Manfredi: “Hollywood”

Manfredi - foto 1 di Federico Cataleta
Manfredi – foto 1 di Federico Cataleta

Fuori da venerdì 25 settembre, HOLLYWOOD, il nuovo singolo di MANFREDI, prodotto da Matteo Cantaluppi e in uscita per Foolica. Il brano anticipa l’album d’esordio in arrivo nei primi mesi del 2021 e segna il ritorno del cantautore, noto nella scena indie per brani da milioni di ascolti quali: “CUFFIETTE” e “NOI MENO TU”.

HOLLYWOOD, disponibile in streaming e digitale al link https://backl.ink/142930804, prende ispirazione dai film romantici, che Manfredi descrive come “tutti uguali e con la stessa trama”, che tuttavia piacciono tanto. La verità è che grazie a quei film l’uomo sogna l’amore perfetto, che nella vita reale sembra sempre troppo complicato e drammatico. “Hollywood è una presa di coscienza” – commenta il cantautore – “Sono io che accetto che se le cose vanno male è perché io ho bisogno che vadano male. Sono io che accetto che “mi piace solo quando è complicato, sì, ma tanto”. Sono io che accetto che non era destino, che non potevo essere io la sua felicità. Questa canzone è un sorriso amaro a tutti gli amori che non ho saputo meritare.”

La morte di Kirk Douglas

kirk-douglas-
kirk-douglas-

Si è spento all’età di 103 anni Kirk Douglas un’icona di Hollywood.
Issur Danielovitch, era il suo vero nome. Unico maschio di sette figli emigrati ebrei russi, è stato protagonista di circa 80 film in oltre 50 anni di carriera.

Il suo esordio nel cinema dopo l’apprendistato a Broadway si deve a Lauren Bacall. Fu infatti la moglie di Bogart a segnalarlo al produttore de ”Lo strano amore di Marta Ivers”, che segnò l’inizio della sua carriera nel 1946.
Nominato all’Oscar tre volte, Douglas ha ricevuto l’onorificenza più prestigiosa dell’Academy: l’Oscar alla carriera nel 1996. Di lui ricordiamo il fisico atletico, lo sguardo azzurrissimo e un inconfondibile fossetta in mezzo al mento.

La notizia della sua morte l’ha comunicata il figlio Michael Douglas, con un post su Facebook: “E’ con grandissima tristezza che io ed i miei fratelli annunciamo che Kirk Douglas Per il mondo era una leggenda, un attore dell’epoca d’oro del cinema un attivista umanitario la cui dedizione alla giustizia ha indicato uno standard al quale tutti noi possiamo aspirare. Ma per noi era solo un papà”.

Rimbamband: “Note da Oscar”

Rimbamband - Note da Oscar 1 - Red Carpet
Rimbamband – Note da Oscar 1 – Red Carpet

Al Teatro Superga, Sabato 7 aprile ore 21:
RIMBAMBAND | NOTE DA OSCAR
con Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Vittorio Bruno, Francesco Pagliarulo, Nicolò Pantaleo – regia Paolo Nani

Il nuovo folle, spregiudicato, esilarante show della Rimbamband arriva sabato 7 aprile al Teatro Superga con “Note da Oscar”. I cinque musicisti in perenne disaccordo armonico tra loro sono alle prese con il cinema e la sua magia. Il grande cinema, Hollywood, la Mecca dei sogni, il punto d’arrivo di una vita, il successo che ti rende immortale, il fascino della sala buia e del grande schermo.

Un sogno per la Rimbamband! Allora, fiato alle trombe! Che lo spettacolo inizi. Il pubblico viene preso per mano e condotto in un viaggio imprevedibile e dissacrante, in un “road music movie” tra i generi cinematografici più disparati, dal western al cartoon, dal giallo alla commedia, che vengono mixati, frullati e distorti con spregiudicata creatività.

Un gioco perpetuo che, partendo dalle colonne sonore più famose, si nutre di straordinari virtuosismi, citazioni e un’enorme dose di fantasia. È il grande cinema, visto attraverso uno specchio deformante. Che fa ridere, tanto ridere. «Non è la realtà che conta in un film, ma quello che l’immaginazione può fare» – diceva il grande Charlie Chaplin – preparatevi a entrare in “Note da Oscar”, un grande luna park dell’immaginazione.

Biglietti: platea 27 € – platea ridotto 24,5 € | galleria 21 € – galleria ridotto 19 €

Informazioni e prevendite biglietti: Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To)
Biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19 – sabato 7 aprile dalle ore 18.00
Prenotazioni: biglietteria@teatrosuperga.it | 011.6279789
Acquisto online su www.teatrosuperga.it e prevendite abituali del Circuito Ticketone

Anteo Palazzo del Cinema: rassegna Sigmund Freud – tra cinema e teatro

miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema
miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema

Al via lunedì 5 febbraio all’Anteo Palazzo del Cinema
la rassegna SIGMUND FREUD – Tra cinema e teatro

Un percorso, attraverso il cinema, per avvicinarsi a Freud

La rassegna, organizzata da Piccolo Teatro di Milano e Anteo Palazzo del Cinema, in collaborazione con Intesa San Paolo, propone una selezione di titoli dal forte legame con le tematiche psicanalitiche. Come spiega Maurizio Porro, curatore della rassegna, «tutto il cinema confina con la psicanalisi, Billy Wilder prima di partire per Hollywood tentò non a caso di intervistare Freud: la cinepresa, rispetto al teatro che allora non aveva gli effetti speciali, era l’arma nuova.»

