Il gioco di carte Uno festeggia 50 anni

uno
uno

Il gioco di carte numero UNO® festeggia 50 anni!

 

UNO celebra i suoi 50 anni attraverso una nuova gamma di prodotti, partnership  esclusive ed eventi commemorativi

 

Mattel annuncia oggi le celebrazioni globali per il 50° anniversario di UNO, il gioco numero uno al mondo* che promuove l’inclusività ed è diventato un fenomeno culturale.

Ideato nel 1971 da un barbiere di Cincinnati, Ohio, l’iconico gioco di carte è stato creato per consentire alle famiglie di trascorrere del tempo insieme ed è diventato rapidamente un elemento immancabile in ogni casa. Cinque decenni dopo, UNO, ora disponibile in oltre 80 paesi e con 17 mazzi venduti ogni minuto, è cresciuto fino a diventare globale e offrire ai fan di tutte le età una varietà di giochi innovativi sia fisici che digitali.

“Per 50 anni UNO ha unito le persone trascendendo la lingua, la cultura e l’età attraverso il gioco. Essendo il gioco di carte numero uno al mondo abbiamo mantenuto le sue origini di  amato passatempo familiare, facendolo però evolvere in un fenomeno culturale”, afferma Ray Adler, Global Head  di Mattel Games. “Combinando le radici di inclusività e semplicità del brand, l’appassionata fan base globale e lo slancio senza precedenti, il 50° anniversario di UNO sarà una celebrazione lunga tutto un anno del passato, del presente e del futuro del brand.”

Il brand celebra i suoi 50 anni con tante novità:

 

PRODOTTI COMMEMORATIVI E NUOVI MODI DI GIOCARE

Quest’anno UNO lancia una delle sue più estese linee di prodotto con tante nuove modalità di gioco:

  • UNO 50° Anniversary: questo articolo premium è il prodotto ufficiale celebrativo per il 50° anniversario, assolutamente da collezionare. Nella confezione deluxe è contenuta un’esclusiva moneta d’oro che commemora il 50 ° anniversario e il set include anche una carta e una regola speciali “50/50″, che incorporano la moneta nel gioco.

  • UNO Iconic Series: a partire dai fantastici anni ’70, la UNO Iconic Series includerà cinque mazzi individuali in onore degli ultimi cinque decenni, con design nostalgici che rappresentano graficamente ogni decade.

 

  • UNO Remix: UNO Remix è il primo gioco UNO che si evolve d ogni partita. E’ simile al classico UNO, ma all’inizio di ogni round i giocatori possono aggiungere speciali carte Remix al mazzo che cambieranno il gioco. Alla fine di ogni partita, ogni mazzo di UNO sarà unico e personalizzato

  • UNO Attack: dal 1998 UNO Attack è uno dei preferiti dai fan e con questa nuovissima versione aggiornata aggiungiamo al gioco ancora più azione con luci, nuovi suoni e carte che volano ancora più in alto.

Per celebrare il momento, tutti i nuovi prodotti del 2021 si presenteranno con il nuovo look UNO 50th Anniversary, incluso un nuovo logo e un nuovo slogan: Fifty Years of Being Wild™.

 UNO™ CHAMPIONSHIP ED EVENTI CELEBRATIVI

UNO inviterà i fan a celebrare l’anniversario attraverso una prima serie di tornei ospitati da Mattel e una varietà di giochi celebrativi.

  • UNO™ Championship Series: UNO sta lanciando la prima UNO™ Championship Series ufficiale in assoluto, che offre ai fan la possibilità di dimostrare di essere il miglior giocatore di UNO in circolazione. La UNO™ Championship Series accoglierà i fan di tutto il mondo per competere e diventare il primo campione mondiale UNO™ ufficiale. La finale si svolgerà a novembre 2021 con un super premio di $ 50.000 per il vincitore.

  • Giochi celebrativi: durante tutto l’anno, UNO ospiterà giochi e streaming celebrativi con fan e partner su piattaforme digitali, tra cui l’app mobile e la piattaforma di gioco UNO.

