“Glory Hole” al Teatro Manzoni di Calenzano

Glory Hole3011 foto di Fedra Giuliani
Glory Hole3011 foto di Fedra Giuliani

In una ambigua sexy room, un professore di mezza età si mette a nudo, scegliendo di raccontarsi all’invisibile signorina che siede dall’altra parte del buco. “Scusa, scusa, ma oggi proprio non va”, dice, aprendo i rubinetti a uno scrosciare di pensieri, ricordi, immagini.

Inizia così “Glory Hole”, ultima produzione del Teatro delle Donne, in scena in prima nazionale al Teatro Manzoni di Calenzano (Firenze) da mercoledì 6 a domenica 10 aprile (feriali ore 21, domenica ore 16.30, prenotazione obbligatoria, biglietti 13/10 euro – in abbonamento PassTeatri).

Un monologo nato dalla penna di Ilaria Mavilla, che già nel suo primo romanzo, “Miradar” (Feltrinelli), giocava con ambientazioni a sfondo sessuale e che al Manzoni aveva già presentato “Senza Gioia”.

Ora ha creato un professore universitario che ha tutto – “un buono stipendio, due case, un’ex moglie e delle bellissime piante” – ma che sembra vedere dall’esterno la sua vita che scorre – “è un groviglio di immagini scialbe… non mi commuovono, non mi fanno ridere, non mi riguardano. Come se fossero immagini della vita di un altro”. Lui, è il fiorentino Roberto Andrioli, formatosi al Piccolo teatro di Milano e recentemente sul grande schermo per “Meraviglioso Boccaccio”, dei fratelli Taviani, dove interpretava l’esilarante amante di una Paola Cortellesi-Badessa.

Si muove in un cubicolo sexy dalle tinte rosse accese – la scenografia è di Fedra Giuliani – uno spazio chiuso ma rassicurante, con qualche rivista erotica, una ciotola piena d’acqua, e una originale chaise long.

A scandire i suoi movimenti in questo inconsueto ring sono le musiche originali composte da Tommaso Tarani, che evocano la tradizione classica ma anche sonorità elettroniche e contemporanee, mischiando pianoforte, chitarra e sintetizzatori.

Firma la regia Gherardo Vitali Rosati, al suo debutto in questo ruolo, dopo lavori come critico (Corriere Fiorentino, Tg3, etc.) e drammaturgo (il suo “Fumo Blu”, prodotto dal teatro Metastasio, è stato presentato al 58° Festival dei Due Mondi di Spoleto).
Nell’ambito della prima nazionale di “Glory Hole”, sabato 9 aprile alle 18,30 presso la Biblioteca Civica di Calenzano (via Sandro Pertini, 50 – Calenzano – Firenze) Ilaria Mavilla incontra il pubblico. Partecipano il regista Gherardo Vitali Rosati e l’attore Roberto Andrioli.

Biglietti
Intero 13 euro; ridotto 10 euro (over 60, under 25, Coop, Arci, ATC);
ridotti 5 euro (iscritti ai corsi di formazione)

Info e prenotazioni
Tel. 055.8876581 – 055.8877213
teatro.donne@libero.it – www.teatrodelledonne.com

Prevendite
Circuito Box Office, tel. 055 210804 – www.boxol.it
Orario biglietteria teatro: dalle ore 18.00

Segui e commenta le iniziative del Teatro delle Donne su Fb
https://www.facebook.com/ilteatrodelledonne

IL TEATRO DELLE DONNE – Centro Nazionale di Drammaturgia
Sede operativa: TEATRO MANZONI
via Mascagni, 18 – 50041 Calenzano (FI)
055.8877213 – 055.8876581
teatro.donne@libero.it
www.teatrodelledonne.com