L’estate a Caorle

Caorle
Caorle

L’estate a Caorle tra sport, cultura ed enogastronomia:
non solo mare nel borgo storico dell’Alto Adriatico.

Dal 1° giugno Caorle accoglie i suoi ospiti per un’estate in sicurezza e piena di emozioni. Combinazione di storia, natura e tradizione, è località ideale per una vacanza poliedrica che dal mare all’entroterra permette di esplorare ambienti e luoghi inediti, provare sapori tipici, praticare sport all’aria aperta e scoprire leggende e architetture che rappresentano un importante patrimonio storico e artistico.

Caorle (VE), 29 maggio 2020 – L’estate è alle porte e il desiderio di programmare una vacanza inizia a far sognare la mente. Nell’Alto Adriatico, Caorle si presenta come meta ideale in questo periodo e si distingue dalle vicine località della costa proponendo una vacanza al mare dalle innumerevoli sfaccettature. Non solo 18 km di spiagge dorate, ma soprattutto natura incontaminata, cultura e un’importante tradizione enogastronomica. Parole d’ordine: accoglienza e sicurezza, indispensabili per vivere un soggiorno in libertà, tra attività all’aria aperta, scorci panoramici e strutture organizzate al meglio per garantire ai propri ospiti il giusto relax.

Dal 1° giugno l’estate a Caorle prende il via e propone un turismo slow che sfrutta grandi spazi per la pratica di sport outdoor, escursioni alla scoperta del territorio, dal mare all’entroterra, e immancabili esperienze gourmet. E per chi invece non vuole rinunciare alla spiaggia garantisce lidi organizzati meticolosamente, ambienti sani, distanziamento e accessi sicuri. Il borgo storico di Caorle si presta infatti ad un turismo di mare alternativo che combina la classica vacanza balneare a tantissime opportunità di svago, permettendo di vivere anche la bellezza unica della laguna e il fascino del suo centro storico. Antico borgo di pescatori dalla storia millenaria, suggerisce un viaggio alla ricerca di angoli inediti e leggendari. Il territorio che comprende la laguna caorlotta e l’entroterra si svela luogo perfetto per le escursioni a piedi o sui pedali. Chilometri di percorsi e piste ciclabili attraversano ambienti fluviali e aree naturalistiche protette che conducono dalla campagna fino al mare, toccando anche siti storici e archeologici. Imperdibile l’Isola dei Pescatori che permette di ammirare i caratteristici Casoni (antiche abitazioni in legno e canna palustre); la zona di Ca’ Corniani, dove si sta ultimando il progetto di una pista ciclabile di ben 32 km (molti dei quali già percorribili); ma anche le vicine località come Brussa, San Gaetano, Concordia Sagittaria, tutte raggiungibili con semplici gite in bike da intraprendere soli, in coppia o in famiglia. Nel centro storico, invece, tra calli, campielli e tipiche abitazioni della tradizione veneziana è possibile perdersi osservando moderni pittori en plein air, l’antico Duomo che risale al 1038 con l’iconico campanile cilindrico, per poi raggiungere una delle più belle passeggiate del litorale adriatico, ScoglieraViva, che termina a Est con il Santuario della Madonna dell’Angelo, la chiesetta affacciata sul mare simbolo di Caorle. E ancora, per un tuffo nella tradizione tra le vie del centro, è d’obbligo una sosta al Porto Peschereccio e all’adiacente Mercato Ittico Comunale, per acquistare pesce fresco o semplicemente assistere a un rituale che si ripete da generazioni. Cuore della tradizione caorlotta, la pesca è anche protagonista di una gustosa proposta enogastronomica, da provare nei numerosi ristoranti e trattorie aderenti a Gusta Caorle.

NUOVE REGOLE IN SPIAGGIA
Caorle può contare su ben 18 km di spiagge Bandiera Blu e Bandiera Verde, note per la sabbia dorata e un mare che degrada dolcemente. Per l’estate 2020 assicura misure igienico-sanitarie e di organizzazione che offrono una permanenza in spiaggia in tutta sicurezza e tranquillità. Corsie differenziate regolano l’accesso alla spiaggia, la disposizione di lettini e ombrelloni assicura ampio distanziamento, la sanificazione delle attrezzature garantisce ambienti sani insieme alle nuove colonnine Spray for Life: il totem digitale che posto in alcuni punti strategici del territorio misura la febbre, dispensa gel igienizzante e nebulizza i piedi disinfettandoli. Inoltre, i chioschi in spiaggia sono dotati di menù digitale consultabile direttamente dal sito o tramite QR Code e gli utenti possono decidere di farsi recapitare l’ordine direttamente sotto l’ombrellone o ritirarlo personalmente.

