“Italian Stand Up”

Italian Stand Up -
Italian Stand Up –

Zelig Cabaret (viale Monza 140 a Milano) presenta a partire da Giovedì 8 Novembre, alle ore 21,la rassegna “Italian Stand Up”, quattro serate con i migliori comici italiani di Stand-Up Comedy. Protagonisti della prima serata sono DANIELE RACO E GIORGIO MAGRI

La stand up comedy è un genere che sta prendendo piede in Italia, riempiendo i locali di tutto il paese con un pubblico sempre più numeroso e avido di monologhisti di stampo anglosassone.

Pochi ingredienti: un palco spoglio, un cono di luce, l’unico attrezzo di scena è un microfono. Il comico porta in scena se stesso, la sua vita di tutti giorni, il suo personale punto di vista, trascinando con il proprio monologo anche il pubblico più distratto.

Milano, da sempre città “comica”, fa da apripista a questo genere e Zelig non poteva che cogliere al volo la nuova tendenza continuando nel suo ruolo di attenzione e accoglienza di tutto ciò che si muove nel mondo della comicità.

inizio spettacolo ore 21.00
ZELIG CABARET – Viale Monza 140 – 20125 Milano – www.areazelig.it – Ingresso consentito ai maggiori di anni 14
biglietti: prezzo fisso 15 euro (I prezzi indicati si intendono senza consumazione ed eventuale prevendita)

Infoline e prenotazioni tel. 02.255.1774 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 – nelle sere di spettacolo anche dalle 18 alle 20.30 – sabato e domenica dalle 18.00 alle 20.30). Acquisti online su www.ticketone.it

Hot Wheels

TIME-TRACKER
TIME-TRACKER

L’amore per la velocità, l’adrenalina delle sfide e il ruggito dei motori accomunano il mondo di Hot Wheels e il mondo di Valentino Rossi, campione italiano delle due ruote.

Un marchio e un personaggio avvolti nel mito si fondono in un’edizione limitata in esclusiva per l’Italia, per una nuova collezione fiammante e grintosa, che farà impazzire tutti i fan e gli amanti delle sfide!

6 modellini die cast, in scala 1:64 riproducono veicoli da gara aerodinamici e scattanti, dai colori e simboli che rimandano immediatamente al campione giallo blu.

Il modello GT Hunter ha una forma accattivante dalle linee squadrate. Il blu metallizzato è decorato da inserti gialli personalizzati con il nome di Valentino Rossi e il logo Hot Wheels che la rendono unica e inimitabile!

La linea elegante e sinuosa del modello Fast Felion è decorata dal numero 46, segno di buon auspicio per Valentino Rossi durante tutte le sfide, e da una striscia gialla, a contrasto con il fondo nero, per dare l’impressione di una corsa ancora più veloce.

La Time Tracker, è aerodinamica e sportiva, con un grosso parabrezza che si estende fino al tettuccio, illuminando tutto l’abitacolo. Il colore giallo di fondo è reso spettacolare dalle decorazioni rosse blu e nere, che fondono il mondo di Valentino Rossi a quello di Hot Wheels.

Il modello Crescendo, dalla forma così sinuosa da confondersi con la pista, ha decorazioni minime che si abbinano alla linea curva della carrozzeria, perfettamente adatta a raggiungere una velocità sempre maggiore.

La macchinina Blitzspeeder presenta un grande para brezza in vetro azzurro esteso fino al tettuccio, per una visuale degli avversari a 360°. Il colore blu vitreo decorato dai colori e dai simboli del campione Valentino Rossi, è reso ancor più accattivante dalle ruote verdi con cerchioni arancioni.

La Winning Formula è un modello di formula uno in grado di raggiungere velocità sorprendenti. I componenti del motore a vista, effetto cromato rendono il veicolo grintoso e temibile agli occhi degli avversari. Il blu di fondo è decorato dalle iniziali VR e dal numero 46 in giallo brillante, proprio come la moto di Valentino Rossi!
Scopri il concorso!

I modellini Hot Wheels ispirati a Valentino Rossi renderanno ogni sfida più veloce ed emozionante per tutti i fan del brand e del campione, i quali potranno vivere un’esperienza unica: dal 7 ottobre al 31 dicembre, coloro che acquisteranno 2 veicoli dedicati al pilota, potranno partecipare ad un concorso per vincere un’esclusiva giornata alla VR46 Riders Academy di Tavullia, alla scoperta dei segreti del mestiere…del Dottore!

Week-end sul Lago di Como con la 69^ Centomiglia del Lario

Centomiglia del Lario 2018
Centomiglia del Lario 2018

Da domani 20 a domenica 21ottobre, sulle acque del Lario si correranno la storica Centomiglia, arrivata quest’anno alla 69^ Edizione e le 5^ e ultime tappe del Campionato Italiano Endurance classi Sport e Boat Production e del Campionato Italiano Offshore classe 5000.

Per l’Endurance, un titolo italiano è già arrivato, con una gara di anticipo nella classe B – Sport, ad opera dell’equipaggio dello Yatch Club Como MILA – CVC, con Rosario Longo e Mauro Cucurnia; gli altri equipaggi in gara a Como si sfideranno per l’argento e il bronzo tricolore. Nella classe B – Boat Production, leader di classifica sono Christian Cesati e Matteo Berardi, il duo del Club Nautico Gabbiane (a quota 1425 punti), seguito dalla veneta Caterina Croze (1125 p.).

