Passaggi a livello tratta Colico-Sondrio-Tirano

passaggio-a-livello-680x300
passaggio-a-livello

VALTELLINA. PASSAGGI A LIVELLO, SERIE DI INCONTRI DEGLI ASSESSORI TERZI E SERTORI SUL TERRITORIO

INTERVENTI UTILI PER INCREMENTO EFFICIENZA SERVIZIO E SICUREZZA

Regione Lombardia ha partecipato a una serie di incontri tecnici con RFI, Anas, Provincia di Sondrio e con gli Enti Locali attraversati dalla tratta Colico-Sondrio-Tirano, che sarà oggetto di interventi sostitutivi dei passaggi a livello. A darne notizia sono gli assessori a Enti locali, Montagna e piccoli comuni Massimo Sertori e alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

“Si è trattato di incontri positivi e costruttivi – spiegano Sertori e Terzi – che hanno consentito di condividere con il territorio le ipotesi delle soluzioni di intervento. L’obiettivo è incrementare l’efficienza del servizio e aumentare la sicurezza ferroviaria e viabilistica”.

RACCOLTO ESIGENZE DEL TERRITORIO – “Rfi sta analizzando la situazione su tutti i passaggi a livello esistenti lungo la tratta valtellinese – spiega l’assessore Terzi -. Attraverso questi incontri abbiamo raccolto le esigenze di mobilità locale in corrispondenza dei nodi da chiudere”.

NODI DI TRESENDA, CAIOLO E S. GIACOMO – “Si tratta di interventi importanti – rimarca Sertori – volti a migliorare la sicurezza e la fruibilità della mobilità in Valtellina”.

“Tra questi interventi – sottolinea l’assessore valtellinese – si stanno valutando anche i passaggi a livello di Tresenda, San Giacomo e Caiolo, nodi particolarmente nevralgici. In particolare a San Giacomo sono in corso approfondimenti per sostituire il passaggio a livello con un sottopassaggio. A intervento concluso saremo nelle condizioni di rimuovere inoltre il semaforo che crea molti disagi a pendolari e turisti che percorrono la valle”.

DECRETO MILANO-CORTINA – Gli interventi individuati anche sulla base delle priorità di chiusura dei passaggi a livello indicate da Rfi (guasti/malfunzionamenti, modifiche impianti ecc.) saranno finanziati con le risorse messe a disposizione con il Decreto Ministeriale Giochi Olimpici Milano-Cortina 2026.

PROSSIMI PASSI – “Ora si procederà – concludono Sertori e Terzi – con la fase di verifica delle progettualità nei diversi aspetti tecnici ed economici, al termine della quale si convocherà un nuovo confronto con i Comuni coinvolti”.

PRESIDENTE PROVINCIA DI SONDRIO:INCONTRI PROFICUI – “Sono stati incontri fondamentali e molto proficui che hanno coinvolto tutti gli enti interessati – aggiunge il presidente della Provincia di Sondrio Elio Moretti -. Le singole e puntuali esigenze sono state poste al tavolo di confronto e la sinergia raggiunta porterà sicuramente ad un ottimo risultato. Una grande collaborazione con il territorio che consentirà di ottenere risultati concreti in modo condiviso”.