Novità in CAP Holding

Alessandro Russo pres Gruppo CAP
Alessandro Russo pres Gruppo CAP

Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, l’azienda che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, entra a far parte della Federazione delle imprese dei servizi pubblici di acqua ambiente e energia, nel ruolo di consigliere. La nomina è avvenuta nel corso dell’Assemblea di Utilitalia, riunita ieri all’Auditorium di Via Veneto a Roma. Russo farà parte della giunta esecutiva e del consiglio direttivo (acqua).

Oltre alla nomina degli organi federali (giunta esecutiva, consigli direttivi e collegio dei revisori), l’Assemblea ha confermato presidente Giovanni Valotti per altri tre anni alla guida di Utilitalia. Valotti ha messo al centro della sua relazione il “Patto per lo sviluppo del Paese”, documento programmatico condiviso con tutte le aziende associate.

Una strategia per il bene dell’Italia, che coinvolge Stato, Istituzioni territoriali, comunità locali, imprese e cittadini in un percorso con quattro punti cardine: gestione della transizione energetica ed ambientale verso la green economy, sviluppo di un sistema infrastrutturale efficiente, sostenibilità sociale e ambientale, valorizzazione dei territori e delle comunità servite.

“È fondamentale”, si legge nel documento approvato dall’Assemblea, “declinare le strategie nazionali nelle scelte regionali e locali, specialmente nei comparti dell’energia, dell’ambiente e delle risorse idriche. L’obiettivo è garantire ai cittadini servizi di qualità sempre migliore, efficienti e accessibili, colmando le differenze infrastrutturali tra i diversi territori e sviluppare una cultura industriale dei servizi pubblici tutelando in particolare le fasce deboli della popolazione”.

Aggiornamenti da Italo

italo-ntv
italo-ntv

E’ stato firmato in data odierna il closing della vendita delle azioni Italo Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A. (Italo) a Global Infrastructure Partners III funds (GIP), in esecuzione del contratto di compravendita sottoscritto lo scorso 11 febbraio 2018.

Oggi stesso, le società MDP Holding Uno S.r.l., MDP Holding Tre S.r.l., Partind Tre s.r.l., MAIS S.p.A., PII1 S.à r.l. e Nuova Fourb S.r.l hanno reinvestito nella società veicolo acquirente di Italo, GIP Neptune S.p.A., sottoscrivendo un aumento di capitale per un totale di euro 150 milioni, pari al 7,74% del capitale sociale.

A seguito di tali operazioni , si è svolta l’Assemblea totalitaria di Italo che ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, composto da Luca Cordero di Montezemolo (come Presidente), Flavio Cattaneo, Gianbattista La Rocca, Michael John McGhee, Philip Marc Iley, Andrew Harvey Gillespie-Smith e Mark Lawrence Levitt.

A valle dell’Assemblea si è riunito il Consiglio di Amministrazione neo-nominato, che ha confermato Luca Cordero di Montezemolo come Presidente e nominato Flavio Cattaneo come Amministratore Delegato.

Italo – Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A. con la sua flotta di 25 treni Alstom AGV 575 e 17 Alstom EVO (di cui 12 entreranno in servizio entro l’estate del 2018 e gli altri 5 saranno consegnati nel 2019) ha chiuso il 2017 con 12,8 milioni di viaggiatori trasportati (contro gli 11,1 milioni del 2016), con un risultato netto di 33,8 milioni di euro (contro i 32,7 mln € del 2016) un incremento del 64% dell’EBITDA Adjusted (155,7 mln € del 2017 contro i 95,0 mln € del 2016) e un aumento del 24,8% dei ricavi (454,9 mln € del 2017 contro i 364,4 mln € del 2016).

GIP, Global Infrastracture Partners, è leader mondiale, investitore indipendente in infrastrutture, focalizzato su tre direttrici principali quali energia, trasporti e acqua/rifiuti. Fondato nel 2006 GIP unisce competenze specialistiche nel settore alle migliori prassi industriali e manageriali.

GIP gestisce 43 mld di dollari, ha 13 Società in portafoglio, una base di investitori estremamente diversificati, inclusi alcuni dei più grandi fondi sovrani e fondi pensione al mondo.

Al Teatro Fontana di Milano, assemblea MIdJ

Ada Montellanico presidente MIdJ
Ada Montellanico presidente MIdJ

Milano è la città prescelta per la quinta importante assemblea nazionale di MIdJ, Musicisti Italiani di Jazz, appuntamento immancabile per tutti i musicisti e gli operatori del jazz italiano.

