Teatro degli Arcimboldi: “Don Quixote”- Accademia Ucraina di Balletto

TAM_Quixote18_web
TAM_Quixote18_web

Teatro degli Arcimboldi – 19 e 20 gennaio 2018 ore 21.00

Si rinnova, come ormai ogni anno, l’appuntamento degli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto.
Dopo l’ennesimo successo della scorsa stagione e a grande richiesta, torna lo straordinario balletto ispirato all’omonimo capolavoro di Miguel de Cervantes, Don Quixote, che si alternerà nei tre giorni di programmazione a BIANCANEVE e i SETTE NANI, riproposto dopo il sold out di febbraio 2017.

Già presentato 4 anni fa nella versione che va in scena in molti paesi dell’est, quest’anno si ispirerà ad una sinossi più tradizionale e completa.
Ancora una volta protagonisti gli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto ed alcuni allievi già diplomati a fianco di due vere e proprie stelle del balletto: ALINA NANU e ONDREJ VINKLAT, primi ballerini del TEATRO DELL’OPERA di PRAGA.

Don Quixote è un gentiluomo di campagna convinto di essere un cavaliere errante, sogna la sua dama Dulcinea ed insieme a Sancho Panza, il suo scudiero, parte alla sua ricerca. Kitri, figlia dell’oste Lorenzo e promessa dal padre al ricco Gamache, è innamorata di Basilio. Don Quixote, nel suo viaggio, giunge nella città dove vive Kitri, ravvisa in lei la sua Dulcinea e la corteggia provocando la gelosia di Gamache. Nella confusione che si verifica i due innamorati riescono a fuggire e si rifugiano in una taverna, inseguiti da Lorenzo e da Gamache.

Mentre giungono anche Don Quixote e Sancho Panza, Basilio, con uno stratagemma finge di suicidarsi e Kitri implora l’aiuto e l’intercessione di Don Quixote, il quale convince Lorenzo a benedire le nozze dei due giovani prima della morte di Basilio. Avvenuta la benedizione, Basilio si rialza svelando l’inganno. Infine, tra grandi feste per l’avvenuto sposalizio, Don Quixote ed il suo scudiero ripartono alla ricerca di nuove avventure.

PREVENDITE AUTORIZZATE:

Ticketone – www.ticketone.it

Davide Van De Sfroos: il 4 febbraio al via il “Folk CooperaTour”

DVDS_Cover_Synfuniia b
Registrano il sold out i due concerti di DAVIDE VAN DE SFROOS in programma il 30 e il 31 gennaio al Teatro degli Arcimboldi di Milano, dove il cantautore comasco si esibirà per la prima volta con l’Orchestra Sinfolario diretta dal M° Vito Lo Re per presentare il nuovo album “Synfuniia” (Batoc67/Universal Music).

L’artista darà vita ad una grande colonna sonora insieme all’orchestra di 40 elementi, esplorando il sound di Ennio Morricone e Michael Nyman, senza però perdere l’ironia tipica delle proprie canzoni. I concerti al Teatro degli Arcimboldi del 30 gennaio (inizio spettacolo ore 21.00) e del 31 gennaio (inizio spettacolo ore 16.00) sono organizzati da Shining Production, Batevents e Groove Company Srl.

 “Syfuniia” è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle principali piattaforme streaming. L’album contiene 14 brani storici del cantautore comasco, riarrangiati dal M° Vito Lo Re (che ha già lavorato, tra gli altri, con Edoardo Bennato, Elton John Band e Massimo Ranieri) per la Bulgarian National Radio Simphony Orchestra. In questo album, Davide Van De Sfroos, in occasione dei suoi 50 anni, ha vestito i suoi grandi successi di nuovi abiti, unendo folk, rock e musica classica e registrando il disco tra Roma, Sofia (Bulgaria) e Cantù (Como).

In questi giorni, Davide Van De Sfroos è impegnato in un instore tour per presentare il nuovo album con tappa mercoledì 20 gennaio, a La Feltrinelli di Genova (via Ceccardi 16 – ore 18.00) e lunedì 25 gennaio a La Feltrinelli di Verona (via Quattro Spade, 2 – ore 18.00).

