TEX -Sulle piste del Nord

cover
cover

Arriva in libreria e in fumetteria dal 21 maggio un capolavoro della saga di Tex: un concentrato di avventura e vita di frontiera scritto da Gianluigi Bonelli e disegnato da Giovanni Ticci.

Con TEX. SULLE PISTE DEL NORD ci troviamo nel Grande Nord, precisamente a Winnipeg, nella provincia di Manitoba, sul margine orientale della regione delle Praterie canadesi. Qui l’arrivo dei quattro pards non passa inosservato: il trafficante di armi e di alcol Paul Bonnet tenta inutilmente di uccidere i pericolosi avversari, mentre Tex intuisce che dietro il tentativo di fomentare una rivolta indiana si nascondono cospicui interessi economici.

Per questo, convince l’avvenente Rita Duchesne, una seduttrice al soldo di Bonnet, a vuotare il sacco prima che sia troppo tardi. È l’inizio di una lunga avventura che porterà Aquila della Notte e compagni sul sentiero di guerra…

TEX. SULLE PISTE DEL NORD, con la copertina di Aurelio Galleppini, presenta la prefazione di Graziano Frediani e un testo introduttivo di Luca Barbieri.

Daryl Zed n. 4 – Sergio Bonelli Editore

Daryl
Daryl

Quarto appuntamento per il Cacciatore di Mostri nato dalla penna di Tiziano Sclavi, che torna in fumetteria con il nuovo episodio della miniserie a colori di Daryl Zed, scritto da Tito Faraci e disegnato da Angelo Stano che firma anche la copertina.

Tra le mura di una sala cinematografica, Daryl Zed deve vedersela con un orrido essere venusiano che con i suoi tentacoli è in grado di inglobare qualsiasi umano. Ma come fare a sconfiggere una creatura la cui pelle respinge persino le micidiali raffiche della pistola del Cacciatore di Mostri?

Anche quest’avventura dai toni pulp è esaltata dalla colorazione “pop” realizzata da Sergio Algozzino.

Ultimo episodio di ATTICA – Sergio Bonelli Editore

cover
cover

Dal 16 maggio arriva nelle fumetterie l’ultimo episodio di ATTICA. La serie, nata dalla penna del creatore di A panda piace, è ambientata in quella che è considerata la città più bella e moderna del XXI secolo, un posto dove tutti vorrebbero andare, e per questo protetta da un muro invalicabile. Ma dietro questa facciata si nasconde un mondo di inganni, massacri e bugie.

GIACOMO KEISON BEVILACQUA conclude la sua nuova saga e presenta così questo ultimo episodio: “Siamo arrivati all’ultimo numero! I cinque protagonisti sono ormai ad Attica, nel volume precedente sono successe cose che non si possono dire perché si rovina la sorpresa. Quest’ultimo, d’altra parte, praticamente ha uno spoiler ogni pagina, quindi anche qui non c’è molto che si può dire, anche perché immagino che vi dispiacerebbe pure un po’ se scopriste con anticipo quello che succede. Quindi vi dirò solo questo: in quest’albo ci sta della catarsi, se la cercate. Ma ci stanno pure un sacco di mazzate. Ma tante tante mazzate. Ma anche catarsi. Attica volume 6: mazzate e catarsi”.

Achille Lauro: il nuovo attesissimo libro “16 Marzo – L’Ultima notte”

Achille Lauro -
Achille Lauro –

Achille Lauro dal 19 maggio il nuovo attesissimo libro “16 Marzo – L’Ultima notte” (Rizzoli)

Un viaggio tridimensionale tra letteratura e poesia
Già in preorder

È 16 MARZO – L’ULTIMA NOTTE la seconda opera letteraria Achille Lauro, edita da Rizzoli, disponibile già in preorder e nelle librerie dal 19 maggio. Un libro che miscela sapientemente letteratura e poesia e che condurrà il lettore in un viaggio a bordo della DeLorean tra passato, presente e futuro. Una “Ultima Notte” descritta in un racconto che narra di stati d’animo, di verità, di visioni, di follia, di consapevolezza e di maturità, di paura e di coraggio. Achille Lauro racconta chi è davvero Lauro De Marinis e lo guarda come il suo riflesso nello specchio, per la prima volta non più un ragazzo ma un uomo maturo che in una notte buia vagheggia con il suo pensare trasformando i suoi stati d’animo in una poetica e dolorante esternazione. Un vuoto temporale che trova il senso del tempo stesso solo negli orari ordinatamente elencati.

