Samuele Bersani: rinviato concerto al Puccini di Firenze

Samuele Bersani-3
Samuele Bersani-3

Slitta a domenica 12 marzo 2017 il concerto di Samuele Bersani al Teatro Puccini di Firenze, previsto in origine per il 25 ottobre 2016.

“Un piccolo problema a una corda vocale mi obbliga a un imprevisto riposo forzato – spiega l’artista – sono per questo costretto a rimandare il tour”.

I biglietti già acquistati restano validi per la nuova data. Chiunque volesse il rimborso può richiederlo entro il 31 dicembre 2016 presso il punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto. I biglietti acquistati online sul sito TicketOne o telefonicamente tramite i Call Center vengono rimborsati come da modalità riportate nel sito www.ticketone.it.

Samule Bersani – prevendite : ” La fortuna che abbiamoTour”

Samuele Bersani
Samuele Bersani

Samuele Bersani sarà in concerto al Teatro Il Celebrazioni sabato 15 ottobre con La fortuna che abbiamo Tour, la nuova tournée, prodotta da F&P Group, che prende il nome dall’ultimo progetto discografico dell’artista, uscito il 3 giugno, sin dal suo debutto al vertice delle classifiche.

La fortuna che abbiamo Tour ripercorrerà 25 anni di canzoni di Samuele Bersani, tra sperimentazioni e arrangiamenti inediti.

Prezzi (comprensivi di prevendita): platea I e II settore 57,50 € – platea III settore 46 € – palchi e balconata 34,50 €

Prevendite biglietti presso la biglietteria del Teatro Il Celebrazioni in Via Saragozza, 234 a Bologna (apertura estiva dal lunedì al venerdì, ore 15.00 – 19.00), presso la biglietteria del Teatro EuropAuditorium in Piazza Costituzione, 4 a Bologna (apertura estiva dal lunedì al venerdì ore 15.00 – 19.00), nei punti d’ascolto delle Iper Coop, attraverso il Circuito TICKETONE, nei punti prevendita VIVATICKET-CHARTA, oltre alle prevendite abituali di Bologna e con carta di credito su www.teatrocelebrazioni.it.

Per informazioni: 051.4399123 – info@teatrocelebrazioni.it

FESTIVAL TEATRO CANZONE GIORGIO GABER 2012

Il Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber, in programma nella suggestiva cornice della Cittadella del Carnevale di Viareggio, il 21 e il 22 luglio prossimi, alle ore 20.45, si apre quest’anno all’insegna di grandi novità.

In apertura delle manifestazioni per il decennale della scomparsa di Gaber, Patti Smith sarà ospite d’eccezione la sera del 21 luglio. In tour in Italia dal 14 al 26 luglio per presentare dal vivo il suo ultimo album Banga’, (pubblicato lo scorso 5 giugno per Sony Music), Patti Smith sarà ospite alla Cittadella del Carnevale e dedicherà una performance unica ed irripetibile ad un Artista, Gaber, che non ha mai conosciuto direttamente ma con il quale ha sicuramente condiviso qualche decennio di storia della musica, oltre che l’ideale di un pensiero ‘libero’.

Dieci gli ospiti anche in questa edizione: artisti, mai intervenuti prima, che con la loro disponibilità e sensibilità stanno preparando un loro personale omaggio a Gaber, cercando tra le canzoni più nascoste, quelle meno rappresentate negli ultimi anni.

Samuele Bersani, Mario Biondi, Gigi D’Alessio, Dente, Nada, Noemi, Pacifico, Max Pezzali, Leonardo Pieraccioni e Syria compongono un cast rappresentativo di una moltitudine di generi, attraendo ogni tipo di pubblico verso l’opera di Gaber.

Ed anche grazie alla significativa interazione tra  loro e Rocco Papaleo, il risultato finale sarà un vero e proprio spettacolo “gaberiano”, confezionato e pensato esclusivamente per quel palcoscenico.

