragilità, diventa quindi un momento fondamentale e irrinunciabile per ogni donna nello spettro.

Per questo motivo Spazio Asperger ONLUS, in collaborazione con Edizioni Edra e Superstudio Group, ha deciso di dedicare la Giornata mondiale della Sindrome di Asperger alle donne Asperger, organizzando un evento gratuito dal titolo “Uniche come me. Donne Asperger: le invisibili alla fine dello spettro”, durante il quale sarà presentato in anteprima il libro di Fisher Bullivant F. “Autismo al femminile. Una guida pratica per riconoscere, comprendere e lavorare con bambine e ragazze con autismo lieve e Sindrome di Asperger”, a cura di David Vagni e edito da Edizioni Edra.

L’evento, patrocinato dal Municipio 6 del Comune di Milano e introdotto dai saluti dell’Assessore alle Politiche sociali e abitative del Comune di Milano, Gabriele Rabaiotti, si svolgerà durante l’arco della giornata del 16 febbraio 2020, dalle 9.00 alle 18.00, e affronterà da un punto di vista scientifico ed educativo numerosi temi legati all’Asperger al femminile: dal camaleontismo sociale all’identità di genere e alla sessualità nelle donne Asperger, passando attraverso le possibili tipologie di intervento a sostegno di ragazze e donne nello spettro, insieme ad uno sguardo inedito sulle multi-eccezionalità che in alcuni casi caratterizzano le donne e le ragazze Asperger. Interverranno anche donne Asperger per raccontare la propria esperienza ed i propri vissuti. I relatori provengono da numerose e diverse realtà italiane che hanno intrapreso un pionieristico viaggio a riconoscimento e supporto delle specificità delle donne Asperger: Davide Moscone e David Vagni dell’Associazione Spazio Asperger ONLUS e del centro CuoreMenteLab di Roma; Patrizia Ventura e Concetta De Giambattista dell’Associazione DeltaEnne e del Policlinico di Bari; Letizia Cavalli e Sara Travaglione di CuoreMenteLab di Roma; Manuela Cianella e Giulia Cavallo dell’Officina Pedagogica altamente differente di Pisa, Cristina Parisi della Fondazione Sacra Famiglia di Varese. Sarà presente anche Francesca Mela, amministratrice del gruppo Asperger Adulti Italia che descriverà l’esperienza del gruppo e presenterà una app per aiutare le persone autistiche a gestire le proprie energie.

Obiettivo generale dell’incontro è la condivisione di esperienze di vita e di percorsi di intervento capaci di far emergere non solo le difficoltà esperite dalle donne nello spettro, ma anche le loro potenzialità, allo scopo di poterne vivere responsabilmente e consapevolmente.
Riportando al femminile quanto espresso da Hans Asperger: “Il positivo e il negativo in una persona, il suo potenziale di successo o fallimento, le sue attitudini e difficoltà – si condizionano reciprocamente e derivano dalla stessa fonte. Il nostro obiettivo terapeutico dovrebbe essere quello di insegnare alla persona come far fronte alle proprie difficoltà. Non come eliminarle. Dobbiamo educare la persona ad affrontare sfide speciali con strategie speciali; il nostro compito non è di rendere la persona consapevole di essere malata, ma quello di renderla responsabile della propria vita.”
Scheda dell’evento
Titolo evento: Uniche come me. Donne Asperger: invisibili alla fine dello Spettro
Luogo: Milano, Superstudio Più, via Tortona 27
Data e orario: domenica 16 febbraio 2020, dalle 9.00 alle 18.00
Accesso: gratuito, su prenotazione obbligatoria all’indirizzo
https://www.cuorementelab.it/evento/gmsa2020/
Evento promosso da: Spazio Asperger ONLUS, Edizioni Edra, Superstudio Group
Con il patrocinio di: Municipio 6 del Comune di Milano

Preferenze di viaggio delle donne: avventura e weekend adrenalinici

Rafting weekend
Rafting weekend

Niente più SPA, shopping e balli latino-americani per le donne che -a sorpresa- preferiscono l’avventura. A rivelarlo è un’indagine di SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single e di gruppo, condotta su un campione di 1.000 donne partite nel corso di quest’ultimo anno.

Dal sondaggio è emerso che, tra vacanze medio-lunghe e weekend brevi, sempre più donne scelgono opzioni che consentano di praticare specialità sportive quali il rafting, il paracadute o l’equitazione.