PARTNERSHIP

Da artisti iconici ad atleti e organizzazioni senza scopo di lucro, UNO si impegna a sviluppare diverse partnership incentrate su prodotti inclusivi, sostenibili e culturalmente rilevanti. Negli ultimi anni UNO ha lanciato UNO Braille, rendendo il gioco ampiamente accessibile a ciechi e ipovedenti, UNO ColorADD, il primo gioco di carte al mondo ottimizzato per i daltonici e la serie UNO Artiste , una linea che rende omaggio ad artisti influenti infondendo l’arte direttamente in un mazzo di carte. Nel suo 50° anniversario, UNO collaborerà con una varietà di nomi iconici nei campi di arte, moda, sport e molto altro per creare prodotti dal design unico brandizzati con i marchi preferiti dai fan. Questo è solo l’inizio di quello che ci aspettiamo durante tutto l’anno  per la celebrazione di UNO. Visita il sito web di UNO per ulteriori informazioni e segui @uno su Instagram e Facebook e @realunogame su Twitter per aggiornamenti futuri.

*Source: The NPD Group/Retail Tracking Service/G11/Jan-September 2020/Games & Puzzles Supercategory/ Units

Per maggiori informazioni: www.mattel.com

 

 

 

Laura Pausini rappresenta l’Italia

Laura Pausini.
Laura Pausini.

LAURA PAUSINI

RAPPRESENTA L’ITALIA
ALLA CERIMONIA ONLINE D’INAUGURAZIONE
DEGLI INTERNATIONAL PEACE HONORS

CON UNA SPECIALE PERFORMANCE DI
IO SI/SEEN
original song del film THE LIFE AHEAD

DOMENICA 17 GENNAIO

Sarà Laura Pausini a rappresentare l’Italia alla cerimonia online d’inaugurazione degli International Peace Honors il prestigiosissimo evento su scala mondiale ideato da Peace tech Lab per riconoscere e celebrare l’impegno degli attivisti internazionali più influenti del nostro tempo, in prima linea per affrontare le più grandi sfide del 2020 veicolando messaggi di pace per un futuro migliore. Tra i premiati di quest’anno – due dei quali annoverati dalla rivista TIME tra le 100 persone più influenti al mondo del 2020 – troviamo: il Dr. Anthony Fauci, Direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive; il capo amazzone Raoni; Opal Tometi, co-fondatore del movimento Black Lives Matter; il cantante e attivista Ricky Martin; il “padre di Internet” Vint Cerf e il cantautore venezuelano Ricardo Montaner, che sarà nominato Ambasciatore della pace per il suo sostegno alla causa di PeaceTech Lab.

“È un grandissimo onore per me presenziare alla cerimonia degli International Peace Honors di PeaceTech Lab, che da sempre si fa portavoce di valori e ideali che hanno guidato la mia vita e la mia carriera. È anche profondamente gratificante poter interpretare questa canzone accanto a una delle più grandi icone del mio Paese e del mondo, Sofia Loren, con un prezioso messaggio di fratellanza, che ci invita a restare uniti, pur nelle nostre differenze, e a guardare insieme al futuro”, spiega Laura Pausini.

Nel corso della serata, trasmessa in streaming domenica 17 gennaio, Laura Pausini regalerà al pubblico una speciale performance di IO SI/SEEN, original song del film Netflix The Life Ahead/La Vita Davanti A Sé, che ha segnato il ritorno alle scene di Sophia Loren dopo 10 anni di assenza e che racchiude un potentissimo messaggio di tolleranza, integrazione e accettazione della diversità.
Il brano, frutto della prima collaborazione di Laura Pausini con Diane Warren (11 nomination agli Oscar, 1 Grammy Award, 1 Emmy Award, 1 Golden Globe), firmato anche da Niccolò Agliardi.

Nella line-up dell’evento, accanto a Laura Pausini e in rappresentanza degli altri paesi, artisti e personalità internazionali del calibro di Sting, Eva Longoria, Stephen Curry, Camilo e Evaluna e Alejandro Sanz. A presentare la serata sarà Natalia Jiménez.

Per seguire la cerimonia online basta registrarsi al sito internationalpeacehonors.org.

Per maggiori informazioni: www.peacetechlab.org

Orolavico incontra studenti master “Designland”

DESIGNLAND
DESIGNLAND

OROLAVICO INCONTRA GLI STUDENTI DEL MASTER “DESIGNLAND”.