Per  la prima volta, infatti, le serate saranno presentate da Rocco Papaleo, in veste non di solo presentatore, ma accompagnato dalla band di cinque elementi con cui sta riscuotendo successo in giro per l’Italia. Papaleo era stato al Festival nel 2004 dove aveva “preteso” di essere inserito negli Artisti del Teatro Canzone (la speciale sezione che negli anni passati il Festival dedicava ai giovani esordienti) e assumerà il ruolo del padrone di casa, ricevendo il testimone da Enzo Iacchetti, affettuosissimo padrone di casa per le precedenti edizioni.

Rocco è il mio più degno successore. Gli ho dato il benvenuto nel 2004 e sono davvero felice che sia proprio lui oggi a sostituirmi. Certo, non tifa Inter, ma nonostante questo, Gaber lo apprezzerebbe moltissimo!“, ha commentato Enzo Iacchetti. “Rocco è una persona seria e colta, degna di quel palco, che onorerà Gaber come merita. Per questa edizione non potrò essere presente, ma avrò le mie spie! Lascio a Rocco una mia creatura, ma non certo il mio amore per Gaber.”

Ad affiancare Papaleo sul palco, nel ruolo di volto della Fondazione, lo storico autore del Festival, Massimo Bernardini, conduttore di Tv Talk , biografo e amico personale di Giorgio Gaber.

Autori della manifestazione saranno Raffaello Fusaro, storico collaboratore di Papaleo, e Alessandra Scotti, già nota a Viareggio per aver curato con Dalia Gaber la serata del Memorial in ricordo della strage del 29 giugno.

A sottolineare le affinità artistiche e umane tra Gaber e Dalla, applaudito ospite al Festival del 2009, Marco Alemanno e la Fondazione Gaber dedicheranno un proprio momento di riflessione. 

Il Festival continua nella sua nobile missione: mantenere vivo, attraverso la testimonianza di grandi nomi dello spettacolo, e anche attraverso la discussione, il dibattito, la polemica, il valore universale dell’opera che Gaber ci ha lasciato, costante punto di riferimento per la grande cultura, la nostra politica, lo spettacolo italiano e il nostro personale pensiero.

Concerto per l’Emilia: gli artisti emiliani in campo per la solidarietà

Il 25 Giugno allo stadio R. Dall’Ara di Bologna molti artisti emiliano / romagnoli, entreranno in campo per la solidarietà alle popolazioni terremotate portando con le loro canzoni un messaggio di speranza e un contributo concreto per la ricrescita e il ritorno alla normalità delle zone colpite, e con loro la Regione Emilia-Romagna, promotore dell’evento,  il Comune di Bologna, Rai, agenzie, enti e radio.

Il Concerto per l’Emilia, nato su proposta del consigliere regionale Marco Barbieri, subito raccolta dall’assessore regionale alla cultura Massimo Mezzetti, ha trovato in Beppe Carletti, la persona giusta per chiamare a raccolta gli artisti. Ad oggi hanno aderito Paolo Belli, Samuele Bersani, Luca Carboni, Caterina Caselli, Cesare Cremonini, il flautista reggiano Andrea Griminelli, Francesco Guccini, Luciano Ligabue, Andrea  Mingardi, Modena City Ramblers con Cisco, Nek, Nomadi, Laura Pausini, Stadio e Zucchero, che parteciperanno a titolo gratuito.

Il concerto, presentato da Fabrizio Frizzi, sarà trasmesso in diretta su Rai 1 in prima serata. Ogni artista canterà due brani.

 

L’organizzazione dell’evento è affidata ad Assomusica, associazione degli organizzatori e dei produttori di spettacoli di musica dal vivo.

