“PaGAGnini”: Teatro Strehler

PAGAGNINI_TeatreCondal_
PAGAGNINI_TeatreCondal_

Dal 22 maggio al 3 giugno al Teatro Strehler
PaGAGnini
Musica classica, humour e virtuosismi
Quattro musicisti trasformati in scatenati showmen

Un divertente e sorprendente “Dis-Concerto” passa in rassegna alcuni dei momenti più alti nella storia della musica classica combinati ingegnosamente alla musica pop.

Da questa combinazione di stili si crea una cascata di emozioni, un concerto in cui la serietà e la solennità della musica classica si sposano perfettamente con momenti di sottile umorismo.

Questo particolare espediente si unisce all’elegante e virtuosa interpretazione musicale, affascinando qualsiasi tipo di pubblico.

Gli impeccabili musicisti si trasformano in showmen interpretando le arie più famose di Mozart, Vivaldi, Pachelbel, de Falla e, naturalmente, Paganini, la cui vulcanica figura è al cuore della pièce.

Tutto lo spettacolo è condito da esilaranti gag e variazioni sul tema: i violinisti saltano, si lanciano in “esecuzioni itineranti”, improvvisano un flamenco, e non mancano incursioni nella musica rock e pop contemporanea, da Serge Gainsbourg agli U2.

Le gag, la fisicità e lo humour esplosivo, tipici del linguaggio teatrale dell’originale compagnia spagnola, hanno divertito le platee del mondo intero.
Yllana è un collettivo artistico che si dedica alla produzione di spettacoli teatrali, eventi e prodotti audiovisivi. I loro spettacoli sono stati presentati in oltre 40 Paesi, contando circa tre milioni di spettatori in tutto il mondo.

Piccolo Teatro Strehler (Largo Greppi – M2 Lanza), dal 22 maggio al 3 giugno 2018

A ‘Verissimo’ Giovanni Allevi

ALLEVI TOFFANIN
ALLEVI TOFFANIN

“W l’ansia. Chi non va in ansia non ha niente da dire. Io la mia l’ho accettata”.
Giovanni Allevi, musicista e compositore di fama internazionale, parla a Verissimo dei suoi attacchi di panico e di come riesca a conviverci.

A tal proposito afferma: “Pensavo di aver supero questo problema, ma in un viaggio in piena notte da Trieste a Milano ho avuto un nuovo attacco di panico. Il fatto è che il Dio Pan dentro di noi si ribella a questa vita”.

Outsider del mondo della musica classica, Giovanni Allevi prima di approdare al grande successo, ha dovuto superare molte difficoltà. Ai microfoni del talk show confida: “Mi sono sempre trovato ad essere in controtendenza con il mondo contemporaneo. Da adolescente ero sempre messo da parte, nessuno m’invitava alle feste, ma – aggiunge – dopo qualche anno mi sono preso la mia rivincita.

Durante una cena con gli ex compagni del liceo alcune ragazzine sono venute al tavolo e mi hanno chiesto l’autografo: ecco, lì ho avuto la mia soddisfazione”.

A chi, tra i puristi della musica lo critica, il compositore risponde:
“In passato ci sono stato malissimo, ho fatto quattro anni di analisi per depressione. Ora rispondo così: il mio sogno è sempre stato quello di creare una nuova musica classica contemporanea, nei contenuti e nel ritmo. Nei giovani questa musica viene riconosciuta come vicina alla loro sensibilità. Ho creato – conclude – una spaccatura ed è inevitabile che ci siano sostenitori e detrattori di questo rinnovamento”.

DOMANI, SABATO 28 APRILE 2018, ALLE ORE 16.00, SU CANALE 5

L’antico Organo Sinfonico Carrera

Domenica 22 aprile 2012

Bollate (Mi)
Chiesa di San Martino
Piazza della Chiesa

L’antico Organo Sinfonico Carrera
un Concerto preceduto dalla Messa Vespertina “con organo”

