Covid-19: Sacbo certificata nella prevenzione

BGY area check-in
BGY area check-in

SACBO certificata nella prevenzione dal rischio COVID-19
SACBO si è vista riconoscere dal prestigioso organismo TÜV SÜD, uno dei maggiori provider
di certificazione, la piena e corretta applicazione delle misure di prevenzione dal rischio COVID-19
messe in atto negli ambienti delle infrastrutture di scalo e di ufficio. La relativa certificazione,
ottenuta attraverso rigorosi controlli, conclude un percorso iniziato nello scorso mese di marzo 2020
per garantire una ripartenza sicura delle attività aeroportuali dello scalo di Bergamo-Orio al Serio.
Applicando un percorso metodologico che si fonda sui sistemi di gestione certificati ISO 9001
(Qualità), ISO 14001 (Ambiente), ISO 45001 (Salute e sicurezza sul lavoro), ISO 27001 (Sicurezza delle
informazioni), SACBO ha inserito nel proprio modello di attività gli elementi necessari per
l’attuazione delle best practices e dei requisiti cogenti applicabili alla prevenzione del COVID-19.
I requisiti citati prendono a riferimento le normative italiane ed europee e beneficiano
dell’esperienza effettuata dal gruppo TÜV su scala globale nei progetti di gestione del rischio
pandemico, ma non solo.
Il percorso ha visto il coinvolgimento, oltre che delle varie direzioni aziendali, anche di
rappresentanti degli stakeholders esterni quali, ad esempio, il Comitato Utenti dello scalo. Questo
contributo ha permesso di beneficiare di sensibilità estese, apportando un indirizzo tecnico nella
predisposizione dei requisiti da verificare.
Il completamento del processo di verifica verrà a breve sancito dall’emissione
dell’attestazione di conformità TÜV SÜD HYGIENESYNOPSIS: un documento di estremo valore, che
verrà formalmente consegnato a SACBO.
Alla società di gestione aeroportuale sono pervenute le congratulazioni di TÜV per l’impegno
profuso nei confronti dei viaggiatori e operatori dello scalo di Bergamo-Orio al Serio.