Morto Romano Battaglia

Romano Battaglia

E’ morto dopo una breve malattia in Versilia lo scrittore Romano Battaglia.

Nato nel 1933  a Marina di Pietrasanta, ha fatto parte della redazione dei telegiornali sulle tre reti RAI; ha collaborato e condotto numerosi programmi televisivi di grande successo, quali: “TV sette”, “Cronache Italiane”, “TG l’una”, “A Nord a Sud”, “Bell’ Italia” ed altre rubriche culturali.

Ha scritto trentatrè libri di cui sette sono per ragazzi: “Lettere dal domani”, vincitore del Premio Bancarellino 1973 e dal quale sono stati tratti un’ opera teatrale, un’ opera lirica ed un disco; “Il paese dei burattini” finalista alla XVIII edizione del Premio Bancarellino; “L’isola di Papagusa”; “Mi hanno rapito gli extraterrestri”; “Il giardino dei pensieri bambini” premio selezione Bancarellino 1979; “La pioppeta” facente parte della collana “I ricordi dei personaggi famosi” ed “Il canto della natura”. Ha vinto con “Il pesce lucente” il Premio Internazionale Andersen per la più bella fiaba per ragazzi. E’ autore anche di tre libri di poesia: “Il ragazzo di sughero”, “L’uomo che piangeva al rovescio”, “Tornare di sera” con il quale ha vinto il premio internazionale di Poesia Città di Piacenza.

Ha scritto volumi, quali: “Artista chi sei”, “Sulla riva del mare” ed il volume documentario su Milano “La città parla”. Un suo lungo racconto figura in “Racconti d’autore”, un’ enciclopedia dei maggiori scrittori italiani.
Altri libri di Romano Battaglia, e dai quali sono stati tratti spettacoli teatrali e radiofonici, sono quelli della serie delle “Lettere al direttore”, “Nuove lettere al direttore”, “Le più belle lettere al direttore” ed “Ultime lettere al direttore”, un’ invenzione narrativa fatta di brevi cronache ispirate alla realtà che assieme formano il ritratto di un’ Italia minore rimasta per anni sconosciuta.

Seguono poi un’ opera satirica “Come si fa”, “Il mistero di Dino Buzzati”, “Il cielo splende ancora”, “Vivono fra noi”, “Non l’ ho detto alla TV”, “Disagiate per amore” ed il romanzo “Non mi sono ucciso” vincitore del Premio Selezione Bancarella 1980.

Al nome di Battaglia é legata la grande manifestazione de “La Versiliana” che in estate si svolge a Marina di Pietrasanta.
Al “Caffè della Versiliana” sono passati i più bei nomi del mondo dello spettacolo, della cultura e della politica; ogni giorno migliaia di persone assistono agli incontri condotti da Battaglia ed intervengono con domande creando così una viva atmosfera di conversazione.