Catania: venerdì 15 gennaio 2021 alle ore 16.00 gli studenti del Master Designland promosso dall’Harim Accademia Euromediterranea si confronteranno con Andrea Branciforti, Presidente ADI Sicilia (partner del master) e docente dell’Harim Accademia Euromediterranea, Giancarlo Rosano, Production Director Orolavico e Simone Ghirlanda, stagista e designer assistant oltre che ex studente Harim. Durante questo incontro sarà possibile conoscere la storia, la mission, i materiali e le tecniche di lavorazione di questa giovane e dinamica realtà siciliana nata nel 2015 dall’esperienza di manager e artigiani che, in poco tempo, hanno fornito soluzioni di indoor e outdoor design grazie all’utilizzo della pietra lavica e di pietre di tutto il territorio siciliano. Non è un caso, infatti, che il naming stesso scelto dall’azienda – Orolavico – rimandi a un metallo prezioso, “l’oro”, appunto, cui sono associati questi materiali lapidei presenti in enormi quantità in natura e che costituiscono una grandissima risorsa per l’economia locale, basti pensare agli svariati utilizzi che se ne possono fare nel mondo dell’architettura, del design, dell’ingegneria, ecc.

«Parlare di design o fare design – dichiara Andrea Branciforti, Presidente ADI Sicilia (partner del master) e docente dell’Harim Accademia Euromediterranea – è stato, per lungo tempo, appannaggio solo di alcune regioni del nostro Paese riconosciute come luoghi del design e per i designer. Oggi, qualcosa è cambiato, grazie anche alla lungimiranza del comparto vitivinicolo che, per primo, ha investito sulla comunicazione del prodotto e sui designer, imponendosi, nel giro di pochi anni, a livello internazionale come una realtà consolidata e riconosciuta. Questo modus operandi ha innescato un corto circuito nel settore produttivo investendo gli altri comparti, vedi il legno, la ceramica, materiali marmorei e lo stesso food, divenuto, oggi più che mai, forza trainante per intere aree della nostra regione. Le aziende sono molto più attente al mondo del design, aprono i loro laboratori alle università e alle accademie attraverso workshop, seminari, mostre con cui creano collaborazioni per lo sviluppo di nuovi prodotti, ed è questo il caso anche di Orolavico. Come parlare, allora, del presente e del futuro che ci attende attraverso la materia, attraverso il territorio e le tecniche di lavorazione, dove gli strumenti per progettare il domani sono sempre più interdisciplinari?
La catena di approvvigionamento dell’industria è cresciuta enormemente e, oggi, parlare di design significa analizzare soprattutto la filiera del prodotto e intervenire step by step per riequilibrare il dispendio di energie che si trasformano in inquinamento. Non basta riforestare, occorre salvaguardare il nostro patrimonio naturale, inserendolo nel ciclo produttivo in una bio-prospettiva. Sarà necessario porre attenzione e approfondire l’utilizzo di materiali naturali presenti sul territorio. Il termine “artigianale” sarà, così, riferito all’approccio che l’azienda ha nel trattare il materiale: l’attenzione agli sprechi, alle quantità che si utilizzano, all’approvvigionamento e al tipo di trasporto, ai sistemi tecnologici che rispondono ai parametri di ecosostenibilità. Questa è la bio-prospettiva che ci attende: un design underground che superi certi schemi produttivi predefiniti e inadeguati ai grandi cambiamenti. Un passaggio fondamentale che potrà avvenire grazie alle tante piccole e medie realtà che ancora mantengono un’educazione etica nella produzione, maturata nel corso della propria storia e che saranno il nuovo punto di partenza per il design e il territorio.»

L’appuntamento con l’azienda Orolavico s’inserisce all’interno di un ciclo d’incontri tra aziende e studenti fortemente voluto e sostenuto dall’Harim Accademia Euromediterranea che crede molto nell’importanza del confronto tra teoria e pratica, tra studio ed esperienza. Come si legge nella stessa presentazione del Master Designland: «[…] L’Harim Accademia Euromediterranea, realtà che da oltre 20 anni offre corsi di alta formazione nei settori: Design, Moda, Gioiello, Fotografia, Comunicazione e Marketing, da quest’anno è promotrice di un Master in Product Design integrato che coinvolge le più rinomate aziende del campo. Il progetto “Designland” che ADI Sicilia, in questi ultimi anni, ha patrocinato e coltivato, ha già ottenuto un riconoscimento in ambito nazionale come: “ottimo progetto per la riconoscibilità e promozione delle imprese Siciliane che hanno adottato il design nel loro sistema produttivo”. La collaborazione con importanti Aziende ed Enti pubblici e privati ha lo scopo di perfezionare la formazione dell’allievo e svilupparne le capacità progettuali in modo pragmatico […]».

