Ciccio e Riccardo

Cover_Instant Dialogues_di Mimmo Jodice

Come è stato ritrovarsi artisticamente dopo alcuni anni ?

Riccardo: In verità  il progetto in duo, iniziato alla fine degli anni ‘90, a fasi alterne è sempre stato vivo. Tra  l’altro negli anni con Ciccio abbiamo suonato e suoniamo insieme anche in altri progetti, (ultimo dei quali Elements con Rino Zurzolo, Enzo Gragnaniello, Elisabetta Serio, Piero Gallo e Valentina Crimaldi) ed era da tempo che pensavamo di pubblicare un album. Arrivarci maturati dalle singole esperienze ha arricchito notevolmente il processo creativo. Suonare con Ciccio per me è una esperienza  emozionale molto forte.

Ciccio: Ritrovarci?… noi non ci siamo mai persi. Collaboriamo insieme in tante altre situazioni e formazioni, anzi forse proprio questi impegni spesso non ci hanno dato il tempo di fermarci e fare un disco.
Da chi è nata l’idea di coinvolgere Mimmo Jodice e la sua arte per la copertina del vostro cd ?

 

Riccardo: L’idea è stata della nostra produttrice Fiorita Nardi, che con la sua etichetta Jesce Sole ha fatto in modo che si realizzasse il progetto Instant Dialogues.

È stata un’intuizione accolta da noi con molto entusiasmo, Mimmo Jodice è uno dei più grandi artisti italiani, ed io seguo ed ammiro il suo lavoro da sempre. Tra l’altro è la prima volta che Jodice concede una sua opera ad un lavoro musicale…

Ciccio: E’ stata un intuizione della nostra produttrice Fiorita Nardi, all’inizio ci sembrava una meta irraggiungibile e invece poi è tutto possibile nel mondo dell’arte.


Come vi piace definire il vostro nuovo lavoro ?

 

Riccardo: Mi piace pensare che Instant Dialogues sia un viaggio spirituale, e che i dieci brani che lo compongono siano altrettante fotografie delle nostre anime…

Ciccio: Io darei una definizione di word perché sicuramente ci fa sentire cittadini del mondo senza bandiere e con un unico cuore.