Giulio Kaliandro “Non toccate i bambini”

cover_GiulioKaliandro_NonToccateIBambini
cover_GiulioKaliandro_NonToccateIBambini

“Non toccate i bambini” è il nuovo singolo e videoclip di Giulio Kaliandro. Il brano anticipa l’uscita dell’omonimo album di Giulio Kaliandro, il terzo della sua carriera di rocker cantautore. Il disco, pubblicato dall’etichetta discografica Terzo Millennio Records sarà disponibile in tutti i digital store il 4 marzo.

Dal video emerge l’anima rock dell’artista che si manifesta con uno sfogo di rabbia verso la difficile condizione dei bambini, vittime della vicenda di Bibbiano.L’album, contenente 9 brani da lui composti, tratta della violenza sui bambini, tema che l’artista ha molto a cuore: “Non toccate i bambini” affronta il tema della violenza sui minori e la vicenda di Bibbiano. In “Gamines” racconta la difficile realtà affrontata dai bambini del Sud America, costretti a fuggire dai venditori di organi. Il brano “Tarant nuestr” è dedicato alla sua città natale e alle moltissime vittime dell’inquinamento dell’ex ILVA (compresi i suoi genitori), facendo particolare riferimento alla salute dei bambini.

“Non toccate i bambini” conta la collaborazione di musicisti di grande talento quali Andrea Braido, Luigi Schiavone (Enrico Ruggeri), Ricky Belloni (New Trolls), Rocco Lanzo (Anna Oxa, Toto Cutugno, Albatros), Cesare Capone (Toto Cutugno, Albatros), Daniele Perini (Tullio De Piscopo, Paolo Rossi), Mark Jarrett e giovani talenti come Marco Pappolla, Antonello Balata e il maestro/poeta Norman Zoia, autore di 4 testi.

In questo progetto di matrice puramente Rock, si evince la spiccata attitudine di Kaliandro a questo genere, ma anche la notevole versatilità musicale, frutto di decenni di passione, esperienza e studio.

Al progetto partecipa in qualità di special guest l’amico e prestigioso chitarrista Andrea Braido, che ha suonato con artisti del calibro di Vasco Rossi, Pausini, Ramazzotti, Zucchero, Celentano, Mina.

Stefania Tallini: “Nell’intramente”

STEFANIA TALLINI
STEFANIA TALLINI

Tai Chi e ispirazione musicale: Stefania Tallini protagonista del videoclip “Nell’intramente” tratto dal suo album “Uneven”

“Tra i migliori musicisti jazz internazionali” (Alceste Ayroldi, Jazzitalia)

“Appartiene di diritto alla nuova generazione del jazz italiano che varca i confini di altri generi inventando una “musica totale”, in sintonia con le orecchie globalizzate…”
(Claudio Sessa, Corriere della Sera)
“Una delle più nitide esponenti del jazz italiano” (Andrea Scaccia, Left)

Esce ufficialmente il videoclip dell’affascinante brano “Nell’intramente” della pianista e compositrice Stefania Tallini.

Tratto dal nuovo e decimo album “Uneven” prodotto da AlfaMusic, “Nell’intramente” narra di una visione onirica e di una corrispondenza tra il pianismo di Stefania Tallini e la pratica del Taij, che porta avanti con grande passione da diversi anni. Occupa un grande ruolo, dunque, nel nuovo disco che rappresenta per la Tallini una svolta energetica importante, raccontando una personalità istintiva ed emozionale in grado di firmare pagine di raffinata maestria compositiva. “Il Taiji, la lentezza dei gesti, l’essere dentro al movimento…così come immergermi nella profondità della musica e l’essere dentro al suono…”.

Un brano originale, il 7° nella tracklist del disco in cui Stefania Tallini ha voluto accanto a sé due grandi musicisti, per formare quello che ha poi scoperto essere “il trio dei suoi sogni”. Il batterista statunitense Gregory Hutchinson, definito da Jazz Magazine the drummer of his generation è difatti una delle figure più richieste nel panorama mondiale, che ha collaborato (e collabora) con nomi illustri come Dianne Reeves, Wynton Marsalis, John Scofield, Roy Hargrove, Diana Krall, Joshua Redman, Christian McBride e Maria Schneider. Tra i migliori contrabbassisti Europei, Matteo Bortone è un raffinato strumentista e compositore, vincitore del Top Jazz 2015, che vanta collaborazioni con Kurt Rosenwinkel, Ben Wendel, Tigran Hamasyan, Ralph Alessi e Roberto Gatto.

