Una nuova vita per il Lido di piazzale Lotto

Lido piazzale Lotto Milano
Lido piazzale Lotto Milano

SPORT. ACCOLTO IL PROGETTO DI PARTENARIATO PUBBLICO-PRIVATO PER IL RIFACIMENTO DEL LIDO DI MILANO

Galleria fotografica: https://flic.kr/s/aHsmRG1Lq3

Una nuova vita per il Lido di piazzale Lotto, luogo simbolico dello sport a Milano e tra i più popolari in città durante la stagione estiva, mantenendo la sua vocazione sportiva e ricreativa. È l’obiettivo della Giunta che ha dichiarato fattibile e rispondente all’interesse pubblico la proposta di progetto per l’affidamento in concessione per la realizzazione di un nuovo centro sportivo nell’area nonché la successiva gestione per un periodo di 42 anni presentata da parte della società iberica Ingesport Health and SPA Consulting S.A., leader dei centri Go Fit.

“Questo progetto di partenariato pubblico-privato – dichiara Roberta Guaineri, assessora allo Sport – prevede la riqualificazione di tutte le strutture esistenti e degli spazi pubblici, che saranno a disposizione dei cittadini, nonché la realizzazione di una nuova palazzina che ospiterà un centro ludico-sportivo molto attrezzato. Un’opportunità preziosa che renderà il Lido agibile per tutto l’anno e non limitatamente ai tre mesi estivi e che aiuta ad ampliarne l’offerta, non solo sportiva, per tutti i milanesi, con offerta gratuita di alcuni spazi, abbonamenti scontati per l’attività sportiva per le famiglie, con gratuità per i minori. Ora procediamo celermente per restituire al più presto ai milanesi questo monumento al benessere totalmente rinnovato”.

Attualmente l’intero complesso, affidato a Milanosport, è costituito da una piscina all’aperto; 4 campi da tennis sintetici e illuminati, 3 dei quali con copertura invernale; 2 campi da calcio a 5; 1 campo di minigolf (aperto da marzo a novembre); un edificio spogliatoi (il padiglione delle cabine rotazione); servizi di supporto alla piscina (il padiglione cabine individuali, piscina e bar del padiglione); la Rotonda, che si trova alla fine del parco, ospita una grande e luminosa palestra per la pratica di esercizi e una ludoteca.

Il progetto proposto ha come obiettivo la riqualificazione del complesso mediante la realizzazione di una nuova struttura da adibire a centro sportivo, la trasformazione dell’attuale piscina (che comporta un notevole spreco di risorse in quanto non provvista di un adeguato impianto filtrante) in specchio d’acqua, la realizzazione di una nuova piscina stagionale, la manutenzione straordinaria con conseguente messa a reddito dei fabbricati presenti all’interno dell’area oltre al rifacimento integrale, mediante demolizione e ricostruzione in sagoma, del Padiglione Cabine Individuali. Per quanto riguarda le tariffe, saranno previste tipologie scontate di abbonamento per famiglie, giovani e terza età.

Il canone annuale della concessione è stato quantificato in 80mila euro, mentre l’importo del quadro economico complessivo delle opere è pari ad oltre 25 milioni di euro. La durata dei lavori, previsti in due distinte fasi, è di 24 mesi per la realizzazione del nuovo centro sportivo, la trasformazione dell’attuale piscina, la realizzazione di quella nuova e la manutenzione degli immobili esistenti, e di ulteriori 7 mesi per la demolizione e la ricostruzione del Padiglione Cabine Individuali, senza alcun contributo a carico del Comune di Milano.

 

È stato inaugurato il murale “Il sogno”

Inaugurazione murale
Inaugurazione murale

#AMBIENTEASCUOLA. INAUGURATO L’ULTIMO DEI TRE MURALES VINCITORI DEL CONCORSO 2019-2020

Si riparte quest’anno, in 230 Scuole Primarie, con il contest “Racconti d’autore”

Galleria fotografica: https://flic.kr/s/aHsmRspRAG

È stato inaugurato il murale “Il sogno”, dedicato allo spreco alimentare e realizzato dagli studenti della Scuola Teresa Confalonieri dell’Ics Barozzi, nell’ambito del progetto #AmbienteAScuola, promosso dal Comune di Milano, A2A e Amsa.

