Vigevano Jazz

foto tullio-de-piscopo-
foto tullio-de-piscopo-

Tre masterclass aperte anche al pubblico (con Chicco Gussoni, Claudio Angeleri e Alfredo Golino), lezioni-concerto per gli studenti delle scuole cittadine, performance e iniziative speciali, tutto a ingresso rigorosamente gratuito: da fine aprile a inizio giugno il jazz tornerà a risuonare a Vigevano grazie alla terza edizione del festival “A Vigevano Jazz”, il cui direttore artistico è il sassofonista Gabriele Comeglio, attualmente in tour come direttore musicale con lo spettacolo “Massimo Lopez & Tullio Solenghi show”.

L’International Jazz Day
Si comincerà lunedì 30 aprile con un’imperdibile anteprima, cioè l’International Jazz Day, la giornata in cui in tutto il mondo si celebrano i valori artistici e sociali di questa musica: all’auditorium San Dionigi (ore 16) è in programma un concerto swing con la presenza di alcuni dei componenti della Jazz Company Big Band e altri artisti lomellini. In scaletta classici del jazz e dello swing, da Duke Ellington a Benny Goodman. Una jam session concluderà la giornata.

I concerti
Il primo concerto della nuova edizione del festival è previsto venerdì 4 maggio alla Cavallerizza del Castello (ore 21), quando si esibirà, sempre nel segno dello swing, la Jazz Company Big Band diretta dal sassofonista Gabriele Comeglio.

Come ben sanno gli appassionati, quest’anno ricorre l’ottantesimo anniversario di uno dei più importanti eventi della storia del jazz e, cioè, la performance dell’orchestra di Benny Goodman alla Carnegie Hall di New York, tempio statunitense della musica classica.

I 2.760 biglietti disponibili furono venduti in poche ore, segno inequivocabile che l’aspettativa del pubblico era enorme. Goodman si lanciò a capofitto nell’impresa, arrivando addirittura a cancellare diverse esibizioni già da tempo programmate per permettere all’orchestra di provare in loco e abituarsi così all’acustica della sala (allora non si utilizzava l’amplificazione): il concerto fu un successo travolgente, tanto che questa data viene comunemente indicata come l’inizio dell’era dello Swing, una musica che avrebbe fatto ballare l’America per oltre un decennio e che, in Europa, sarebbe diventata la colonna sonora della Liberazione e della rinascita dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Per l’occasione, la Jazz Company, con i solisti Tazio Forte (al pianoforte) e le vocalist Chiara Perazzolo e Maggie Charlton, rivisiterà non solo il repertorio di Goodman, ma eseguirà anche alcune celebri composizioni di Glenn Miller, Count Basie e Duke Ellington.

Venerdì 11 maggio (ore 21), sempre alla Cavallerizza del Castello, spazio alle più belle canzoni dei nostri cantautori (Ron, Dalla, Concato e Battisti) con l’Italian songbook della vocalist Caterina Comeglio, che verrà affiancata dall’Orchestra Città di Vigevano, la cui sezione ritmica sarà formata da Fabio Gangi (piano), Ezio Rossi (basso), Alessandro Gallo (chitarra) e Marco Serra (batteria). Gli arrangiamenti originali saranno a cura di Gabriele Comeglio.

Il terzo (e ultimo) live di “A Vigevano Jazz” sarà, probabilmente, il più atteso: venerdì 18 maggio (Teatro Cagnoni; ore 21) il batterista Tullio De Piscopo dialogherà con la Jazz Company in un concerto antologico che rivisiterà la sua lunghissima carriera di straordinario solista e inimitabile showman: il pubblico ascolterà brani per sola batteria, gli storici assoli di Tullio come Melodic Drum, pezzi di grande successo tratti dal suo repertorio pop e intramontabili pagine musicali di standard jazzistici.

Attenzione: per partecipare all’evento è necessario prenotarsi presso la biglietteria del teatro (tel: 0381-82242, da martedì a sabato dalle ore 17 alle 20.15).