 

Il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, ha ringraziato tutti gli artisti che hanno aderito alla manifestazione di solidarietà, la Rai, gli enti e le persone che daranno il loro contributo per il miglior svolgimento dell’iniziativa. “E’ importante – ha sottolineato Errani – che non si spengano i riflettori sulle zone terremotate e da questo punto di vista il contributo degli artisti attraverso la loro arte è fondamentale”.”Con questo intento – ha aggiunto il Presidente – è previsto un altro concerto il 15 Settembre al Campo Volo (Reggio Emilia) con artisti italiani. Tutte le risorse saranno destinate alle aree terremotate e non ci saranno biglietti gratuiti (il biglietto numero 1 è stato acquistato dallo stesso Errani). Costruiremo un sistema trasparente e verificabile di come investiremo il ricavato. Il nostro obiettivo è quello di ricostruire bene, presto, con trasparenza e nella legalità. A tal proposito, contrasteremo qualsiasi forma d’illegalità e criminalità organizzata”. “La nostra gente sta dando prova straordinaria di dignità, di solidarietà e di capacità di riprendersi – ha concluso – aiutateci  a diffondere questi messaggi positivi che fanno leva sulla responsabilità personale di ognuno a cominciare dalla mia”.

 

“La collaborazione del Comune di Bologna – ha riferito il sindaco Virginio Merola – avverrà soprattutto in ambito logistico. “Sono sicuro che non mancherà la presenza concreta dei cittadini”. “Questa chiamata a raccolta ci dimostra quanto siano presenti i nostri artisti nella scena musicale nazionale e internazionale e quanto sia importante la musica anche per Bologna, città della musica dell’Unesco”. “Sarà poi necessario un adeguato impegno della cultura e non solo della musica per ripartire”.

 

“La Rai ha risposto con entusiasmo a questa iniziativa” – ha detto il direttore di Rai intrattenimento Giancarlo Leone – che ha ribadito l’impegno dell’emittente nazionale nel campo della solidarietà. Diffonderemo il numero solidale 45500 per gli SMS da 2 euro sia durante la serata che nel corso degli Campionati europei di calcio. Il direttore ha segnalato la presenza di Caterina Caselli: “una grande artista che ritorna a cantare dal vivo dopo molto tempo e che duetterà con alcuni cantanti presenti”.” La Rai è con voi – ha concluso il direttore – con una presenza costante anche sui territori colpiti”.

 

Alessandro Bellucci, presidente nazionale Assomusica, ha lodato gli organizzatori emiliani per la serietà e l’ impegno, un tratto distintivo della gente di questo territorio. Ha annunciato anche che l’incasso della serata sarà interamente devoluto alla Regione Emilia-Romagna, al netto dei costi degli allestimenti, e che la vendita dei biglietti  sarà verificabile all’insegna della massima trasparenza.

 

Il presidente di Bologna Calcio Albano Guaraldi  si è detto lieto ed orgoglioso di ospitare al Dall’Ara (40mila posti) la manifestazione. “Lavoreremo per la migliore riuscita dell’evento – ha detto – coinvolgendo nella solidarietà anche i nostri sponsor”. “Sono convinto – ha concluso –  che il popolo emiliano sia diverso sia nel soffrire con dignità che nell’aiutare chi soffre e che la manifestazione avrà successo”.

 

A proposito degli artisti emiliani il prefetto Franco Gabrielli, ha riferito che “sono la migliore dimostrazione delle capacità di risollevarsi di questo territorio”. Ha sottolineato inoltre che il numero per l’SMS 45500 rimarrà attivo, oltre il mese previsto, attraverso una proroga, per consentire un ulteriore sviluppo della solidarietà in seguito al concerto.

 

Tra gli artisti è intervenuto Beppe Carletti, che ha raccontato come ha coinvolto i vari artisti a partire da Francesco Guccini; Samuele Bersani per auspicare che i contributi Siae che i cantautori riceveranno dopo il concerto siano devoluti per le popolazioni terremotate; Andrea Mingardi per sottolineare il ruolo attivo dei cantanti e della musica per la solidarietà, a partire dalla nazionale cantanti.

