Parco del Gran Paradiso

Parco del Gran Paradiso

Grande festa piazza Chanoux ad Aosta lunedì 3 dicembre 2012 per la chiusura delle celebrazioni per i 90 anni del Parco Nazionale Gran Paradiso, il più antico d’Italia che in nove decenni ha promosso e sostenuto strenuamente la tutela di un ambiente, della sua fauna e della sua flora, attraverso un’intensa e produttiva attività scientifica e alla trasmissione, soprattutto tra i più giovani, della necessità di scegliere comportamenti consapevoli e responsabili.

Molte le iniziative in calendario: progetti, camminate, biciclette, musica d’alta quota e ottimo cibo. Un impegno costante, da 90 anni, per raccontare e far conoscere gli innumerevoli aspetti del parco  La giornata dedicata al Parco, organizzata in collaborazione con la Regione Autonoma Valle d’Aosta, si inserisce anche nella cornice della Giornata Internazionale della Montagna, istituita dal 2003 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, un’occasione per creare consapevolezza circa l’importanza delle montagne per la vita, evidenziandone le opportunità e i vincoli per lo sviluppo montano.

I ragazzi, in particolare quelli delle scuole, saranno i protagonisti di questa giornata: a coloro che  risulteranno vincitori del concorso internazionale  “Un pensiero vale più di un regalo” ideato dal Parco, è infatti dedicata una suggestiva passeggiata con le ciaspole in valle di Rhemes, con momenti di gioco ed esperienze sensoriali, in compagnia delle guide del parco; dopo l’attività, i ragazzi si rifocilleranno a Rhêmes-Saint-Georges con polenta, spezzatino e formaggi, il piatto tipico della zona. Terminato il pranzo si scenderà ad Aosta, dove si arriverà alle 15, in tempo per l’inizio dei festeggiamenti ufficiali.

Alle ore 15.00, nella sala del Palazzo Regionale in piazza Deffeyes, inizierà la festa vera e propria: si parte accogliendo le scolaresche con la presenza delle autorità della Regione Autonoma Valle d’Aosta, dei diversi enti partner del Novantennale e dei rappresentanti del Parco, oltre ad un interessante intervento del Servizio scientifico del PNGP.

Si prosegue con la premiazione del concorso per le scuole e con il taglio della torta di compleanno, che verrà offerta a tutti i partecipanti all’incontro. Al termine, alle 17,45, i bambini e le istituzioni si sposteranno in Piazza Chanoux per il gran finale:: verrà infatti ufficialmente inaugurata l’esposizione fotografica organizzata dai due Parchi gemellati, Gran Paradiso e Vanoise, allestita sotto i portici dell’incantevole piazza: 22 pannelli con splendide fotografie dei due parchi per ricordare che la montagna non ha confini ed è patrimonio di tutti. Le gigantografie decoreranno i portici della piazza, che diventerà così un piccolo museo a cielo aperto, visitabile gratuitamente da tutti fino alla fine di gennaio 2013. Alle 18 verranno offerte ai presenti  tisane e vin brulè al suono di musiche tradizionali con il contorno di danze.

Ulteriori informazioni al tel. 011.812.86.33

Carlo Torriani

                                                                           

Festa del Radicchio

La 31° Festa del Radicchio Rosso di Treviso a Rio San Martino si terrà dal 9 al 25 novembre 2012 organizzata dalla Pro Loco di Scorzè  e dagli Amici del Radicchio. Si tratta di una kermesse che ogni anno registra una partecipazione di 70.000 visitatori per un prodotto ad indicazione territoriale protetta che vuole esaltare l’inscindibile legame tra il “Fiore che si mangia”, la cicoria che ha portato il nome di Treviso sulle tavole internazionali e la sua terra di produzione.

“In questo periodo dell’anno – sostiene Luigino Michieletto, presidente della Pro Loco di Scorzè – il nostro territorio parla tutto di radicchio: si respira l’aria della intensa attività nei campi nel momento della raccolta, i ristoranti sono pronti a portare lo “spadone” sulle tavole e la produzione è fatta di sapienza antica e lavoro ancora in gran parte manuale e l’enogastronomia legata al Radicchio di Treviso rendono unici questo territorio”.