In questi anni l’associazione si è consolidata enormemente acquisendo sempre più un’identità nazionale e autorevolezza, anche dal punto di vista politico. Il lavoro portato avanti dal direttivo e dalle delegazioni regionali ha dato molti risultati in poco tempo e gettato le basi per una strada nuova, da percorrere con idee chiare e intenti positivi per il futuro prossimo, per traghettare la categoria dei musicisti e la musica jazz verso quel riconoscimento che merita.

MIdJ è stata in grado di lavorare sempre su due binari: quello istituzionale e quello culturale diventando promotori di importanti iniziative che non erano mai state realizzate in Italia, una su tutte il progetto AIR, l’importante iniziativa di residenze per artisti all’estero promosso da SIAE.

Ma questa è solo la punta di diamante di una promozione costante, che diventerà anche materia di discussione durante la giornata dell’8 aprile.
Sono passati quattro anni dalla nascita di MIdJ, anche se sembrano molti di più visti i risultati ottenuti e l’identità raggiunta dall’associazione.

“Il lavoro è stato molto e notevole l’impegno – dichiara Ada Montellanico, presidente MIdJ – ma la passione, la determinazione e l’esigenza di cambiare lo stato della nostra musica nel nostro Paese hanno rappresentato uno stimolo forte per andare avanti nella costruzione di un nuovo percorso.
Ora siamo arrivati al passaggio di staffetta e c’è bisogno di tutta la vostra partecipazione e il vostro coinvolgimento per rafforzare e far crescere sempre di più la nostra associazione”.

Domenica 8 aprile infatti si rinnoverà il consiglio direttivo. L’appuntamento per tutti gli operatori del settore (non solo i musicisti, ma anche i direttori artistici, i gestori dei jazz club, gli organizzatori di festival e rassegne musicali e così via) è al Teatro Fontana di Milano, dalle ore 10.30 alle 18.

I candidati alle nuove elezioni sono (in ordine alfabetico) Marcello Allulli, Romina Capitani, Claudio Carboni, Franco Caroni, Gabriele Coen, Donatello D’Attoma, Lucrezio De Seta, Claudio Fasoli, Alessandro Fedrigo, Stefano Giuliano, Simone Graziano, Lucia Ianiello, Antonio Ribatti e Gianni Taglialatela.

Le votazioni saranno aperte fino al 3 aprile (si può inviare una mail all’indirizzo info@musicisti-jazz.it, fino a un massimo di nove preferenze), ma sarà possibile esprimere la propria preferenza anche durante l’assemblea nazionale di Milano, presso il Teatro Fontana.

Avis Comunale Bergamo: 2015 positivo

avis salute2
Ottant’anni di solidarietà. Si è tenuta sabato 27 febbraio l’Assemblea annuale di Avis Comunale Bergamo: ricorrenza ancor più speciale, quest’anno, poiché introduce ai primi ottant’anni della sede bergamasca dell’Associazione.

 L’incontro tenutosi presso la sede Avis del quartiere Monterosso, in via L. da Vinci 4 a Bergamo, è stato occasione per illustrare i risultati conseguiti nel 2015.

Un anno particolarmente interessante con 2.935 donatori attivi (+4,3% rispetto al 2014), 6.118 donazioni effettuate (in aumento di 222 unità rispetto al 2014, in percentuale il 3,77% in più) e 559 nuove iscrizioni (di cui 344 non hanno ancora effettuato la prima donazione, in alcuni casi perché gli aspiranti devono ancora ricevere l’autorizzazione a donare).

Il numero soci che, invece, ha già effettuato la prima donazione (215) ingloba alcuni nuovi iscritti del 2014 e permette di constatare che circa il 40% dei nuovi iscritti dona entro l’anno.

 «I numeri ci danno un segnale positivo: dati decisamente in contro tendenza rispetto alle performance del 2014 e che ci rendono orgogliosi dei nostri concittadini.

È molto bello rilevare che lo spirito di abnegazione che ha caratterizzato i primi Avisini bergamaschi si è mantenuto saldamente presente nei donatori di oggi, anche se si può sempre fare di più» – ha dichiarato il presidente Roberto Guerini.

In particolare, secondo i dati forniti dal Direttore Sanitario dell’Avis Comunale di Bergamo, dott. Pasquale Scopelliti, sul totale dei donatori, 46 sono stranieri, principalmente romeni, albanesi e senegalesi; per il 75% sono maschi, dai 36 anni in su e le donazioni sono principalmente di sangue, gruppo 0 positivo.