Valori in Campo

Valori in Campo lr
Valori in Campo lr

La famiglia di Valori in Campo quest’anno si fa ancora più grande. Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha assegnato 150mila euro a 22 tra società e associazioni sportive protagoniste del territorio milanese, triplicando il numero di soggetti coinvolti rispetto al 2017.

“Abbiamo deciso di ampliare la portata di Valori in Campo, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, per offrire a tutto il territorio della Città metropolitana di Milano nuove opportunità di crescita nel segno dello sport e dell’inclusione. Puntare sui giovani, sull’attenzione all’ambiente e sulla forza dei valori educativi che lo sport riesce a trasmettere costituisce una potente spinta verso una società di cittadini consapevoli e attenti a ciò che li circonda”.

Oltre 4.000 atleti coinvolti, dall’infanzia fini alla maggiore età. 880 incontri nelle scuole del territorio per diffondere una cultura sportiva responsabile. 55 Borse per lo Sport e un programma di attività educational sul tema dell’acqua, cui si aggiungono 4 progetti destinati ai ragazzi diversamente abili. E ancora, 30 gli eventi previsti al Parco Idroscalo, il Mare di Milano, oltre a un calendario fitto di manifestazioni sportive, tornei, camp e feste nei 22 comuni interessati. 22 società e associazioni sportive tra basket, calcio, rugby, pallavolo, atletica, subacquea, kayak, danza moderna, corsa podistica, per altrettanti progetti da sviluppare nel prossimo biennio.

Sono questi i numeri di Valori in Campo, progetto di Gruppo CAP nato per vincere la sfida della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale facendo leva sul binomio giovani e sport, giunto al suo terzo anno. L’obiettivo è ambizioso: promuovere la cultura dell’ambiente, condividendo con le nuove generazioni del territorio milanese i principi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030, con particolare attenzione al diritto di accesso all’oro blu come diritto umano fondamentale e alla gestione dell’acqua secondo un modello davvero sostenibile.

Valori in Campo è stato presentato in veste ufficiale oggi, martedì 4 dicembre a Palazzo CONI a Milano, alla presenza delle rappresentanze dei giovani atleti, dei comuni, dei sindaci e delle società sportive, del vicepresidente lombardo del CONI, Alessandro Vanoi, e di Alessandro Russo, che ha illustrato il progetto e le finalità di responsabilità sociale cui mira.

Principi quali rispetto, passione, fiducia, comunità, partecipazione, coraggio e vicinanza rappresenteranno il codice di comportamento che definisce lo spirito dell’iniziativa, e che dovrà essere adottato dalle squadre delle ventidue società sportive coinvolte. Proprio “quei valori in campo” che ispirano quotidianamente le attività di Gruppo CAP nel suo rapporto con il territorio e con le comunità che lo abitano.

“Valori in campo 2018/2020, la sostenibilità in gioco” è il bando con il quale Gruppo CAP ha selezionato i migliori progetti che hanno dato risalto allo sport di squadra, inteso come strumento di crescita e socializzazione, promuovendo l’inclusione e l’accesso allo sport, come diritto di tutti i giovani con particolare attenzione alle fasce a rischio (bambini e ragazzi economicamente svantaggiati, malati, disabili). Tra le iniziative richieste alle società e associazioni partecipanti c’erano infatti progetti volti all’integrazione e alla lotta alle discriminazioni. Il criterio di selezione ha inoltre posto l’accento su iniziative pensate per sostenere una sana e corretta alimentazione, l’uso responsabile delle risorse naturali o su manifestazioni sportive con criteri di sostenibilità ambientale.

Oltre alla condivisione di un codice di valori, il programma che sta per partire prevede una serie di azioni di responsabilità sociale, tra cui progetti scolastici che mirano a diffondere la cultura sportiva nelle scuole del territorio, camp estivi e iniziative a favore di ragazzi diversamente abili. Verranno assegnate inoltre 55 Borse per lo Sport, grazie alle quali verranno sostenuti i costi di accesso alle attività sportive.

