Epopea dell’irrealtà di Niguarda

Epopea dell’irrealtà di Niguarda
Epopea dell’irrealtà di Niguarda

Ispirati dal genio multiforme del grande autore di teatro e cinema Alejandro Jodorowsky, un gruppo di cittadini-attori, guidato da Marta Maria Marangoni, mette in scena una irreale ma personalissima storia del quartiere Niguarda e dei suoi abitanti dal IV secolo ad oggi.

Il racconto è accompagnato dalle musiche del maestro Wolf, costruite dagli spunti di vita e di periferia dei cittadini-attori. Libertà e gioia sono la chiave di questo lavoro, basato sul gioco che si riesce a fare di sé, dei propri limiti e delle proprie peculiarità.

Attraverso una riscrittura collettiva, adattata alla scena dalla penna di Francesca Sangalli, è nato un testo originale frutto di improvvisazioni caleidoscopiche e pindariche capriole in cui mettere alla prova le proprie storie personali.

Un’epopea work in progress giunta, dopo due anni di ricerca, alla sua versione definitiva: la Grande Festa di Quartiere, coordinata da Minima Theatralia, con la partecipazione di gruppi e associazioni del territorio che propongono attività, intrattenimenti, installazioni, banchetti, buffet, nella splendida cornice delle corti ottocentesche niguardesi, come evento speciale nella stagione 2017/2018 del Teatro della Cooperativa.

Lo spettacolo è prima di tutto un esperimento di Teatro Sociale e un impegno per il territorio, che troverà sul palco del Teatro della Cooperativa la sua piena realizzazione per diventare un omaggio a Niguarda e ai suoi abitanti, passati e presenti, la celebrazione di una vera e propria epopea di comunità, a cui darsi tutti appuntamento.

Infatti, ogni anno per coinvolgere gli abitanti viene scelto come simbolo dello spettacolo un oggetto quotidiano che si raccoglie door to door nel quartiere e costituisce l’elemento principale di installazioni, scenografie e costumi: per rappresentare Jodorowsky abbiamo scelto il bottone.

Solo grazie a tale azione capillare la Festa diventa espressione di un impegno di tutta la comunità: si crea qualcosa di più grande della somma dei singoli contributi.
DATE E ORARI DELLO SPETTACOLO
sabato 9 giugno > 20.30
domenica 10 giugno > 17