Coro dei minatori

Rossoantico

Due progetti discografici entrambi a cura di Antonio Pascuzzo, due esperienze che si fondono in un live coinvolgente:

il repertorio e l’allegria del CORO DEI MINATORI DI SANTA FIORA si uniscono alla forza orchestrale del progetto ROSSOANTICO, in una vera e propria festa con ritmiche incalzanti,  momenti di intensa emozione, poesia e commozione, grazie alla miracolosa energia di un gruppo nutritissimo e colorato.

ROSSOANTICO affida i suoi testi pungenti e dissacranti ad un sound allegro e allegorico, arricchito da una sezione Fiati  di una banda popolare di antica tradizione, con un suono pulsante e suggestivo autenticamente endemico: la QUESTUA DELLA BANDA DI SAN MARZANO SUL SARNO .

la carica contagiosa del CORO DEI MINATORI DI SANTA FIORA, trascina il pubblico in una notte di  canzoni, amore, vino e anarchia.

Anima di questi due progetti è Antonio Pascuzzo, autore, musicista, produttore, che coordina e guida in prima persona entrambi i gruppi; con  ROSSOANTICO, pubblica l’album dei propri brani originali nell’ottobre 2010,  è ospite a Parla con me, Scalo 76,  Tg2 , e realizza una fortunata serie di concerti speciali  insieme a Fabio Concato.

Con il Coro dei Minatori di Santa Fiora è artefice della parabola che  dalle cantine dell’Amiata porta il gruppo Toscano alla Notte della Taranta, al Primo Maggio a San Giovanni ad un tour di oltre 50 date con Simone Cristicchi e tocca l’apice con la pubblicazione dell’album: DILLI CHE VENGHINO, presentato con uno straordinario concerto all’auditorium Parco della Musica sabato 19 marzo che ha registrato tutto esaurito e grandi riscontri anche della critica. (….eccelsa pagina di folk autentico ….Gino Castaldo Repubblica)

Il lavoro di arrangiamento per entrambi gli album è condiviso con Pericle Odierna e suonato dai Rossoantico insieme ai prestigiosi ospiti che hanno duettato con il Coro: Hevia, Kochani Orkestar, Solis String Quartet, Quartetto Euphoria, Simone Cristicchi, Patrizia Laquidara, Ginevra Di Marco, Mannarino (di cui Pascuzzo è tra i produttori).

La partecipazione al concerto dal vivo di questo ensemble è un’esperienza di Gioia, musica e condivisione ove tutti vengono rapiti, coinvolti e ne divengono  protagonisti in una girandola di emozioni e di crescente divertimento, dove la leggerezza della musica popolare  consente di affrontare con ironia pungente  e dissacrante i temi più scottanti del lavoro, dei diritti, della giustizia sociale mentre tra fiumi di vino si cantano le donne, l’amore e l’anarchia.

I ROSSOANTICO sono:

ANTONIO PASCUZZO (chitarra e voce); ADRIANA ESTER GALLO e SUVI VALJUS (violino), RICCARDO CORSO (chitarre bouzuky, mandolino), MARCO MONACO (batteria); PUCCIO PANETTIERI (cocktail drum) MARIO DOVINOLA (pianoforte), STEFANO INDINO(fisarmonica), PATRIZIO SACCO (contrabbasso); PERICLE ODIERNA e PEPPE RUSSO (fiati);

dal 2007 vantano un’intensa attività live; nel 2010 (maggio e ottobre) per due volte ottengono il sold out all’auditorium Parco della Musica e all’Auditorium della Conciliazione entrambi a Roma:

La QUESTUA DI SAN MARZANO SUL SARNO è composta da:

MAX BARRETTA (tromba) CICCIO SQUITIERI (corno) PASQUALE MOSCA(trombone).

Il   Coro dei minatori di santa fiora è formato da:

Giuliano Travi – Gianluca Detti – Giuliano Martellini – Lino Nucciotti – Renzo Verdi – Mauro Bernacchi – Ennio Sensi- Giammarco Nucciotti – piero D’Amario–stefano Battisti – stefano pioli – simone ottaviani – niccolò Sensi.