 

Il biglietto per accedere allo spettacolo costa 30 euro ed è acquistabile a partire dalle ore 12 del 6 Giugno, tramite il circuito Ticketone (www.ticketone.it ), il circuito Booking Show (www.bookingshow.it ), Charta Viva Ticket (www.vivaticket.it ). Anche le ticket company citate hanno rinunciato a  percepire ogni tipo di aggio, in sintonia con la filosofia generale del concerto.

 

Per informazioni relative ai biglietti: Studio’s 059 454772     studios@studiosonline.it

SAMUELE BERSANI MERCOLEDI’ A CREMONA

 

CREMONA – Mercoledì alle 21.30 all’arena Giardino Samuele Bersani inaugura il Festival di mezza estate di Cremona presentando in anteprima il suo nuovo live Psyco in tour: uno spettacolo in cui l’artista comunica con il pubblico non solo attraverso le canzoni, ma anche raccontando (a suo modo) se stesso e il mondo che lo circonda attraverso aneddoti e storie condite di poesia e di lucida autoironia. Un acclamato ritorno, quello di Bersani, a distanza di oltre tre anni dall’ultimo tour e a seguito dell’uscita di Psyco, 20 anni di canzoni, antologia di successi che, insieme agli inediti Un pallone (premio della Critica all’ultimo Festival di Sanremo) e Psyco, compone la scaletta dello spettacolo. In scena Bersani èaccompagnato da Toni Pujia, Silvio Masanotti (chitarre), Davide Beatino(basso), Marco Rovinelli (batteria) e Alessandro Gwis (tastiere).

La settima edizione del Festival di Mezza Estate  – organizzata da PubliAEventi con il patrocinio del Comune di Cremona e sotto la direzione artistica di Elio Conzadori e Ilaria Gradella – condensa musica, comicità e danza in una stagione dal sapore ‘pop’. Il valore aggiunto è la suggestione della location che accoglie gli spettacoli: l’architettura della vecchia fornace di Cremona – proprio alle porte del centro storico cittadino – avvolge il pubblico in un abbraccio totalizzante dipinto del rosso antico dei mattoni a vista e baciato da un’illuminazione appositamente studiata per esaltare lo scenario da archeologia industriale. Le prevendite dei biglietti sono aperte sul circuito www.vivaticket.it. Per il pubblico cremonese sono , inoltre, disponibili le biglietterie di PubliAEventi (in via Antico Rodano, 2, tutti i giorni dalle 8.30 alle 12 e dalle 15 alle 19) e dell’Arena Giardino, in viale Po (tutti i giorni dalle 16 alle 19).


Il programma, dopo l’apertura con Samuele Bersani, prosegue con il concerto dell’originale songrwriter romano Alessandro Mannarino – premiato dalla Siae come ‘miglior cantautore italiano’ – volto (e voce) noto soprattutto per la sua partecipazione al programma televisivo Parla con me: anche per il cantautore della capitale quella al Festival di Mezza Estate sarà la ‘data zero’ della tournée estiva. Poi spazio all’umorismo tutto dialettale de I Legnanesi e, quindi, al raffinato duetto all’aroma di jazz fra Gino Paoli e Danilo Rea. Ancora sonorità eleganti e ricercate con l’esibizione di Eduardo De Crescenzo, prima dell’irresistibile comicità ‘zelighiana’ di Paolo Cevoli. La svolta rock è assicurata dal live dei Marlene Kuntz. Due, uno in fila all’altro, gli appuntamenti a passo di danza: prima il tango con Los Hermanos Macana, quindi la classica con lo straordinario gala dello Young Russian Ballet. Al solito il Festival di Mezza Estate riserva uno spazio al musical: quest’anno tocca alle atmosfere esotiche de Il libro della giungla. In chiusura, ancora musica di classe (tra tradizione e sperimentazione) con un doppio recital per mani vellutate: quelle del chitarrista Roberto Fabbri e del pianista Roberto Cacciapaglia. Ecco il programma nel dettaglio.