9.5 C
Milano
venerdì, Marzo 1, 2024

Issei Sagawa, cannibale giapponese libero, muore a 73 anni

Issei Sagawa, l’assassino giapponese noto come il “cannibale di Kobe” che uccise e mangiò uno studente olandese senza mai essere incarcerato, è morto all’età di 73 anni.

Sagawa è morto di polmonite e il funerale è stato celebrato solo dai parenti, senza alcuna cerimonia pubblica, come hanno dichiarato il fratello minore e un amico.

Nel 1981, Sagawa stava studiando a Parigi quando invitò a casa sua la studentessa olandese Renee Hartevelt. Le sparò al collo, la violentò e consumò parti del suo corpo nel corso di tre giorni.

Sagawa tentò poi di disfarsi dei suoi resti nel parco del Bois de Boulogne e fu arrestato alcuni giorni dopo, confessando il suo crimine alla polizia.

Nel 1983, però, fu giudicato non idoneo al processo da esperti medici francesi e fu inizialmente detenuto in un istituto psichiatrico prima di essere deportato in Giappone nel 1984.

All’epoca, la famiglia di Hartevelt si impegnò a fare pressione affinché Sagawa fosse processato in Giappone, in modo che “l’assassino non fosse mai libero”.

Ma al suo arrivo è stato dichiarato sano di mente dalle autorità giapponesi, che hanno deciso che l’unico problema di Sagawa era una “anomalia caratteriale” e che non necessitava di ricovero.

Le autorità giapponesi non sono riuscite a ottenere i documenti del caso dalle loro controparti francesi, che hanno considerato il caso chiuso, lasciando l’assassino a piede libero.

Sagawa non ha fatto mistero del suo crimine e ha sfruttato la sua notorietà, anche con un libro di memorie, simile a un romanzo, intitolato “Nella nebbia”, in cui ricorda l’omicidio nei minimi dettagli.

L’omicidio è stato anche il soggetto di “Lettera di Sagawa-kun” dello scrittore giapponese Juro Kara, che ha vinto il Premio Akutagawa, il prestigioso premio letterario del Paese, nel 1982.

Nonostante i dettagli atroci dell’omicidio e la sua mancanza di rimorso, Sagawa ottenne un livello di celebrità e rilasciò regolarmente interviste ai media nazionali e internazionali negli anni successivi al suo ritorno.

Fu pubblicato su una rivista per i suoi dipinti di donne nude, apparve in un film pornografico e produsse un fumetto manga che descriveva il suo crimine con dettagli grafici e implacabili.

Il sordido fascino dell’omicidio è stato citato persino dai Rolling Stones e dagli Stranglers in alcune canzoni.

Sagawa ha vissuto i suoi ultimi anni con il fratello, a quanto pare su una sedia a rotelle dopo una serie di problemi di salute, tra cui un ictus.

Il cannibale però, non ha mostrato alcun segno apparente di rimorso o di ravvedimento.

 

Leggi altre news dal mondo su Dietro la Notizia.

 

Articoli

Verde Diem Novate presenta il fiore Girasole

Verde Diem Novate presenta il fiore Girasole Girasole (Helianthus) Gli antichi Inca credevano che questo grande fiore giallo simboleggiare il dio del sole, Inti, e per...

“In_Out – Libertà aumentata”: rassegna di teatro-danza in carcere, di Compagnia Petra

Sabato 9 marzo, presso la Fondazione Potenza Futura (ore 11:30), avrà luogo l’incontro di presentazione del progetto IN_OUT - Libertà aumentata, rassegna di teatro-danza dedicata ai detenuti e...

Kid Yugi: “I nomi del Diavolo”, il secondo album in studio

Il rapper Kid Yugi pubblicherà domani il secondo album in studio “I nomi del Diavolo” via Emi Records Italy/Universal Music Italia. Si tratta di un “concept...
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Verde Diem Novate presenta il fiore Girasole

Verde Diem Novate presenta il fiore Girasole Girasole (Helianthus) Gli antichi Inca credevano che questo grande fiore giallo simboleggiare il dio del sole, Inti, e per...

“In_Out – Libertà aumentata”: rassegna di teatro-danza in carcere, di Compagnia Petra

Sabato 9 marzo, presso la Fondazione Potenza Futura (ore 11:30), avrà luogo l’incontro di presentazione del progetto IN_OUT - Libertà aumentata, rassegna di teatro-danza dedicata ai detenuti e...

Kid Yugi: “I nomi del Diavolo”, il secondo album in studio

Il rapper Kid Yugi pubblicherà domani il secondo album in studio “I nomi del Diavolo” via Emi Records Italy/Universal Music Italia. Si tratta di un “concept...

2ª edizione di “Ciao – Rassegna Lucio Dalla” al Teatro Celebrazioni di Bologna

Sarà la cantautrice NINA ZILLI a condurre la 2ª edizione di “CIAO - Rassegna LUCIO DALLA, per le forme innovative di musica e creatività”,...

“Il benessere degli adolescenti: quali futuri possibili”, tavola rotonda l’ 8 marzo a Senago

Il benessere degli adolescenti: quali futuri possibili Educatori, assistenti sociali, Enti Pubblici sono invitati alla tavola rotonda dal titolo “Il benessere degli adolescenti: quali futuri possibili” venerdì 8 marzo...