«Sono proprio gli sport più avventurosi a riscuotere più successo, anche perché riescono più di altre esperienze a far evadere dal quotidiano, spezzando la routine di tutti i giorni» commenta Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.

Il 36% delle intervistate ha affermato di preferire fra tutti il rafting weekend. I motivi principali che spingono a sfidare la natura sono principalmente la voglia di emancipazione: le donne del 2019 sono infatti sicure di loro stesse e lo dimostrano affrontando -pagaia in mano- le rapide a bordo di un gommone.

Il 28% dichiara invece di voler provare l’esperienza di un volo aereo con lancio dal paracadute. «L’adrenalina che suscita un’esperienza del genere, è qualcosa che molte donne si sentono di dover provare ritenendo che, dopo un’avventura del genere, si è pronte ad affrontare qualsiasi prova che la vita possa riservare» spiega Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedVacanze.it e di SpeedDate.it, portale quest’ultimo che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova.

Al terzo posto con il 19% delle preferenze della speciale classifica femminile si attesta l’esperienza-equitazione. A cavallo di splendidi destrieri, una donna su 5 afferma di riuscire a sentirsi veramente libera dagli impegni della casa, del lavoro e della routine di tutti i giorni. La passeggiata a cavallo è inoltre benefica anche per il fisico, oltre che per lo spirito, riuscendo a mettere in moto moltissimi muscoli e consentendo così una tonificazione e una purificazione della pelle, grazie al contatto diretto con la natura in luoghi dove l’aria è tersa e pulita.

«La rivoluzione del mondo femminile è sotto gli occhi di tutti ed emerge prepotentemente da questo sondaggio: le donne non sono più interessate solo all’estetica ed alla cura del fisico, ma si approcciano alle vacanze da un punto di vista più maschile, preferendo fine settimana all’insegna dell’avventura, del cambiamento, dell’imprevisto» conclude il fondatore di SpeedVacanze.it. (WORLDNET)

“Ama chi ti ama” – finalista alle Targhe Tenco

“AMA CHI TI AMA - I tempi della vita cantati dalle donne”, il progetto con il quale Ala Bianca e l’Istituto Ernesto de Martino hanno voluto celebrare la figura della donna nella canzone popolare italiana, è stato selezionato tra i finalisti delle TARGHE TENCO 2018 per la sezione “Album collettivo a progetto”.  “Ama chi ti ama - I tempi della vita cantati dalle donne” è un doppio album con 43 brani tratti dalla storica collana de “I DISCHI DEL SOLE”, eseguiti da alcune delle più significative interpreti della canzone popolare italiana (come Giovanna Marini, Rosa Balistreri, Caterina Bueno, Giovanna Daffini e il coro delle Mondine di Trino Vecellese). La raccolta è un progetto culturale ricco e articolato che ha visto inoltre l’ideazione di un concorso aperto a giovani disegnatori e fumettisti, tra i 15 e i 35 anni, chiamati a illustrare i brani della raccolta ispirandosi a musiche e testi concretamente lontani dalla loro esperienza di vita odierna. Intento d el concorso è stato quello di riproporre e far rivivere questa tipologia di canzoni attraverso gli occhi di una nuova generazione di creativi.   Le tavole illustrate del concorso sono state pubblicate nel booklet del doppio CD e sono inoltre oggetto di una mostra itinerante esposta all’interno delle Librerie Feltrinelli in alcune delle principali città italiane.  Queste le prossime tappe della mostra itinerante in continuo aggiornamento: dal 1° al 30 giugno presso la libreria Feltrinelli di ROMA (Galleria Alberto Sordi, 33); dal 1° luglio al 31 agosto presso la libreria Feltrinelli di MILANO (piazza Piemonte, 2/4); dal 1° al 30 settembre presso la libreria Feltrinelli di PALERMO (via Cavour, 133); dal 1° al 31 ottobre presso la libreria Feltrinelli di NAPOLI (via Santa Caterina a Chiaia, 23).
Copertina-album-_Ama-Chi-Ti-Ama

“AMA CHI TI AMA – I tempi della vita cantati dalle donne”, il progetto con il quale Ala Bianca e l’Istituto Ernesto de Martino hanno voluto celebrare la figura della donna nella canzone popolare italiana, è stato selezionato tra i finalisti delle TARGHE TENCO 2018 per la sezione “Album collettivo a progetto”.

