XIII Circuito Off

29 Agosto – 1 Settembre 2012
Monastero di San Nicolò
Lido – Venezia

Arte, moda, musica, cinema, architettura. Tutto ormai si mescola nei formati e supporti più disparati per restituire un prodotto che non è più un semplice video, non è più una semplice storia, non è più un semplice film.
Circuito Off, alla 13/a edizione, dal 29 agosto al primo settembre, accoglie le nuove tensioni creative di un mondo che cambia e impone modalità diverse per raccontarlo, in un antico Monastero che per 4 giorni si trasforma in piattaforma che parla i linguaggi del contemporaneo.

Il Festival, con la sua identità fluida e in evoluzione costante, condensa stili, generi e contaminazioni che riflettono la società delle moving images, alla ricerca di nuovi punti di riferimento, travolta da una crisi che cambia stili di vita. Circuito Off restituisce così una fotografia della nostra realtà, offrendo un grande schermo ai registi più innovativi del nostro tempo.

Denso di appuntamenti e indisciplinato nei contenuti, con i suoi 22 video in concorso, 4 schermi, 4 serate tematiche e altrettanti special party, Circuito Off assume sempre più i connotati di macro-contenitore delle nuove tendenze attuali e underground, con nomi illustri e talenti emergenti che fanno dellʼibridazione di linguaggi il proprio terreno dʼelezione.
LʼOpen Cinema ospita ogni sera nomi internazionali e la proiezione dei video in concorso, mentre nelle Room A e Room B si susseguono alcuni video sperimentali, già presenti nei musei di mezzo mondo e progetti interdisciplinari.

A salutare il pubblico sul mega schermo allʼentrata, un video al giorno per quattro giorni va a costruire la personale in progress dellʼartista americano Arthur Duff: qui la luce, considerata come complessa rete di significato e costante flusso di informazioni, crea uno spettacolare spazio architettonico.
Art Meets Architecture, tema della prima serata del 29 agosto, apre le porte con un mediometraggio dell’artista Cristian Manzutto, che per Estudio de Production presenta nellʼOpen Cinema la Ruta del Peregrino, 117 Km percorsi ogni anno in Messico da 2 milioni di persone, per cui sono stati realizzati increbili e avveniristiche infrastrutture dedicate alla spiritualità contemporanea da alcuni dei più importanti architetti nel mondo.