Palmitessa:“No Feat”

COVER ALBUN NO FEAT
COVER ALBUM NO FEAT

“NO FEAT”, l’album d’esordio di Palmitessa sarà dal 17 novembre disponibile su tutte le piattaforme digitali, su etichetta One Fingerz/Polydor/Universal Music.

Palmitessa, già autrice di testi, si è fatta conoscere quest’anno nella veste d’interprete con i singoli “Cool”, “A Tempo” e “Antidoto”, brani in cui ha svelato la sua scrittura ricca di giochi di parole, a volte sfacciata, irriverente e senza filtri, ma sempre accompagnata da una vena ironica che la contraddistingue e che accompagna l’intero album d’esordio.

“NO FEAT” raccoglie i tre singoli già pubblicati più altri cinque brani inediti: “A tempo” dove con le rime gioca sul concetto di essere fuori tempo e fuori moda, “Antidoto” uno sfogo contro tutti e anche contro se stessa, “ Cool’ il brano d’esordio nato durante la quarantena, dal ritmo serrato e divenuto virale su tik tok, dove prende in giro tutto ciò che fa cool , “600k” un brano dove gioca sul concetto del “tempo è denaro” e poi ancora “Ballo da Sola”, “Bloody Mary, “Fottuta Droga” e infine “Hai Low View”, un brano che si basa sul gioco di parole tra “I Love You” e “Hai Low View” per ironizzare sull’importanza dei numeri e delle view.

Il 17 novembre sarà online anche il video di “Hai Low View, diretto da Fabrizio Conte. “Il concept del video l’abbiamo pensato un pomeriggio in studio insieme a Fabrizio Conte.” racconta Palmitessa “Volevamo rappresentare la sfiga, infatti tutto il video si basa su credenze superstiziose come passare sotto una scala aperta, gatto nero, cappello sul letto, sale sul tavolo e via dicendo. Diciamo che noi non ci siamo fatti mancare niente e abbiamo aggiunto anche un playback sul tettuccio di un carro funebre, da premettere che ero a mezza manica e fuori c’erano circa -234°, mancava poco e sarei morta davvero” .

I brani, scritti dalla stessa artista, sono prodotti da diversi produttori tra cui Yves The Male, Frenkie G, Simone Privitera e Danti (nel brano “Cool”) che figura anche come autore in alcuni brani dell’album, insieme a Davide Napoleone, autore, con Palmitessa, del brano “Bloody Mary”.

Natalia Moskal: “There is a Star”

Natalia Moskal
Natalia Moskal

Da oggi 13 Novembre, è disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming “THERE IS A STAR” (Fame Art /Agora Digital Music), il nuovo progetto discografico dell’artista polacca NATALIA MOSKAL, dedicato alle canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana e internazionale degli anni 50’ e 60’.
Sempre da oggi è in radio “MAMBO ITALIANO”, primo singolo estratto dall’album.

«Prima di tutto, Mambo Italiano è una canzone famosa in tutto il mondo ed è stata cantata da molti artisti di fama internazionale, ad esempio Bette Midler, Betty Midler, Dean Martin e altri. Il singolo è perfetto per ballare. È una canzone che mi ricorda l’Italia e che mi lega molto a questo paese pur non essendo italiana», dichiara Natalia.

Questa la tracklist del disco:
“I Wanna a Guy” (A. Trovajoli, D. Verde, A. Fango), “Zoo be zoo be zoo” (B. Shepherd, A. Tew), “Mambo Italiano“ (B. Merrill, F. Lainem W. S. Fischer), “Felicità“ (N. Oliviero, V. De Crescenzo), “Soldi, soldi, soldi” (P. Garinei, S. Giovannini, G. Kramer), “Perché domani” (A. Amurri, L. Luttazzi), Bready, “ Tu vuo’ fa’ l’americano” (N. Salerno, R. Carosone), “Donne-moi ma chance” (B. Bacharach, H. David, A. Salvet), “Guarda la luna” (M. Yeston), “There is a star” (B. Bergman, A. Trovajoli, C. Pes), “Anyone” (B. Bergman, A. Trovajoli, C. Pes), “Almost in your Arms” (J. Livingston, R. Evans), “The secrets of Rome” (J. Barry), “S’agapo” (T. Morakis, J. Fermanegiou).

Mecna: “Mentre nessuno guarda”

Mecna-Mentre-nessuno-guarda
Mecna-Mentre-nessuno-guarda

A distanza di un anno dal precedente lavoro discografico, “Neverland”, nato dalla collaborazione con Sick Luke, MECNA torna oggi con un nuovo disco da solista, “MENTRE NESSUNO GUARDA”, disponibile su tutte le principali piattaforme digitali e in versione fisica (CD e vinile) per Virgin Records (Universal Music Italia).

“MENTRE NESSUNO GUARDA” rappresenta contemporaneamente il consolidamento della nuova direzione artistica del rapper, con quattordici tracce che dimostrano la maturità stilistica raggiunta da Corrado, e il ritorno a collaborazioni di vecchia data: alle produzioni e strumentali ritroviamo infatti i producer Lvnar, Iamseife e Alessandro Cianci, con cui negli ultimi anni Mecna ha intrapreso un percorso che lo ha portato a una definizione sempre più netta del suono e dell’immaginario del proprio progetto.