Si tratta dell’ultimo dei tre murales realizzati a seguito del concorso ideato per l’anno scolastico 2019-2020, che ha visto sfidarsi 80 classi di 22 Scuole secondarie di I grado sul piano della creatività, per creare un bozzetto di murale su tematiche ambientali, come la raccolta differenziata, lo spreco alimentare e i cambiamenti climatici. Gli altri due vincitori del concorso sono stati dipinti nelle scorse settimane sotto la guida esperta degli ecodesigner del “Vespaio”: “L’orca di plastica” dell’Istituto San Giuseppe e “Voltare pagina” dell’Ics Don Orione/Da Vinci.

“È particolarmente significativa la sensibilità che gli studenti stanno dimostrando sulle tematiche ambientali – dichiarano la Vice sindaco Anna Scavuzzo e l’assessora all’Educazione Laura Galimberti –. Il compito della scuola è assecondare questo loro rinnovato interesse fornendo stimoli utili per assumere stili di vita corretti e per la diffusione di buone pratiche. È l’obiettivo del progetto #AmbienteaScuola a cui i ragazzi hanno risposto con molto entusiasmo e che speriamo possa andare avanti anche nei prossimi anni”.

Il progetto proseguirà anche in questo anno scolastico con il coinvolgimento di 230 Scuole Primarie di Milano. Per il nuovo contest creativo, “Racconto d’autore”, si chiederà alle classi di completare l’incipit di un racconto appositamente redatto da Guido Quarzo, noto autore di narrativa per ragazzi, sui temi della raccolta differenziata e dei rifiuti.

Obiettivo del progetto #AmbienteaScuola, fin dalla sua nascita, è quello di promuovere in modo sempre più capillare la cultura della sostenibilità, del rispetto dell’ambiente, dell’utilizzo sostenibile delle risorse e dell’energia, dei metodi più corretti per la raccolta differenziata e per la fruizione degli spazi urbani. Il progetto intende raggiungere inoltre alcuni degli ‘Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile’ (Sustainable Development Goals – SDGs), definiti dalle Nazioni Unite e da raggiungere entro il 2030.

 

Monopattini e biciclette in sosta vietata

Monopattini in sosta vietata
Monopattini in sosta vietata

Comune. Al via la rimozione di monopattini e biciclette in sosta vietata

Parte domani il nuovo servizio di rimozione che riguarderà sia monopattini sia biciclette, in sharing o di proprietà, che vengono lasciati in sosta vietata intralciando il passaggio dei pedoni.

Il servizio parte in via sperimentale e sarà svolto a partire dall’area della Cerchia dei Bastioni per poi estendersi a tutta la città grazie all’ausilio delle pattuglie di Polizia locale che controllano il territorio e che richiederanno l’autocarro per la rimozione su tutto il territorio comunale.

“La diffusione di monopattini e biciclette in sharing racconta un’attenzione e una disponibilità a una mobilità nuova e sostenibile e migliora le azioni di tutela dell’ambiente e della salute delle persone. Allo stesso tempo il rispetto delle regole da parte di tutti è fondamentale – commentano la Vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alla Mobilità Marco Granelli –, anche per quel che riguarda la sosta. Monopattini e biciclette non devono diventare un ostacolo o un intralcio: ci auguriamo che il buonsenso di chi li utilizza prevalga, nel mentre è indispensabile attivare questo nuovo servizio e verificarne l’efficacia”.

In questa prima fase sarà posta particolare attenzione alle soste vietate che maggiormente costituiscono ostacolo o impedimento, soprattutto per i pedoni: sul marciapiede fuori dagli appositi spazi destinati ai velocipedi; in corrispondenza di scivoli o sui parcheggi dedicati alle persone con disabilità; in senso non longitudinale alla carreggiata dove vi sono attraversamenti pedonali e intersezioni; davanti ai passi carrai; sugli spazi destinati alle fermate del trasporto pubblico locale.

Il furgone di Atm può contenere fino a 16 tra monopattini e biciclette ed effettuerà il servizio dal lunedì alla domenica (dalle 8 alle 13 e dalle 13.30 alle 20), sarà in servizio insieme a un agente della Polizia locale e i veicoli rimossi saranno depositati per la custodia presso il deposito Atm di via Palizzi.