Tennis in rosa

tennis in rosa
tennis in rosa

La manifestazione denominata “Archigen Cup” ha offerto una finale avvincente e combattuta che ha visto protagoniste l’argentina Catalina Pella (sorella di Guido, top player ATP), attuale n. 365 del Ranking WTA ma nel recente passato a ridosso delle prime cento, e la spagnola Amanda Carreras, al rientro dopo una lunga assenza per infortunio ed intenzionata a riagguantare al più presto la classifica mondiale intorno alla duecentesima posizione che aveva già raggiunto nel 2017.

Dopo una vera battaglia durata circa tre ore è stata la grinta della giovane spagnola a farla prevalere con il punteggio finale di 6-4 3-6 7-5.

Mentre negli altri campi di gara erano già in corso le qualificazioni del secondo evento, la “G&V Hospital Cup”, il vicesindaco di Solarino Silvana Cassia ed il presidente onorario della Federtennis regionale Giuseppe Adamo hanno premiato le due finaliste con delle targhe in cristallo offerte dall’amministrazione comunale della cittadina siracusana, ringraziandole per l’impegno in campo.

Per la cronaca si erano arrese in semifinale le due italiane Miriana Tona e Verena Hofer, entrambe regolate in due set dalle finaliste, mentre nella gara di doppio la coppia italo-argentina composta da Tona e Pella ha superato in finale il tandem russo formato da Sokolovskaia e Reyngold: 6-4 6-2 lo score.

Atletica, Campionati Lombardi

antonio-rossi
antonio-rossi-

“Con il lavoro e l’impegno quotidiano nello sport i sogni possono trasformarsi in realta’ e i sacrifici quotidiani diventare divertimento. Per un atleta anche un campionato di livello regionale e’ un evento importante da onorare. Le gare di oggi hanno dimostrato quanto lo sport sia vivo e sentito in Lombardia, a tutti i livelli, dalle categorie giovanili sino alle Olimpiadi, che auspichiamo di ospitare nell’appuntamento invernale del 2026″,

lo ha detto oggi il sottosegretario regionale con delega ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi, in occasione della prima giornata dei campionati regionali assoluti di atletica, disputatisi nel rinnovato centro sportivo ‘Emilio Colombo-Gaetano Gianetti’.

Alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto ha presenziato anche l’assessore di Regione Lombardia con delega allo Sport Martina Cambiaghi. Con lei erano presenti, tra gli altri, la giunta comunale al completo e il presidente di Fidal Lombardia Gianni Mauri.

E’ grazie anche al contributo di 250mila euro erogato con un bando dell’amministrazione lombarda che l’impianto saronnese e’
stato completamente ristrutturato. “Una struttura che arricchisce il patrimonio regionale – ha sottolineato il sottosegretario – e che per parecchi anni permettera’ a migliaia di ragazzi di avvicinarsi al mondo dell’atletica”.

Coppa del mondo MTB

Coppa del mondo MTB
Coppa del mondo MTB

La leggenda della discesa Rachel Atherton è tornata sul gradino più alto del podio. A Leogang, sede della terza tappa della Coppa del Mondo UCI Mercedes-Benz dedicata alla DH, la fuoriclasse inglese ha conquistato la gara femminile, mentre Amaury Pierron è stato il migliore tra gli uomini.

Ieri tra le alte vette delle Alpi austriache, in uno dei tempi della velocità internazionale, è stato grande spettacolo per gli amanti delle due ruote più spericolate.

Nelle qualifiche sia la campionessa in carica, Myriam Nicole, che la regina della downhill, Rachel Atherton, avevano entrambe avuto problemi. Tahnée Seagrave, vincitrice dell’ultimo round a Fort William, si era qualificata con il miglior tempo.

La manche finale è stata un’appassionante battaglia, che ha registrato la squalifica di Seagrave per un “taglio” di percorso riscontrato dalla giuria e un errore nel finale di Nicole, che si è dovuta accontentare della seconda piazza alle spalle della Atherton che non festeggiava da aprile 2017, quando vinse a Lourdes.

