Martin Mystère presenta Leonardo, genio dell’impossibile

MM_Leonardo
MM_Leonardo

Dal 17 ottobre sbarca sugli scaffali MARTIN MYSTÈRE PRESENTA LEONARDO, GENIO DELL’IMPOSSIBILE con cui, a 500 anni dalla sua scomparsa, Martin Mystère ci porta a scoprire l’eredità e i “mysteri” di Leonardo da Vinci, genio dell’impossibile.

Chi era realmente Monna Lisa? Esistono delle sculture di Leonardo? Quali segreti si nascondono nell’Ultima cena? Che aspetto aveva il grande artista? Ha inventato lui l’enigmistica? Quante Gioconde esistono? Che cos’è la “viola organista”? Leonardo deve il suo genio a un incontro con gli alieni? Preparatevi ad affrontare questi e molti altri quesiti.

Mostra Leonardo da Vinci Parade

 

Leonardo-da-Vinci-Parade-Paolo-Soave-
Leonardo-da-Vinci-Parade-Paolo-Soave-

Il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia apre al pubblico da domani, giovedì 19 luglio, la mostra Leonardo da Vinci Parade, la prima iniziativa realizzata in vista delle celebrazioni per il V centenario della morte di Leonardo da Vinci (1519-2019) per il programma “Milano e Leonardo”.

L’esposizione, curata dal Museo e realizzata in collaborazione con la Pinacoteca di Brera, resterà aperta fino al 13 ottobre 2019.

Parade è una “sfilata”, una parata in occasione di una ricorrenza importante. È una celebrazione, una festa, in cui si esibiscono in parata sul palco del Museo modelli storici ispirati ai disegni di Leonardo e affreschi, in un accostamento insolito di arte e scienza.

Leonardo da Vinci Parade, realizzata con il patrocinio del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e con il contributo di Fondazione Cariplo, vede l’esposizione temporanea di una ricca selezione degli spettacolari modelli realizzati negli anni ’50 del XX secolo interpretando i disegni di Leonardo, alcuni dei quali da lungo tempo non esposti.

Un’importante fase di cambiamento si apre infatti nell’esposizione dei modelli storici di Leonardo al Museo, in vista della realizzazione di un nuovo progetto espositivo permanente, che sarà presentato in occasione delle celebrazioni vinciane del 2019.

La storica Galleria Leonardo resterà chiusa al pubblico i mesi necessari all’esecuzione di importanti lavori edili, strutturali e impiantistici finanziati da Comune di Milano e Regione Lombardia.

Per accompagnare il pubblico verso il nuovo grande progetto espositivo il Museo presenterà un programma di conferenze con studiosi di fama internazionale che prenderà avvio alla fine del 2018.

Buon compleanno Leonardo da Vinci

Unknown24
Unknown24

Alle tre di notte del 15 aprile 1452 in una casa colonica ad Anchiano, vicino a Vinci, sulle pendici del massiccio Montalbano ricoperto di vigneti e uliveti, nasceva Leonardo. Ce ne dà notizia con precisone professionale suo nonno, notaio, che annota la nascita nel volume dedicato alle memorie di famiglia: “Nacque un mio nipote, figliolo di ser Piero mio figliolo, a dì 15 aprile, in sabato a ore 3 di notte. Ebbe nome Lionardo” (Antonio, nonno di Leonardo da Vinci)

Figlio naturale di Piero da Vinci, facoltoso notaio, e di Caterina, donna di umili origini, Leonardo viene accolto nella casa paterna dove crescerà assieme ai fratelli, dimostrando sin da giovane il proprio talento pittorico. Racconta il Vasari nelle sue Vite: “Veramente mirabile e celeste fu Lionardo, figliuolo di ser Piero da Vinci (…) Dette alquanto d’opera alla musica (…). Nondimeno, benché egli a sì varie cose attendesse, non lasciò mai il disegnare et il fare di rilievo, come cose che gl’andavano a fantasia più d’alcun’altra. Veduto questo ser Piero e considerato la elevazione di quello ingegno, preso un giorno alcuni de’ suoi disegni, gli portò ad Andrea del Verrocchio, ch’era molto amico suo, e lo pregò strettamente che gli dovesse acciò da quella come da modello, imitandolo, possiamo accostarci con l’animo e con l’eccellenzia dell’intelletto alle parti somme del cielo”.

