Successo di Laura Pausini, ospite di Gente de Zona

laura_pausini_gente_de_zona
laura_pausini_gente_de_zona

Strepitoso successo quello di martedì 26 giugno alla Ciudad Deportiva di Cuba, dove Laura Pausini ha realizzato il suo sogno di cantare dal vivo a Cuba: la cantante italiana più amata al mondo è stata l’ospite speciale del concerto che i Gente de Zona hanno deciso di regalare alla loro città.

Davanti a 250mila persone, Laura ha cantato i suoi successi La Soledad, Se Fué e un frammento a cappella di Amores Extraños (versioni spagnole di La Solitudine, Non c’è e Strani Amori), e per la prima volta dal vivo si è esibita con il duo con la versione remix di Nadie ha dicho, il brano che ha lanciato tutto il suo nuovo progetto.

Subito dopo la sua emozionante esibizione l’artista è tornata in Italia per ultimare le prove dell’attesissimo Fatti Sentire Worldwide Tour: Laura sarà la prima donna ad esibirsi al Circo Massimo in ben due serate storiche per la musica italiana, il 21 (biglietti esauriti) e il 22 luglio (ultimi biglietti rimasti), e a seguire partirà per un grande tour mondiale negli Stati Uniti, America Latina ed Europa.

Domenico Zipoli – musica e storia

Nesi Moppi ZIPOLI
Nesi Moppi ZIPOLI

Gesuita, musicista e missionario di origine pratese, Domenico Zipoli vanta una carriera a dir poco singolare, e profonda è la sua traccia impressa nella musica da tastiera tra Seicento e Settecento.

Gli inizi nel Coro di Santa Maria del Fiore, gli studi con Alessandro Scarlatti, quindi la fama, la vocazione e la partenza come missionario in America Latina… Una vita quasi in fuga che lo ha consacrato “il gesuita dei due mondi”.

A condurci nell’essenza e nella musica di Zipoli saranno mercoledì 25 maggio il pianista Giovanni Nesi e il critico e musicologo Gregorio Moppi, ospiti di Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze (ore 21 – biglietto 5 euro – consigliata la prenotazione) in programma all’Auditorium ECRF in via Folco Portinari a Firenze.

“Concerto raccontato” per pianoforte che attinge alle celebri “Sonate d’intavolatura per Cimbalo” – di cui si celebra quest’anno il trecentesimo della pubblicazione – e arricchito da aneddoti e vicende di un compositore che a tutt’oggi annovera migliaia di estimatori, tra cui Papa Francesco, che con Domenico Zipoli ha in comune trascorsi nella città argentina di Còrdoba.

E ancora, le impronte e l’eredità lasciate in un continente, quello Sud-Americano, che con Zipoli scoprì la musica colta europea. Le scelte controcorrente. Il rapporto con la fede.

Giovanni Nesi è tra i più interessanti pianisti della sua generazione. L’affinità con il concittadino Domenico Zipoli è testimoniata dalla prima esecuzione mondiale su pianoforte moderno di tutte le Suite e Partite del compositore, e dalla prima realizzazione discografica di questo programma, recentemente uscita per l’etichetta londinese Heritage.

Pianista, storico della musica e critico, Gregorio Moppi insegna alla Scuola di Musica di Fiesole e all’Università di Firenze. Collabora con svariate testate giornalistiche, tra cui La Repubblica, Amadeus, Archi Magazine.

L’ingresso al concerto prevede un biglietto “simbolico” di 5 euro (consigliata la prenotazione al numero 055.538.4001 o via mail a ricevimento@entecarifirenze.it, dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio). Il ricavato è devoluto alla sezione fiorentina dell’AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma Onlus.

Tutte le informazioni sui Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze sono disponibili sul sito www.entecarifirenze.it.

I Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze sono organizzati dalla stessa fondazione bancaria, direzione artistica a cura di Giuseppe Lanzetta.

Inizio concerto ore 21

Papa Francesco e i laser

Bolivia
Da Varese all’America Latina, in aiuto ai bambini di Nicaragua, Bolivia e Paraguay. Tre laser di tecnologia ‘Made in Italy’ grazie ai quali migliaia di piccoli pazienti affetti da calcolosi, potranno finalmente essere guariti. Artefice di tutto questo è Quanta System, azienda italiana con sede a Solbiate Olona, appartenente al gruppo El.En (Segmento Star di Borsa Italiana – ELN.MI), tra i più importanti produttori mondiali di laser medicali, che ha donato al Vaticano tre apparecchiature laser ad Olmio, chiamate Litho, che in questi giorni sono state consegnate nei paesi di destinazione dietro il diretto interessamento di Papa Francesco, attraverso l’impegno dei Nunzi Apostolici a Managua e Asuncion, e dell’Arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra.

