Luigi Busi. L’eleganza del vero 1837-1884

busi
busi

Palazzo d’Accursio, Bologna
28 gennaio – 18 marzo 2018
inaugurazione: 27 gennaio, ore 17.30

L’artista Luigi Busi è il protagonista della quattordicesima mostra retrospettiva promossa da Bologna per le Arti, associazione culturale da anni impegnata nel percorso di riscoperta e valorizzazione della pittura bolognese tra Ottocento e Novecento.

Si tratta della prima grande esposizione monografica dedicata al pittore nella sua città natale, che accoglierà circa quaranta opere di provenienza sia pubblica che privata affiancate dai dipinti dei maestri che hanno segnato la sua formazione e degli artisti contemporanei che ne hanno influenzato l’iter creativo.

La mostra è curata da Stella Ingino e inaugurerà sabato 27 gennaio 2018 alle ore 17.30 presso la Sala Ercole di Palazzo d’Accursio a Bologna. Per l’occasione sarà pubblicato anche un ampio catalogo dedicato alla variegata produzione dell’artista, corredato da testi critici di Stella Ingino, Ornella Chillè, Alessio Costarelli e Ilaria Chia.

L’arte di Luigi Busi trova la sua dimensione nel realismo ottocentesco, spaziando dalle opere di carattere storico a scene di vita borghese, con una predilezione verso temi familiari resi con vibrante sensibilità che gli garantirono ben presto l’ammirazione del pubblico. La morte prematura, avvenuta all’età di soli 47 anni, stroncò una brillante carriera caratterizzata da un grande successo che gli valse numerosi riconoscimenti ufficiali come la nomina di Socio Onorario presso l’Accademia di Belle Arti di Milano, di Bologna e di Perugia, oltre al titolo di Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia.

La mostra ha ottenuto il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bologna e dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

Nel corso dell’esposizione, e precisamente tra febbraio e marzo 2018, si terrà l’ottava edizione dei “Dialoghi Culturali a Palazzo d’Accursio”, un ciclo di conferenze sull’arte e le sue declinazioni tenute da studiosi e personalità del panorama culturale della città. Gli appuntamenti si terranno presso la Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 28 gennaio al 18 marzo 2018 e si potrà visitare gratuitamente martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30 e venerdì dalle 15 alle 18.30 (lunedì chiuso).

Bell’Italia: lo speciale coi Capolavori scelti da Vittorio Sgarbi

BELL'ITALIA SPECIALE CAPOLAVORI COVER
BELL’ITALIA SPECIALE CAPOLAVORI COVER

BELL’ITALIA, il mensile di Cairo Editore diretto da Emanuela Rosa-Clot, in edicola, regala agli appassionati di cultura lo speciale di 72 pagine CAPOLAVORI Scelti e raccontati da Vittorio Sgarbi: un viaggio alla scoperta del patrimonio artistico italiano, attraverso 12 capolavori, commentati dal noto critico e storico d’arte. Ogni articolo riporterà anche le informazioni utili per visitare il museo e la città dove è ospitata l’opera.

“Dopo il grande successo dell’anno scorso, riproponiamo una selezione di opere d’arte scelte e raccontate da Vittorio Sgarbi, dodici letture critiche e iconografiche, raccolte in un unico volume – il commento del direttore Emanuela Rosa-Clot – Sono tutte opere che, secondo il critico d’arte, valgono il viaggio. Molto note, come la Canestra di frutta di Caravaggio conservata alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, o da scoprire, come la pala d’altare di Roberto d’Oderisio, una Crocifissione giottesca di metà Trecento, nel Museo Diocesano di Salerno. Per un anno all’insegna dell’arte”.

Le opere e i luoghi che le ospitano:

o ORAZIO GENTILESCHI, Annunciazione, Galleria Sabauda (Torino)
o CARAVAGGIO, Canestra di frutta, Pinacoteca Ambrosiana (Milano)
o PIETRO LONGHI, Il rinoceronte, Ca’ Rezzonico (Venezia)
o BERNARDO STROZZI, La cuoca, Palazzo Rosso (Genova)
o MASACCIO, Trittico di San Giovenale, Museo Masaccio (Cascia di Reggello, FI)
o GIOVANNI BELLINI, Pala dell’Incoronazione della Vergine, Musei Civici (Pesaro)
o GIAN LORENZO BERNINI, Apollo e Dafne, Galleria Borghese (Roma)
o FRANCESCO PAOLO MICHETTI, Le serpi e Gli storpi, Museo Michetti (Francavilla al Mare, CH)
o ROBERTO D’ODERISIO, Crocifissione, Museo Diocesano (Salerno)
o MATTIA PRETI, Predica di San Giovanni Battista, Museo Civico (Taverna, CZ)
o UMBERTO BOCCIONI, Ines, Galleria Comunale d’Arte (Cagliari)
o PIETRO NOVELLI, Vergine in gloria tra i santi Rosalia e Giovanni Battista, Galleria Regionale della Sicilia (Palermo)

Nuovi spazi per nuove collezioni al Museo Poldi Pezzoli

museo-poldi-pezzoli
museo-poldi-pezzoli

Il Poldi Pezzoli è protagonista di un cambiamento “storico”: l’ampliamento dei propri spazi espositivi. Tre nuove sale collegate armoniosamente al Salone Dorato vanno ad arricchire il museo. Il nuovo percorso di visita guida il pubblico alla scoperta di tre nuove collezioni giunte al Museo: un’importante collezione di orologi da persona dal XVI al XX secolo, un significativo nucleo di ceramica apula del IV-III secolo a.C. e una preziosissima collezione di porcellane europee del XVIII secolo di Guido e Mariuccia Zerilli-Marimò.

