Amazzonia in fiamme

Brasile: Amazzonia in fiamme
Brasile: Amazzonia in fiamme

“ Il presidente del Brasile Bolsonaro ha accusato le ONG di essere dietro gli incendi della foresta amazzonica per aumentare i loro ritorni economici: si direbbe tutto il mondo è paese e questa e’ la conferma che il sovranismo usa lo stesso linguaggio propagandistico, da fake news, per portare avanti l’aggressione alle risorse naturali del pianeta e all’umanita’ “lo dichiara il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge. “ In Italia le ONG sono accusate dai sovranisti come Lega e M5S di essere i Taxi del mare dei migranti fino ad essere multate fino ad 1 milione di euro per chi salva le vite umane, in Brasile il sovranista trumpiano Bolsonaro accusa le Ong impegnate contro la deforestazione, voluta dallo stesso governo brasiliano, di essere le responsabili dei 74.000 incendi che stanno distruggendo l’Amazzonia.”

“ Dalla Siberia, all’Alaska fino all’Amazzonia – continua l’esponente dei Verdi- le foreste bruciano in nome dei soldi e del profitto e da Trump, Putin , Bolsonaro fino a Salvini la parola d’ordine e’ sfruttare le risorse naturali tutte ora e subito e attaccare gli ambientalisti.”
“ L’Onu deve intervenire e pretendere che si fermi l’assalto alle foreste del pianeta e dichiarare l’Amazzonia riserva naturale mondiale.”conclude Bonelli