Nella tappa conclusiva dell’Offshore, la lotta per il titolo tricolore è tra due equipaggi: quello leader di classifica provvisoria di Campionato (a 1500 punti) composto da Serafino Barlesi e Alessandro Barone (Yatch Club Como MILA – CVC) e quello della Mot. Boretto Po, con Lorenzo Bacchi, Giovanni Carpitella e Andrea Bacchi (a quota 1300 punti).

Una sfida accesa per questi due forti equipaggi: Barlesi e Barone, che già nel 2017 avevano conquistato la Centomiglia, puntano a fare il bis nella Classica comasca e a vincere il Titolo Italiano Offshore, un titolo che lo scorso anno era finito proprio nelle mani di Bacchi e Carpitella.

Sabato dalle ore 13.30 alle ore 18.00 prove libere di tutte le categorie; le gare si disputeranno domenica dalle ore 14.00 alle ore 15.00, con partenza unica di tutte le imbarcazioni Endurance e Offshore.
Premiazioni a seguire.

“Il senso del ridicolo”: Festival sull’umorismo

Cortellesi
Cortellesi

Il festival, diretto da Stefano Bartezzaghi, promosso dalla Fondazione Livorno, è gestito e organizzato dalla Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana.

Alle ore 10, in Piazza dei Domenicani, la giornalista Irene Soave parlerà con umorismo della singletudine femminile su cui si è lungamente documentata tramite i galatei e la manualistica dedicata all’argomento.

Alle ore 11, in Piazza del Luogo Pio, Francesco Costa, un giornalista che ha seguito da molto vicino le primarie e le elezioni americane, e Giuseppe Civati, un politico che dopo essere stato parlamentare è tornato a fare politica «dal basso», discuteranno di come nell’ambito della politica, com’è che una volta dare del «buffone» a un onorevole era un insulto cocente, mentre i politici contemporanei arrivano a fare scene da puro cabaret.

Alle ore 12, in Piazza dei Domenicani, Michele Smargiassi ci racconterà di come in fotografia l’arte che si imprime con la luce che colpisce la realtà possa arrivare a essere perfettamente surreale, comica, assurda, mentre alle ore 15, in piazza dei Domenicani, il critico musicale Ernesto Assante ci parlerà di come la musica possa essere un veicolo o un fattore stesso di comicità.

Alle ore 16,30, in Piazza del Luogo Pio, conversando con la critica Sara Chiappori, Lucia Poli ripercorrerà, in una conversazione alternata a letture di autori e soprattutto autrici che ama, ricordi ed episodi della carriera tra palcoscenico e televisione, scegliendo qualche perla dalla collana del suo repertorio.

Alle ore 17,30, in Piazza dei Domenicani ci sarà l’incontro con la scrittrice e conduttrice radiofonica Loredana Lipperini; alle 18,45, in Piazza del Luogo Pio, Matteo Caccia proseguirà la sua ricerca di storie e luoghi, presentando il risultato di un’esplorazione etnologico-immobiliare della città.

In serata alle ore 21, al Teatro Vertigo verrà proiettato il film “Kamikazen – Ultima notte a Milano” di Gabriele Salvatores (1987) nell’ambito della rassegna dei film curata da Gabriele Gimmelli.

Milano Green Week

Milano-Green-week-evidenza
Milano-Green-week

Un’onda verde è pronta a invadere la città portando in tutti i quartieri eventi, laboratori, dibattiti e lasciando nuovi luoghi da vivere e scoprire tutto l’anno. È ai nastri di partenza la prima edizione di Milano Green Week, l’evento all’interno del Palinsesto Yes Milano ideato sulla scia del successo delle tre edizioni di Green City Milano e organizzato dal Comune di Milano insieme ai cittadini e ai soggetti pubblici e privati che contribuiscono quotidianamente alla cura e gestione del verde in città.

Dal 27 al 30 settembre le piazze, i giardini, i parchi, gli orti, i cortili e le cascine si trasformeranno nel palcoscenico di una grande festa diffusa coordinata dall’Assessorato al Verde insieme a MIAMI Scarl, gestore del servizio per la manutenzione del verde pubblico.

Quattro giorni caratterizzati da tante inaugurazioni, a partire dalla nuova piazza verde in zona Scalo Romana, realizzata nell’ambito del distretto smart Symbiosis, che nella serata di apertura della Milano Green Week sarà intitolata all’imprenditore illuminato Adriano Olivetti. Apriranno poi il nuovo parco della Torre al quartiere Bicocca e il giardino di via Fratelli Zoia, reso fruibile e decoroso dopo anni.

E poi ancora piazza Angilberto II a Corvetto, riqualificata e parzialmente pedonalizzata nell’ambito del progetto “Piazze Aperte”, il nuovo percorso per mountain bike all’interno del parco Cassinis a Rogoredo e il giardino condiviso all’interno del carcere di San Vittore.

“Milano Green Week sarà l’occasione per aprire molti nuovi spazi verdi che siamo certi diventeranno punti di riferimento per la socialità e il benessere dei quartieri – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran –. La qualità della vita in città è sempre più legata alla presenza di parchi, alberi, giardini; in questo Milano sta crescendo molto e continuerà a farlo nei prossimi anni. Di qui al 2030 avremo almeno 20 nuovi parchi, nuove connessioni ecologiche che consentiranno la nascita del Grande Parco Metropolitano, l’incremento delle aree agricole del parco agricolo Sud, una crescita importante delle alberature presenti nell’area metropolitana grazie a un piano di forestazione capillare. Tutto questo sarà possibile perché pubblico e privato collaborano in maniera sinergica nella cura e nella gestione del verde”.