“Siamo felici ed orgogliosi di aiutare le popolazioni locali con delle apparecchiature che, grazie ad una tecnologia di ultima generazione, possono migliorare l’attenzione dedicata ai pazienti che soffrono di calcoli, con particolare attenzione all’infanzia – afferma Paolo Salvadeo, amministratore delegato di Quanta System – Unitamente a ciascun laser abbiamo anche consegnato anche lo strumento principe per applicazioni endourologiche, ovvero un ureteroscopio, realizzato e messo a disposizione dalla società tedesca Richard Wolf, nostra partner in numerosi progetti. La donazione in America Latina conferma l’impegno della nostra azienda nel sociale, con la convinzione che il compito da onorare sia di prendersi la massima cura delle persone, con attenzione e scrupolo.

Fortissima l’emozione sia mia che dei colleghi Filippo Fagnani e Mario Annesi, che mi hanno accompagnato in questo lunghissimo viaggio, e con i quali ho avuto modo di vivere momenti indimenticabili vicino alla gente e alle comunità. Nei loro occhi lo stupore, l’ammirazione e soprattutto l’orgoglio di aver ricevuto un grande gesto di attenzione da parte del Santo Padre. Queste popolazioni sono assolutamente meno abbienti rispetto agli standard europei o nord americani, ed in taluni casi sono poverissime, ma piene di dignità, rispetto per i valori veri della vita, e con un senso di accoglienza senza eguali”.

Oltre alla consegna dei laser, avvenuta alla presenza delle massime autorità locali civili, politiche ed ecclesiastiche, sono avvenute anche donazioni di altra strumentazione utile ai medici di queste regioni, incluso un defibrillatore semiautomatico per il Nicaragua, che potrà essere usato sia su adulti che su bambini.

Il laser “Litho”, progettato da uno staff di ingegneri e tecnici della sede varesina di Quanta System,   verrà utilizzato nelle operazioni di scicalolitiasi, ovvero su formazioni di calcoli salivari, ma soprattutto in interventi di calcoli urinari. Il suo punto di forza è racchiuso nella fortissima azione di rottura o polverizzazione dei calcoli, grazie alla creazione di onde d’urto controllate. Un progresso tecnologico di grande importanza che permette un risparmio di tempo, un’aumentata accuratezza dell’intervento e maggior sicurezza per i pazienti.

Le applicazioni del laser in ambito chirurgico rappresentano un significativo passo in avanti della tecnologia più avveniristica, capace di dare speranza e un’aspettativa di vita migliore alle famiglie delle popolazioni più sofferenti, per le quali il costo di interventi chirurgici spesso non è sostenibile; inoltre in questi paesi le strutture sanitarie non sono sempre adeguatamente attrezzate per far fronte alle necessità dei pazienti.
La donazione dei tre laser per l’America Latina arriva dopo la consegna di due apparecchiature ai Musei Vaticani dove, per la prima volta al mondo, 500 tra sculture in marmo, busti, fontane e statue sono tornate in vita grazie ad un nuovo metodo di pulitura attraverso il laser Made in Italy, lo stesso impiegato in ambito medicale proprio per la rimozione dei calcoli renali.

Un’idea di felicità

Un’idea di felicità

Luis Sepúlveda, Carlo Petrini

Guanda Editore

26 maggio 2014, di Elisa Zini – Una stimolante conversazione tra Luis Sepúlveda e Carlo Petrini, presidente e fondatore di Slow Food, inizia così il nuovo racconto del poeta cileno “Un’idea di felicità”. Una preziosa occasione per riflettere sulla nostra vita e sul nostro bisogno di felicità.

“Ho scoperto”, rivela Luis Sepúlveda, “facendo ricerche sul tema, che in tanti diversi contesti etnici, la lumaca è un simbolo di equilibrio. Perché la lumaca possiede il giusto, solamente il giusto. Ha lo spazio esatto in cui abitare, il suo esoscheletro: se deve crescere di due millimetri il suo esoscheletro cresce di due millimetri, non di più”.

