A Natale torna il Sacro: il 21 dicembre la Missa Solemnis di Beethoven

Jordan Philippe

Il capolavoro religioso del compositore sarà diretto da Philippe Jordan

con la partecipazione del Coro diretto da Bruno Casoni

Differita Rai alle 9.35 del mattino del 24 dicembre in collaborazione con Servus Tv

e il Concerto di Natale di Salisburgo

Il Concerto di Natale 2014 riporta alla Scala la grande musica sacra: Philippe Jordan dirigerà la Missa Solemnis di Ludwig van Beethoven. I solisti sono Edith Haller, Daniela Sindram, Stuart Skelton e Günther Groissböck; Maestro del Coro, impegnato in una delle prove più ardue della letteratura, è Bruno Casoni. Le compagini scaligere non affrontano questa pagina sublime dal 1984, quando il M° Carlo Maria Giulini la diresse in Duomo. A 40 anni Philippe Jordan, Direttore Musicale dell’Opéra di Parigi e neo nominato Direttore dei Wiener Symphoniker, è uno dei più interessanti e affermati direttori della scena internazionale. La sua carriera, iniziata come giovanissimo assistente di Daniel Barenboim a Berlino (1998/2001) lo ha portato sul podio dei Berliner e dei Wiener Philharmoniker e nei maggiori teatri (New York, Londra, Salisburgo) inclusa, più volte, la sala del Piermarini: per un Rosenkavalier nel 2011 e per la Filarmonica nel 2008 (stagioni Sinfonica e Filarmonica) e 2011 (Stagione Sinfonica). Nell’aprile 2014 è tornato per un concerto nell’ambito del ciclo dedicato dal Teatro a Richard Strauss.

La prima concezione di quella che Beethoven definì più tardi “la mia migliore opera, il mio più grande lavoro” risale al 1818: il compositore sperò di completarla per l’incoronazione del Cardinale Arciduca Rodolfo, ma il lavoro si protrasse fino al 1822 e la prima ebbe luogo a San Pietroburgo nel 1824. Sono gli anni delle ultime tre sonate per pianoforte, delle Variazioni Diabelli e della Nona Sinfonia, la cui prima esecuzione ebbe luogo un mese esatto dopo quella della Messa. Stagioni in cui la ricerca del compositore, ormai completamente sordo, raggiunge esiti di inquietante profondità, e a cui seguiranno, nei tre anni di vita rimasti a Beethoven, gli ultimi quartetti. Tra i capolavori dell’ultimo periodo del compositore la Missa Solemnis è tra i meno presenti nelle stagioni di concerti anche a causa della proibitiva difficoltà di esecuzione.

Questo concerto consolida la collaborazione tra Rai Com e Fondazione Teatro della Scala, cui si aggiunge una joint venture con Servus Tv. La Rai trasmetterà il Concerto di Natale scaligero (registrato da ben 8 telecamere Rai il 21 dicembre) il prossimo 24 dicembre, alle 9,35, su Rai Uno (durata prevista 85′ circa). L’evento sarà trasmesso in contemporanea anche da Servus TV in Austria, Germania, e territori di lingua tedesca, in virtù di questa joint venture. Servus Tv fornirà a Rai Com il concerto di Natale da Salisburgo, dalla Cappella commemorativa di “Astro del Ciel” con la presenza di ospiti quali Rolando Villazón e verrà trasmesso all’interno della trasmissione “Uno Mattina” in 2 battute: due brani prima della messa in onda e due brani dopo la messa in onda del concerto.

L’esecuzione della Missa Solemnis il 21 dicembre per il Concerto di Natale prosegue una politica di valorizzazione della musica religiosa voluta dal Sovrintendente Alexander Pereira e inaugurata a settembre con il primo concerto della Stagione Sinfonica in cui Zubin Mehta ha diretto Die Schöpfung, oratorio per soli, coro e orchestra di Franz Joseph Haydn. Il 3 e 4 ottobre è stata la volta di Riccardo Chailly che ha diretto la Messa da Requiem di Verdi in memoria di Claudio Abbado.