 Subito dopo l’esperienza di “Synfuniia”, Davide Van De Sfroos partirà per un nuovo viaggio, un ritorno alle origini del folk con il “Folk CooperaTour” (prodotto e organizzato da Batevents). Queste le prime date annunciate, che faranno da anteprima al tour primaverile: il 4 febbraio la data zero al Teatro San Domenico di Crema – Cremona (Piazza Trento e Trieste – ore 21.00) e il 5 febbraio, in occasione del 39° Carnevale Vigezzino, presso il Palatenda in Piazza San Giacomo a Craveggia – Verbania (ore 22.00).

Durante tutto il “Folk CooperaTour”, sul palco con Davide Van De Sfroos ci saranno, per la prima volta, i giovani Shiver, band di Lecco composta da Lorenzo Bonfanti (chitarra, percussioni, voce), Stefano Bigoni (piano, lap-steel, tromba, voce), Andrea Verga (banjo, chitarre, mandolino, voce), Stefano Fumagalli (contrabbasso) e Luca Redaelli (violino).

www.davidevandesfroos.com

www.facebook.com/Davide-Van-De-Sfroos-Official-31173730932

twitter.com/davidevds

Ammutta Muddica

Aldo Giovanni Giacomo

ideato e scritto da

ALDO GIOVANNI E GIACOMO

con

VALERIO BARILETTI e WALTER FONTANA

con la collaborazione di MICHELE BOTTINI e MAURO CHINNICI

con la partecipazione di

SILVANA FALLISI

scene ALESSANDRO MARRAZZO

coordinamento video MORGAN BERTACCA

costumi ROBERTA SPEGNE

musiche VALERIO CARBONI

regia di

ARTURO BRACHETTI

 

dal 21 febbraio 2013

Teatro degli Arcimboldi

Viale dell’Innovazione 20 – 20126 Milano

-> da martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 16.00 

una produzione Paolo Guerra per

AMMUTTA MUDDICA

il nuovo spettacolo di

ALDO GIOVANNI E GIACOMO

A sette anni dal successo di Anplagghed, lo spettacolo dal vivo campione assoluto di incassi per la stagione teatrale 2005/2006, e dopo il successo cinematografico nel 2010 con La Banda dei Babbi Natale (biglietto d’oro 2011), il trio delle meraviglie torna a esibirsi dal vivo in un nuovo imperdibile show.

Aldo Giovanni e Giacomo tornano al teatro, che considerano la loro dimensione prediletta, come autori e interpreti di uno spettacolo in cui propongono nuovi esilaranti sketch.

Lo spunto è la vita di tutti i giorni, ricca di personaggi strampalati e situazioni comiche.

Alla guida di un grande tir dal quale prendono vita le varie scene, li vedremo protagonisti di situazioni molto diverse tra loro: dall’emergenza che si trovano ad affrontare tre cittadini prigionieri di Equitalia, al mondo sotto sopra della sanità visto da tre pazienti; dalla presa in giro di alcune mode contemporanee come quella per i tatuaggi e la mania della corsa, fino alla parodia dei film d’azione. Il tutto, come sempre, ingrandito e deformato dalla lente stravagante e surreale del trio. A fare da contrappunto a quanto accade in scena ci saranno dei video realizzati dietro le quinte: le telecamere seguiranno il trio a ogni uscita di scena per raccontare quel che accade anche fuori dal palcoscenico.

A differenza di Anplagghed, allestito in palazzetti di grande capienza, con Ammutta Muddica il trio ha voluto ritornare alla dimensione teatrale più classica, come per i Corti, per recuperare una maggiore vicinanza e interazione con il pubblico.

Le scenografie sono di Alessandro Marrazzo. Il coordinamento video è di Morgan Bertacca. I costumi di Roberta Spegne. Le musiche originali sono composte da Valerio Carboni.