«Tornare ad alzare le braccia al cielo per me significa molto. Dopo l’infortunio della stagione scorsa, temevo di aver dimenticato come si facesse. È stato un weekend difficile, massacrante. Sono felice di averlo concluso tutta intera. Non avrei mai pensato di vincere dopo la caduta in qualifica» ha commentato la campionessa inglese.

In vista della prova maschile tutti i discorsi pre-gara hanno ruotato attorno a un rider che nel corso degli anni è diventato sinonimo di Leogang Bike Park: Aaron Gwin.

L’americano, che correva con un pollice slogato, si è giocato la possibilità di diventare il primo pilota in assoluto in grado di ottenere quattro vittorie consecutive sulla stessa pista, ma ha dovuto inchinarsi al francese Amaury Pierron, che aveva assaporato il gusto del trionfo per la prima volta domenica scorsa in Scozia.

Nemmeno Luca Shaw, il migliore nelle qualifiche, è riuscito a mettergli i bastoni tra le ruote a causa di una caduta nel tratto più insidioso. L’unica differenza dal fine settimana scorso è che Pierron, che ha battuto i rivali distanziandoli nel tratto di bosco, ha sfilato la maglia della classifica generale della Mercedes-Benz UCI World Cup dalle spalle di Gwin.

«Dovevo semplicemente dare il tutto per tutto e così ho fatto. È stata tutt’altro che una passeggiata per il corpo, ero in croce già a metà discesa. Vincere due tappe di Coppa del mondo di fila è più che fantastico. È pazzesco, un sogno» ha chiosato la rivelazione della prima parte di stagione dopo aver tagliato la linea del traguardo.

La prossima tappa della Coppa del mondo MTB si terrà in Val di Sole il 7 e 8 luglio. I numerosi appassionati di fuoristrada italiani potranno godere di un doppio spettacolo, in scena sia i campioni del cross country che quelli della downhill. Nell’attesa di vederli dal vivo, su Red Bull TV è disponibile il replay delle gare di Leogang.

Rassegna “Tutti nel pallone”

rassegna tutti nel pallone
rassegna tutti nel pallone

La febbre dei Mondiali è sempre più alta.
Iris ha messo a punto la cura giusta per tutti gli ammalati, confezionando la mini-rassegna «Tutti nel Pallone», in onda da domani, domenica 10 giugno fino a mercoledì 13 giugno, in prima e seconda serata.

Quattro serate a tema dedicate allo Sport più amato dagli italiani, la disciplina che ogni quattro anni si autocelebra con il Campionato Mondiale di Calcio, evento di portata planetaria organizzato da FIFA, la cui fase finale si svolge in Russia da giovedì 14 giugno a domenica 15 luglio 2018 (in esclusiva sulle Reti Mediaset).

La nuova iniziativa della rete tematica dedicata al grande cinema propone otto pellicole stracult, a partire dal classico “L’allenatore nel pallone” – con uno strepitoso Lino Banfi nei panni di Oronzo Canà – che apre la rassegna.

Un poker di serate con una galleria di personaggi che comprendono attori come Alberto Sordi, Pippo Franco, Alvaro Vitali, Carmen Russo, Valerio Mastandrea, Claudio Bisio, Claudia Pandolfi; icone del calcio italiano e internazionale come Carlo Ancelotti, Zico, Alessandro Del Piero, Andrij Sevčenko, Francesco Totti, Gianluigi Buffon, Clarence Seedorf, Roberto Pruzzo, Francesco Graziani, Daniele De Rossi, Marco Materazzi, Luca Toni, Filippo Inzaghi, Fulvio Collovati, Giancarlo Antognoni; cronisti come Nando Martellini, Sandro Piccinini, Giampiero Galeazzi, Aldo Biscardi, Ilaria D’Amico; commentatori come Giampiero Mughini; presidenti come Claudio Lotito; mister come Niels Liedhom, Luciano Spalletti, Carlo Mazzone.