“La profonda coscienza dell’essere in cento personalità senza timori e paure carpisce l’essenza stessa dell’uomo moderno polimorfo e libero di essere centomila esseri in uno e nessuno. La libertà dalle tele degli stereotipi regna in questo ragazzo che ha divorato l’asfalto della strada per ascendere a sentire le trombe angeliche degli arcangeli della Verità.”

Prefazione di Gino Castaldo

“In un mondo in cui l’identità di genere maschile è ancora purtroppo forgiata da stereotipi che presentano caratteri di violenta tossicità, Lauro offre una possibilità di ripensamento. Questo suo fregarsene, leggero e consapevole, è rigenerante. È prassi poetica, creatrice. È preludio di un futuro che Lauro coltiva in maniera spavalda e giocosa, come un pittore folle che accarezza sogni tremolanti.”

Prefazione di Alessandro Michele

“Chiedimi chi era Gaber”: nuovo libro di Ombretta Colli

cover_Colli_Chiedimi chi era Gaber
cover_Colli_Chiedimi chi era Gaber

Chiedimi chi era Gaber

Di Ombretta Colli

con Paolo Dal Bon

disponibile su MondadoriStore, Amazon e in tutte le librerie

cover_Colli_Chiedimi chi era Gaber.jpg

S’intitola Chiedimi chi era Gaber il libro scritto a quattro mani da Ombretta Colli con Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Gaber e storico collaboratore del Signor G, edito da Mondadori: 153 pagine tra aneddoti, ricordi e confessioni, che raccontano non solo il grande amore, ma anche il sodalizio artistico che per tanti anni ha legato Ombretta Colli al grande Giorgio Gaber.

Ci rivedemmo a una di quelle feste mondane tipiche della capitale, nell’attico di un noto produttore cinematografico – recita un passaggio del libro – quando mi accorsi della presenza di Giorgio Gaber tra gli ospiti non potei fare a meno di chiedermi cosa ci facesse un uomo come lui in un ambiente simile: io, per quanto poco entusiasta, mi trovavo perfettamente a mio agio, mentre lui sembrava del tutto in difficoltà. Era sospeso tra la timidezza e un atteggiamento di sufficienza: scambiava poche parole coi presenti, dispensava sorrisi incerti, fumava sempre moltissimo e, ne sono sicura, avrebbe pagato per essere trasformato in un elemento dell’arredo.”

Quest’opera racconta la storia di tutto ciò che avvenne dopo quell’incontro indimenticabile, che ha dato inizio alla loro relazione negli anni Sessanta, entrambi ai primi passi nel mondo dello spettacolo: lei attrice, lui cantante, lei bella, estroversa, sicura di sé, lui timido, impacciato e sicuro solo del suo talento.

Un amore, un matrimonio, una figlia, una complicità durata tutta la vita. Chiedimi chi era Gaber è il racconto delle carriere di Ombretta Colli e del Signor G, che procedevano in parallelo e a volte si incrociavano, e che hanno contribuito al patrimonio artistico di una Nazione.

Dopo l’omaggio di Sandro Luporini con Vi racconto G, questa preziosa testimonianza di Ombretta Colli aggiunge al racconto della vita artistica ed umana di Giorgio Gaber un fondamentale capitolo. Fortemente voluto dalla Fondazione Gaber, il libro è anche l’occasione per ricordare, grazie all’amorevole e autorevole memoria della compagna di vita del Signor G, i cinquant’anni del Teatro-Canzone: celebrazione peraltro prevista anche con le manifestazioni Milano per Gaber e Festival Gaber a Camaiore, purtroppo rinviate per l’emergenza sanitaria. La Fondazione Gaber da sempre promuove numerose iniziative editoriali attraverso CD, DVD e pubblicazioni, allo scopo di offrire al pubblico degli appassionati, degli studiosi e dei giovani, tutti gli strumenti necessari per conoscere e approfondire la figura e l’opera di un protagonista della cultura e dell’arte del nostro tempo.