Ancora una volta il trio ha scelto di affidare la regia al celebre trasformista Arturo Brachetti, che già li ha diretti ne I Corti (1995), in Tel chi el Telùn (1999) e in Anplagghed (2005).

In scena con Aldo Giovanni e Giacomo ci sarà l’attrice Silvana Fallisi.

I testi sono stati ideati e scritti da Aldo Giovanni e Giacomo con Valerio Bariletti e Walter Fontana.

AMUTTA MUDDICA, che ha debuttato il 30 novembre 2012 a Pavia, prosegue  in tournèe toccando molte città: Savona, Montecatini, Novara, Reggio Emilia, Trieste e nel 2013 Lugano, Forlì, Firenze, Genova, Padova, Torino, Milano, Catania e Roma.

Il titolo

Questo spettacolo si preannuncia originale fin dalla scelta del titolo: AMMUTTA MUDDICA. Si tratta di un modo di dire che in dialetto siciliano significa “Spingi, mollica!”ovvero: “Avanti, datti da fare!”.

Verrebbe quasi da pensare che sia un incoraggiamento utile per tutti, di questi tempi.

In realtà “il titolo è nato spontaneamente durante le prove- racconta il trio-. Nessuno ma proprio nessuno aveva voglia di fare: dagli autori alla regia fino ai tecnici. A un certo bel momento abbiamo dovuto prendere in mano noi la situazione e imporci: Ammutta muddica, o tutti a casa!”.

 

 

. Ufficio stampa tour                                  

Agidi srl  Francesca Doati  

02/83241190- 328/8408968 

agidi.milano@agidi.it

. Ufficio stampa Milano                                

Bags Entertainment  Cristina Atzori         

02/67071216  – 349/8205112

cristina.atzori@bagsentertainment.com

 

ALDO GIOVANNI E GIACOMO

in

AMMUTTA MUDDICA

tournèe teatrale 2012/2013

 

dal 30 novembre al 2 dicembre

DEBUTTO NAZIONALE

PAVIA – TEATRO FRASCHINI

dal 4 al 5 dicembre

SAVONA – TEATRO CHIABRERA

7 dicembre

MONTECATINI TERME – NUOVO TEATRO VERDI

dall’11 al 12 dicembre

NOVARA– TEATRO COCCIA

dal 14 al 16 dicembre

REGGIO EMILIA – TEATRO VALLI

dal 21 al 23 dicembre

TRIESTE – POLITEAMA ROSSETTI

dal 10 al 13 gennaio 2013

LUGANO – PALAZZO DEI CONGRESSI

dal 17 al 20 gennaio 2013

FORLì – TEATRO DIEGO FABBRI

dal 24 al 27 gennaio 2013

FIRENZE – TEATRO VERDI

dal 30 gennaio al 3 febbraio

GENOVA– POLITEAMA GENOVESE

dal 6 al 10 febbraio

PADOVA – GRAN TEATRO GEOX

dal 13 al 18 febbraio

TORINO – TEATRO COLOSSEO

dal 21 febbraio

MILANO – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI

dal 10 all’11 aprile

CATANIA – TEATRO METROPOLITAN

dal 16 al 17 aprile

ROMA – GRAN TEATRO

Calendario aggiornato al 17 dicembre 2012

 

 

 

ALDO GIOVANNI e GIACOMO

 

 

Aldo, Giovanni e Giacomo, uno dei sodalizi artistici più noti e amati della storia dello spettacolo italiano degli ultimi decenni – protagonista di spettacoli teatrali, televisivi e cinematografici dal successo travolgente si forma come “trio” nel 1991.

Li accomuna una visione vivace e semplice della comicità, fatta di un equilibrato ed efficace connubio tra l’immediatezza della battuta verbale e l’abilità mimica: connubio che si esprime all’interno di una struttura collaudata quale quella dello “sketch” che, seppure con fantasiose e innovative variazioni, resterà comunque centrale nella loro produzione.