Entrare in contatto con qualificate figure professionali del settore cui si ambisce operare, apprendere la loro testimonianza, permette agli studenti di avvicinarsi alle problematiche del mondo lavorativo e di conoscere per tempo potenzialità e lacune del proprio ambito di riferimento.
«Crediamo molto nel connubio formazione teorica ed esperienza pratica in azienda – dichiara Giuseppe Mondera, Ceo di Orolavico – proprio per questo abbiamo accettato con entusiasmo l’invito rivoltoci dall’Harim Accademia Euromediterranea di diventare partner del Master Designland e di realizzare una collezione disegnata da uno degli studenti. Riteniamo che unire la conoscenza dei materiali e delle tecniche di progettazione al nostro know-how delle tecniche di lavorazione e delle richieste del mercato possa, non solo consentire un primo approccio diretto al mondo del lavoro, ma anche offrire uno stimolo agli studenti a non considerare le aziende come degli enti esterni e lontani da loro ma come i futuri laboratori in cui poter realizzare le proprie idee».

Poietika Art Festival

Poietika_Piazza Dante 2021
Poietika_Piazza Dante 2021

Unico festival della Regione Molise tra gli eventi a celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Un grande risultato per un progetto condiviso che unisce 41 Festival culturali italiani

Poietika tra le rassegne di “Piazza Dante. #Festivalinrete”!

Regione Molise

e

Fondazione Molise Cultura

sono liete di annunciare:

Poietika Art Festival in

PIAZZA DANTE #Festivalinrete

“Con grande gioia ed orgoglio salutiamo l’inserimento di Poietika – unico Festival regionale molisano – all’interno del progetto “Piazza Dante.#Festivalinrete”, che mette in rete tra i più significativi Festival del nostro Paese, collegati in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante.”

C’è molta soddisfazione e impegno rinnovato nella dichiarazione di Antonella Presutti, Presidente della Fondazione Molise Cultura, per il “riconoscimento di un lavoro rigoroso e di una qualità progettuale che ha caratterizzato tutte le edizioni di Poietika e che l’ha resa oggetto dell’attenzione dei grandi circuiti culturali italiani. “Piazza Dante.#Festivalinrete” costituisce una straordinaria occasione per confrontarsi e costruire percorsi comuni con altre solide e riconoscibilissime realtà nazionali.”

“Piazza Dante. #Festivalinrete” unisce 41 festival di approfondimento culturale italiani. Sostenuto dal Comitato Nazionale per le celebrazioni dantesche istituito dal Mibact, si inserisce tra le più importanti iniziative che nel 2021 renderanno omaggio a Dante Alighieri in occasione dei 700 anni dalla morte. “Piazza Dante. #Festivalinrete” testimonierà l’amore del nostro Paese per la straordinaria opera di Dante, dando vita a un racconto tutto italiano che animerà le piazze e che sarà fruibile anche attraverso il sito web dedicato, una piazza virtuale in cui contenuti multimediali (video, interviste agli autori, scritti inediti) daranno la possibilità a tutti di vivere le iniziative realizzate via via dai Festival. Entusiasta Sandro Arco, Responsabile del Coordinamento Fondazione Molise Cultura, che sottolinea “il lavoro organizzativo svolto in questi anni nella programmazione e nell’attuazione del progetto Art Festival Poietika che sta coinvolgendo, sempre più, territori e partners di grande rilevanza. Non potevamo mancare all’appuntamento nazionale di Piazza Dante con una nostra proposta all’interno di Poietika 2021 che quest’anno rilancerà la sua programmazione con maggiore determinazione facendo tesoro del periodo difficile determinato dalla pandemia”.

