Bollate: nuovo asilo nido nel Centro polivalente.

Comune Bollate
Comune Bollate

Il Centro polivalente di via Ospitaletto 3/5 (primo piano) sarà dato in affitto per la realizzazione di un asilo nido privato. L’avviso per manifestazione di intesse è stato pubblicato dal Comune e tutte le realtà interessate possono presentare la loro candidatura entro il 29 giugno 2018.

A spingere l’Amministrazione a intraprendere questa scelta, due motivi : da un lato il desiderio di soddisfare le lunghe liste d’attesa degli asili nido comunali; dall’altro, secondo la logica che vede l’Amministrazione sempre impegnata a utilizzare il proprio patrimonio, l’opportunità di usare una struttura che oggi è libera e disponibile.

A carico dei locatari, l’Amministrazione ha previsto la gestione di tutte le spese manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile, così da renderlo adeguato al compito che deve svolgere.

Tra gli interventi previsti: la ristrutturazione dei servizi igienici, la sostituzione degli attuali serramenti/infissi, l’imbiancatura di tutto il piano primo (destinato all’affitto), del vano scala fino al secondo piano e dell’ingresso principale al piano terra, ulteriori controlli specialistici sulla pavimentazione in linoleum e, non ultimo, l’efficientamento energetico dell’edificio e l’adeguamento alle normative vigenti

Le dichiarazioni di interesse degli interessati dovranno arrivare in busta chiusa a: Comune di Bollate piazza A. Moro1, Ufficio Protocollo. Entro le ore 12,00 del giorno 29 GIUGNO 2018

Oggetto : MANIFESTAZIONE PRELIMINARE DI INTERESSE PER LA LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA’ COMUNE DI BOLLATE “CENTRO POLIVALENTE” EX SCUOLA MEDIA – VIA OSPITALETTO 5“ ,

Gli interessati possono visionare la documentazione e le planimetrie, fissare eventuali sopralluoghi o avere ulteriori informazioni, telefonando al numero: 02 35005255 o scrivendo una mail a: demanio@comune.bollate.mi.it .
:23; C. 236 ore 20:00.

Milano: dall’ autunno il “Contatore Ambientale”

contatore_ambientale_differenziata_
contatore_ambientale_differenziata_

Quanto vale la raccolta differenziata a Milano? Dal prossimo autunno sul sito del Comune sarà possibile conoscere esattamente quali e quanti vantaggi genera il corretto trattamento dei rifiuti grazie al Contatore Ambientale, frutto della collaborazione tra il Comune di Milano, Conai, Amsa, A2A Ambiente e Amat, che oggi in Sala Arazzi a Palazzo Marino hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la sua realizzazione.

Uno strumento che permetterà di valutare i benefici ambientali derivanti da un efficiente sistema integrato di gestione dei rifiuti urbani, qual è quello milanese, e di conoscere precisamente quanta acqua o emissioni di Co2 vengono risparmiate, quanto compost viene creato dal materiale organico, quanto vetro, alluminio, acciaio, carta, cartone, legno e plastica vengono riciclati e riutilizzati e dunque quante e quali materie prime vergini vengono risparmiate.

I dati, disponibili sul portale Open Data, saranno facilmente consultabili sul sito istituzionale dell’Amministrazione.

“L’attivazione del Contatore è un passaggio importante per le politiche ambientali del Comune di Milano – commenta l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli -, perché restituisce ai cittadini la piena consapevolezza di quanto una intelligente gestione dei nostri rifiuti sia utile a tutti, in termini non solo ecologici ma anche economici. Rendersi conto dei benefici e comunicarli in modo efficace è fondamentale, poiché i primi artefici del successo della differenziata sono proprio i cittadini che ogni giorno con le buone pratiche separano in maniera sempre più precisa e responsabile gli scarti prodotti”.

“Consumo responsabile e produzione responsabile rappresentano uno dei 17 Goal dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile – aggiunge Gloria Zavatta, presidente di Amat -. Sensibilizzare i cittadini e le imprese è molto importante e il Contatore della Raccolta Differenziata della città risponde a questo bisogno. Permetterà inoltre di calcolare in maniera rigorosa tutte le fasi di gestione dei rifiuti e i quantitativi di nuovi prodotti che (simbolicamente) si possono ottenere con i materiali avviati a riciclo”.

“Conai è felice di mettere a disposizione la propria esperienza per diffondere la cultura del riciclo e per favorire la transizione al nuovo modello di produzione e consumo proprio dell’economia circolare. Il contatore ambientale nasce per quantificare i benefici ambientali ed economici generati dalla corretta gestione dei rifiuti urbani”, dichiara Giorgio Quagliuolo, Presidente di Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi. “È fondamentale che i cittadini sappiano che quanto viene raccolto separatamente può avere una nuova vita: attraverso questo strumento racconteremo loro i risultati in termini di discariche evitate, di risparmio di energia e materie vergini, di nuovi prodotti creati con le materie prime seconde ottenute grazie anche al loro contributo”.

LA DIFFERENZIATA A MILANO

Oggi la percentuale di raccolta è arrivata al 55,6%, un risultato che pone Milano al vertice tra le metropoli europee insieme a Vienna e che fa ben sperare rispetto all’obiettivo del fissato del 60 per cento fissato dall’Amministrazione per il 2020.

Merito del modello portato avanti dal Gruppo A2A e Amsa, che si basa sulla gestione integrata dell’intera catena dei rifiuti, dalla raccolta al trattamento, dal recupero di materia alla produzione di energia. Il cento per cento dei rifiuti urbani milanesi è avviato a riciclo o a recupero, nessun rifiuto primario viene destinato alla discarica.

