Progetto “Raccolta olio alimentare esausto”

olio-esausto-bioil-1200x800-1
olio-esausto-bioil

Bollate: A tre anni dall’avvio, ecco i risultati del progetto “Raccolta Olio Alimentare Esausto: Da Rifiuto a Risorsa”

Puntuali anche per il terzo anno i dati finali relativi alla quantità di olio alimentare esausto raccolto dall’1 gennaio al 31 dicembre 2020 grazie al progetto “Raccolta Olio Alimentare Esausto: Da Rifiuto a Risorsa” attivato dal Comune di Bollate, Settore sostenibilità ambientale, nel 2018. Il progetto si è svolto in collaborazione con la partecipata Gaia Servizi, che ora ha elaborato i numeri finali, i supermercati Coop e Tigros, la Cooperativa edificatrice bollatese e la ditta Meani srl.

Dai dati raccolti risulta evidente l’adesione dei cittadini di Bollate al progetto e la loro attenzione concreta alla tematica della raccolta finalizzata al ricicli. I numeri sono in aumento e la quantità di olio alimentare esausto raccolto è stata di 12.460 chilogrammi contro gli 11.900 del  2019 e i 13.580 del 2018.

Ecco le quantità per ogni punto di raccolta:

  • Supermecato Coop di via Vespucci 1 – Kg 180
  • Supermercato Tigros di via Verdi 20 – Kg 2.080
  • 13 Isole ecologiche della Cooperativa edificatrice bollatese “Quartiere Centro” e “Quartiere Caloggio” – Kg 1.200
  • Piattaforma ecologica – 8.000 kg

 

In tutto il 2020 sono stati raccolti 12.460 kg di olio, così suddivisi: 5.820 Kg nel primo semestre e 6.640 nel secondo. In tre anni di progetto sono stati raccolti quasi 38.000 Kg (38 tonnellate) di olio alimentare esausto.

“L’obiettivo dell’Amministrazione – dice l’Assessore all’Ambiente Ida DeFlaviis – è proseguire con questo progetto virtuoso nella speranza che, anche nel 2021, si confermino gli ottimi risultati degli anni passati. Per questo chiediamo ancora l’indispensabile collaborazione dei cittadini per il raggiungimento di questo nuovo traguardo che consente anche di dare una mano all’ecosistema. Una volta raccolto, infatti, l’olio viene rigenerato e riutilizzato, con conseguenti benefiche ricadute sull’ambiente”.

Ripassiamo le regole…

COME RACCOGLIERE L’OLIO ESAUSTO

L’olio alimentare esausto dovrà essere raccolto in bottiglie di plastica (no in vetro) opportunamente chiuse e lasciato negli appositi contenitori seguendo le seguenti modalità:

  1. Lasciare raffreddare l’olio utilizzato per la cottura/frittura di alimenti
  2. Versarlo, facendo attenzione, in una bottiglia di plastica vuota
  3. Chiudere bene la bottiglia

Inserire la bottiglia di plastica piena e chiusa direttamente nel contenitore.

QUALE TIPO DI OLIO CONFERIRE

Nei contenitori sarà possibile conferire esclusivamente olio alimentare usato, quale:

  • olio vegetale e grassi animali usati per fritture e per la preparazione degli alimenti
  • olio di conservazione dei cibi in scatola e sott’oli vari (es. tonno, funghi, carciofini, condimento per riso, etc.)
  • olio e grassi alimentari deteriorati e scaduti (burro, lardo, strutto, margarina)

 

DOVE PORTARE L’OLIO RACCOLTO

Ecco i punti di raccolta individuati sul territorio comunale:

  • SUPERMERCATO COOP – Via Vespucci n° 1
  • SUPERMERCATO TIGROS – Via Verdi n° 20
  • PIATTAFORMA ECOLOGICA – Via Pace n° 50

I residenti degli immobili della COOPERATIVA EDIFICATRICE BOLLATESE “QUARTIERE CENTRO” e “QUARTIERE CALOGGIO” potranno conferire l’olio raccolto in bottiglie di plastica negli appositi contenitori collocati nelle rispettive isole ecologiche (13 in tutto).

PER IL FUTURO… Numeri alla mano, intenzione dell’Amministrazione per il 2021 è di estendere il progetto coinvolgendo altre realtà commerciali e grandi utenze residenziali (supercondomini, cooperative, etc).