Naicok: “Bellecita”

Naicok - credit Matteo Bellomi
Naicok – credit Matteo Bellomi

Quest’anno l’estate arriva in anticipo. C’è un artista in Italia che è pronto a farci ballare per lungo tempo nei mesi a venire e il suo nome è Naicok. Il cantautore, originario dell’Havana, pubblicherà venerdì 26 febbraio il suo primo singolo con Virgin Records/Universal Music Italia, “Bellecita”, disponibile per il pre-save qui: https://umusic.digital/bellecita
La canzone, un’uptempo fresca e dal sapore reggaeton in cui l’artista canta con la sua voce ‘calda’ e avvolgente, vede la collaborazione del rapper multiplatino Boro Boro ed è scritta dallo stesso Naicok (la produzione è di Kermit). “Bellecita” racconta la complicità e intimità tra due persone impegnate in un legame sentimentale.

Il brano è la canzone perfetta per presentare al mondo questo straordinario e poliedrico artista, che con le sue origini unisce due Paesi lontanissimi tra loro, Cuba e l’Italia.
A proposito del suo amore per la musica, Naicok racconta: “Sin da piccolo la musica è stata la mia salvezza, uno svago per non finire sulla cattiva strada. Mi ha sempre incuriosito tutto quello che c’era dietro: la magia che si creava quando alcuni musicisti, tra cui mio nonno, si riunivano per suonare, anche in strada. Crescendo ho capito l’importanza della musica e quanto la stessa avesse influito nelle mie scelte di vita. Non c’è mezzo di comunicazione più importante, vero e forte della musica: suscita ricordi, crea stimoli e rafforza i legami, scavando nel profondo di ognuno di noi. Ho un tatuaggio con scritto “Sin Musica No Hay Vida” (Senza musica non c’è vita) perché non riesco ad immaginare un mondo senza musica, e voi?”

Mobrici: “20100”

Mobrici- Credit Giulia Bersani
Mobrici- Credit Giulia Bersani

Fuori oggi, mercoledì 17 febbraio, “20100” (Maciste Dischi/Virgin Records/Universal Music Italia), singolo di MOBRICI che apre la strada al nuovo percorso del cantautore milanese. Una canzone cruda e romantica, disponibile in streaming e digital download al link: vir.lnk.to/20100.

Il brano, prodotto dallo stesso Mobrici e da Antonio Filippelli, nasce dall’ispirazione del cap generico di Milano, ormai non piú attivo così come la storia che viene raccontata: “È una canzone nata in pochi minuti – spiega l’artista – con due elementi fondamentali: una tastiera e la voglia di dire qualcosa a qualcuno attraverso parole e musica. Cosa dovrei fare per riavere la tua attenzione? Incendiare una stazione, rubare e bruciare il simbolo della città, morire nei giorni di Natale, allagare le strade? La vita va avanti, ogni minuto può essere un momento nuovo, di svolta e quando perdiamo qualcuno a volte vorremmo tornare indietro o lasciare tutto com’è.”

Paolo Simoni: “Porno Società”

Paolo Simoni_Ph Ray Tarantino
Paolo Simoni_Ph Ray Tarantino

Da venerdì 8 gennaio, è in radio e disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download “PORNO SOCIETÀ”, il singolo di PAOLO SIMONI che anticipa “ANIMA”, il suo nuovo album di inediti, piano e voce, in uscita il 5 febbraio (pubblicato da Riservarossa Records e distribuito da Warner Music).
Inoltre, è online il videoclip del brano (regia di Riccardo Guernieri): https://youtu.be/gyhxKl_VwdE.

“PORNO SOCIETÀ” è un brano dalle sonorità jazz con cui il cantautore emiliano-romagnolo vuole ironicamente descrivere la società occidentale che insegue le mode e i pensieri di “opinionisti alla maniera, tuttologi da tastiera, sgrammaticati, affamati di fama e di follower”.

«Un gruppo di uomini di un altro sistema solare inviati a spiarci sbarcano sul nostro pianeta terra e constatano di ritrovarsi in una società malata – afferma Paolo Simoni – Si trovano a parlare con uno dei nostri e alla domanda: come sta andando qui da voi? Lui risponde con questa canzone».

Sempre da venerdì, il nuovo album di inediti, “ANIMA”, è disponibile il pre-order e il pre-save al seguente link: https://lnk.to/PS_Anima.

Questa la track-list dell’album: “L’anima vuole” (Feat. Roberto Vecchioni), “Porno Società”, “Cuore di Ragazzo”, “Imparare a vivere”, “Non sono altro che un artista”, “E invece importa”, “Amico mio”, “Eterna estate”, “4 zampe” e “Augh”.

Ermal Metal: “No Satisfaction”

ERMALMETA_nosatisfaction
ERMALMETA_nosatisfaction

Quali sono le soddisfazioni che riceviamo attraverso la new generation tecnologica, sempre più furba ma sempre più iena e meno volpe?
Questo è un mondo popolato da metafore animali, con il leone da tastiera che rimane il re indiscusso di questa jungla sempre più stucchevole.

A distanza di 1.072 giorni dalla pubblicazione dell’ultimo album di inediti, quel “Non abbiamo armi” che includeva “Non mi avete fatto niente”, vincitore con Fabrizio Moro di Sanremo 2018, ERMAL META torna con il nuovo singolo “NO SATISFACTION”, in radio e negli store digitali da venerdì 15 gennaio. Il brano inaugura il suo nuovo percorso, che passo dopo passo e canzone dopo canzone lo porterà al nuovo album, di prossima uscita.
Un nuovo percorso in tutti i sensi; la canzone che non ci si aspettava, le parole che si attaccano addosso come tatuaggi tribali, un nuovo sound che fa sognare ad occhi aperti il momento nel quale verrà suonata dal vivo e finalmente si potrà sudare con lei.

“No satisfaction” si basa su pochi concetti essenziali e fotografa in maniera precisa e spietata il nostro – qualsiasi – quotidiano, ricordando una cosa che tutti dimenticano:  “per chi perde, per chi vince, il premio è uguale”

Sempre da venerdì 15 gennaio sarà disponibile anche il video, per la regia di Andrea Folino.

Ermal Meta è in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “Un milione di cose da dirti”.

Piero Sidoti: “Un Posto”

Piero by Rebecca Serafini
Piero by Rebecca Serafini

“UN POSTO” è un’intensa ballata, scritta e composta dallo stesso Piero Sidoti, prodotta da Simone Giovo e mixata e masterizzata da Roberto Demartis, che attraverso il racconto di una storia d’amore vissuta liberamente in un luogo estraneo a qualsiasi tipo di ansie e timori, cela un’analisi su quanto la paura paralizzi l’uomo e gli impedisca di realizzare i propri sogni.

«”Un posto” è un brano che ho scritto ispirandomi al film “Il Grande Passo” ed è una canzone che parla di un grande amore ambientato in un posto speciale dove non c’è più paura … la luna! – racconta Piero Sidoti – Il testo e la composizione sono nati subito dopo avere letto la sceneggiatura, il regista se ne è innamorato immediatamente e ha deciso di girarne un video».

Nel videoclip, online su Youtube (youtu.be/SNDs9sy9Fxc), il regista Antonio Padovan si ricollega al film “Il Grande Passo”, alternando immagini che ritraggono il cantautore in un paesaggio deserto e spezzoni del film in cui compaiono i due attori protagonisti Giuseppe Battiston e Stefano Fresi.