Serata speciale lunedì 12 febbraio: la proiezione del film 8 e mezzo sarà introdotta da un breve intervento di Maurizio Porro e Fabrizio Gifuni, protagonista dello spettacolo in scena al Piccolo Teatro di Milano Freud o l’interpretazione dei sogni.

PROGRAMMA

Lunedì 5 febbraio 2018
ore 19.30 – Freud – Passioni segrete
di John Huston, 1962 – 120’
ore 22.10 – A Dangerous Method
di David Cronenberg, 2011 – 99’

Lunedì 12 febbraio 2018
ore 19.30 – 8 e mezzo
di Federico Fellini, 1963 – 138’
La proiezione sarà introdotta da un saluto in sala di Fabrizio Gifuni e Maurizio Porro
ore 22.00 – Hollywood Ending
di Woody Allen, 2002 – 112’

Lunedì 19 febbraio 2018
ore 19.30 – L’eclisse
di Michelangelo Antonioni, 1962 – 126’
ore 21.50 – Melancholia
di Lars von Trier, 2011 – 130’

Lunedì 26 febbraio 2018
ore 19.30 – La donna che visse due volte
di Alfred Hitchcock, 1959 – 128’
ore 21.50 – L’uomo che non c’era
di Joel Coen e Ethan Coen, 2001 – 116’

Lunedì 5 marzo 2018
ore 19.30 – Teorema
di Pier Paolo Pasolini, 1968 – 98’
ore 21.30 – Il fascino discreto della borghesia
di Luis Buñuel, 1972 – 105’

Lunedì 12 marzo 2018
ore 19.30 – Che fine ha fatto Baby Jane?
di Robert Aldrich, 1962 – 134’
ore 21.50 – Volver
di Pedro Almodóvar, 2006 – 120’

Biglietto singolo: Intero € 9/ Ridotto € 6,5 (under 26, over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)
Abbonamento 4 proiezioni: Intero € 15/ Ridotto € 12 (under 26 e over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)

SPECIALE CINEMA + TEATRO: presenta all’Anteo il biglietto dello spettacolo Freud o l’interpretazione dei sogni: potrai acquistare i biglietti o l’abbonamento per i film a prezzo ridotto. Oppure presenta al Piccolo Teatro il biglietto dei film: potrai acquistare il biglietto per Freud o l’interpretazione dei sogni a prezzo ridotto.

Per info e acquisto biglietti: www.spaziocinema.info

I Rumatera a Hollywood: inizia la serie web-talent per trovare il nuovo chitarrista

RumateraUSA musica
I Rumatera volano ad Hollywood insieme ad Aperol Spritz a caccia di un nuovo chitarrista che trasformi il fenomeno del Nord Est in gruppo “international”. I tre mesi Californiani di ricerche, casting e, perché no, feste, diventano la web serie THE ITALIAN DREAM: 12 puntate che con cadenza settimana, dal 15 febbraio al 2 maggio racconteranno CHI sarà il nuovo chitarrista e, soprattutto, COME è stato scelto. Alla fine della web serie si scoprirà infatti chi sarà il “nuovo Rumatera” che da maggio si imbarcherà per l’Italia e parteciperà alla tournée estiva della band veneziana.

THE ITALIAN DREAM sarà trasmesso sulla BoogieRecordsTv, canale ufficiale della band su YouTube (www.youtube.com/user/BoogieRecordsTv, 5 milioni di visualizzazioni), sul canale You Tube di Aperol Spritz (www.youtube.com/user/AperolSpritzItalia) e sull’emittente televisiva Antenna Tre.

Il difficile non sarà infatti trovare un musicista dotato, ma trasformarlo in un vero e proprio “Toso de Campagna” alla Rumatera. Per questo THE ITALIAN DREAM sarà, in un certo modo, un talent show: i quattro finalisti dovranno dimostrare non solo di saper suonare Assa perdare i Pin Floi (www.youtube.com/watch?v=MyE5eecL_Dw) o Venenglish (www.youtube.com/watch?v=zVGx5NNiKj8).

Tra le prove che Daniele “El Bullo” Russo (chitarra e voce), Giorgio “Gosso” Gozzo (basso e voce) e Luca “Sciukka” Perin (batteria) dovranno valutare ci sarà anche la capacità di “provarci” con un una ragazza (o un ragazzo), quella di cucinare una pastasciutta come si deve, passare un test di “lingua veneta” e dimostrare la propria abilità nella preparazione di un perfetto Aperol Spritz.

Solo il migliore chitarrista potrà vivere il proprio ITALIAN DREAM (in divertente opposizione all’“American dream” che tanti musicisti nostrani tentano di vivere), trasferirsi nella mitica “Casa dell’amore” di Cazzago di Pianiga, Venezia, e suonare assieme ai Rumatera