Agostino Miozzo su Radio 24

agostino-miozzo
agostino-miozzo

Agostino Miozzo (CTS) a 24Mattino su Radio 24: scuole chiuse e ragazzi nei centri commerciali, “è inaccettabile”

Scuole chiuse per tenere negozi aperti? “È estremamente pericoloso creare delle alternative tra cultura ed economia, dobbiamo fare in modo che le due cose possano convivere e se ci sono delle alternative fare delle scelte. Inaccettabile chiudere le scuole e vedere poi i ragazzi nei centri commerciali”. Lo ha detto Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “La distrazione nei confronti della cultura dei nostri ragazzi significa che non saranno competitivi sul mercato” – Miozzo conclude a Radio 24 – “non c’è alternativa tra economia e formazione perché anche questa è economia”.

Agostino Miozzo (CTS) a 24Mattino su Radio 24: “Lombardia, curioso dire che i dati sono vecchi”

Lombardia dati vecchi di due settimane? “Assolutamente no, curioso che in questo momento si dica che ci sono dati vecchi di due settimane, i dati risalgono ai giorni precedenti e vengono forniti dalle Regioni entro il giovedì alla cabina di regia” se dovessero essere vecchi significa che “c’è qualcosa che non ha funzionato nella comunicazione tra periferia e centro”. Lo afferma Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Le Regioni hanno approvato i 21 parametri a cui ci riferiamo da molti mesi ormai, nella cabina di regia ci sono dei rappresentanti delle Regioni, tutti auspichiamo che la Lombardia abbia delle condizioni in miglioramento ed è molto probabile che sia così” alla domanda su una possibile sospensione di 48 ore della zona rossa in Lombardia per rivedere i dati Miozzo risponde “ si tratterebbe di una di una scelta politica che non spetta a noi, nel momento in cui ci venisse posto il problema lo valuteremo”.

 

Andrea Crisanti a 24Mattino

Andrea Crisanti
Andrea Crisanti

Andrea Crisanti a 24Mattino su Radio 24: “Scuola, sperimentare apertura in un distretto”

Riapertura scuole “per gli adolescenti suggerisco un esperimento su un distretto scolastico: riaprirlo e vedere se le misure adottate sono sufficienti o se c’è bisogno di cambiare i trasporti o gli orari” Lo ha detto Andrea Crisanti direttore del laboratorio di microbiologia dell’Università di Padova a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24, “in due tre settimane si vede cosa succede e si può capire qual è il punto debole della catena, se le scuole sono sicure o il problema sono i trasporti, perché i questo momento ancora non lo sappiamo, inoltre – aggiunge Crisanti a Radio 24 – ci vuole un po’ di flessibilità anche da parte di insegnati e famiglie, se il problema dei trasporti non si può risolvere aumentando la capacità una soluzione potrebbe essere lo scaglionamento di entrate e di uscite, ma se tutti si irrigidiscono il problema non si risolve mai”.

Andrea Crisanti a 24Mattino su Radio 24: “Veneto, zona gialla e uso di test rapidi inappropriato – servono 2/3 settimane di zona rossa”

La situazione del Veneto “è il risultato di due fattori: le zone gialle non hanno limitazioni sufficienti per bloccare la trasmissione, inoltre sono classificate come tali in base alla capacità teorica dei posti in terapia intensiva, ma il numero di terapie intensive non dipende solo da posti letto ma anche dal personale. Il secondo punto è l’uso non appropriato dei test rapidi che, con una sensibilità bassa, non possono essere usati come misura di prevenzione per proteggere comunità vulnerabili, cosi invece di una barriera creiamo una groviera”. Lo ha detto Andrea Crisanti direttore del laboratorio di microbiologia dell’Università di Padova a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24, “il Veneto ora dovrebbe fare 2/3 settimane di zona rossa, ritornare ai test molecolari e applicare i test rapidi per lo screening di comunità”.

Andrea Crisanti a 24Mattino su Radio 24: “Natale, allungare orari negozi no a spostamenti e cenoni”

Natale “allungare l’orario dei negozi per diluire il flusso e evitare lo spostamento tra regioni e festeggiamenti, occasioni conviviali con di più gruppi familiari, queste sono le cose più pericolose”. Lo ha detto Andrea Crisanti direttore del laboratorio di microbiologia dell’Università di Padova a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24, ” regole da zona rossa per tutta Italia, se il valore è quello della salute umana e risparmiare vite dobbiamo cogliere l’opportunità del Natale per ottenere questo risultato, con le scuole chiuse e le attività produttive ridotte si tratta di un’occasione unica che non compromette l’economia, con un piccolo sacrificio si può raggiunger l’obiettivo”.

