Danka

EPILOGO

Il brano racconta quel momento in cui vorremmo resettare, riazzerare e riprendere la strada sgombri di pensieri. L’immagine principale della canzone è un vulcano, un posto estremo, affascinante e brutale allo stesso tempo, che ci può accogliere ma anche cancellare.

Viverci in cima senza sapere il momento dell’esplosione può aiutare a “pulire” le macchie delle delusioni passate, dei pregiudizi, dell’influenza di persone sbagliate.

L’epilogo di ogni piccolo passo o esperienza che a volte sfiora la follia e a volte ci rimette in vita.

SEI COME SEI

“Sei come sei” è essenzialmente un’ossessione. Ogni storia d’amore in qualche modo lacera dentro. Il contrasto tra le parole quasi dolci e il sound non proprio delicato è sempre stato il filo del brano, già dai miei primi demo. Un filo dove si nascondono le piccole paure che alterano e disturbano la serenità di un amore. Anche il canto corre sul filo tra la dolcezza e un sorta di urlo disperato, come se ci fosse qualcosa di sbagliato in ogni caso, anche nelle parole più positive.

 

MI BASTA

“Mi basta” è un semplice racconto di una mia recente storia d’amore importante e diversa dalle precedenti. I frammenti che mi ricordano quanto poco bastasse per provare la felicità più autentica.

Come sfogliare un album di fotografie speciali senza alcun tipo di pensiero nascosto tra le  parole.

IL MONDO E’ LONTANO

Uno sguardo al mondo, da lontano, da un altro punto dello spazio. Il mondo che registra i ricordi importanti e le immagini più belle … ma è anche essenzialmente un corpo celeste, che gira da miliardi di anni e continuerà a farlo inesorabilmente nonostante le storie e le esperienze di tutti. Ritrovare o ricordare le “belle cose” più intime e più piccole all’interno di un sistema gravitazionale governato dallo spazio/tempo nel freddo del vuoto.

INVERNO

Questo brano parla del freddo pungente, del fuoco che riscalda, del sole che esce dalle nuvole anche se per pochi minuti in una giornata di neve.. Una persona che vorrei accanto davanti al fuoco.

 Il senso di freddo dopo un distacco in un inverno che sembra non finire mai.

Un pensiero speciale può scaldare tutto il corpo esattamente come un fuoco acceso.

01-BOY

Tra le prime idee agli inizi del progetto nei primi 2000. Un po’ la storia di tutti noi … la voglia di continuare a correre, rialzarsi, sognare.

Lo “01”  arriva dopo lo “00”, come la fine di un decennio, o di un secolo. Si cresce, si riparte, sempre appesi ai sogni più disparati.

Il lato rock dei Danka che nascevano e la voglia di sognare sempre, nonostante un “sistema” malato che prova in tutti i modi a infrangere la gioia di vivere delle persone.

UNA CRISI

La fine di una storia lunga e importante. Il momento in cui tutto è smarrito, le lacrime e il bisogno di ripetere in continuazione quanto può mancare una persona … e allo stesso tempo vederla allontanarsi e diventare sempre più piccola. Ritrovarsi a vivere fino in fondo una crisi vera e propria e un nuovo cambiamento.

GIUSTO O SBAGLIATO

Anche questa canzone risale ai primi lavori dei Danka. Il brano ha un messaggio chiaro: prendersi cura di ogni cosa, compresi noi stessi … sapere di poter fare sempre qualcosa per cambiare. A volte basta guardare il cielo in una bella giornata per capirlo e per liberarsi dal giudizio imposto dall’ambiente esterno.

CIELO IN MOVIMENTO

La prima canzone che ho scritto in vita mia. E’ nata da un sogno: un cielo stellato … e gruppi di stelle che viaggiano in giro. Una visione così meravigliosa da non riuscire a dire a lei  che è finita.

Continuare a guardare la notte fino al primo bagliore del sole che nasce potrebbe dare una risposta a quel momento.

LA MIA IDEA DI TE

La canzone che chiude l’album è un pensiero intimissimo.

E’ la prima immagine che arriva alla mente … di qualcuno con cui correre lontano.