Protocollo FIP-FIPIC

Fip Fipic
Fip Fipic

Protocollo FIP-FIPIC
Le linee guida per il ritorno allo svolgimento degli allenamenti nella Pallacanestro
Documento in collaborazione con il Politecnico di Torino

Definire linee guida semplici e pragmatiche per il ritorno allo svolgimento degli allenamenti nella disciplina della pallacanestro destinate ad associazioni e società sportive. È questo lo scopo principale del Protocollo redatto dalla Federazione Italiana Pallacanestro insieme alla Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina in collaborazione con il Politecnico di Torino su richiesta dell’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri in seguito all’emanazione delle linee guida per la ripresa delle attività sportive contenute nei DPCM del 4/05/2020 e del 17/05/2020.

Per la stesura del documento, la FIP e la FIPIC si sono attenute alle linee guida governative emanate alla luce della situazione epidemiologica attuale del Paese. La Commissione, che rimarrà in attività, potrà pertanto decidere di modificare il documento sulla base di ulteriori indicazioni provenienti dalle Istituzioni governative.

Il Protocollo è rivolto alle Associazioni e alle Società Sportive affiliate alla FIP e alla FIPIC, ai Dirigenti delle Associazioni Sportive e Società sportive, ai Centri di allenamento federale, alle palestre o palazzetti dello sport, campi all’aperto in cui si allenano associazioni e società, a Istruttori Minibasket, Allenatori, Preparatori Fisici, Atleti, Medici sociali e Medici referenti.
Tra le altre, il documento fornisce indicazioni, sulle modalità di accesso agli impianti sportivi, sulle persone che possono accedere e quelle che non possono accedere a palestre e palazzetti, sulla figura del Delegato alla Vigilanze, sulla gestione degli spazi comuni, sulle modalità specifiche di svolgimento degli allenamenti di pallacanestro e sulle precauzioni igieniche personali.

Il Protocollo FIP, che mira a garantire la sicurezza degli atleti e dei tecnici definendo regole chiare su ciò che è consentito e ciò che non lo è, si basa altresì sulle indicazioni fornite dal CONI e dal CIP che si sono avvalsi di uno Studio elaborato del Politecnico di Torino. A questo scopo è stata costituita una commissione composta da Marco Barla, Professore al Politecnico di Torino, Referente del Rettore per le attività sportive, Piero Benelli, Medico sociale VL Basket Pesaro, Andrea Capobianco, Direttore tecnico generale delle squadre nazionali giovanili maschili e dell’attività giovanile maschile, Resp. Tecnico CNA, Resp. Tecnico 3×3 Maschile, Fabio Castellucci, Dottore in Scienze e Tecniche dello Sport, Allenatore Nazionale Femminile, Under 19, CUS Padova pallacanestro in carrozzina, Maurizio Cremonini, Responsabile Tecnico Minibasket FIP, Walter De Raffaele, Allenatore Reyer Venezia, Campione d’Italia in carica, Francesco Landi, Ad interim Responsabile Day Hospital Post COVID 19 Pol. Gemelli Roma, Sandro Senzameno, Responsabile Medico FIP e Guido Valori, Avv. specializzato in Diritto dello Sport, docente diritto Sportivo facoltà di giurisprudenza presso l’Università del Foro Italico di Roma.

 

Lo Sport dopo il lockdown

sport dopo lockdown
sport dopo lockdown

Ogni sportivo sa che dopo un lungo stop la ripresa deve essere graduale. Questo è fondamentale per evitare ricadute qualora lo stop fosse stato causato da un infortunio e per limitare il rischio di nuove lesioni.

«Nel corpo umano- spiega il Dottore in Chiropratica Damiano Costa- vige il principio “se non lo usi, lo perdi”. Per esempio se smettessimo di muovere il piede destro per qualche settimana, ci accorgeremmo di come i muscoli della coscia e soprattutto della gamba destri si indebolirebbero e diventerebbero più piccoli e meno reattivi, più lenti. Immaginate cosa può essere successo ai nostri muscoli nel periodo della quarantena, in cui siamo stati costretti a limitare l’attività fisica per un po’ di tempo».

