Dancing On The Strings

Eleonora Bordonaro
Eleonora Bordonaro

Si chiude nel segno del folk, dei suoni, dei colori e degli umori della Sicilia la terza edizione di “Dancing On The Strings”, rassegna musicale senza limiti di genere nata per proporre progetti in cui i protagonisti principali sono stati gli strumenti a corda, ma che ha ospitato anche formazioni e artisti impegnati in progetti con una forte componente originale e innovativa.

È questo, più che mai, il caso di Eleonora Bordonaro, straordinaria cantastorie in arrivo da Paternò (Catania), che si esibirà venerdì 16 novembre al Cineteatro Astrolabio di Villasanta (inizio live ore 21.30; ingresso 8-10 euro): in scaletta l’album di esordio “Cuttuni e lamé – Trame streuse di una canta storie”, uscito nell’ottobre del 2017 e realizzato insieme al polistrumentista e compositore Puccio Castrogiovanni, con la collaborazione di alcuni dei musicisti siciliani più rappresentativi (da Alfio Antico allo storico gruppo dei Lautari, dal talento jazz del pianista Seby Burgio e del chitarrista Denis Marino a Mario Incudine).

Interprete dalla vocalità duttile ed intensa, Eleonora Bordonaro canta in italiano, siciliano, portoghese, inglese, spagnolo e gallo-italico e, nel corso della sua carriera, ha collaborato con alcune importanti formazioni tra le quali l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma diretta da Ambrogio Sparagna.

Impegnata a sperimentare le molteplici possibilità espressive della voce, Eleonora ricerca e interpreta canti siciliani di tradizione orale, dalla poesia popolare a quella dei cantastorie, dal repertorio contadino a quello sacro, con particolare attenzione al racconto del mondo femminile.

“Cuttuni e lamé – Trame streuse di una canta storie” è un autentico lavoro di ricerca musicale e culturale, in cui si mescolano il nuovo e l’antico, la Sicilia e le donne, l’ironia e la leggerezza, la spiritualità, la determinazione e la furbizia in un racconto musicale che incrocia i cantastorie, la melodia e i suoni contemporanei.

Festival Sanremo 2016 : nome dei partecipanti

SANREMO-2016-670x343

Ecco i nomi degli artisti in gara durante il 66esimo Festival di Sanremo, in scena dal 9 al 13 febbraio 2016 e  che anche per questa edizione vedrà Carlo Conti alla conduzione:

Via da qui – Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
La borsa di una donna – Noemi
Noi siamo infinito – Alessio Bernabei
Il primo amore non si scorda mai – Enrico Ruggeri

Guardando il cielo – Arisa
Wake Up – Rocco Hunt
Mezzo Respiro – Dear Jack
Un Giorno mi dirai – Stadio

Infinite Volte – Lorenzo Fragola
Il Diluvio Universale – Annalisa
Blu – Irene Fornaciari
Sogni e Nostalgia – Neffa

Di Me e Di Te – Zero Assoluto
Ora o Mai Più – Dolcenera

Quando sono lontano – Clementino
Cieli Immensi – Patty Pravo

Finalmente piove – Valerio Scanu
Semplicemente – Morgan e i Bluvertigo
Nessun Grado di Separazione – Francesca Michielin
Vincere l’odio – Elio e le Storie Tese

 

 

Amici della Musica: “Europa Galante”

EuropaGalante
Europa Galante con il suo fondatore, direttore e violinista solista, Fabio Biondi, sarà ospite per la stagione Amici della Musica Guido Michelli, martedì 10 novembre alle ore 21 al Teatro Sperimentale. Si tratta di uno dei più prestigiosi e conosciuti ensemble di musica barocca e classica del panorama internazionale, basti scorrere i nomi delle sale da concerto e dei teatri del mondo in cui solitamente si esibisce: dal Teatro alla Scala di Milano all’Accademia di Santa Cecilia a Roma, dalla Suntory Hall di Tokyo al Concertgebouw di Amsterdam, dalla Royal Albert Hall di Londra al Lincoln Center di New York, dal Théatre des Champs-Elysées di Parigi alla Sydney Opera House.
Europa Galante nasce nel 1990 dal desiderio del suo direttore artistico, Fabio Biondi, di fondare un gruppo strumentale italiano per le interpretazioni, su strumenti d’epoca, del grande repertorio barocco e classico. Biondi, palermitano, aveva iniziato la sua carriera internazionale molto giovane, spinto da una precoce curiosità culturale e musicale  e dall’incontro con i pionieri della nuova scuola barocca: a sedici anni viene invitato al Musikverein di Vienna per interpretare i Concerti per violino di Bach, iniziando a collaborare quale primo violino con i più famosi ensemble specializzati nell’esecuzione di musica antica con strumenti e prassi esecutiva originali (la Cappella Real, Musica Antiqua Vienna, Il Seminario Musicale, La Chapelle Royale, e i Musiciens du Louvre,sin dalla sua fondazione).

Ecco che poi nasce l’esigenza di fondare Europa Galante, che ottiene un grande successo fin dalla pubblicazione del primo disco dedicato alla produzione concertistica vivaldiana (Premio Cini di Venezia, Choc de la Musique in Francia.) L’ensemble colleziona in breve tempo un’eccezionale lista di riconoscimenti: cinque Diapason d’Oro, Diapason d’Oro dell’Anno in Francia, premio RTL, nomina ‘Disco dell’Anno’ in Spagna, Canada, Svezia, Francia e Finlandia, Prix du disque, tra i tanti altri, e un Premio Abbiati 2002 della critica musicale italiana e di nuovo nel 2008 un premio speciale Abbiati , mentre è del 2004 il Premio Scanno.

Nel concerto anconetano, Europa Galante propone una scelta tra compositori più o meno noti – ma tutti accomunati dalla immediatezza e dalla facilità d’ascolto della loro musica – , nati prevalentemente alla fine del Seicento e operanti entro la prima metà del Settecento, su cui spiccano i nomi dei più “anziani” del gruppo, Arcangelo Corelli e Antonio Vivaldi.

Nel dettaglio il programma comprende P. A. Locatelli, Sinfonia Funebre composta per l’Esequie della sua donna, che si celebrano in Roma, in fa minore J. M. Leclair, Concerto per violino e archi in do maggiore, op.7 n. 3 A. Vivaldi, Sinfonia dall’opera La Griselda, RV 718 A. Brioschi, Sinfonia in Re Maggiore J. M. Leclair, Concerto per violino e archi in fa maggiore, op. 7 n. 4 P. A. Locatelli, Concerto op. 1 n. 5 in re maggiore A. Corelli, Concerto Grosso n.12 in fa maggiore, op. 6.

Gli ingressi particolarmente agevolati per i minori di 19 anni, vanno da 4 a 22 euro.

Info ww.amicimusica.an.it
Teatro delle Muse: 071 52525.

 

Teatro delle Muse: 071 52525.