 L’evento è quello di accompagnare i visitatori, desiderosi di gustare e vivere esperienze irripetibili nei luoghi e nei tempi della produzione dell’ortaggio dell’eccellenza veneta. Una conoscenza sensoriale completa perché saprà gratificare il palato e gli occhi e accrescerà le nozioni su tutto il ciclo di lavorazione del radicchio e la Festa del Radicchio di Rio San Martino, già da tempo, è uscita dalla tradizionale dimensione della sagra paesana e pertanto sarà  l’occasione per la valorizzazione dell’intero territorio.

La Pro Loco di Scorzè, in collaborazione con l ‘associazione “Strada del Radicchio”, ha promosso per il 25 Novembre una giornata per una visita con accompagnatori  in una delle più antiche aziende di produzione Igp nel comune di Scorzè nella campagna veneta per conoscere le fasi delicate del ciclo di produzione che da secoli fonde natura e sapere dell’uomo: dalla selezione delle sementi alla piantumazione, dalla raccolta all’imbianchimento nelle acque a temperatura costante delle risorgive.

Nel pomeriggio l’escursione proseguirà all’interno dell’Oasi di Cervara a Quinto di Treviso, riserva naturalistica di grande interesse (qui nidificano ancora le cicogne) all’interno nel Parco Regionale. Seguirà il pranzo all’interno del Pala Radicchio, il grande stand gastronomico, cuore pulsante della Festa del Radicchio di Rio San Martino. Una offerta che saprà coniugare il turismo del gusto con il turismo rurale e verde. Il trasporto è garantito in bus GT. Le quote di partecipazione sono di 22 euro per gli adulti (20 euro per over 65 e bambini dai 5 ai 10 anni). I partecipanti avranno anche a disposizione materiale turistico e coupon per sconti nelle aziende associate alla Strada del Radicchio.

Informazioni e prenotazioni al: 348-5947185 e stradadelradicchio@libero.it. Oppure presso gli stand della festa entro il 18 novembre.

       

Carlo Torriani

Capodanno a Barcellona

Cruise Roma in navigazione
Sono appena trascorse le vacanze estive e il nostro pensiero è già rivolto alle prossime festività e in particolare alle feste natalizie e al Capodanno. Per l’occasione la Grimaldi Lines Tour Operator propone  un particolare pacchetto  alla scoperta di Barcellona con le le ramblas animate di folla cosmopolita a ogni ora del giorno e della notte, la magica atmosfera del Barrio Gotico, le stupende opere d’arte di Gaudì.

Si tratta di trascorrere alcuni giorni nella capitale catalana con la formula nave + hotel. La partenza è in programma da Civitavecchia venerdì 28 o sabato 29 dicembre a bordo delle eleganti navi Grimaldi Lines. Il rientro, sempre a Civitavecchia, è previsto giovedì 3 o venerdì 4 gennaio 2013.

Quote a partire da 310 euro a persona per un soggiorno di 6 giorni (dal 29 dicembre al 3 gennaio) che comprende: viaggio a/A/R da Civitavecchia a Barcellona con sistemazione in cabina quadrupla interna, trasporto di auto o moto al seguito, tre notti presso l’hotel NH La Maquinista di categoria 3 stelle con trattamento di pernottamento e prima colazione. È prevista inoltre la possibilità di soggiornare presso strutture alberghiere di categoria 4 e 5 stelle (quote a partire da 376 euro a persona).

Il Capodanno inizierà già al momento dell’imbarco a bordo delle eleganti unità Grimaldi Lines sulla rotta Civitavecchia-Barcellona dove sono già operative le due navi gemelle Cruise Roma e Cruise Barcelona, ammiraglie della flotta. Sono dei veri e propri gioielli del mare, del tutto simili a una nave da crociera e dotate di ogni comfort: cabine e suite molto spaziose, ristorante panoramico dove sono disponibili  tutte le migliori specialità degli chef di bordo, grande piscina con solarium, centro benessere dotato di sauna, bagno turco e idromassaggio, Smaila’s Club che propone ogni sera musica dal vivo, casinò con roulette e slot machine, discoteca aperta fino all’alba.