Tra giugno e novembre di quest’anno, sono stati potenziati inoltre i servizi di raccolta differenziata nella zona ovest di Milano, estendendo a tutte le utenze domestiche il servizio porta a porta del cartone e riducendo la frequenza di ritiro del rifiuto indifferenziato. Il sistema, attivo nel 50% delle utenze milanesi, raggiungerà tutta la città entro il 2019.

“Le innovazioni al sistema di raccolta differenziata stanno dando risultati positivi – spiega Mauro De Cillis, Direttore Operativo di Amsa – Nella zona nord ovest di Milano abbiamo registrato un deciso calo dei rifiuti indifferenziati (-6,7%) e un significativo aumento delle frazioni riciclabili come carta e cartone (+9,7%), plastica e metalli (+8,7%) e organico (+8,7%). Un importante successo ottenuto grazie all’impegno e alla sensibilità ambientale dei cittadini di Milano”.

La raccolta differenziata inoltre è attiva in 67 mercati comunali, l’estensione del servizio al 100 per cento dei mercati è prevista entro il 2019.

Bollate: Inaugurazione altalene

vassallo sindaco-Bollate
vassallo sindaco-Bollate

Si terrà mercoledì 16 maggio alle ore 16,45 l’inaugurazione (con merenda) delle due nuove altalene del parco Montessori, una delle quali per bambini portatori di handicap.

L’iniziativa nasce da una richiesta precisa di una bimba disabile che ha chiesto all’Amministrazione un’altalena apposita anche per chi ha difficoltà.

Dalla richiesta è partito l’impegno dell’Amministrazione, culminato nell’installazione dei due nuovi giochi. I lavori sono stati realizzati da Gaia Servizi.

Saranno presenti all’inaugurazione il Sindaco Francesco Vassallo, il Vicesindaco Alberto Grassi, il Presidente di Gaia Servizi Felice Caccavale e alcune classi delle scuole Montessori e di Cassina Nuova, da dove arriva la richiesta dell’altalena.

Per i bimbi presenti, merenda offerta dall’Amministrazione comunale.

Emergenza freddo

emergenza_freddo_croce_rossa-
emergenza_freddo_croce_rossa-

Sono ancora alcune centinaia i posti liberi nelle strutture del territorio milanese adibite all’accoglienza dei senza fissa dimora. La capacità dei centri è stata potenziata fino ad arrivare a circa 2.700 posti letto a disposizione per l’intera settimana in cui è prevista l’ondata di gelo, con la possibilità di ulteriori proroghe se il freddo non dovesse diminuire.attua

L’Amministrazione rinnova l’appello ai cittadini affinché segnalino senzatetto e persone in difficoltà ai numeri 02/88447645–646-647–648–649 o direttamente al Centro Aiuto (Casc) di via Ferrante Aporti 3 aperto dalle 9 alle 24 dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 24 il sabato e la domenica e dalle 12 alle 20 nei festivi.

Sono 15 le strutture del territorio comunale adibite all’accoglienza e in cinque di queste sono stati aumentati i posti letto a disposizione per questa settimana.
Per intercettare coloro che non si recano spontaneamente nei centri a chiedere un ricovero per la notte, il Comune, in collaborazione con 19 associazioni del terzo settore, ha predisposto un minimo di otto unità mobili che ogni sera contemporaneamente passano al setaccio le vie della città per distribuire coperte e bevande calde e convincere chi è diffidente ad accettare una sistemazione al chiuso.

A queste si aggiungono le unità mobili sanitarie e le unità di pronto intervento sociale diurne che intervengono sulla base delle segnalazioni pervenute al Centro Aiuto. Ancora una volta i cittadini milanesi hanno dimostrato grande sensibilità: sono state infatti oltre 170 le chiamate al Centro aiuto per segnalare persone in difficoltà.

Milano: iniziativa “Una scelta in Comune”

anagrafe-via-larga-2
anagrafe-via-larga-2

Sono stati installati presso la sede anagrafica di via Larga 12 i primi tre monitor che il Gruppo Aido Milano ha donato al Comune di Milano e che da oggi trasmettono spot di sensibilizzazione per la donazione organi, accanto ad attività di comunicazione dell’Amministrazione comunale.

La collaborazione tra il Gruppo Aido Milano (Associazione italiana donazione organi) e Comune di Milano è cominciata l’11 gennaio 2016, grazie all’adesione da parte dell’Amministrazione al Protocollo d’Intesa che permette di raccogliere le manifestazioni di consenso o diniego alla donazione organi e tessuti nelle sedi anagrafiche al momento del rilascio della carta d’identità (sottoscritto tra Regione Lombardia e Centro Nazionale per i Trapianti, Federsanità-ANCI, ANCI Lombardia, Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule – Aido e Associazione Nord Italian Transplantprogram – NITp).

Sin dalla sua partenza l’iniziativa, ribattezzata “Una scelta in Comune”, ha raccolto 32.933 consensi (dati aggiornati all’8 novembre 2017 e consultabili al seguente link ).
Tutti i cittadini interessati a esprimere la propria volontà alla donazione di organi e tessuti possono richiedere l’apposito modulo al momento del rilascio del nuovo documento d’identità. La dichiarazione sarà conservata dall’Ufficio anagrafico e inviata telematicamente al Sistema Informativo Trapianti per consentire la registrazione entro 24 ore.

Ogni cittadino può modificare la propria volontà in qualsiasi momento con una dichiarazione successiva da effettuarsi presso il proprio distretto A.T.S.
Tutte le informazioni sono disponibili presso gli sportelli anagrafici e sul sito del Comune di Milano al link