Nel 1992 i tre attori sono ospiti fissi del programma Su la testa, ideato e condotto da Paolo Rossi su Rai 3, esperienza che li porta con successo, per la prima volta come “trio”, all’attenzione delle grandi platee televisive. All’intensa attività teatrale si affianca quella televisiva e radiofonica: sono ospiti fissi nel programma di Rai 3 Cielito lindo e conducono su Radio DJ il programma mattutino Baldini’s land.

E’ del 1994 la loro prima partecipazione al programma televisivo di Italia 1 Mai dire gol, che prosegue con successo per tre stagioni e nel 2004, con la nuova edizione di Mai dire Domenica.

Nel 1995 si rinnova la loro collaborazione con Paolo Rossi, col quale sono lungamente in tournée teatrale nello straordinario spettacolo Il Circo di Paolo Rossi, presentando altri formidabili personaggi. Nello stesso periodo, realizzano anche il loro spettacolo I corti, di cui è interprete anche Marina Massironi, con la regia di Arturo Brachetti: un successo strepitoso di pubblico e critica tanto che viene replicato per tre stagioni teatrali consecutive.

Nel 1997 il “trio” affronta l’esperienza del grande schermo, curando a otto mani con Massimo Venier sceneggiatura e regia del film Tre uomini e una gamba, dove recita anche Marina Massironi: la pellicola si rivela il caso cinematografico dell’anno e riceve importanti riconoscimenti tra cui il David di Donatello per la miglior Opera Prima.

E’ del 1998 il secondo film Così è la vita- una storia vera scritto e girato ancora con Massimo Venier e Marina Massironi come interprete femminile.

Lo spettacolo Tel chi el telùn (1999) con Marina Massironi, la musica eseguita dal vivo e la straordinaria regia di Arturo Brachetti, viene rappresentato per due mesi ininterrotti sotto un tendone da circo a Milano. Riceve un entusiasta consenso di pubblico, dal vivo e come homevideo, ma anche in televisione, grazie alla messa in onda su Canale 5, di un programma a puntate  intitolato Aldo Giovanni e Giacomo show.

Il successo del trio prosegue col terzo film Chiedimi se sono felice (2000), ancora una volta scritto e diretto insieme a Massimo Venier e con Marina Massironi come principale interprete femminile.

Il quarto film La Leggenda di Al, John e Jack (2002) dà vita – sempre in collaborazione con Massimo Venier – a un progetto impegnativo e complesso, a lungo coltivato e tenuto nel cassetto, di ironica “gangster story” che prevede una precisa ambientazione storica (gli anni ’50) e geografica (il film è stato girato per gran parte a New York) e una particolare cura per la scenografia, la fotografia, le musiche e le atmosfere d’epoca.

Nel dicembre 2004 esce anche il loro quinto film Tu la conosci Claudia?, la cui regia è affidata al solo Venier, e che li vede affiancati da bravissime e note attrici tra cui Paola Cortellesi (protagonista femminile), Ottavia Piccolo, Sandra Ceccarelli. I tre artisti ripropongono con ironia variazioni sui temi dell’amicizia e dell’amore, a loro cari e, ancora una volta, vengono premiati dall’attenzione del pubblico.

Il 2005 porta la più interessante novità nella produzione artistica del “trio” degli ultimi anni: il loro ritorno sulle scene con un nuovo spettacolo dal vivo, Anplagghed, che da febbraio 2006 li porta a toccare con una lunga tournée moltissime zone d’Italia. Si tratta in fondo di un ritorno alla loro originaria vocazione, quella dello show dal vivo, a contatto immediato con il loro numerosissimo e variegato pubblico di ammiratori ed appassionati, che da tempo attendeva il rinnovarsi di questo tipo di  appuntamento, dopo i tanti divertenti film di successo. Progettato per grandi spazi quali i palasport o simili, con un grande palco e supporti tecnici di altissimo livello, Anplagghed è stato anche ripreso con sistemi estremamente innovativi per poter fornire un prodotto video di elevatissima qualità. Così si è passati alla “fase due” innovativa e fortunata: la proposta al cinema dello spettacolo (Anplagghed al cinema), che è stata un grande successo del Natale 2006 e al quale nel 2007 è seguita una seconda tournée teatrale.