Per informazioni e prenotazioni: Grimaldi Lines Tour Operator – call center 081/496.444.

Carlo Torriani

Cremona: Fiera del bovino da latte

Nel Quartiere Fierstico di Cremona si svolge sino al 28 ottobre 2012 la sessantasettesima edizione della Fiera Internazionale del Bovino da Latte  in contemporanea del sedicesimo Salone Italpig e la seconda edizione di  Expocasearia.

La manifestazione è considerata molto importante per il settore specifico e molto apprezzata in campo internazionale dove saranno presenti 843 marchi della platea agricola più evoluti in Europa e nel mondo. Saranno otto i paesi rappresentati: Austria, Cina, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Inghilterra oltre all’Italia. Questo appuntamento è riconosciuto come secondo per l’importanza dopo quello di Hannover. Si presume che i visitatori supereranno i 70.000 della precedente edizione, il doppio degli abitanti della città di Cremona e contribuiranno anche a conoscere i tesori che la località dispone. Un giro di affari non indifferente.

Ma non dimentichiamo i numerosi incontri in calendario tra convegni, workshop e la presenza di 400 razze di bovini da latte più i suini. La Fiera rappresenta un traino per tutta l’economia per il comparto della carne, latte, formaggi e derivati con il “Made in Italy”. E’ da tener presente che la Lombardia è la prima regione agricola italiana per cui i Governi dovrebbero avere una politica che incentivi il settore agricolo anziché penalizzarlo dove sono numerose le diff icoltà quotidiane in particolare quest’anno con la siccità e il caldo che ha creato grossi problemi sia all’interno che all’esterno delle stalle e in particolare alla rimunerazione del latte: uno squilibrio rispetto all’industria dove i costi delle materie prime sono in aumento e dovrebbero essere ricaricabili sui prodotti latte-caseari. Anche questo sarà uno dei temi che sarà discusso fra i vari partecipanti.

Ampi dibattiti saranno anche quelli di Italpig dove dal 1° gennaio 2013 bisognerà adeguarsi alla normativa europea sul benessere animale dove le scrofe non potranno più essere allevate in gabbia bensì in gruppo sfruttando spazi adeguati e  dovranno poggiare su pavimenti fessurati che rispettino determinate misure per impedire di farsi male e godere di un nuovo sistema di beveraggio. In Italia si presume che gli allevatori di suini abbiano già modificato le loro strutture per un 50 per cento del patrimonio esistente, sostenendo ovviamente costi non indifferenti.

Altro  importante appuntamento sarà il meeting ”Expo Casearia” dove verrà proposto di supportare le aziende nello sforzo di venire incontro alle aspettative del mercato adeguandosi nel contempo alle richieste di un complesso quadro giuridico, tecnologico e igienico.

Carlo Torriani

Breuil-Cervinia: aperti gli impianti!

Per gli appassionati di sci sono stati riaperti gli impianti di risalita del Comprensorio del Cervino a seguito delle ottime condizioni di neve. Si scia a Plateau Rosà e l’appuntamento è per il 20 e 21 ottobre e poi dal 27 ottobre sino al 5 maggio impianti sempre aperti tutti i giorni.

Sulle nevi di Plateau Rosà, dove sono aperti (oltre alla rete funiviaria che da Breuil-Cervinia porta in circa mezz’ora ai 3.500 metri del ghiacciaio) i seguenti impianti in territorio svizzero: ski lift Plateau Rosà 1,2 e 3, Grenzlift, Plateau-Breithorn e il Gravity Park.

La quota elevata su cui si sviluppa il domaine skiable, dai 3.480 metri.di Plateau Rosà ai 3.889 metri del Piccolo Cervino, garantisce neve compatta, già invernale.

In questo inizio stagione sono in vigore le tariffe “Pre-ski”, con lo ski pass giornaliero internazionale a Euro 49,00. Gli orari saranno i seguenti: prima salita da Breuil-Cervinia ore 8.10 ed ultima discesa da Plateau Rosà alle ore 16.10 con gli impianti sciistici aperti dalle ore 9.00 alle ore 14.00.

Informazioni: www.cervinia.it