La seconda conseguenza della riduzione dell’attività fisica è la riduzione del controllo da parte del nostro sistema nervoso (cervello e nervi) su tutte quelle strutture che si attivano mentre facciamo sport. Se la precisione di un qualsiasi gesto, atletico o no, si ottiene con la pratica e la ripetizione, l’interruzione ovviamente comporta una diminuzione dell’abilità di esecuzione di quel movimento. Può essere un rischio riprendere bruscamente?

«Diventa un rischio – spiega il Dottor Costa- se dopo 2 mesi che non abbiamo fatto una determinata attività, ad esempio la corsa, all’improvviso ricominciamo pensando di avere la stessa abilità e forma fisica di quando avevamo smesso. Un errore del genere mette a repentaglio lo stato dei nostri muscoli ed articolazioni. Per questo motivo la ripresa dell’attività fisica deve essere graduale, con obiettivi realistici e basati su una valutazione dello stato di forma post-quarantena, senza considerare le prestazioni precedenti. Un po’ come se ricominciassimo da zero. Inoltre, sarebbe opportuno alternare giorni di attività a giorni di riposo. Infatti, non dobbiamo dimenticarci che un altro aspetto fondamentale della ripresa è il recupero, il tempo che diamo al corpo di riprendersi dopo uno sforzo».

Nel caso della corsa la ripresa deve essere composta da tappe che partono da uscite di pochi chilometri a ritmo blando, controllando il battito cardiaco durante l’attività e le reazioni dei muscoli post-attività.
«Molto importante è anche prestare attenzione ai segnali che il nostro corpo ci manda mentre riprendiamo a muoverci. Sentire un muscolo che tira leggermente o un fastidio in un’articolazione possono essere avvisaglie del fatto che il nostro corpo non si sta muovendo correttamente- conclude Costa-. In questo la chiropratica può essere utile perché valuta il funzionamento globale del corpo, localizzando aree che non funzionano correttamente, e aiuta il sistema nervoso a controllare meglio il corpo e quindi riduce il rischio infortuni, soprattutto post-quarantena. Andare dal chiropratico è la ciliegina sulla torta per tornare in forma in maniera rapida e sicura».

Cus Milano: contributo all’ospedale Sacco

83172675coeprtina-raccolta-fondi-fine
83172675coeprtina-raccolta-fondi-fine

Un totale di 5mila euro per l’Ospedale Luigi Sacco di Milano. A tanto ammonta la cifra raccolta dagli studenti sportivi dell’Università degli Studi di Milano nell’iniziativa benefica lanciata da CUS Statale, con il patrocinio di CUS Milano, e pensata per dare un contributo concreto all’ospedale milanese, polo dove diversi futuri medici della Statale frequentano le lezioni.

«Un grazie di cuore a tutti i sottoscrittori che hanno aderito all’iniziativa – ha commentato il presidente del CUS Milano Alessandro Castelli -. L’ammontare, integrato da CUS Milano, è di 5mila euro che sarà bonificato in settimana. È un piccolo contributo, ma è grande il nostro grazie a tutti gli operatori sanitari che da settimane operano per difendere e curare la salute di tutti noi».

Per ringraziare ogni persona che ha deciso di effettuare una donazione, gli organizzatori del CUS Statale hanno pensato a una maglietta del tutto speciale, con la scritta ‘Quando Usciamo Limoniamo’. Si tratta di una rivisitazione dello storico slogan del gruppo sportivo del CUS Statale ‘Se Vinciamo Limoniamo’ che dà il nome anche alla trasmissione radiofonica degli studenti sportivi dell’ateneo meneghino, in onda ogni venerdì sulle frequenze di Radio Statale.