Le masterclass
Sabato 5 maggio, all’auditorium San Dionigi (ore 17) si svolgerà la prima delle tre masterclass, a cura del chitarrista Chicco Gussoni. Unanimemente considerato uno dei più grandi session men italiani, Gussoni ha collaborato con grandi artisti del pop (da Ron a Battiato, da Dalla a Baglioni, fino ad Antonacci), ha preso parte a varie edizioni del Festival di Sanremo e attualmente è in tour con Renga/Pezzali/Nek.

Il secondo momento formativo è in programma sabato 12 maggio (ore 17; ridotto del Teatro Cagnoni) con una lezione di Claudio Angeleri. Compositore e didatta, Angeleri è uno dei più apprezzati pianisti italiani e ha collaborato, tra gli altri, con grandi esponenti del jazz italiano e mondiale. Qualche nome? Jerry Bergonzi, Bob Mintzer, Steve Lacy, Kenny Wheeler, Gianluigi Trovesi, Franco Cerri, Massimo Urbani, Gianni Basso, Tony Scott e Bobby Watson.

Infine, l’ultima masterclass, sabato 2 giugno (ore 17; ridotto del Teatro Cagnoni), vedrà la partecipazione di Alfredo Golino, batterista di fama internazionale, che nel corso della sua brillante carriera ha suonato, su disco o in tour, con artisti del calibro di Mina, Celentano, Joe Cocker, Tina Turner, Renato Zero ed Eros Ramazzotti. Golino è stato, inoltre, batterista della big band della Rai di Milano per diversi anni e ha collaborato con molte stelle del jazz, tra cui Gerry Mulligan, Phil Woods e Art Farmer.

Completano il programma quattro concerti per le scuole medie cittadine, che sono il proseguimento di un’iniziativa lanciata lo scorso anno e che ha avuto grande successo: le lezioni-concerto si svolgeranno nelle scuole medie Bramante e Bussi il 26 e il 27 aprile. Suonerà un sestetto formato dai musicisti della Jazz Company.
A VIGEVANO JAZZ – Da lunedì 30 aprile a sabato 2 giugno

Il programma della terza edizione

Lunedì 30 aprile, ore 16
Auditorium San Dionigi, piazza Martiri della Liberazione 12: International Jazz Day

Venerdì 4 maggio, ore 21
Cavallerizza del Castello: Jazz Company Big Band in “Swing, swing, swing”

Sabato 5 maggio, ore 17
Auditorium San Dionigi, piazza Martiri della Liberazione 12
Masterclass con Chicco Gussoni

Venerdì 11 maggio, ore 21
Cavallerizza del Castello: “Italian songbook” di Caterina Comeglio con l’Orchestra Città di Vigevano

Sabato 12 maggio, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Claudio Angeleri

Venerdì 18 maggio, ore 21
Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
“Tempo!” – Tullio De Piscopo meets Jazz Company Big Band
(assegnazione gratuita del posto obbligatoria presso la biglietteria del teatro; tel: 0381-82242, da martedì a sabato dalle ore 17 alle 20.15).

Sabato 2 giugno, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Alfredo Golino

On line: avigevanojazz.webs.com

Open Day di Moma Studios a Milano

OPENDAY - MOMA
OPENDAY – MOMA

Venerdì 20 aprile, dalle 10,30 in poi, Moma Studios accoglierà il pubblico per presentare la sede, i corsi e i progetti futuri dedicati alle arti della danza e del teatro.

Il programma prevede:
• Ore 10:30 Visita alla sede ed esposizione del merchandising e gadgets
• Ore 11.30
– Presentazione con proiezione MOMA STUDIOS – MOMA Academy – U_NITED
– U_NITED Dance Company e lo Spettacolo “EIGHT” – promozione e partnership MOMA Studios & One&One Entertainment
• Ore 12:30-13.00 Open Academy
• Ore 14:00-15.30 Nr. 2 Open Class Accademia (solo su prenotazione)
• Visita agli studi fino alle ore 16:30
• Incontri con gli insegnanti e U_Nited crew
• Durante l’evento sarà possibile chiedere informazioni per le iscrizioni ai corsi.
Tre sale a disposizione, tutte con parquet, specchi, sbarre e sistema audio professionale.