Nell’autunno 2007 è uscito in libreria il cofanetto di Anplagghed con un libro e due DVD: quello dello spettacolo e quello degli extra (backstage, prove, gag inedite). Nel gennaio 2008 Canale 5 ha trasmesso in due puntate la versione televisiva dello spettacolo teatrale. 

Nei mesi di maggio e giugno 2008, in prima serata su Italia 1, sono stati protagonisti i Pur Purr Rid! un viaggio esilarante in quattro puntate attraverso il loro intero repertorio: i migliori sketch teatrali e televisivi, le indimenticabili sequenze dei film, il ritmo incalzante delle gag irresistibili hanno nuovamente ottenuto un ottimo successo di pubblico.

Nel 2008 esce il loro settimo film Il cosmo sul comò, diretto da Marcello Cesena. Questa volta il trio di sperimenta con la commedia a episodi, quattro legati da un quinto a fare da filo conduttore.

Nell’autunno 2009 tornano in televisione come ospiti fissi della trasmissione di Rai 3 Che tempo che fa, condotta da Fabio Fazio,interpretando una strampalata ronda padana. Sono in edicola, con il Corriere della Sera, con Il meglio di Aldo Giovanni e Giacomo, 8 dvd esclusivi con una rassegna delle formidabili performance televisive, cinematografiche e teatrali (una coproduzione AGIDI srl/RTI spa).

A Natale 2009 esce per Rizzoli il cofanetto Il meglio di Aldo Giovanni e Giacomo – televisione, teatro, cinema: 3 dvd e un libro di Maurizio Porro.

Nell’aprile 2010 prestano le loro voci per il doppiaggio del film documentario Oceani 3D, il primo film subacqueo interamente realizzato in digitale tridimensionale. A dicembre dello stesso anno tornano trionfalmente nelle sale cinematografiche con il film campione di incassi La banda dei Babbi Natale (2010).

GLI SPETTACOLI TEATRALI

2005                            ANPLAGGHED

1999                            TEL CHI EL TELùN

1995                            I CORTI

SILVANA FALLISI

Debutta in teatro nel 1984, con il T.P.R. (teatro popolare di ricerca) di Padova, partecipando a diverse produzioni di teatro per ragazzi, tra cui La storia di tutte le storie di Rodari del 1989 che viene premiato al Festival Teatro Ragazzi di Padova.

Nel 1991 è tra i fondatori del gruppo teatrale T.O.Q., che debutta con lo spettacolo comico Ballando diretto da Vasco Mirandola, col quale darà vita al duo comico Fallisi-Mirandola e con cui realizzano svariate produzioni.

Gli anni dal 1999 al 2001 vedono Silvana Fallisi impegnata allo Zelig, dapprima partecipando al laboratorio e successivamente alle edizioni televisive di Zelig Cabaret.

Costante presenza femminile nelle produzioni teatrali e cinematografiche del trio Aldo Giovanni e Giacomo, partecipa allo spettacolo Anplagghed, poi trasposto in versione cinematografica, e ai film Chiedimi se sono felice, Tu La Conosci Claudia?, Il Cosmo sul Comò fino al recente La banda dei Babbi Natale (2010).

Dopo una lunga fase dedicata al cinema, il 2010 segna il suo ritorno in teatro con lo spettacolo Era Ora, scritto da Alessandra Scotti e diretto da Corrado Accordino, di cui è protagonista insieme ad Alfredo Colina.

ARTURO BRACHETTI

regista

Arturo Brachetti è un artista italiano, famoso e acclamato in tutto il mondo. In molti paesi è considerato un mito vivente nel mondo del teatro e della visual performing art. Inoltre è un regista e direttore artistico attento e appassionato, capace di spaziare dal teatro comico al musical, dalla magia al varietà.