«È a nome di tutto il mondo sportivo universitario che vi ringraziamo di cuore», ha concluso il presidente del CUS Milano Alessandro Castelli.

web www.cusmilano.it
facebook cusmilano
twitter cus_milano
instagram cus_milano
youtube cusmilano1

Sky Sport: Calcio estero Bundesliga

Calcio Estero Sky Sport
Calcio Estero Sky Sport

Calcio estero Bundesliga

Tra il 26 e il 27 maggio in diretta

tutte le 9 partite della 28^ giornata, anche grazie a Diretta Gol

Supersfida a Dortmund: BORUSSIA-BAYERN MONACO
domani, ore 18.30, Sky Sport Uno e Sky Sport Football

Tre match anche con lo “SKY VIRTUAL AUDIO”,
per vivere la partita con il suono del pubblico dello stadio pieno

Milano, 25 maggio 2020. Tra domani, martedì 26, e mercoledì 27 maggio, in Germania si torna in campo con le partite valide per la 28^giornata di Bundesliga.

Un turno caratterizzato dalla supersfida di domani a Dortmund fra le due grandi rivali del calcio tedesco, Borussia e Bayern Monaco, ovvero, la seconda e la prima in classifica, divise da 4 punti, con i bavaresi in testa a quota 61.

Tutti i 9 match potranno essere seguiti live su Sky Sport, anche grazie a Diretta Gol, con gli incontri in programma alle 20.30 in onda in contemporanea.

Studi di approfondimento pre e post partita, con lo “Sky Tech” e la realtà aumentata, per analizzare le fasi di gara più significative.

Anche per questo turno sarà possibile seguire tre incontri con lo “Sky Virtual Audio”, ovvero gli effetti del pubblico ricreati virtualmente. Usufruire di questa opzione è facile, basta selezionare l’audio originale dal telecomando e vivere la partita con il suono del pubblico dello stadio pieno. La telecronaca resterà la stessa, ma cambieranno gli effetti sotto la voce del telecronista. I tre incontri saranno: Borussia Dortmund-Bayern Monaco, Bayer Leverkusen-Wolfsburg e Hoffenheim-Colonia.

Aggiornamenti e news in tempo reale sul campionato tedesco anche su Sky Sport 24, sul sito skysport.it e sull’App Sky Sport.
___________________________________________________________________________________________

Questa la programmazione della 28^giornata di Bundesliga in diretta su Sky Sport:

MARTEDÌ 26 MAGGIO
ore 18 “Bundesliga Live” Sky Sport Football e Sky Sport 24 diretta
(con Federica Lodi; ospiti Massimo Marianella e Riccardo Gentile)
ore 18.30 Borussia Dortmund-Bayern Monaco Sky Sport Uno e Sky Sport Football diretta
(telecronaca Pietro Nicolodi)
ore 20.30 “Bundesliga Live” Sky Sport 24 diretta
(con Federica Lodi; ospiti Massimo Marianella e Riccardo Gentile)
ore 20.30 Bayer Leverkusen-Wolfsburg Sky Sport Football diretta
(telecronaca Andrea Marinozzi)
“DIRETTA GOL” Sky Sport Uno diretta
Eintracht Francoforte-Friburgo
(telecronaca Dario Massara)
Werder Brema-Borussia Moenchengladbach
(telecronaca Federico Zancan)
Bayer Leverkusen-Wolfsburg
(telecronaca Riccardo Trevisani)
ore 22.30 “Bundesliga Live” Sky Sport Football e Sky Sport 24 diretta
(con Federica Lodi; ospiti Massimo Marianella, Riccardo Gentile e Paolo Condò)

MERCOLEDÌ 27 MAGGIO
ore 18 “Bundesliga Live” Sky Sport Football e Sky Sport 24 diretta
(con Federica Lodi; ospiti Riccardo Gentile e Pietro Nicolodi)
ore 18.30 Lipsia-Hertha Berlino Sky Sport Uno e Sky Sport Football diretta
(telecronaca Massimo Marianella)
ore 20.30 Hoffenheim-Colonia Sky Sport Arena diretta
(telecronaca Federico Zancan)
“DIRETTA GOL” Sky Sport Football diretta
Augsburg-Paderborn
(telecronaca Antonio Nucera)
Fortuna Dusseldorf-Schalke 04
(telecronaca Gianluigi Bagnulo)
Union Berlino-Mainz
(telecronaca Daniele Barone)
Hoffenheim-Colonia
(telecronaca Paolo Ciarravano)
ore 22.30 “Bundesliga Live” Sky Sport Football e Sky Sport 24 diretta
(con Federica Lodi; ospiti Riccardo Gentile, Pietro Nicolodi e Giancarlo Padovan)