Un ricco panorama di discipline, per poter far fronte a tutte le svariate richieste.
Modern jazz, danza classica, danza moderna, contemporaneo, hip hop, breakdance, house, old school, dancehall, danza del ventre, flamenco, tango argentino, pole dance, burlesque, pilates.

Art Week 2018

milano-art-week-2018_01
milano-art-week-2018_01

Prende il via lunedì 9 un’intera settimana dedicata all’arte moderna e contemporanea, con inaugurazioni, aperture straordinarie, visite guidate, iniziative speciali e tante mostre da visitare, aperte nelle diverse sedi espositive della città: da Palazzo Reale alla Fondazione Prada, dal Castello Sforzesco al PAC, dalla Triennale al Museo delle Culture, coinvolgendo fondazioni e gallerie, enti pubblici e privati.

Un “concerto” di creatività coinvolge artisti italiani come Giosetta Fioroni, Emilio Isgrò, Giovanni Boldini, Franco Mazzucchelli, Vincenzo Agnetti; e artisti da tutto il mondo come Sol Lewitt, Teresa Margolles, Frida Khalo, Jeremy Deller, Jimmie Durham, Barry X Ball. Mostre che narrano di epoche e mondi, come “Post Zang Tumb Tuuum”, che racconta arte, vita e politica in Italia dal 1918 al 1943, oppure “Una tempesta dal Paradiso.

Arte contemporanea del Medio Oriente e Nord Africa”, progetto del Guggenheim Museum di NY, o anche “Italiana”, che segue il progressivo affermarsi nel mondo del made in Italy attraverso la moda dal 1971 al 2001. Ma anche premi e performance, aperture serali e notturne, incontri e opening aperti a tutta la città.

“Una week ricchissima – quasi una festa senza soluzione di continuità – che ruota intorno alla prestigiosa fiera internazionale miart e che accompagna i milanesi e i sempre più numerosi turisti in visita a Milano in un vero e proprio viaggio al centro della creatività”, dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Primo appuntamento in ordine cronologico la presentazione alla stampa (il 9 alle ore 12) e l’apertura (l’11 aprile) della mostra “Una tempesta dal Paradiso. Arte contemporanea del Medio Oriente e Nord Africa” alla GAM Galleria d’Arte Moderna di via Palestro. Finissage dell’Art Week domenica 15 presso il Parco di Citylife con una passeggiata di presentazione delle opere di “Artline”, il progetto (in progress) d’arte pubblica e contemporanea del Comune di Milano, insieme agli artisti che le hanno realizzate.

Festival Canzo Racconta – III edizione

Canzo racconta - logo
Canzo racconta – logo

Canzo Racconta, il festival letterario del Triangolo Lariano organizzato dall’Associazione NonSoloTurismo, giunge alla III edizione, al Teatro Sociale di Canzo (CO) dal 29 aprile al 5 maggio 2018.

La rassegna prevede una settimana di appuntamenti tra presentazioni, reading poetici, teatro e musica con ospiti prestigiosi del panorama culturale italiano. Tra questi: la ballerina e pittrice Simona Atzori, lo scrittore e opinionista Aldo Busi, lo psichiatra e criminologo Massimo Picozzi, il magistrato e Presidente di sezione del Consiglio di Stato Francesco Caringella e lo storico Gianni Oliva.

Debutta inoltre al Festival, in anteprima nazionale, lo spettacolo La Monaca di Monza. Atto unico per attrice solista da Giovannni Testori con Marta Ossoli per la regia di Mino Manni.

La rassegna ha il patrocinio del Comune di Canzo, della Biblioteca Comunale, di Regione Lombardia, dell’Associazione Casa Testori e dei Sulutumana ed è realizzata in collaborazione con la Libreria Luigi Torriani di Canzo.