Arturo “appare” in Italia, a Torino, città magica per eccellenza, nel 1957 ma la sua carriera comincia a Parigi, dove, come unico trasformista al mondo, reinventa e riporta in auge l’arte dimenticata di Fregoli, diventando per anni l’attrazione di punta del Paradis Latin. Da qui in poi la sua carriera è inarrestabile, in un crescendo continuo che lo ha affermato come uno dei pochi artisti italiani di livello internazionale, con una solida notorietà al di fuori del nostro paese. Si è esibito ai quattro angoli del pianeta, in diverse lingue e in centinaia di teatri nel mondo. L’ultima tournée (luglio-ottobre 2012) si è svolta in Canada: tre mesi di sold out che hanno confermato la grande passione del pubblico nord americano per la sua arte.

Brachetti è oggi il più grande attore-trasformista del mondo, con una “galleria” di oltre 350 personaggi, di cui 100 interpretati in una sola serata.

Nel 2000 la Francia gli assegna il premio Molière (il corrispondente francese del Tony Award) come miglior attore teatrale; nel 2010 vince il Laurence Olivier Award, riconoscimento teatrale inglese; nel 2011, di nuovo in Francia, viene nominato Cavaliere delle Arti e del Lavoro dal Ministro della Cultura francese.

Nell’evoluzione della sua carriera “il ciuffo più famoso d’Italia” ha toccato il mondo dello spettacolo a 360°, cimentandosi sopra al palcoscenico, ma anche davanti ad una telecamera e, negli ultimi anni sempre più di frequente, dietro le quinte. Arturo come regista e direttore e artistico mescola sapientemente trasformismo, comicità, illusionismo, giochi di luci e ombre, e amalgamandoli con poesia e cultura.

In Italia e all’estero ha diretto spettacoli e concerti oltre che commedie e musical di successo. Tra tutti spicca il rapporto “storico” e speciale con Aldo, Giovanni e Giacomo, che segue fin dagli esordi. Arturo Brachetti è il regista di tutti i loro lavori teatrali: I Corti, Tel chi el telùn, Anplagghed e oggi Ammutta Muddica.

La sfida professionale di Arturo è continua e si fa sempre più avvincente: sta lavorando a diversi progetti tra cui Allegro un po’ troppo, un inusuale viaggio nella musica classica a “suon di magia” con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della
Rai; Magiko! uno spettacolo teatrale che mescola illusionismo e varietà; Ecco! il nuovo show del duo comico I Lucchettino; la direzione artistica di nuovi talenti tra cui Luca Bono, giovanissimo campione di magia già insignito di prestigiosi premi internazionali.

Arturo Brachetti è un personaggio internazionale spesso in viaggio intorno al mondo, ma forte è il suo legame con l’Italia, di cui porta sul palco quei segni distintivi che la rendono famosa in tutto il mondo: qualità, amore per “il bello”, gusto e, soprattutto, fantasia.

I PARTNER DEL TOUR

Partner ufficiali del tour AMMUTTA MUDDICA:

La radio ufficiale del tour

INFO MILANO

Teatro degli Arcimboldi

Viale dell’Innovazione 20 – 20126 Milano

Centralino:

Telefono: + (39) 02.64.11.42.200



attivo dal lunedì al venerdì ore 10 – 18


Biglietteria:

Telefono: + (39) 02.64.11.42.212/214

dal lunedì al venerdì ore 10 – 18


INFO GRUPPI: gruppi@ipomeriggi.it 02/64.11.42.213

Biglietti:

da 15.00 a 40.00 euro prevendita esclusa

Platea Bassa I Sett € 40

Platea Bassa II Sett € 30

Platea Alta € 25

Platea Alta laterale € 20

I Galleria € 20

I Galleria Laterale € 20

II Gallera € 20

II Galleria Laterale € 15

II Galleria Visibilità ridotta € 15

prevendite:

In rete e in tutti i punti vendita Ticketone

www.ticketone.it

elenco punti vendita: http://www.ticketone.it/biglietti.html?affiliate=ITT&doc=search/ticketAgency