Antonella Viola, immunologa, a 24Mattino

Antonella Viola, immunologa, a 24Mattino
Antonella Viola immunologa

Antonella Viola, immunologa, a 24Mattino su Radio 24: “Lockdown programmato una settimana al mese”

Lockdown generale? “No, la situazione sta precipitando un po’ ovunque ma non serve un lockdown generale bisognerebbe intervenire in maniera mirata a seconda della situazione epidemiologica, della disponibilità di letti in terapia intensiva e della capacità di fare tamponi, la sensazione è che stiamo andando nel panico e a rimorchio del virus invece che guidare noi si sta perdendo il controllo. C’è uno scontro Stato-Regioni, qui non c’entra la scienza ma la politica” Lo dice Antonella Viola, immunologa dell’università di Padova a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. Non ha senso un provvedimento a settimana “la mia proposta è un lockdown programmato, ad esempio una settimana al mese, poi decide il Cts come e quando, così si sa in anticipo e possiamo organizzarci da qui a giugno e il resto delle tre settimane possiamo avere una vita regolare sempre rispettando le regole”. In questo modo eliminiamo “l’ansia di un Dpcm che cambia ogni settimana, oggi tutti noi stiamo vivendo una situazione ansiogena perché non sappiamo cosa succederà domani, questo non fa bene a nessuno”.

Antonella Viola, immunologa, a 24Mattino su Radio 24: “Settantenni in casa ipotesi non praticabile “

Tenere solo i settantenni in casa “ha poco senso, non risolverebbe problemi perché l’età media dei ricoverati è bassa e chi va al pronto soccorso, vero problema adesso, è ogni fascia di età, e poi quando andremo a riaprire avremo un sacco di settantenni potenzialmente esposti al virus se facciamo circolare il virus in ogni fascia di età”. Lo afferma Antonella Viola, immunologa dell’università di Padova a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24.

 

Antonio Decaro su Radio 24

Antonio Decaro
Antonio Decaro

Antonio Decaro (pres Anci) a 24Mattino su Radio 24: “Trasporti, 80% dei passeggeri sui mezzi pubblici una mediazione per non lasciare a terra nessuno”
Trasporti, la norma su 80% passeggeri sui mezzi “è una norma che vuol dire e non vuol dire, se si vuole rispettare il distanziamento di un metro la capacità dei mezzi di trasporto si riduce e ciò significa necessità di avere maggiori risorse per autobus, carburante e autisti.” Lo ha detto Antonio Decaro, presidente delll’Anci e Sindaco di Bari a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Anche con risorse maggiori sarebbe difficile reperire mezzi in più in pochi giorni, si tratta di una mediazione tenendo conto che c’è l’obbligo della mascherina e che si tratta di viaggi limitati nel tempo. In questo modo diamo la possibilità a tutti di salire sui mezzi pubblici e non lasciare a terra bambini, studenti e pendolari”.
Massimiliano Fedriga (pres Fvg) a 24Mattino su Radio 24: “Trasporti, in Fvg siamo al 100% esempio da seguire.” Lega in calo nei sondaggi? “Tanti vorrebbero essere nella nostra situazione”
Trasporti, “ In Friuli-Venezia Giulia la capacità sui mezzi pubblici è al 100% con obbligo di mascherina da più di due mesi, ha funzionato e non abbiamo avuto aumento di contagi.” Lo ha detto Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli-Venezia Giulia a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Il Friuli-Venezia Giulia può essere un esempio di autonomia per tutte le Regioni, è una Regione virtuosa ha dimostrato di spendere bene i soldi e di tenere i conti in ordine indipendentemente da chi l’ha governata”. A proposito dei sondaggi che vedono in calo la Lega risponde “Salvini ha portato la Lega dal 4% ad essere il primo partito in Italia, i numeri si danno nelle urne e non con sondaggi, tanti vorrebbero lamentarsi ed essere nella situazione della Lega”.

 

Antonello Giannelli a 24Mattino su Radio 24

Antonello Giannelli
Antonello Giannelli

Antonello Giannelli (associazione nazionale presidi) a 24Mattino su Radio 24: “Scuola, mancano indicazioni su numero ore da erogare. Sabato: né problema né soluzione”

Piano scuola “Ci aspettavamo delle indicazioni specifiche ad esempio su livello minimo di servizio, si demanda tutto a dei tavoli regionali composti da tantissime persone che avranno difficoltà a dar risposte concrete e operative”. Così Antonello Giannelli, presidente Associazione nazionale Presidi a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. La scuola il sabato “ci sono già scuole che lo fanno, non è né un problema né una soluzione, quello che conta è il numero di ore di lezione effettivamente erogate su questo mancano indicazioni, dal documento non riesco a capire se è possibile apportare uno sconto al numero di ore complessive purché garantite a tutti oppure no, non cambia nulla farlo in cinque o sei giorni”. A proposito dell’autonomia Giannelli specifica che “ non è mai decollata per mancanza di risorse e di libertà di gestione dei dirigenti scolastici del personale delle risorse economiche e logistiche, in modo più chiaro di come è stato fatto negli ultimi vent’anni, su questi due punti purtroppo non ci siamo”.