ore 18, Messa con organo
ore 19, concerto sull’organo sinfonico Carrera

Matteo Galli, organo

Un concerto nel tardo pomeriggio, preceduto dalla Messa Verspertina con organo, dedicato alla valorizzazione di questo prezioso strumento costruito da Girolamo Carrera nella prima parte dell’Ottocento e che rappresenta oggi uno fra i più importanti monumenti storici della Città di Bollate. Si tratta di un monumento sonoro che vive ed esprime la sua particolare qualità e bellezza attraverso la musica. Nell’ambito della Settimana delle Groane, promossa dal “Sistema Integrato di valorizzazione dei beni culturali e delle culture nel nord ovest Milano” si sviluppa questo doppio appuntamento che, riprendendo un’antica tradizione, vede la liturgia vespertina assumere il ruolo di Messa con organo. Al termine, alle ore 19, prende avvio un concerto dove l’organo sarà protagonista con il suo potenziale sinfonico e la sua ricca tavolozza timbrica. Il duplice momento vuole sottolineare il recupero di una tradizione culturale e la ricollocazione di questo monumento sonoro nella sua dimensione originale per cui è stato costruito. Il concerto conclusivo sarà invece occasione per esplorare il potenziale sonoro dell’organo Carrera, costruito in un rivoluzionare momento storico italiano in cui l’orientamento stilistico era decisamente orientato verso il melodramma e la cultura operistica che ha reso celebre l’Italia nel mondo. Si tratta di un momento musicale dedicato a tutti e che offre un programma interessante, di gradevole ascolto e rivelatore della vera e poliedrica personalità dell’organo, troppo frequentemente bollato come uno strumento privo di personalità e collocato in una modesta dimensione musicale. Vale la pena di ricordare che organi di questa tipologia, in aree geografiche lontane dagli importanti centri culturali, si sono formati musicisti straordinari del calibro di Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini. Emerge l’importante ruolo svolto dall’organo per l’educazione musicale di massa nel secolo XIX. Conservare questa tradizione e questo monumento musicale bollatese significa riappropriarsi delle nostre radici culturali e rinnovarle per un rilancio verso il futuro.

L’ingresso è libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

Informazioni:
Le Voci della città
tel. 02 – 3910 4149
www.levocidellacitta.it
info@levocidellacitta.it

 

CONCERTI ACCADEMIA CANTANTI LIRICI

Giovedì 19 aprile alle 17, presso il Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala, i cantanti solisti dell’Accademia saranno gli interpreti di un intenso programma liederistico, accompagnati al pianoforte dagli allievi del corso per maestri collaboratori.

Na Hyun Yeo, Letitia Vitelaru, Jaeyoon Jung e Mikheil Kiria, con Marco Borroni, Claudia Foresi e Paolo Troian, esploreranno il repertorio della musica vocale da camera da Mozart a Rachmaninov, toccando i più noti compositori di questo genere: Schubert, Schumann, Brahms.

 

Il concerto sarà replicato sabato 21, alle 16.

 

Per i giovani allievi si tratta dell’ultimo impegno con “I concerti dell’Accademia” ospitati al Ridotto prima del loro ritorno sul palcoscenico del Piermarini: il 3 giugno li attende il tradizionale concerto istituzionale con l’Orchestra dell’Accademia per la direzione di Marco Angius.

INGRESSO GRATUITO

previo ritiro di un biglietto di ingresso presso la Biglietteria Centrale del Teatro alla Scala – Duomo, dalle ore 12 alle 18 a partire da una settimana prima del concerto. A partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento i biglietti ancora eventualmente disponibili potranno essere ritirati presso la Biglietteria Serale, via Filodrammatici 2.

“DURAMADRE”

Il 24 aprile esce “DuraMadre”, il primo disco solista di Eva, voce indimenticabile dei Prozac+ e storica componente dei Rezophonic. Educata a punk e musica classica, Eva si presenta sulla scena come una voce fuori dal coro nel panorama musicale italiano.

 

È attualmente in rotazione radiofonica il brano “Cadono Nuvole, primo singolo estratto da “DuraMadre”. 

 

DuraMadre non è nato come un concept album, è venuto definendosi storia dopo storia, un pezzo dopo l’altro, eppure le tracce portano verso una destinazione comune – racconta Eva in merito al suo nuovo progetto discografico –  Ogni brano è così un quadro, descrive lo spazio di un momento di un periodo, uno stato d’animo o la sua esplorazione, la rabbia, la delusione, il dolore, il sogno, l’energia, il fuoco, la passione…in una parola, la vita.”

 

La produzione artistica di “DuraMadre” (distribuzione Halidon) è di Max Zanotti (ex Deasonika). L’album è stato registrato e mixato al GreenRiver Studio di Cavaria (VA) da Gionata Bettini, con Tancredi Barbuscia come assistente in studio. La masterizzazione è stata effettuata da Antonio Baglio  presso il Nautilus Mastering Studio di Milano.