CONCERTO STRAORDINARIO

Sabato 26 maggio, per la prima volta, centocinquanta giovani coristi – Coro SONG Lombardia preparato dal Maestro Dario Grandini e Coro Mani Bianche Lombardia – e cento giovani strumentisti del Sistema delle Orchestre e Cori Giovanili in Italia, si troveranno insieme sul prestigioso palco del Teatro degli Arcimboldi di Milano pronti per essere diretti dal grande compositore Ennio Morricone. Per l’occasione, il Maestro dirigerà due suoi brani: il noto Tema di Deborah tratto dalla colonna sonora del film C’era una volta in America e la suggestiva pagina La metamorfosi di Violetta. Il Maestro Alessandro Cadario, che si dedica con passione alla formazione dei giovani, sarà sul podio per il resto del programma che prevede musiche di Beethoven, Bach, Mozart e Piazzolla.

Un concerto straordinario voluto dalla Fondazione I Pomeriggi Musicali per lanciare dal palcoscenico del Teatro degli Arcimboldi un messaggio di gioia, solidarietà e fiducia nel futuro; una grande festa per avvicinare i piccoli musicisti alla grande musica, grazie alla generosità del Maestro Ennio Morricone che ha offerto la sua disponibilità e la sua musica.

Il concerto andrà a favore di Dottor Sorriso Onlus, l’Associazione che dal 1996 porta l’allegria nei reparti di pediatria di ventisette strutture sanitarie italiane e in tante parti del mondo afflitte dalle guerre e dal disagio.

Igor Moiseev Ballet

 

Danza moldava-La Tabakerjaska

Il Teatro degli Arcimboldi avrà l’onore di ospitare un evento imperdibile per il mondo della danza con l’esibizione della compagnia di danza popolare del celebre coreografo russo Igor Moiseev.

L’evento è ancor più unico perché l’Igor Moiseev Ballet è assente dal nostro paese dal 2005 e da Milano in particolare dal 1994. Nel passato la compagnia fu anche ospite del Teatro alla Scala (nel 1962 e nel 1969) con un pubblico in visibilio che accolse gli artisti tributandogli il meritato successo.

Un entusiasta Dino Buzzati scrisse: “Ci sono state esattamente novantun salve di applausi, di cui quarantaquattro nella prima parte dello spettacolo e quarantasette nella seconda… Un fenomeno simile alla Scala non me lo ricordo. Neppure la Callas si è mai beccata tanti battimani…”. E, per spiegare questo successo, disse: “Nei balletti di Moiseev c’è dentro un’allegria, un entusiasmo, una salute, una serenità, un gusto di volersi bene, soprattutto una trionfale giovinezza fisica e morale…”.

L’Igor Moiseev Ballet nasce nel 1937 come prima compagnia professionale di danza folklorica del mondo. Il suo fondatore e direttore, Igor Moiseev, è stato uno dei maestri di ballo e coreografi più noti di Russia, insignito di vari titoli e onorificenze (“Artista Emerito del Popolo Russo”, “Eroe dell’Emulazione Socialista”, “Premio Lenin”, “Ordine per i Meriti alla Patria” di I e III livello, “Premio Triumph” e più di trenta altre onorificenze in patria e all’estero).

Igor Moiseev è il simbolo di un’arte altamente professionale e al tempo stesso estremamente pura e appassionata.

Il repertorio della Compagnia conta più di 300 danze popolari, miniature coreografiche e balletti in un atto quali Tzam, Danze Polovesiane (musica di A. Borodin), Una notte sul Monte Calvo (musica di M. Musorgskij), I Pattinatori (musica di J. Strauss), La Ballata Spagnola (musica di Pablo de Luna), Una sera in osteria, Suite di danze ebraiche “Family Joys”.

Un repertorio così vasto fa della Compagnia un vero e proprio teatro accademico di danze popolari che porta sul palcoscenico la sua purezza, la solare visione della vita, l’ottimismo, lo splendore e la forza della vita. La sua missione è quella di avvicinare i popoli attraverso l’autenticità e l’apertura reciproca.