 

Come sarà il post scuola

Post scuola
Post scuola

Educazione. Spazi igienizzati, gruppi contenuti e tracciabili, rispetto del distanziamento: come sarà il post scuola
Galimberti: “Lavoro intenso per garantire la ripartenza di questo servizio fondamentale per le famiglie e importante per la socialità di bambine e bambini”. Iscrizioni dal 2 ottobre, inizio attività dal 26
Dal 26 ottobre saranno attivi i cosiddetti giochi serali, il servizio di post scuola nelle primarie milanesi, al fine di garantire che la ripresa delle attività didattiche sia accompagnata da servizi educativi integrativi che vadano incontro alle esigenze di conciliazione delle famiglie.
Per garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività e per adeguarsi alle direttive del Ministero dell’Istruzione, della Regione Lombardia e del Comitato Tecnico Scientifico, è stato necessario procedere a una riprogettazione del servizio con modalità di iscrizione e fruizione diverse dagli anni precedenti. A questo scopo il Comune di Milano ha approvato con una delibera le linee di indirizzo per la ripartenza del post scuola nelle primarie, che l’anno scorso è stato richiesto da circa 5mila famiglie in 132 plessi scolastici.

I giochi serali verranno quindi attivati per un’ora e mezza al termine dell’attività didattica. Le iscrizioni annuali verranno aperte dal 2 ottobre per le scuole che potranno mettere a disposizione degli spazi adeguati a rispettare il distanziamento sociale previsto dalle norme. Verranno creati dei gruppi con un minimo di 10 frequentanti e comunque di dimensioni contenute e adeguate agli spazi, stabili al loro interno e tracciabili attraverso una rilevazione delle presenze. Ogni gruppo avrà un educatore di riferimento che rimarrà lo stesso per l’intero anno scolastico. Gli spazi verranno accuratamente igienizzati prima e dopo il loro utilizzo.

In caso di richieste superiori alle disponibilità, verranno stilate delle graduatorie che terranno conto della composizione del nucleo familiare, della presenza di uno o più componenti il nucleo con disabilità, della condizione lavorativa dei genitori. In ogni caso verrà riservata la precedenza ai minori residenti nel Comune di Milano.
“In queste settimane – dichiara l’assessora all’Educazione Laura Galimberti – abbiamo lavorato intensamente per garantire la ripartenza di questo servizio fondamentale per le famiglie e importante per la socialità di bambine e bambini che avranno così la possibilità di vedersi e stare insieme – distanti ma vicini – anche oltre l’orario scolastico, recuperando così il tempo e le opportunità educative che sono state loro sottratte durante i mesi di chiusura delle scuole. Nei prossimi mesi monitoreremo l’evolversi della situazione epidemiologica per verificare le condizioni per riavviare altri servizi e ritornare, a piccoli passi, verso la scuola che tutti ricordiamo e a cui siamo affezionati”.

In attesa della partenza del servizio, il Comune ha messo a disposizione dei dirigenti scolastici il personale educativo delle cooperative che si occupano del pre e post scuola per coadiuvare l’assistenza all’ingresso nella fase di avvio delle attività. Sono circa cento le scuole che stanno usufruendo di questa possibilità.

Palazzo Reale. Riparte stagione espositiva

Palazzo Reale Milano
Palazzo Reale Milano

Palazzo Reale. Riparte la stagione espositiva con “Prima, Donna, Margaret Bourke-White”

In programma dal 25 settembre 2020 al 14 febbraio 2021, la mostra fa parte del palinsesto “I Talenti delle Donne”

Palazzo Reale apre con una straordinaria retrospettiva dedicata a un’importante fotografa, una grande donna, la sua visione e la sua vita controcorrente.

Palazzo Reale celebra Margaret Bourke-White (New York, 1904 – Stamford, 1971), una tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo, attraverso una selezione inedita delle immagini più iconiche realizzate nel corso della sua lunga carriera.

Curata da Alessandra Mauro, la mostra è promossa e prodotta da Comune di Milano|Cultura, da Palazzo Reale e da Contrasto, in collaborazione con Life Picture Collection, detentrice dell’archivio storico di LIFE.

L’accesso alla mostra è contingentato, in base alle disposizioni volte a tutelare la sicurezza e la salute dei visitatori. La prenotazione è fortemente consigliata.

L’esposizione rientra ne “I talenti delle donne”, il palinsesto promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano dedicato all’universo delle donne.