“Contro la vita dinamica” sostiene Carlo Petrini “propugniamo la vita comoda. Contro coloro, che sono i più, che confondono l’efficienza con la frenesia, proponiamo il vaccino di un’adeguata porzione di piaceri sensuali assicurati, da praticarsi in lento e prolungato godimento”.

Un duetto intellettuale affascinante che racconta l’esperienza di Slow Food passando attraverso i popoli, la cultura e la storia dell’America Latina grazie ai ricordi e alle testimonianze di vita di Luis Sepúlveda. A seguire, nella seconda parte del libro, “Sette  idee di futuro e il racconto di un’isola felice” dove Sepúlveda condivide il suo modo di intendere la vita, rivendica il diritto al lavoro e alla felicità, ad un’esistenza felice. Si susseguono riflessioni sul senso di giustizia, sul bisogno di condivisione transitando per la politica spesso incapace di tutelare adeguatamente l’uomo e le bellezze della natura. E una storia commuovente sulla popolazione mapuche, in Patagonia, sradicata dalla loro terra, unica custode dei segreti della foresta Amazzonica.

Un libro da leggere a pieni polmoni, capace di instillare serenità e un’idea di felicità.

Vivelatino 2012

Dopo due anni trascorsi in tour per il Messico e la partecipazione a “Vivelatino 2012“, il festival più importante dell’America Latina, i Tamales De Chipil tornano in patria e presentanto venerdì 27 luglio proprio alle porte di casa il loro nuovo album, „Un largo Camino“, uscito lo scorso anno in Messico.

Il Centro Sportivo Casa Bonello, all’uscita di San Miniato della superstrada Firenze/Pisa/Livorno, ospiterà l’evento, un enorme spazio immerso nel verde dove già dal pomeriggio si alterneranno iniziative ludiche per finire alla sera con ritmi latino americani.

In particolare i Tamales de Chipil proporranno il loro vasto ed eterogeno repertorio, una patchanka di suoni che toccano diversi generi musicali ska, reggae, swing, ballate, bossanova, latino americano, rock, e rivisitazioni riarrangiate di pezzi storici come “Drifting” di Jimi Hendrix“ o “Amara terra mia” di Domenico Modugno, e non mancheranno gli omaggi al Messico, cantati in spagnolo, attraverso la reinterpretazione di due brani, patrimonio della cultura popolare messicana: “Paloma Negra” di Tomas Mendez qui in versione reggae – rock e Pacas De a Kilo di Los Tigres De Norte, sonorità tex mex, ribattezzate rancho punk.

Un concerto allegro e divertente, tutto da ballare e da ascoltare, con ingresso libero!!

I Tamales de Chipil fin dalla loro nascita, nel 2000 si ispirano al Messico, a partire dal nome (il tamales è un piatto tipico messicano, una polpetta di farina di mais cotta a vapore ben stretta dentro parti di foglia di banano, mentre il chipil è la pianta aromatica che si trova nel ripieno) e dalle origini della loro musica, cover tradizionali messicane e canzoni in lingua spagnola, un legame mantenuto vivo attraverso gesti simbolici ma estremamente sentiti come la donazione dell’intero ricavato della vendita del primo disco del 2000 “Tamales de Chipil, un cd per il Chiapas” alla Comunità San Juan De La Libertad in Chiapas.

Legame che si è definitivamente consolidato con il tour del 2008, e del 2010 Gira Vagamundos 2010” riprendendo il nome del tour cancellato nel 2009, a causa dell’influenza suina. Calcando i palchi più importanti della capitale entrano in contatto con il manager Cosme Palumbo, grazie al quale organizzano un tour promozionale per il nuovo disco “Un largo Camino”, registrato quella stessa estate.

 

Nel marzo 2012 esaudiscono il sogno di tutta una vita, vengono invitati a partecipare a  “Vivelatino 2012″, il festival più importante dell’America Latina, affianco a gruppi di tutta l’America del Sud, Stati Uniti e Spagna.

Dopo questa incredibile esperienza e questo grande successo riscontrato in Messico i Tamales de Chipil tornano a casa con il desiderio di proporre anche al pubblico italiano la loro musica e il concerto di venerdì 27 luglio sarà la loro prima occasione.