“L’imprevedibilità, la sorpresa di percorrere insieme nuove vie, l’esplorazione di diverse soluzioni possibili attraverso una libertà totale nel pensare la musica, il senso del gioco unitamente ad una fantasia viva, mi danno la misura di quanto questo sia il trio dei miei sogni, il cui profondo respiro artistico è ciò che libera la mia musica facendola volare in alto.”
Stella del jazz italiano, Stefania Tallini ha saputo esprimere il suo talento in diversi percorsi stilistici, dalla classica, al jazz, alla musica popolare brasiliana, anche attraverso importanti collaborazioni con grandi musicisti come Guinga, Bruno Tommaso, Enrico Pieranunzi, Andy Gravish, Gabriel Grossi, Javier Girotto, Gabriele Mirabassi, Corrado Giuffredi, Enrico Intra e la Civica Jazz Band.

Oltre ai progetti in “solo” e alla guida di ensemble su grandi palchi del panorama mondiale, Stefania Tallini ha portato le sue composizioni anche in ambito cinematografico e teatrale, dove ha collaborato con artisti del calibro di Mariangela Melato e Michele Placido.

Mogol: Tutti Fenomeni

Tuttifenomeni
Tuttifenomeni

Tutti Fenomeni

Sabato 29 febbraio esce il video di Mogol

Sold out la prima data del tour al Monk di Roma

Nuova data a Catania il 13 aprile

Rinviata al 17 aprile la data di Pisa prevista per il 21 marzo

Il 29 febbraio, un giorno che ricorre ogni quattro anni, uscirà il video di Mogol, nuovo singolo estratto da Merce Funebre, il primo album di Tutti Fenomeni interamente prodotto da Niccolò Contessa. Il video è diretto da Jacopo Farina.

Tutti Fenomeni, vero nome Giorgio Quarzo Guarascio, è l’onda anomala che ha travolto la musica italiana. Anticipato dai singoli Valori aggiunti, Trauermarsch e Qualcuno che si esplode Merce Funebre ha collezionato critiche entusiastiche della stampa specializzata e non: se per Vice “La musica italiana dovrebbe essere come Tutti Fenomeni” per Rolling stone “Tutti Fenomeni è la risposta a una scena in cui fanno tutti i fenomeni”, per Billboard “Tutti fenomeni è davvero un fenomeno da scorprire”. E ancora, Rockit afferma che “Merce funebre segna il passaggio del ragazzo romano a un’altra dimensione, un gran bel disco, che spicca il volo grazie alle produzioni di Niccolò Contessa e al suo talento nel creare immaginari assurdi”, mentre Rockol scrive che “Merce funebre è probabilmente la cosa più originale e interessante prodotta dalla scena romana in questi ultimi anni”, per La Stampa “Merce Funebre di funebre non ha niente, e anzi possiede qualità non onomatopeiche di humor e sarcasmo, fa accostamenti logici arditi, ha insomma un’inventiva che colpisce”.

La prima data del Tour di Tutti Fenomeni, il 12 marzo al Monk di Roma, la prima volta in cui Giorgio si esibirà dal vivo in un concerto tutto suo, è sold out. Si aggiunge al tour (organizzato da Dna concerti) una nuova data il 13 aprile a Catania ai Mercati Generali, mentre la data di Pisa al Cinema Lumiere, prevista per il 21 marzo, è rimandata al 17 aprile. I biglietti già acquistati rimangono validi per la nuova data, chi invece volesse chiedere il rimborso può farlo entro e non oltre il 28 marzo presso il circuito ufficiale Ticketone.

Tutti Fenomeni è nuovo e vecchio insieme. Classico e moderno. Passato e futuro. Un cantautore post-moderno, un Battiato cresciuto nell’era della trap. La versione pericolosa e lisergica dell’itpop. Oppure la negazione perfetta di tutto quanto scritto poco sopra.

Le canzoni di Tutti Fenomeni sono come un frullatore dentro il quale convivono le influenze musicali più disparate, ma anche un gusto notevole per lo sberleffo che si evince fin dal modo in cui vengono scritti i testi: un insieme di citazioni pescate dagli ambiti più diversi (come ad esempio testi di filosofia e brani della Dark Polo Gang, sembra impossibile ma è così) e decontestualizzate fino al punto di acquisire nuovi significati. Ma non pensate che sia nonsense, perché il senso c’è eccome.