Pioniera dell’informazione e dell’immagine, Margaret Bourke-White ha esplorato ogni aspetto della fotografia: dalle prime immagini dedicate al mondo dell’industria e ai progetti corporate, fino ai grandi reportage per le testate più importanti come “Fortune” e LIFE; dalle cronache visive del secondo conflitto mondiale, ai celebri ritratti di Stalin prima e poi di Gandhi (conosciuto durante il reportage sulla nascita della nuova India e ritratto poco prima della sua morte); dal Sud Africa dell’apartheid, all’America dei conflitti razziali fino al brivido delle visioni aeree del continente americano.

Oltre 100 immagini, provenienti dall’archivio LIFE di New York e divise in 11 gruppi tematici che, in una visione cronologica, rintracciano il filo del percorso esistenziale di Margaret Bourke-White e mostrano la sua capacità visionaria e insieme narrativa, in grado di comporre “storie” fotografiche dense e folgoranti.

Ecco le 11 sezioni:

“L’incanto delle acciaierie” mostra i primi lavori industriali di Margaret, da quando nel 1928 apre un suo studio fotografico a Cleveland;
La sezione “Conca di polvere” documenta il lavoro sociale realizzato dalla fotografa negli anni della Grande Depressione nel Sud degli USA;
“LIFE” si concentra sulla lunga collaborazione di Bourke-White con la leggendaria rivista americana. Per “LIFE” Bourke-White realizzerà la copertina e i reportage del primo numero e tanti altri ancora lungo tutta la sua vita;
“Sguardi sulla Russia” inquadra il periodo in cui Margaret Bourke-White documentò le fasi del piano quinquennale in Unione Sovetica fino ad arrivare a realizzare anni dopo – quando già era scoppiata la Seconda guerra mondiale – il ritratto di Stalin in esclusiva per LIFE;
La sezione “Sul fronte dimenticato” documenta gli anni della guerra, quando per lei fu disegnata la prima divisa militare per una donna corrispondente di guerra. Sono gli anni in cui Bourke-White, al seguito dell’esercito USA sarà in Nord Africa, Italia e Germania;
La sezione “Nei Campi” testimonia l’orrore al momento della liberazione del campo di concentramento di Buchenwald (1945) quando, come ha dichiarato la fotografa, “per lavorare dovevo coprire la mia anima con un velo”;
“L’India” raccoglie il lungo reportage compiuto dalla fotografa al momento dell’indipendenza dell’India e della sua separazione con il Pakistan. Tra le altre immagini, in mostra anche il celebre ritratto del Mahatma intento a filare all’arcolaio;
“Sud Africa” è la documentazione del grande paese africano durante l’Apartheid;
“Voci del Sud bianco” è il lavoro a colori del 1956 dedicato al tema del segregazionismo del Sud degli USA in un paese in trasformazione;
“In alto e a casa” raccoglie alcune tra le più significative immagini aeree realizzate dalla fotografa nel corso della sua vita;
Il percorso termina con “La mia misteriosa malattia”, una serie di immagini che documentano la sua ultima, strenua lotta, quello contro il morbo di Parkinson di cui manifesta i primi sintomi nel 1952 e contro cui combatterà con determinazione. In questo caso, è lei il soggetto del reportage, realizzato dal collega Alfred Eisenstaedt che ne testimonia la forza, la determinazione ma anche la fragilità.
L’esposizione è accompagnata da un catalogo, edito da Contrasto.

In occasione della mostra, Cineteca Milano|MIC – Museo Interattivo del Cinema, in collaborazione con Palazzo Reale e Contrasto, presenta dal 13 al 31 ottobre la rassegna cinematografica “Prima, donna. Margaret Bourke-White in 11 film”. Accesso gratuito alle proiezioni presentando al MIC il biglietto della mostra e ingresso alla mostra con speciale riduzione (10 € anziché 14 €) per i possessori di Cinetessera 2020.

Info mostra

palazzorealemilano.it

formafoto.it/bourkewhitemilano

Modalità di accesso a Palazzo Reale

Prima di prenotare o raggiungere Palazzo Reale consultare le regole di accesso: www.palazzorealemilano.it/nuove-regole-di-accesso

Giorni e orari

Lunedì: chiuso

Martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica: 9:30 – 19:30

Giovedì: 9:30 – 22:30

Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura