Subsonica: nuovo disco e Tour in Europa

Subsonica
Subsonica

Oggi i Subsonica annunciano ai terrestri in ascolto “8” il nuovo disco che uscirà venerdì 12 ottobre 2018 per SONY.

Una notizia molto attesa che vede i Subsonica tornare insieme dopo 4 anni per un nuovo album di inediti.

Le novità non sono finite, infatti la band torinese che ha da sempre un respiro internazionale, sarà protagonista dal 4 al 19 dicembre di “European reBoot2018” un tour in Europa, organizzato da Vertigo.

I Subsonica si esibiranno live sui palchi di 9 città: Amsterdam, Londra (dove hanno recentemente lavorato al disco con l’ingegnere del suono Marta Salogni, astro nascente, già engineer dell’ultimo album di Bjork), Dublino, Zurigo, Parigi, Bruxelles, Colonia, Berlino, Monaco.

La band composta Samuel, Max Casacci, Boosta, Ninja e Vicio, che ha rivoluzionato il suono della scena italiana dagli anni’90 ad oggi, con un eclettismo che sfugge a ogni cliché di genere, ritorna con un disco manifesto e riparte dall’Europa. E qui racconta il viaggio che sta per iniziare:

“Da più di 20 anni la geografia sonora dei nostri orientamenti è l’Europa. Oggi che riavviamo i motori per l’ottavo viaggio, desideriamo ripartire -anche idealmente- da questo grande luogo che continua ad allargare e a restringere i suoi confini.

Senza il suono tecnologico e meticcio della Londra degli anni ’90, senza l’elettronica tedesca, la Parigi ironica e groovosa del french funk, i colori delle street parade di Zurigo, gli inaspettati echi africani del Matongé di Bruxelles proprio nel cuore dell’Europa; senza la leggendaria Amsterdam con la storica sala del Melkveg e in questo giro anche l’Irlanda, la nostra italianità musicale oggi avrebbe molti meno elementi di confronto e di stimolo.

È anche bella l’idea di ripartire, insieme dopo una lunga pausa, con il pensiero di intraprendere un viaggio vero. Non solo una bella serie di concerti”.

L’annuncio, iniziato con un “SUBmessaggio” dal sito e con vari countdown via social, ha messo in gioco le qualità matematiche dei fan della band che da giorni stanno risolvendo vari enigmi e codici che compongono le otto cifre della attesissima data di uscita che finalmente è decodificata: 12.10.2018.

CALENDARIO TOUR EUROPEO DICEMBRE 2018
4 NL – Amsterdam, Melkweg
6 UK – Dublino, The Button Factory
9 UK – Londra, 02 Shepherd’s Bush Empire
11 SWI – Zurigo, Volkhaus
12 FRA – Parigi, Trabendo
15 BEL – Bruxelles, VK
17 GER – Colonia, Kantine
18 GER – Berlino, Huxkley’s
19 GER – Monaco, Muffathalle

J Balvin

J. Balvin
J. Balvin

Dopo aver raggiunto la scorsa estate con il singolo “Mi Gente” la vetta della TOP 50 Global di Spotify, cosa che non era mai accaduta prima per un brano in lingua spagnola, Balvin ha superato ora Drake diventando l’artista numero uno di Spotify nel mondo.

Con il suo stile unico, che rimanda alla prima ondata di artisti Raggaeton da Puerto Rico, fuso con ritmi colombiani e dell’hip hop mainstream, testi più ammalianti che arroganti e una forte passione per la moda, J Balvin è diventato il leader innegabile della seconda generazione della rivoluzione del Raggaeton che ha portato alla ribalta in tutto il mondo il suono urban della musica latina.

L’unico filo conduttore universale che Balvin vuole trasmettere attraverso l’album è la musica con cui ogni pubblico può velocemente connettersi o “vibrare” – estendendo la comprensione della cultura latina e portando avanti lo spagnolo verso la parità delle condizioni nel panorama pop globale.

La maggioranza dei suoi album vede come produttore il partner artistico colombiano di lunga data di Balvin Sky¸ il pionere del reggaeton di Puerto Rico Tainy – mentre Willy William e Chuckie & Childsplay hanno guidato rispettivamente i singoli numero uno “Mi Gente” e “Machika”.

Il prossimo 19 settembre partirà da a Fresno (CA) il suo VIBRAS TOUR che porterà BALVIN in giro per il Nord America con 27 date e si fermerà a Los Angeles, New York, Miami, Chicago, Las Vegas, Houston e in altre città.

“Napoli Evolution” primo album di Sara Tramma

Sara Tramma
Sara Tramma

Sara Tramma, carismatica cantautrice partenopea, debutta con il suo album da solista intitolato “NapoliEvolution” prodotto ed edito da Suono Libero Music di Nando Misuraca e distribuito sul circuito nazionale da Halidon (che curerà anche la versione digitale per il mercato internazionale).

Il singolo di lancio, “Popolo Anarchico”, è un brano dedicato ai migranti: “La popolazione di Napoli non è più quella di venti anni fa, – racconta Sara Tramma – camminando per le strade si scopre una mescolanza di colori, tradizioni e sapori. Gli scugnizzi napoletani si mischiano ad altre etnie e questa situazione è una realtà non un fenomeno circoscritto. – Poi, con gli occhi velati di tristezza, continua – Il pensare ai barconi di migranti che giungono sulle nostre coste in cerca di una vita migliore è stata fonte di ispirazione per questa canzone che ho voluto raccontare anche attraverso le contaminazioni musicali di questi popoli. Abbiamo utilizzato i ritmi e i cori tipici africani alla ricerca di sonorità che fossero mediterranee e rappresentative del sud del mondo. – La cantautrice poi conclude – Tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo desiderato di essere altrove, di viaggiare e di volare con la fantasia verso mete sconosciute. Loro in più sono costretti a fuggire dalla fame e dalla guerra. Tutti per indole abbiamo in realtà un cuore migrante”.

Il brano, dal sound meticcio vede la direzione artistica di Nando Misuraca e la partecipazione di due straordinari musicisti, Corrado Calignano al basso e Vincenzo Palumbo alle chitarre.

Il singolo “Popolo Anarchico” segue altri due brani che hanno ottenuto un ottimo riscontro di pubblico e critica e che precedevano l’album, “Sacra e Profana” e “Canzone d’ammore”, quest’ultimo, un omaggio alla musica folk di cui Sara Tramma è stata esponente, nei Musicanova al fianco di Eugenio Bennato e di Carlo D’Angiò (a cui il brano è dedicato), fino a quando non ha deciso di intraprendere la carriera da solista.

“NapoliEvolution” è una raccolta di dieci brani tra passato e presente, che parte da Napoli per raccontare i “Sud” di tutto il mondo, mescolando il sacro e profano insiti nell’anima più profonda della cantautrice partenopea Sara Tramma: “Nasco come cantante folk, il mio percorso musicale mi ha portato a mescolare il mio stile con quello di tanti altri bravissimi artisti con cui ho collaborato. Questo album e le sue canzoni è figlio di questo percorso d’evoluzione che da interprete mi ha portato ad essere autrice di me stessa”.

La Tramma in carriera può vantare numerose collaborazioni eccellenti. Tra queste, oltre ai già citati Eugenio Bennato e D’Angiò, si annoverano Massimo Ranieri ed il Maestro Roberto De Simone.
Tanti i musicisti professionisti che hanno preso parte al progetto tra questi Edo Puccini, Peppe Fiscale, Roberto Giangrande, Vincenzo Palumbo, Corrado Calignano, Francesco Corato.

L’Album, nato dalla collaborazione con Nando Misuraca, produttore e fondatore dell’etichetta indipendente Suono Libero Music, è disponibile in tutti i negozi italiani con distribuzione Halidon e in oltre 240 digital store.

L’album perduto di John Coltrane in pubblicazione

coltranenewalbum
coltranenewalbum

Il 6 marzo 1963 John Coltrane e il suo Classic Quartet – McCoy Tyner, Jimmy Garrison, e Elvin Jones – registravano un intero album presso i leggendari Van Gelder Studios. La musica, che comprende anche composizioni originali mai ascoltate prima, verrà finalmente pubblicata 55 anni dopo. In poche parole, il ‘Santo Graal’ del jazz.

Both Directions at Once: The Lost Album verrà pubblicato il 29 giugno per Impulse! Records, l’etichetta per la quale Coltrane ebbe a incidere i suoi ultimi creativi capolavori.

Sebbene i nastri realizzati per il master non siano mai più stati trovati – per quanto Van Gelder non fosse una persona disordinata – la bobina da ascolto si dimostrò in condizioni perfette.

Come giustamente ha affermato il leggendario sassofonista Sonny Rollins, “è stato come trovare una nuova stanza nella Grande Piramide”. Le implicazioni musicali di questo album, le composizioni originali, gli arrangiamenti, la band, l’anno dell’incisione: tutto converge verso una riscoperta e una ulteriore rivalutazione della figura di uno dei più importanti musicisti del nostro tempo.

Roberta Bonanno: “Io e Bonnie”

Cover Album_Io e Bonnie
Cover Album_Io e Bonnie

Da ogg, venerdì 8 giugno, “IO E BONNIE”, il nuovo album della cantante milanese ROBERTA BONANNO, sarà disponibile in digital download e sulle principali piattaforme streaming. Il disco è stato anticipato dal singolo “CONTROTENDENZA”, attualmente in rotazione radiofonica.

Il disco arriva dopo due anni di lavoro in studio con la produzione di Carlo Delor e Alberto Boi per Advice Music e rappresenta il lavoro più intimo e personale di Roberta Bonanno.

Le 9 tracce che compongono “IO E BONNIE” sono il racconto personale e sincero di tutte le esperienze che la cantante ha vissuto negli ultimi anni, nella vita personale e nella carriera artistica.

Roberta e il suo alter-ego Bonnie si raccontano in canzoni piene di positività, ironia e con l’autoconsapevolezza di una ragazza che, avendo alle spalle un’esperienza ormai decennale nel mondo della musica, si può prendere la libertà di esprimere se stessa in tutte le sue sfaccettature, compiendo scelte e decisioni spesso in “controtendenza”.

«Ho voluto, aspettato e desiderato questo nuovo lavoro con la stessa gioia ed emozione che si legge negli occhi di un bambino al primo giorno di scuola; col batticuore di un adolescente che va incontro ad un nuovo amore e con la maturità di una donna che sa quello che vuole. “Io e Bonnie” rappresenta appieno ogni mio colore e sfumatura, nelle tematiche, nei testi e nel sound scelto».