Per festeggiare il compleanno di Leonardo, viene messa a disposizione a questo link https://www.youtube.com/watch?v=XVAXSZwruNs una clip in anteprima di Leonardo da Vinci. Il Genio a Milano, il film che esplora il soggiorno cittadino dell’artista, offrendo la chiave per trasformare in quadri cinematografici i numerosi scenari leonardeschi di Milano: il Castello Sforzesco, il Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”, la Basilica di Santa Maria delle Grazie, i Navigli, la Vigna di Leonardo sino al celebre Cenacolo.

Il film –in cui verranno mostrate e raccontate opere come La Belle Ferronnière, la Dama con l’ermellino, la Vergine delle Rocce, il Ritratto di musico, il San Giovanni Battista, l’Ultima Cena – arriverà nelle sale di tutto il mondo distribuito da Nexo Digital e sarà in programma in Italia il 2, 3 e 4 maggio all’interno del progetto della Grande Arte al Cinema che sta conquistando un pubblico sempre più vasto (l’elenco delle sale che lo proietteranno è disponibile su www.nexodigital.it e su www.leonardothemovie.com. Le prevendite aprono ufficialmente il 15 aprile).

Com’è possibile raccontare la complessità del genio assoluto?  Da dove s’inizia? Qual è il mistero che rende Leonardo l’artista più amato, discusso e studiato di tutti i tempi? Per rispondere a queste domande e approfondire ulteriormente il tema e le opere in mostra provenienti dal Louvre di Parigi, dalla National Gallery of Art di Washington e dalla Pinacoteca Ambrosiana, gli autori Jacopo Ghilardotti e Gabriele Scotti hanno ritenuto opportuno arricchire il racconto documentaristico, sviluppato con il regista Nico Malaspina, con l’aggiunta di alcune scene di fiction, per le quali è stato coinvolto il regista Luca Lucini.

La storia di Leonardo a Milano ha potuto così allargarsi ed includere molti protagonisti del suo soggiorno milanese: Ludovico il Moro, signore di Milano, l’amico e allievo Salaì, Beatrice d’Este, Donato Bramante, Vincenzo Bandello e altri ancora. I personaggi storici saranno interpretati da attori noti come Vincenzo Amato, Cristiana Capotondi, Alessandro Haber, Gabriella Pession, Paolo Briguglia, Edoardo Natoli, Giampiero Judica, Nicola Nocella, mentre la voce narrante sarà quella di Sandro Lombardi.

Il film “Leonardo da Vinci. Il Genio a Milano” è prodotto da Rai Com, Skira e Codice Atlantico con la partecipazione di Maremosso e in collaborazione con Pirelli e Confagricoltura. Sarà nei cinema italiani il 2, 3 e 4 maggio distribuito da Nexo Digital nell’ambito della stagione de “La Grande Arte al Cinema” in collaborazione con MYmovies.it (informazioni e sale su www.nexodigital.it e www.leonardothemovie.com).

#LeonardoDaVinci
#GenioAMilano
#AuguriLeonardo
#LeonardoTheMovie
www.leonardothemovie.com

Il film “Leonardo da Vinci. Il Genio a Milano” è prodotto da Rai Com, Skira e Codice Atlantico con la partecipazione di Maremosso e in collaborazione con Pirelli e Confagricoltura. Sarà nei cinema italiani il 2, 3 e 4 maggio distribuito da Nexo Digital nell’ambito della stagione de “La Grande Arte al Cinema” in collaborazione con MYmovies.it (informazioni e sale su www.nexodigital.it e www.leonardothemovie.com).

Buon compleanno Leonardo – Al Teatro di Vinci, le Celebrazioni Leonardiane

 

Massimiliano Finazzer Flory (Leonardo)
Massimiliano Finazzer Flory (Leonardo)

Sarà un artista di grande levatura e vero divulgatore di cultura a dare il via alle Celebrazioni Leonardiane a Vinci. Per l’occasione, l’attore e regista Massimiliano Finazzer Flory porterà in scena, nel giorno del compleanno del Genio, l’intervista impossibile a Leonardo da Vinci.

“Essere Leonardo”, questo il titolo dello spettacolo che ha già spopolato in mezzo mondo, da New York a San Pietroburgo passando per Parigi e Bruxelles, e che ricomincia la tournée mondiale proprio da Vinci. Lo spettacolo avrà luogo nel Teatro di Vinci il 15 aprile, con un prologo al mattino dedicato agli studenti e la pièce serale aperta a tutta la cittadinanza dove si preannuncia un tutto esaurito.

In platea saranno presenti i più grandi studiosi del mondo tra i quali segnaliamo Carlo Pedretti e Maria Teresa Fiorio. Da Vinci, l’intervista proseguirà il suo viaggio e sarà ancora rappresentata nei teatri più prestigiosi, ripassando da San Pietroburgo, Bruxelles, New York e chiudendo a Parigi e Amboise. E Vinci sarà protagonista ovunque, sempre per mano di Massimiliano Finazzer Flory.

“Stiamo lavorando da mesi all’operazione – hanno affermato il sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia, e l’assessore alla Cultura, Paolo Santini – E abbiamo voluto fortemente che Finazzer Flory potesse portare in scena a Vinci il suo straordinario spettacolo. Abbiamo chiuso l’accordo nei giorni scorsi e siamo molto soddisfatti di poter aprire le Celebrazioni Leonardiane 2016 con questo evento. Abbiamo voluto che uno dei due spettacoli fosse dedicato alle scuole, e uno a tutti. Nello stesso tempo, abbiamo scelto di garantire l’ingresso libero e gratuito”.

Per la prenotazione (obbligatoria) dei posti contattare il Comune di Vinci, telefonando allo 0571 933223.

La tre giorni di iniziative per le Celebrazioni prevede l’anteprima in compagnia del direttore del Museo Ideale Leonardo Da Vinci, Alessandro Vezzosi che, insieme alla presidente dell’Associazione Internazionale Leonardo Da Vinci, Agnese Sabato, proporrà un’interessante conferenza sulle “Attualità Leonardiane 2016”.

Nel corso di “Leonardo vive”, questo il titolo dell’evento in programma giovedì 14 aprile alle 21 presso il Teatro di Vinci, ci sarà spazio per molte sorprendenti rivelazioni sul Genio vinciano. Gli argomenti delle “notizie inedite e riscoperte” intorno a Leonardo riguardano molteplici ricerche e documenti, memorie e presenze, in varie città e paesi.

Infine, da non perdere l’importante appuntamento di sabato 16 aprile alle 10.30 sempre al Teatro di Vinci, con la Cinquantaseiesima Lettura Vinciana, a cura di Maria Teresa Fiorio. “…promette finirla per tuto settembre – Leonardo nella Sala dell’Asse” racchiude un testo in cui Leonardo spiega come rappresentare un albero in rapporto alla direzione della luce e come rendere la differenza tra i rami in ombra e le foglie illuminate dal sole.

Il foglio è databile agli anni tra il 1498 e il 1502 ed è perciò possibile leggerlo in parallelo a quella grande e sfortunata impresa decorativa che è l’intervento leonardiano nella Sala delle Asse. Concluso il Cenacolo nel 1498, Leonardo si accingeva ad affrontare un nuovo e non meno impegnativo progetto: la vastissima sala della torre nord del Castello Sforzesco doveva accogliere una decorazione che, annullando lo schermo delle pareti, avrebbe illusionisticamente trasformato l’interno in un esterno.

Essere Leonardo da Vinci debutta a Bruxelles

Being_Leonardo-32 teatro
Martedì 23 febbraio alle ore 19.00 presso il Teatro dell’Istituto di Cultura italiano di Bruxelles viene presentato il tour mondiale dedicato a Leonardo da Vinci con lo spettacolo “Essere Leonardo Da Vinci. Un’intervista impossibile” diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory  la vera vita del genio italiano attraverso il teatro con la storia dell’arte e della scienza.

Con questo grande evento si inaugura così il tour internazionale che omaggia tutte le città e i musei che allestiscono opere di Leonardo da Vinci .

Dopo Bruxelles infatti si parte proseguirà con la Russia e San Pietroburgo, la Gran Bretagna con Londra, la Francia con Parigi, la Spagna con Madrid, la Polonia con Cracovia e la Germania con Monaco di Baviera. In America Finazzer Flory sarà in scena con lo spettacolo in diversi Stati ma in particolare a Washington e a New York che presentano opere di Leonardo.

La scelta di iniziare da Bruxelles è simbolica. Leonardo, genio del Rinascimento, che ha saputo unire cultura umanistica e scientifica ma è anche genio europeo dell’energia unificatrice di differenti culture.
Una straordinaria opportunità di rappresentare l’Italia in Europa come cultura  capace di coniugare la ricerca con l’invenzione e l’innovazione con la bellezza dell’arte.

Lo  spettacolo unico nel suo genere viene recitato da Finazzer Flory in lingua rinascimentale e sovrattitolato e interagisce con la lingua di ogni Paese in cui è rappresentato.

Attraverso il format dell’intervista impossibile, Massimiliano Finazzer Flory risponde a 67 domande e diventa “fisicamente” Leonardo, indossando costumi d’epoca, con un trucco che è una vera e propria ricostruzione del volto del genio di Vinci; recita in lingua rinascimentale su testi originali dello stesso Leonardo fra cui il celebre Trattato di pittura.