“Ama chi ti ama – I tempi della vita cantati dalle donne” è un doppio album con 43 brani tratti dalla storica collana de “I DISCHI DEL SOLE”, eseguiti da alcune delle più significative interpreti della canzone popolare italiana (come Giovanna Marini, Rosa Balistreri, Caterina Bueno, Giovanna Daffini e il coro delle Mondine di Trino Vecellese).

La raccolta è un progetto culturale ricco e articolato che ha visto inoltre l’ideazione di un concorso aperto a giovani disegnatori e fumettisti, tra i 15 e i 35 anni, chiamati a illustrare i brani della raccolta ispirandosi a musiche e testi concretamente lontani dalla loro esperienza di vita odierna.

Intento del concorso è stato quello di riproporre e far rivivere questa tipologia di canzoni attraverso gli occhi di una nuova generazione di creativi.

Le tavole illustrate del concorso sono state pubblicate nel booklet del doppio CD e sono inoltre oggetto di una mostra itinerante esposta all’interno delle Librerie Feltrinelli in alcune delle principali città italiane.

Queste le prossime tappe della mostra itinerante in continuo aggiornamento:
dal 1° al 30 giugno presso la libreria Feltrinelli di ROMA (Galleria Alberto Sordi, 33);
dal 1° luglio al 31 agosto presso la libreria Feltrinelli di MILANO (piazza Piemonte, 2/4);
dal 1° al 30 settembre presso la libreria Feltrinelli di PALERMO (via Cavour, 133);
dal 1° al 31 ottobre presso la libreria Feltrinelli di NAPOLI (via Santa Caterina a Chiaia, 23).

“La Femmina è Meravigliosa” di Tony di Corcia

copertina libro
copertina libro

È il 16 giugno 1988, Andrea Pazienza muore a soli trentadue anni. E il fumettista italiano, acclamato come una rockstar, entra definitivamente nella leggenda. Sono passati tre decenni da allora, ma le sue intuizioni linguistiche, i personaggi e le storie che hanno saputo descrivere così bene la sua generazione non hanno mai smesso di rapire e influenzare anche quelle successive.

Di lui è stato detto e scritto tutto ma, per la prima volta, a parlare dell’indimenticato protagonista della scena culturale degli anni Settanta-Ottanta sono le donne che hanno accompagnato la sua esistenza, breve ma densa di incontri e di affetti.

Donne fondamentali e insostituibili, donne passeggere, che offrono l’occasione di rileggere la biografia dell’artista in una prospettiva differente: dall’adorata madre Giuliana, con la quale Pazienza aveva un’affinità speciale, alla sorella Mariella di nove anni più piccola; da Isabella, giovane compagna di tante spensierate estati pugliesi, a Betta, la storica fidanzata che ha dato il volto a molti dei suoi splendidi disegni; dalla moglie Marina con la quale ha condiviso gli ultimi anni, a Fulvia Serra che lo ha fatto debuttare sulle pagine di Alter Alter.

Ma anche le tante amiche con cui ha collaborato per realizzare arte, mostre, riviste.

Un percorso di ricordi al femminile che racconta quanto l’ispirazione di Pazienza affondasse sempre nel suo vissuto – tra Bologna, Montepulciano, Roma e l’amata Puglia – e come la sua vita privata sia una sorta di “making of” dei suoi fumetti: Pentothal, Zanardi, fino al poema più sofferto e autobiografico Pompeo, che hanno anticipato l’estetica dei nostri giorni e creato il solco da cui è nata l’odierna graphic novel.

Un omaggio a un genio che a distanza di trent’anni continua a divertire, a sedurre, a stupire.

L’AUTORE
Tony di Corcia è nato a Foggia nel 1975. Ha iniziato la sua attività professionale nel 1990 e ha scritto per le redazioni pugliesi di Repubblica e del Corriere della Sera. Nel 2010 ha pubblicato Gianni/Versace: lo stilista dal cuore elegante seguito nel 2012 da Gianni Versace. La biografia con una prefazione di Giorgio Armani. Nel 2013 sono usciti Valentino: ritratto a più voci dell’ultimo imperatore della moda e Burberry: storia di un’icona inglese, dalla Regina Vittoria a Kate Moss. Nel 2015 ha pubblicato Alda Merini e Michele Pierri. Un amore tra poeti (prefazione di Maurizio Costanzo).