Poietika è nato nel 2015 come ideale luogo di incontri, di conversazioni e dialoghi, tra il locale e il globale, tra il Molise e il mondo. Sei edizioni – a cui si è aggiunta dal 2019 la sezione musicale Sonika Poietika – cui la parola è stata declinata nelle sue varie sfaccettature artistiche e con ospiti straordinari, provenienti da tutto il mondo e coinvolti in dialoghi, hanno partecipato: Steve McCurry, Adonis, Umberto Galimberti, Pupi Avati, Tahar Ben Jelloun, Jorge Galan, Antonio Moresco, Ibrahim Nasrallah, Valerio Magrelli, Vito Mancuso, Mariangela Gualtieri, Milo De Angelis, Patrizia Valduga, Ian Goldin, Vandana Shiva, Wim Mertens, Raúl Zurita, Nedim Gürsel, Letizia Battaglia e tanti altri. Poietika ribadisce la scelta di campo e la visione della cultura come veicolo di denuncia, di testimonianza anche scottante e scomoda, per niente rassicurante.

POIETIKA:

http://www.poietika.it

FONDAZIONE MOLISE CULTURA:

http://www.fondazionecultura.eu

REGIONE MOLISE:

http://www.regione.molise.it

 

Pistoia – Dialoghi sull’uomo

Marchio
Marchio

Pistoia – Dialoghi sull’uomo
dodicesima edizione dal 18 al 20 giugno
Tema del 2021: Altri orizzonti: camminare, conoscere, scoprire

Nuove date per la dodicesima edizione del festival di antropologia Pistoia-Dialoghi sull’uomo che quest’anno si terrà da venerdì 18 a domenica 20 giugno, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli (www.dialoghisulluomo.it).

I Dialoghi riprendono il loro cammino di conoscenza e di approfondimento sui temi di antropologia del contemporaneo, dopo la scorsa edizione svoltasi necessariamente con incontri tutti on-line, che pur hanno riscosso un grandissimo successo, raggiungendo un pubblico di mezzo milione sui canali social del festival con circa 100.000 visualizzazioni delle videoconferenze.
Nel 2021 l’obiettivo, e la ragione dello slittamento di data vista l’attuale contingenza sanitaria, è tornare nelle piazze e nel centro storico di Pistoia per proseguire il confronto fra pubblico e grandi pensatori italiani e stranieri sul percorso, iniziato 11 anni fa, di un impegno culturale e civile, volto a comprendere meglio come convivere in una società complessa quale la nostra. Gli organizzatori auspicano di ricreare e rivivere quel clima di festa che solo il condividere e il ritrovarsi insieme genera. Lo si farà senza abbandonare la strada aperta grazie alla tecnologia di potersi collegare anche a distanza.

Il tema del 2021 sarà “Altri orizzonti: camminare, conoscere, scoprire”. È stato questo anelito di ricerca a caratterizzare l’intera evoluzione del genere umano. Dalle esplorazioni della terra e dello spazio, che hanno consentito di creare nuovi habitat e di sviluppare nuove conoscenze, all’esigenza di andare al di là del qui e ora della quotidianità, alla ricerca di forme di spiritualità tanto religiosa quanto laica.
Gli incontri della nuova edizione dei Dialoghi sull’uomo vedranno avvicendarsi studiosi di diverse forme di spiritualità religiosa, che spiegheranno la tensione a trascendere la vita terrena, al fianco di scienziati che esplorano la materia, alla ricerca di una chiave di comprensione della vita, di viaggiatori ed esploratori che tentano di superare i limiti e i confini, così come di artisti e studiosi d’arte, per comprendere cosa li spinge a creare nuove realtà.
Il festival richiama nella scelta del tema i festeggiamenti dell’anno iacobeo e l’apertura della Porta Santa a Pistoia in onore della reliquia di San Jacopo, conservata nel Duomo da nove secoli, che collega il percorso di Santiago di Compostela a Pistoia stessa.
Un festival che avrà dunque come fil rouge il cammino verso nuovi e altri orizzonti, il cammino dei pellegrini di tutto il mondo e di molte religioni, quello dei migranti che fuggono dalla povertà e dalla morte, quello avventuroso degli esploratori, quello di ricerca di scienziati, artisti e filosofi.

«Il cammino che i nostri lontani antenati hanno intrapreso uscendo dall’Africa, non è stato fatto solo con i piedi – dichiara Giulia Cogoli ideatrice e direttrice del festival – ma anche con l’immaginazione, la speranza, la fede, la fiducia negli altri, l’aspettativa di nuove scoperte e dimensioni dell’umano, che ha permesso non solo di scoprire il nostro pianeta, ma anche di trascenderlo».