Aperture straordinarie
Martedì 2 e sabato 6 gennaio il Museo resta aperto.
Per le famiglie

In occasione di L’arte merita più spazio, i servizi educativi del Museo, in collaborazione con Ad Artem, presentano un calendario di proposte per avvicinare le famiglie con bambini di 4-5 anni e di 6-10 anni ai nuovi ambienti del Museo.
NATALE A CASA POLDI PEZZOLI | Visita e laboratorio per famiglie con bambini 4-5 anni, durata 2 ore
Gian Giacomo Poldi Pezzoli fa gli onori di casa accompagnando i bambini nella sua meravigliosa dimora e rivivendo con loro il Natale, le tradizioni natalizie in voga nella Milano nell’Ottocento, negli ambienti arredati con mobili e oggetti preziosi.

Ma, cosa è successo? Davvero è avvenuto ciò che Gian Giacomo ha desiderato fortemente per tutta la vita? La sua casa si è ingrandita, la sua collezione si è arricchita di meravigliosi oggetti donati da generosi collezionisti!
Questo è davvero un Natale da non dimenticare: lo festeggiamo dipingendo una vetrata colorata, per portare con noi un ricordo di questa casa delle meraviglie.
Calendario
3, 6 e 14 gennaio 2018 ore 11.00
SGUARDI RITRATTI | Visita laboratorio per famiglie con bambini 6-10 anni, durata 2 ore
Quante persone ci guardano in questo Museo! E dire che siamo venuti pensando noi di dare un’occhiata… E non solo ci osservano, ma raccontano storie e caratteri di personaggi del passato. L’affascinante Galleria dei Ritratti, che caratterizza l’allestimento dei nuovi spazi, e altre straordinarie opere del Museo invitano piccoli e grandi a osservare con attenzione le immagini di altre epoche, per leggere meglio anche il nostro presente.
Ora tocca a noi dipingere un ritratto! Questa volta non utilizziamo i tubetti già pronti, ma, seguendo le antiche ricette dei pittori rinascimentali, mescoliamo le preziose polveri dei pigmenti con l’uovo, per ottenere pennellate brillanti.
Calendario
3, 6 e 14 gennaio 2018 ore 15.30
Costi
Ingresso al Museo, visita e laboratorio pacchetto famiglia (4 persone) € 35,00
Un bambino e adulto € 25,00
Supplemento di € 10,00 per ogni bambino o adulto in più
Informazioni e prenotazioni
www.adartem.it | info@adartem.it
Per i piccoli visitatori (5-10 anni) e le loro famiglie è a disposizione gratuitamente, durante tutto il periodo natalizio, la scheda KIDS TRAIL: un percorso alla ricerca di particolari delle opere nelle nuove sale del Museo Poldi Pezzoli. Tutti i bambini ricevono un omaggio alla fine del percorso.
Visite guidate
In occasione di L’arte merita più spazio, il Museo organizza visite guidate alle collezioni e ai nuovi spazi: martedì 2 gennaio ore 16.00 e domenica 7 gennaio ore 16.00.
Durata: 1 h circa
Massimo: 25 persone
Su prenotazione 02 794889 – 02 796334
Costo: visita guidata gratuita | ingresso alla mostra e al museo € 10/7
A disposizione dei visitatori audioguide, per adulti (in diverse lingue) e bambini (in italiano e in inglese).
Il Museo Poldi Pezzoli è chiuso il 1° gennaio

Presentata a Viterbo l’Accademia delle Arti Antonio Savastano

AccArti_serataGala1
AccArti_serataGala1

Presentata ufficialmente dal palco del Teatro Unione, l’Accademia delle Arti Antonio Savastano, nata dalla collaborazione tra la Scuola Musicale Comunale e le associazioni A.r.t. Musica e Domingo & Savastano Music Academy di Roma e XXI Secolo di Viterbo.

Atto dovuto, con cui è iniziata la serata di gala, il ricordo del tenore Antonio Savastano, fratello di Romualdo, scomparso prematuramente: un video ha raccontato i suoi successi e ricordato che “La sua voce resta!”, attraverso la continuità di un lavoro basato sul suo metodo di studio, oggi tramandato dal fratello e dalla sua scuola.

Tutto questo diventerà un’accademia di perfezionamento, presentata all’inizio della serata.
“Onorare il nome di mio fratello e farlo ancora riecheggiare nei teatri è bellissimo – ha sottolineato Romualdo Savastano. Questa nostra unione dimostra che insieme si può e che unire le forze è l’arma vincente!

Qui nella Tuscia daremo la possibilità ai giovani di imparare e lavorare nella lirica, anche a livello internazionale con la presenza di Placido Domingo jr. Inizia così un cammino fatto di lavoro vocale, interpretativo, posturale e respiratorio, musicale e organizzativo realizzato con professionalità e di altissima caratura che sarà a disposizione degli allievi”.

Parole confermate da Placido Domingo jr: “Non potevo rifiutare questa offerta, non sono un cantante lirico ma sono stato sempre coinvolto nel mondo dell’Opera, anche ascoltando e frequentando i colleghi di mio padre. Domingo seguirà gli allievi in ciò che attiene l’interpretazione e l’arte scenica, con particolare attenzione all’espressività, il linguaggio e il fraseggio, coadiuvato da Silvia Bergamini che coordinerà insieme a lui l’attività didattica per quanto riguarda gli aspetti più propriamente teatrali.