Avis Comunale Bergamo: 2015 positivo

avis salute2
Ottant’anni di solidarietà. Si è tenuta sabato 27 febbraio l’Assemblea annuale di Avis Comunale Bergamo: ricorrenza ancor più speciale, quest’anno, poiché introduce ai primi ottant’anni della sede bergamasca dell’Associazione.

 L’incontro tenutosi presso la sede Avis del quartiere Monterosso, in via L. da Vinci 4 a Bergamo, è stato occasione per illustrare i risultati conseguiti nel 2015.

Un anno particolarmente interessante con 2.935 donatori attivi (+4,3% rispetto al 2014), 6.118 donazioni effettuate (in aumento di 222 unità rispetto al 2014, in percentuale il 3,77% in più) e 559 nuove iscrizioni (di cui 344 non hanno ancora effettuato la prima donazione, in alcuni casi perché gli aspiranti devono ancora ricevere l’autorizzazione a donare).

Il numero soci che, invece, ha già effettuato la prima donazione (215) ingloba alcuni nuovi iscritti del 2014 e permette di constatare che circa il 40% dei nuovi iscritti dona entro l’anno.

 «I numeri ci danno un segnale positivo: dati decisamente in contro tendenza rispetto alle performance del 2014 e che ci rendono orgogliosi dei nostri concittadini.

È molto bello rilevare che lo spirito di abnegazione che ha caratterizzato i primi Avisini bergamaschi si è mantenuto saldamente presente nei donatori di oggi, anche se si può sempre fare di più» – ha dichiarato il presidente Roberto Guerini.

In particolare, secondo i dati forniti dal Direttore Sanitario dell’Avis Comunale di Bergamo, dott. Pasquale Scopelliti, sul totale dei donatori, 46 sono stranieri, principalmente romeni, albanesi e senegalesi; per il 75% sono maschi, dai 36 anni in su e le donazioni sono principalmente di sangue, gruppo 0 positivo.