“Eccoci alla terza edizione del nostro Festival Letterario, che come di consuetudine si svolge la prima settimana di maggio – dichiara Oscar Masciadri, Presidente dell’Associazione NonSoloTurismo – Un programma variegato che ha l’obbiettivo di coinvolgere più fruitori possibili. Quest’anno abbiamo voluto inserire uno spazio importante per i giovani con la loro creatività, oltre a personaggi di diversa natura, con temi attuali e sicuramente interessanti. Per un’Associazione no profit come NonSoloTurismo che guarda soprattutto a promuovere tante iniziative per il bene del territorio, il Festival Letterario è un punto fermo della programmazione annuale e ci auguriamo possa essere di gradimento per tutti”.

NonSoloTurismo è un’associazione no profit e apolitica di promozione turistica costituita nel 2007 da 19 soci fondatori. Organizza e diffonde iniziative culturali, ricreative, musicali, sportive e folkloristiche nel territorio di Canzo e dintorni per favorire il turismo del Triangolo Lariano. Gestisce oltre all’Ufficio Turistico e allo Spazio Giovani della città anche il Teatro Sociale, per il quale cura l’intera stagione teatrale. Per info: www.nonsoloturismo.net

PROGRAMMA

Progetto Lettura espressiva
29 aprile ore 16 illustrazione dei lavori – ore 21 premiazione

Mente criminale | Massimo Picozzi
30 aprile ore 21

Testori, La Monaca di Monza. Atto unico per attrice solista | Marta Ossoli, regia di Mino Manni
1 maggio ore 21

Combattere. Dagli arditi ai marò, storia dei corpi speciali italiani | Gianni Oliva
2 maggio ore 21

Parole note | Giancarlo Cattaneo e Maurizio Rossato
3 maggio ore 21

Le consapevolezze ultime | Aldo Busi
4 maggio ore 21

La corruzione spiegata ai ragazzi che hanno a cuore il futuro del loro paese | Francesco Caringella
5 maggio ore 16.30

L’Opera italiana del Novecento | Piero Mioli
5 maggio ore 18.30

La strada nuova. Diventare protagonisti della propria vita | Simona Atzori
5 maggio ore 20.30

Concerto | Sulutumana
5 maggio ore 22

Festival della Psicologia (IV edizione )

psico
psico

La IV edizione del Festival della Psicologia, in programma a Torino da venerdì 6 a domenica 8 aprile, sarà l’occasione per riflettere in modo serio e approfondito sull’attualità. La manifestazione – organizzata e promossa dall’Ordine degli Psicologi del Piemonte – che quest’anno ha la direzione scientifica dello psicoanalista Massimo Recalcati, ruoterà intorno al tema Io non ho paura.

Accoglienza: condizionata o incondizionata? è una delle domande che dominano il dibattito pubblico, ma è anche il titolo dell’incontro gratuito che i filosofi Bruno Moroncini e Simone Regazzoni terranno sabato 7 aprile alle 10 alla Cavallerizza Reale di Torino.

Se bisogna evitare gli effetti negativi di un’ospitalità illimitata e calcolarne i rischi, non si deve però mai chiudere la porta all’avvenire e all’altro: ecco la doppia legge dell’ospitalità. Infatti, pensando a quanto oggi accade in Italia e in Europa attorno al fenomeno delle nuove migrazioni di massa, occorre comprendere che l’istanza etica dell’ospitalità incondizionata deve essere tradotta in politiche in grado di gestire, concretamente, un fenomeno regolato da leggi e frontiere.

Gli altri ospiti che interverranno al festival per provare a trovare una chiave di lettura inedita a paura, violenza e fenomeni terroristici sono: gli psicoanalisti Maurizio Balsamo, Aldo Becce, Francesco Stoppa, Uberto Zuccardi; Enzo Bianchi, fondatore della comunità monastica di Bose e Izzeddin Elsir, Presidente dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia; lo scrittore Marco Belpoliti; i filosofi Simona Forti, Federica Manzon, Rocco Ronchi; il giornalista Gad Lerner; Clara Mucci, psicologa clinica e psicoterapeuta; Elisabetta Biffi, responsabile del laboratorio pedagogico sulla violenza VIOLE-LAB; la pedagogista Jole Orsenigo; lo psicologo Mauro Grimoldi e l’esperto del mondo antico Federico Condello.

Tutti gli incontri sono gratuiti con prenotazione sul sito: www.psicologiafestival.it