Gli scorsi lavori hanno consacrato l’artista nell’olimpo che gravita attorno al rap d’autore, portandolo ad essere riconosciuto come una delle penne più interessanti e raffinate della scena italiana. Nel nuovo disco emerge con grande decisione la capacità di Mecna di sapersi esprimere in maniera personale, scavando dentro di sé con consapevolezza, di affrontare la propria profondità con leggerezza, di svelarsi con la timidezza di chi dà un valore alla propria intimità e con la chiarezza di chi fin dalle sue prime canzoni è abituato a parlare dei propri mondi interiori.

Il titolo del disco allude alla ricerca della propria identità, di sapersi vedere senza pressioni esterne, “mentre nessuno guarda”, per riscoprirsi più o meno vulnerabili, più o meno intimi, più o meno soddisfatti, un percorso complesso e reso difficile dalla sovraesposizione della vita privata su media e sui social, che si intreccia con la percezione di Corrado nei confronti della propria carriera artistica: un percorso graduale, a volte silenzioso e lontano dai riflettori ma che tassello dopo tassello ha dato vita ad un progetto in costante crescita ed evoluzione che lo rappresenta in pieno.

Se è vero che un libro – un disco in questo caso – si giudica spesso dalla sua copertina allora questo album ha sicuramente nella cover un biglietto da visita unico. L’artwork del disco è stato realizzato da Richard Wilson, street artist britannico attivo dal 2010 protagonista di una mostra alla National Portrait Gallery di Londra che negli ultimi anni si è fatto conoscere al pubblico mondiale per i ritratti e lavori figurativi disseminati sui muri delle principali città del mondo, lavori che lo hanno portato a collaborare con Will Smith e Stevie Wonder.

Un intero muro situato in via Festa del Perdono, antistante l’Università degli Studi di Milano Statale, il luogo meneghino simbolo della cultura, ospiterà per un mese l’opera di Wilson – per la prima volta in Italia – conosciuto a livello internazionale per i ritratti e le gigantografie realizzate in tutto il mondo. Il soggetto dell’opera è il dipinto ad olio realizzato da uno scatto di MECNA, tra le penne più raffinate e tra le voci più importanti del rap d’autore italiano, che l’artista ha scelto di utilizzare come cover del suo ultimo lavoro discografico “Mentre Nessuno Guarda” e che sarà svelata al pubblico in questa speciale occasione.

Questa la tracklist completa:
01. Demoni
02. Punto Debole feat Gue Pequeno
03. Tutto ok feat Frah Quintale
04. Non Mi Va Con Te
05. Così Forte
06. Alibi feat. Madame
07. Amore Mio
08. Interludio
09. Paura di me
10. Wow feat Ernia
11. Coltello Nel Burro
12. Vivere feat. Izi
13. Ho Guardato Un’Altra
14. Scusa

Daino: “Quanto era bello”

Daino
Daino

Da venerdì 23 ottobre sarà disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download “QUANTO ERA BELLO” (Primalbox / Distribuzione Sony Music Entertainment Italy S.p.A.), il nuovo brano di DAINO, il giovane cantautore milanese arrivato 2° al Festival di Castrocaro Terme 2020.

In “QUANTO ERA BELLO” l’artista ripensa ad un sabato sera trascorso in giro per Milano in compagnia di una ragazza incontrata poche ore prima in un locale. La serata rimane impressa nella mente del protagonista e viene raccontata con un tono dolce amaro dal cantautore. Nel brano il tono e le sonorità indie/pop sono in netto contrasto con il testo malinconico.

“QUANTO ERA BELLO” è un brano scritto, composto e prodotto dallo stesso DAINO insieme a Stefano Iascone dei Cacao Mental, registrato presso il Crono Sound Factory a Milano.

Fletcher: “Bitter”

bitter-feat-trevor-daniel
bitter-feat-trevor-daniel

Dal 2 ottobre è in radio il nuovo singolo di Fletcher, “Bitter”, in collaborazione con Trevor Daniel e prodotto dal DJ Kito (Diplo, Empress Of, Aluna George).

Fletcher è il nuovo volto del pop americano. Con Capitol Records ha pubblicato il primo singolo, “Undrunk”, a marzo del 2019.
Da allora si è concentrata a scrivere canzoni che raccontano in particolare storie femminili e a settembre di quest’anno è uscito l’EP “The S(ex) Tapes” , dove compare il brano “Bitter” prodotto da Kito. La versione del singolo con Trevor Daniel è la prima collaborazione di Fletcher con un artista maschile, una decisione che va di pari passo con la convinzione di usare la sua produzione creativa come mezzo per esplorare se stessa, la sua sessualità e il mondo che la circonda.

Trevor è un artista così visionario che ho colto al volo l’opportunità di collaborare con lui. E’ stato in grado di dare una prospettiva completamente nuova alla canzone e credo che siamo ancora entrambi ‘amareggiati’ a causa dei nostri “ex”, dice Fletcher, “Nel video ho voluto esplorare i temi dell’energia maschile e femminile in termini della scoperta di sé. Ho voluto raccontare la paura di uscire ed esplorare il mondo e il proprio rapporto con se stessi, temendo che la propria persona trovi qualcuno di nuovo durante questo processo. Non ho mai capito il detto “se ami qualcosa, lascialo andare”. Ma questa è la vita. È meschino, è “amaro”, è vero e a volte la verità deve far male”.