Tutti Fenomeni in Tour

2/03/2020 Roma Monk – SOLD OUT

13/03/2020 Bari Officina Degli Esordi

20/03/2020 Marghera (VE) Argo 16

27/03/2020 Bologna Covo Club

03/04/2020 Milano Serraglio

04/04/2020 Torino sPAZIO211

13/04/2020 Catania Mercati Generali – NUOVA DATA

17/04/2020 Pisa Cinema Lumiere – CAMBIO DATA

Rory Gallagher

rory gallagher
rory gallagher

Dopo lo straordinario successo di “BLUES”, album inedito pubblicato lo scorso anno con registrazioni rare e mai pubblicate di Rory Gallagher, dagli archivi del chitarrista irlandese arriva un altro album inedito, questa volta un DOPPIO CD (e TRIPLO LP in VINILE) dal vivo, registrato nel 1977 durante il tour britannico in supporto dell’album “Calling Card”.

20 brani in totale, registrati in quattro differenti show (Londra, Brighton, Sheffield e Newcastle) con fantastiche versioni dal vivo di tracce contenute prevalentemente in “Calling Card” e “Against The Grain” (1975) oltre ad altri live favourites.

“Check Shirt Wizard” è stato registrato usando i due mobile studios dei Rolling Stones e dei Jethro Tull, mixato dai nastri multi track originali e masterizzato ad Abbey Road.

Gli album più popolari di Rory Gallagher sono sempre stati quelli dal vivo, dimensione dove il chitarrista irlandese si superava ed era libero di esprimersi al meglio (“Live! In Europe”, “Irish Tour ’74” e “Stage Struck”); Rory era un artista che sul palco si trasformava, una vera forza della natura; inoltre il periodo preso in esame da questo album è stato poco documentato con registrazioni live, tutto questo rende “Check Shirt Wizard” ancor più interessante.

Davide Van De Sfroos: doppio appuntamento al Teatro Dal Verme

Davide Van De Sfroos
Davide Van De Sfroos

Davide Van De Sfroos

A grande richiesta raddoppia l’appuntamento milanese al Teatro Dal Verme

L’11 e 12 maggio presenta per la prima volta Live i brani del nuovo album di inediti in uscita in primavera

Concerto anteprima ufficiale del Tour 2020

Prevendite disponibili dalle ore 10.00 di venerdì 21 febbraio sul circuito ticketone.it

A grande richiesta raddoppia l’appuntamento milanese del cantautore e scrittore Davide Van De Sfroos al Teatro Dal Verme.

Al concerto già annunciato dell’11 maggio, giorno in cui Van De Sfroos festeggerà anche il suo compleanno, si aggiunge la data del 12 maggio.

Per l’occasione, oltre ai suoi più grandi successi, il cantautore presenterà per la prima volta live i brani del suo nuovo album di inediti in uscita in primavera.

L’evento si concretizza anche come concerto Anteprima Ufficiale Del Tour 2020 dell’artista lombardo.

Le prevendite del secondo appuntamento milanese saranno disponibili dalle ore 10.00 di domani, venerdì 21 febbraio, sul circuito Ticketone.it e sul circuito interno del teatro.

Davide Bernasconi, in arte Davide Van De Sfroos, è un cantautore e scrittore nato a Monza e cresciuto sul Lago di Como, il cui nome d’arte rappresenta una tipica espressione del dialetto tremezzino (o laghée) traducibile con “vanno di frodo”. In diciassette anni di carriera musicale ha pubblicato sei album di inediti, ha ricevuto il Premio Maria Carta, ha vinto due volte il Premio Tenco (“Miglior autore emergente” nel 1999 e come “Migliore album in dialetto” nel 2002) e ha pubblicato cinque romanzi editi da La Nave di Teseo e Bompiani. Nel 2011 si è classificato quarto alla 61ª edizione del Festival di Sanremo con “Yanez”, brano che ha dato il nome al quinto album, certificato disco d’oro. Il brano “El Carnevaal de Schignan”, tratto dall’album “Yanez”, viene scelto come colonna sonora del film “Benvenuti al Nord”. Nel 2012 partecipa nuovamente al Festival di Sanremo ma come autore del brano “Grande mistero” interpretato da Irene Fornaciari. Nel 2015 esce l’album “Synfuniia” (Batoc67/Universal Music), contenente 14 brani storici del cantautore comasco riarrangiati dal M° Vito Lo Re per la Bulgarian National Radio Simphony Orchestra. Recentemente ha pubblicato i libri “Ladri di foglie” e “Taccuino d’ombre”, editi dalla casa editrice La Nave di Teseo, e una raccolta live “Quanti Nocc” che contiene i sui brani più famosi arrangiati e rivisitati presentati durante il tour teatrale “Tour De Nocc” e il tour estivo “Van Tour”, concerti che hanno riscontrato un incredibile successo di pubblico e di critica. Vanta anche una collaborazione con Zucchero “Sugar” Fornaciari per il brano “Testa o croce” contenuto nel nuovo album “D.O.C”.